Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York,  precisamente a Hell's Kitchen un quartiere di Manhattan.

Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato fin da subito un lavoro prestigioso in una sede così importante, la cosa mi inorgoglisce, mi fa sentire un grande.

Un ottimo stipendio, una carriera assicurata e solo otto ore di lavoro. Un pacchia.

Non potevo desiderare di meglio e per tutto questo sono disposto a vendere l’anima al diavolo.

Attualmente mi trovo in una sala d’aspetto del settantanovesimo piano e resto sbalordito dal suggestivo panorama. Sono dannatamente felice.

«Freda, è pregato di andare giù al sesto piano, il capoufficio Damien le fornirà ragguagli in merito al suo nuovo incarico.» mi dice Fiamma, la segretaria di origine italiana, dopo aver riagganciato il telefono.

Mi alzo dal divanetto in pelle da cui per circa un ora sono rimasto in paziente attesa, faccio cenno di sì alla ragazza, accompagnato da un occhiolino.

La guardo, è molto bella, ha uno sguardo tra l’angelico e il diabolico, penso proprio che appena mi sarò ambientato, ci farò senz’altro un pensierino.

Chiamo l’ascensore.

Quando stavo in Italia, solitamente non lo prendevo mai in quanto soffro di claustrofobia però qui siamo in un grattacielo e farsi tutti questi piani utilizzando le scale non mi sembra assolutamente il caso.

Le porte dell’impianto si aprono, e mi stupisco del fatto che non ci sia nessuno poiché normalmente c’è un via vai di gente.

Una volta entrato, premo subito il tasto 6.

Le porte si chiudono ma non succede nulla. Che strano!

Calma, niente panico!

Premo nuovamente 6 e purtroppo ancora niente. Questo maledetto ascensore non vuole proprio saperne di muoversi e comincio ad avvertire un senso di soffocamento e di sudorazione.

Non voglio premere il campanello d’allarme, altrimenti rischio di fare la figura dell’imbecille già dal primo giorno.

Colpisco violentemente il 6 con il palmo della mano destra e avviene improvvisamente uno strano scossone.

Finalmente l’ascensore decide di partire, la discesa ahimè la reputo particolarmente anomala, come se stessi precipitando.

Dovrebbe essere normale, d’altro canto, ragionandoci su, se la cabina fosse più lenta, ci metterebbe troppo ad arrivare al piano desiderato, ma allo stesso tempo sono terrorizzato dal momento che va veloce… fin troppo veloce!

Un suono mi fa chiaramente notare che sono arrivato all’agognato sesto piano.

Le porte dell’ascensore si aprono e resto raccapricciato nonché a bocca aperta da ciò che vedono i miei occhi.

Un buio spettrale, un caldo inaudito, del fumo fastidioso e dei lamenti agghiaccianti che mi lasciano letteralmente di sasso.

«Ma dove diavolo sono capitato?» urlo.

«Benvenuto Freda, la stavo aspettando!» esordisce una voce sinistra.

Dinnanzi a me, quasi senza accorgermi, mi appare un’oscura figura e nel suo corpo sono disseminate una miriade di fiammelle.

«Cosa ci faccio qui?» Chiedo confuso.

«Si trova qui per un motivo ben preciso!» mi dice.

«Quale motivo?» chiedo sempre più smarrito e con la paura che si è letteralmente impadronita di me.

«Il direttore Satana mi ha fatto pervenire questo fax, prego lo legga pure!»

Prendo velocemente il foglio dalla sua mano.

 

'Non potevo desiderare di meglio e per tutto questo sono disposto a vendere l’anima al diavolo'  leggo inorridito.

 

Dannazione, ma io non lo pensavo veramente. O forse si?

«Ma come sono arrivato qui da voi?» ponendo l’ennesima domanda con la voce rotta dal terrore .

«Ebbene, lei stesso è venuto a trovarci, nell’ascensore ha premuto tre volte 6, per cui 6 - 6 - 6  che rappresenta il numero della Bestia nonché nostro maledetto direttore.» mi spiega il tenebroso tizio. 

Sento che sto per impazzire.

«Le è stato assegnato una specifica mansione!» soggiunge ridendo maliziosamente.

Piango scuotendo la testa e prego Dio che sia tutto un incubo.

«Freda, capisco bene il suo disagio e la sua incredulità, ma ci si abituerà presto!» cercando di rabbonirmi e come se mi avesse letto nel pensiero.

Resto impietrito e in silenzio.

«Ecco il suo incarico: Si occuperà di catalogare tutti i suicidi oppure omicidi causati da questioni finanziarie, si farà le sue belle otto ore, sette giorni su sette, anche la domenica dal momento che qui non siamo in Paradiso, nelle ore non lavorative potrà girare gli Inferi liberamente, le assicuro che da queste parti gli svaghi non mancano!»

Mi sento come paralizzato, non ci voglio ancora credere.

«Comunque sono Damien, e adesso mi segua che le mostro il suo ufficio con una bella vista su lava!» conclude stringendomi la mano.

Mi rassegno a testa bassa e decido di seguirlo.

Sono finito all’Inferno… me la sono cercata!

 

 

'Enrico Freda, un laureato italiano ventiseienne appena assunto, è stato trovato morto in uno degli ascensori della Duke & Nuke. Secondo una prima ricostruzione della polizia sembrerebbe trattarsi di un infarto.' queste furono le prime righe di uno dei tanti articoli di cronaca del New York Times pubblicato il 6/ 6/2006

1
1
1

Profezia

22 April 2019

Giorni verranno in cui la Luce scomparirà. Le maschere saranno trasparenti come acqua di ruscello e le anime, nude, grideranno di terrore Giorni verranno in cui la Luce tornerà e potremo amare la Vita come fossimo tutt’uno

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Il vecchio saggio

22 April 2019

Un giorno un uomo e sua figlia bussarono alla porta del vecchio saggio che viveva ai margini del paese. L’uomo si fece attendere, era vecchio ed era lento, ma tutti in paese lo rispettavano e spesso andavano a chiedergli consiglio. Il vecchio aveva girato il mondo e aveva incontrato tanta gente, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
0

Civico 21 - 2/4

Seconda parte

22 April 2019

Intanto il suo viaggio vorticoso giunse al termine: fu letteralmente vomitata da un altro monitor con un impeto tale da schiantarsi addosso ad un'altra persona che giaceva su di un pavimento. Istintivamente per parare la caduta posizionò il palmo delle mani a terra. La borsa attutì l’urto, sollevandosi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
21

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

Torna su