Mia nonna si accorse fin da subito della gabbia che tenevo in mano e la osservò con molta curiosità.

“Nonna guarda cosa ti abbiamo portato!”, annunciai candidamente.

“Oh un cunigghieddu!”, esclamò mia nonna.

“Io e Peppe te lo affidiamo, pensaci tu!”, disse Cettina.

Fu il nonno a prendermi la gabbia dalle mani e una volta appoggiata sopra il tavolo della cucina, si mise a giocare con Bianchino inserendo alcune dite attraverso le sbarrette.

I parenti non tardarono ad arrivare e ci salutammo tutti quanti calorosamente. C’erano tutti e quattro fratelli di mio padre, le loro rispettive mogli e miei numerosi cugini.

Dato il lieto evento ossia il rientro provvisorio nella nostra città natale, i miei nonni volevano che tutte le famiglie fossero presenti per il pranzo.

Io, Cettina e i miei cugini, andammo a scatenarci in campagna per poi essere chiamati alcune ore dopo da una zia per via che era quasi pronto in tavola.

Tornammo a casa affamatissimi.

“Nonna ho fame! Cosa hai preparato per pranzo?”, domandai con impazienza.

“Pasta o u funnu e canni niputeddu miu ( Pasta al forno e carne nipotino mio)”, mi rispose mia nonna.

“Nonna dov’è il coniglietto?”,  chiese mia sorella.

“Viniti cu mia che vi fazzu a vidiri unni ieni (Venite con me che vi faccio vedere dove si trova)”, rispose ancora con un leggero sorriso.

Ci prese a entrambi per le mani e fummo invasi nel corridoio da un piacevole odore di arrosto.

Entrammo in cucina, mia nonna aprii il forno e trovammo il nostro amore in una teglia fumante strapiena di patate, pronto per essere servito per il pranzo.

Io e mia sorella scoppiammo in lacrime, urlando come dei forsennati e sbraitando a più non posso.

I nostri genitori e i parenti in seguito si giustificarono dicendo che non ne sapevano niente delle intenzioni della nonna e che si trovavano in campagna a fare delle passeggiate e a chiacchierare.

“Fozza settamuni e manciamu! Pu u cunigghiu stati facennu troppu buddellu!” (Forza sediamoci e mangiamo! Per un coniglio state facendo troppo bordello! ) si limitò a dire la nonna con superficialità.

Mia madre ci baciò e ci asciugò le nostre lacrime, invitandoci alla calma e che in seguito avremmo avuto un altro coniglietto. Anche gli zii furono molto affettuosi, mentre i nostri cugini (sia grandi che piccoli) ci sbeffeggiavano in maniera insensibile.

Una volta seduti a tavola, io e Cettina un po’ per protesta e un po’ per rabbia avevamo deciso di restare digiuno. Praticamente una specie di sciopero della fame.

Mia sorella cedette quasi subito, davanti ad un bel piatto di pasta al forno non seppe dire di no, dapprima facendo la difficile mangiando molto lentamente alcune pennette per poi svuotare avidamente tutto il piatto.

Io invece resistei stoicamente fino al secondo, finché spinto dai morsi della fame, dissi a mia madre tra un singhiozzo e l’altro di voler mangiare anch’io.

Poiché l’intera teglia di pasta al forno era vuota, rimaneva solo il secondo ma non mi andava nella maniera più categorica di mangiare carne.

Gli altri, compresi i miei genitori, al contrario non si crearono scrupoli e divorarono con gusto il coniglio arrosto, mentre io in mancanza d’altro, mi limitai soltanto a mangiare le patate di cui facevano da contorno alla “vittima sacrificale”.

Cettina dopo il primo non volle mangiare più niente, si alzò dalla sedia e si andò a sdraiare piagnucolando sopra un vecchio divano.

Mangiavo quelle patate come schifato e a peggiorare le cose fu un mio cugino grande che mentre si ingurgitava di carne, con malizia si mise a cantare “Coniglietto” una celebre canzone sentimentale dei Romans.

“No coniglietto no è stato bello rimani, rimani qui…”, questa fu la strofa che con molta antipatia lo stronzo canticchiava ripetutamente.

Già, poverino! Coniglietto no!

