Mia nonna si accorse fin da subito della gabbia che tenevo in mano e la osservò con molta curiosità.

“Nonna guarda cosa ti abbiamo portato!”, annunciai candidamente.

“Oh un cunigghieddu!”, esclamò mia nonna.

“Io e Peppe te lo affidiamo, pensaci tu!”, disse Cettina.

Fu il nonno a prendermi la gabbia dalle mani e una volta appoggiata sopra il tavolo della cucina, si mise a giocare con Bianchino inserendo alcune dite attraverso le sbarrette.

I parenti non tardarono ad arrivare e ci salutammo tutti quanti calorosamente. C’erano tutti e quattro fratelli di mio padre, le loro rispettive mogli e miei numerosi cugini.

Dato il lieto evento ossia il rientro provvisorio nella nostra città natale, i miei nonni volevano che tutte le famiglie fossero presenti per il pranzo.

Io, Cettina e i miei cugini, andammo a scatenarci in campagna per poi essere chiamati alcune ore dopo da una zia per via che era quasi pronto in tavola.

Tornammo a casa affamatissimi.

“Nonna ho fame! Cosa hai preparato per pranzo?”, domandai con impazienza.

“Pasta o u funnu e canni niputeddu miu ( Pasta al forno e carne nipotino mio)”, mi rispose mia nonna.

“Nonna dov’è il coniglietto?”,  chiese mia sorella.

“Viniti cu mia che vi fazzu a vidiri unni ieni (Venite con me che vi faccio vedere dove si trova)”, rispose ancora con un leggero sorriso.

Ci prese a entrambi per le mani e fummo invasi nel corridoio da un piacevole odore di arrosto.

Entrammo in cucina, mia nonna aprii il forno e trovammo il nostro amore in una teglia fumante strapiena di patate, pronto per essere servito per il pranzo.

Io e mia sorella scoppiammo in lacrime, urlando come dei forsennati e sbraitando a più non posso.

I nostri genitori e i parenti in seguito si giustificarono dicendo che non ne sapevano niente delle intenzioni della nonna e che si trovavano in campagna a fare delle passeggiate e a chiacchierare.

“Fozza settamuni e manciamu! Pu u cunigghiu stati facennu troppu buddellu!” (Forza sediamoci e mangiamo! Per un coniglio state facendo troppo bordello! ) si limitò a dire la nonna con superficialità.

Mia madre ci baciò e ci asciugò le nostre lacrime, invitandoci alla calma e che in seguito avremmo avuto un altro coniglietto. Anche gli zii furono molto affettuosi, mentre i nostri cugini (sia grandi che piccoli) ci sbeffeggiavano in maniera insensibile.

Una volta seduti a tavola, io e Cettina un po’ per protesta e un po’ per rabbia avevamo deciso di restare digiuno. Praticamente una specie di sciopero della fame.

Mia sorella cedette quasi subito, davanti ad un bel piatto di pasta al forno non seppe dire di no, dapprima facendo la difficile mangiando molto lentamente alcune pennette per poi svuotare avidamente tutto il piatto.

Io invece resistei stoicamente fino al secondo, finché spinto dai morsi della fame, dissi a mia madre tra un singhiozzo e l’altro di voler mangiare anch’io.

Poiché l’intera teglia di pasta al forno era vuota, rimaneva solo il secondo ma non mi andava nella maniera più categorica di mangiare carne.

Gli altri, compresi i miei genitori, al contrario non si crearono scrupoli e divorarono con gusto il coniglio arrosto, mentre io in mancanza d’altro, mi limitai soltanto a mangiare le patate di cui facevano da contorno alla “vittima sacrificale”.

Cettina dopo il primo non volle mangiare più niente, si alzò dalla sedia e si andò a sdraiare piagnucolando sopra un vecchio divano.

Mangiavo quelle patate come schifato e a peggiorare le cose fu un mio cugino grande che mentre si ingurgitava di carne, con malizia si mise a cantare “Coniglietto” una celebre canzone sentimentale dei Romans.

“No coniglietto no è stato bello rimani, rimani qui…”, questa fu la strofa che con molta antipatia lo stronzo canticchiava ripetutamente.

Già, poverino! Coniglietto no!

 

 

 

1
3
8

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe buongiorno a te e a tutti i nostri affezionati lettori di letturedametropolitana, [...]

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

2
2
6

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Porca Puttena! (cit. di Lino Banfi)
    La P ti fa una Pippa, Ti Piace la P... [...]

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

7
5
13

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

17
21
72

La scomparsa di Scilyx

Storie pazze a Rivarolo

05 December 2019

Dedicato a tutti agli amici del gruppo investigautori di Letture da Metropolitana. «Ma dove minchia è finito Giuseppe?» si interroga Lorena assieme a gli altri investigautori con fare preoccupato all'esterno dell’Hotel Rivarolo. «Possibile mai che ne ritroviamo uno e ne perdiamo subito un [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Rara avis: Così abbronzato pensavo che eri andato al Papeete a farti un moiyto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: carissimo amico mio, ho deciso di pubblicare questo racconto in Riedizione [...]

1
0
11

La vita parallela

05 December 2019

A raccontare la vita si rischia di costruirne una fantastica, dove tutto va bene, tutto procede secondo un canovaccio preorganizzato, secondo un testo definito. Si continua a costruire un'esistenza dove le nuvole del cielo sono i sogni, dove i pesci volano e gli uccelli esplorano gli abissi. Le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su