Mia nonna si accorse fin da subito della gabbia che tenevo in mano e la osservò con molta curiosità.

“Nonna guarda cosa ti abbiamo portato!”, annunciai candidamente.

“Oh un cunigghieddu!”, esclamò mia nonna.

“Io e Peppe te lo affidiamo, pensaci tu!”, disse Cettina.

Fu il nonno a prendermi la gabbia dalle mani e una volta appoggiata sopra il tavolo della cucina, si mise a giocare con Bianchino inserendo alcune dite attraverso le sbarrette.

I parenti non tardarono ad arrivare e ci salutammo tutti quanti calorosamente. C’erano tutti e quattro fratelli di mio padre, le loro rispettive mogli e miei numerosi cugini.

Dato il lieto evento ossia il rientro provvisorio nella nostra città natale, i miei nonni volevano che tutte le famiglie fossero presenti per il pranzo.

Io, Cettina e i miei cugini, andammo a scatenarci in campagna per poi essere chiamati alcune ore dopo da una zia per via che era quasi pronto in tavola.

Tornammo a casa affamatissimi.

“Nonna ho fame! Cosa hai preparato per pranzo?”, domandai con impazienza.

“Pasta o u funnu e canni niputeddu miu ( Pasta al forno e carne nipotino mio)”, mi rispose mia nonna.

“Nonna dov’è il coniglietto?”,  chiese mia sorella.

“Viniti cu mia che vi fazzu a vidiri unni ieni (Venite con me che vi faccio vedere dove si trova)”, rispose ancora con un leggero sorriso.

Ci prese a entrambi per le mani e fummo invasi nel corridoio da un piacevole odore di arrosto.

Entrammo in cucina, mia nonna aprii il forno e trovammo il nostro amore in una teglia fumante strapiena di patate, pronto per essere servito per il pranzo.

Io e mia sorella scoppiammo in lacrime, urlando come dei forsennati e sbraitando a più non posso.

I nostri genitori e i parenti in seguito si giustificarono dicendo che non ne sapevano niente delle intenzioni della nonna e che si trovavano in campagna a fare delle passeggiate e a chiacchierare.

“Fozza settamuni e manciamu! Pu u cunigghiu stati facennu troppu buddellu!” (Forza sediamoci e mangiamo! Per un coniglio state facendo troppo bordello! ) si limitò a dire la nonna con superficialità.

Mia madre ci baciò e ci asciugò le nostre lacrime, invitandoci alla calma e che in seguito avremmo avuto un altro coniglietto. Anche gli zii furono molto affettuosi, mentre i nostri cugini (sia grandi che piccoli) ci sbeffeggiavano in maniera insensibile.

Una volta seduti a tavola, io e Cettina un po’ per protesta e un po’ per rabbia avevamo deciso di restare digiuno. Praticamente una specie di sciopero della fame.

Mia sorella cedette quasi subito, davanti ad un bel piatto di pasta al forno non seppe dire di no, dapprima facendo la difficile mangiando molto lentamente alcune pennette per poi svuotare avidamente tutto il piatto.

Io invece resistei stoicamente fino al secondo, finché spinto dai morsi della fame, dissi a mia madre tra un singhiozzo e l’altro di voler mangiare anch’io.

Poiché l’intera teglia di pasta al forno era vuota, rimaneva solo il secondo ma non mi andava nella maniera più categorica di mangiare carne.

Gli altri, compresi i miei genitori, al contrario non si crearono scrupoli e divorarono con gusto il coniglio arrosto, mentre io in mancanza d’altro, mi limitai soltanto a mangiare le patate di cui facevano da contorno alla “vittima sacrificale”.

Cettina dopo il primo non volle mangiare più niente, si alzò dalla sedia e si andò a sdraiare piagnucolando sopra un vecchio divano.

Mangiavo quelle patate come schifato e a peggiorare le cose fu un mio cugino grande che mentre si ingurgitava di carne, con malizia si mise a cantare “Coniglietto” una celebre canzone sentimentale dei Romans.

“No coniglietto no è stato bello rimani, rimani qui…”, questa fu la strofa che con molta antipatia lo stronzo canticchiava ripetutamente.

Già, poverino! Coniglietto no!

 

 

 

1
1
7

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
12
64

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0858: Bello Giuseppe! Angosciante da morire... che racconto! Sulla pelle ho sentito [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Surya: nei bambini nutro una grande speranza, si potrebbe essere, del resto [...]

1
0
17

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
10

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
2
8

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
10

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

6
3
13

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
16

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
13
85

Il mio amico Gino Di Losa

14 January 2020

Sono al matrimonio di Gino Di Losa che si tiene in Puglia a Canosa. Davvero carina la sua sposa, anche se purtroppo è odiosa però ha una sorella deliziosa dall'espressione solare e radiosa. Ha una corporatura burrosa e un’espressione assai maliziosa, intuendo che di me è vogliosa. Con un pretesto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Alice Cannizzo: Zio, sai una cosa? Mi piace questo Gino di Losa e sei bravo a scrivere ogni [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Alice, si tratta di una filastrocca nata per caso, felice anche stavolta del [...]

2
1
8

Il mio angolo di Paradiso

13 January 2020

Salii sulla montagna con mio nonno Genitori troppo presi da se stessi per ascoltare e leggere nei miei occhi quel desiderio Il nonno era un uomo forte e saggio Essere solo in montagna con i suoi animali lo avevano abituato a quei silenzi e percepiva bene nelle persone i desideri e i sogni. Lui [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su