 

 

 

1
0
8

L'ipocrisia

25 August 2019

Non si può condurre una vita nella falsità se si ha una coscienza che interroga. E poi un rapporto è solido se rimane un legame costruito nella fiducia, nel rispetto e nella stima. Se questi valori decadono o non ci sono mai stati, perché surclassati dalla passionalità, dalla sessualità, dall'arrivismo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
6

Il pinguino

25 August 2019

Ho incontrato un pinguino affetto da pinguedine che si rimpinguava di Kinder Pinguì dopo aver giocato a ping-pong con un pifferaio di Pyongyang, esiliato da Lin Piao per contrabbando di polvere pirica, che lui sniffava procurandosi una pericolosa e piuttosto pesante pirosi gastrica nonché una protuberanze [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
4
16

Dannata Terra!

24 August 2019

Dio con enorme soddisfazione guardò dall'alto in basso il mondo che alacremente aveva plasmato, probabilmente la migliore creazione dell'universo. Il pianeta lo battezzò col nome di Terra. Indubbiamente la gestazione si rilevò assai complessa tant'è che aveva richiesto quasi una settimana no stop [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
6
19

Pomeriggi d'estate

pensieri di luglio

24 August 2019

Vento secco d'estate. Sole nel cielo, un letto comodo. La propria casa illuminata dalla luce pomeridiana e nel silenzio il rombo di un aereo in lontananza. È Domenica, finalmente.

Tempo di lettura: 30 secondi

5
4
15

Dedicato

23 August 2019

Dedicato a te Dedicato al suono della tua voce Dedicato a quei tuoi piedi morbidi che stringo nelle mia mani Dedicato al profumo che hanno i tuoi capelli Dedicato a quel nasino all’insù che mi fa impazzire Dedicato a quegli occhi color del cielo Dedicato a quei tuoi ritardi negli appuntamenti Dedicato [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
16

Il sole sorgerà ancora

23 August 2019

Siete tutti molto esausti, andremo in un posto chiamato ebrezza. Lasciateci vagare nella notte senza confini. Con occhi nuovi dolcezza, osserva il lato oscuro. Nessuna redenzione, Hai mai visto un uomo piangere? Hai mai visto un uomo morire? Hai mai visto un uomo piangere e morire? Al mattino [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Arielseasoon: Molto emotivo e riflessivo mi piace lo stile. Questa parte poi "Ho visto.la [...]

2
1
7

Auto-racconto

22 August 2019

Era già da una settimana che mi dovevo Mitsubishi un gran mal di Tesla... sempre più Ford! Così andai in farmacia e comprai un cachet Fiat. Poi, al ritorno, incontrai sulla strada un gran pezzo di Toyota che con fare provocante mi disse: "dai, facciamo Cabriolet!" "Solo se me la Daimler gratis, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
10

Appuntamento sotto le stelle

Ferragosto... stella mia non ti conosco.

22 August 2019

La notte è limpida. Il cielo un immenso palcoscenico. Appuntamento sulla terrazza dove sono già state predisposte le sedie sdraio per l'osservazione. Alcune rimangono a bordo piscina. Si spengono tutte le luci per favorire una visione a 360 gradi. La padrona di casa prepara i drink per tutta la [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
7
29

Jean, il pittore

21 August 2019

Lo guardo, anzi l'ammiro. Jean è un pittore parigino dall'inseparabile basco nero, coi baffetti all'insù e dal sorriso triste. Ogni tanto mi fermo a parlare con lui. Non mi guarda mai, se non la tela, come ipnotizzato. Oggi sta pitturando una composizione floreale. La tavolozza sembra un arcobaleno [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
19

Un addio

21 August 2019

Silenziosa come una foglia quando cade da un albero sicura come la notte hai voltato le spalle lasciando dietro te e dentro me l'inesprimibile paura del buio Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Tempo di lettura: 30 secondi

3
2
12

Il Grande Viaggio

20 August 2019

Mi chiamo Victor. Ho 82 anni. Vivo solo. Il mio vicino di casa, un bengalese, fa il badante di un signore. Prima faceva il custode di un campo da tennis. “Da quando Panatta si è ritirato nessuno gioca più a tennis”, mi dice. Lo vedo che porta in giro il signore anziano che in grembo ha un cane. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
12

Il negozio di orologi

20 August 2019

Ricordo quel negozio fin da quando ero piccolo. Passavo davanti a esso ancora con miei genitori , quando mi accompagnavano a scuola. Allora portavo i calzoncini corti, un buffo farfallino blu e la divisa che la scuola ci obbligava a indossare. Al passaggio frettoloso dei miei, apponevo una breve [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Grazie a te Principe. Colto molto bene come la passione per le cose fa brillare [...]

  • Giuseppe Scilipoti: E cucù! :-) ho letto il testo assaporandolo lentamente, e grazie a Dio [...]

Torna su