Mia nonna si accorse fin da subito della gabbia che tenevo in mano e la osservò con molta curiosità.

“Nonna guarda cosa ti abbiamo portato!”, annunciai candidamente.

“Oh un cunigghieddu!”, esclamò mia nonna.

“Io e Peppe te lo affidiamo, pensaci tu!”, disse Cettina.

Fu il nonno a prendermi la gabbia dalle mani e una volta appoggiata sopra il tavolo della cucina, si mise a giocare con Bianchino inserendo alcune dite attraverso le sbarrette.

I parenti non tardarono ad arrivare e ci salutammo tutti quanti calorosamente. C’erano tutti e quattro fratelli di mio padre, le loro rispettive mogli e miei numerosi cugini.

Dato il lieto evento ossia il rientro provvisorio nella nostra città natale, i miei nonni volevano che tutte le famiglie fossero presenti per il pranzo.

Io, Cettina e i miei cugini, andammo a scatenarci in campagna per poi essere chiamati alcune ore dopo da una zia per via che era quasi pronto in tavola.

Tornammo a casa affamatissimi.

“Nonna ho fame! Cosa hai preparato per pranzo?”, domandai con impazienza.

“Pasta o u funnu e canni niputeddu miu ( Pasta al forno e carne nipotino mio)”, mi rispose mia nonna.

“Nonna dov’è il coniglietto?”,  chiese mia sorella.

“Viniti cu mia che vi fazzu a vidiri unni ieni (Venite con me che vi faccio vedere dove si trova)”, rispose ancora con un leggero sorriso.

Ci prese a entrambi per le mani e fummo invasi nel corridoio da un piacevole odore di arrosto.

Entrammo in cucina, mia nonna aprii il forno e trovammo il nostro amore in una teglia fumante strapiena di patate, pronto per essere servito per il pranzo.

Io e mia sorella scoppiammo in lacrime, urlando come dei forsennati e sbraitando a più non posso.

I nostri genitori e i parenti in seguito si giustificarono dicendo che non ne sapevano niente delle intenzioni della nonna e che si trovavano in campagna a fare delle passeggiate e a chiacchierare.

“Fozza settamuni e manciamu! Pu u cunigghiu stati facennu troppu buddellu!” (Forza sediamoci e mangiamo! Per un coniglio state facendo troppo bordello! ) si limitò a dire la nonna con superficialità.

Mia madre ci baciò e ci asciugò le nostre lacrime, invitandoci alla calma e che in seguito avremmo avuto un altro coniglietto. Anche gli zii furono molto affettuosi, mentre i nostri cugini (sia grandi che piccoli) ci sbeffeggiavano in maniera insensibile.

Una volta seduti a tavola, io e Cettina un po’ per protesta e un po’ per rabbia avevamo deciso di restare digiuno. Praticamente una specie di sciopero della fame.

Mia sorella cedette quasi subito, davanti ad un bel piatto di pasta al forno non seppe dire di no, dapprima facendo la difficile mangiando molto lentamente alcune pennette per poi svuotare avidamente tutto il piatto.

Io invece resistei stoicamente fino al secondo, finché spinto dai morsi della fame, dissi a mia madre tra un singhiozzo e l’altro di voler mangiare anch’io.

Poiché l’intera teglia di pasta al forno era vuota, rimaneva solo il secondo ma non mi andava nella maniera più categorica di mangiare carne.

Gli altri, compresi i miei genitori, al contrario non si crearono scrupoli e divorarono con gusto il coniglio arrosto, mentre io in mancanza d’altro, mi limitai soltanto a mangiare le patate di cui facevano da contorno alla “vittima sacrificale”.

Cettina dopo il primo non volle mangiare più niente, si alzò dalla sedia e si andò a sdraiare piagnucolando sopra un vecchio divano.

Mangiavo quelle patate come schifato e a peggiorare le cose fu un mio cugino grande che mentre si ingurgitava di carne, con malizia si mise a cantare “Coniglietto” una celebre canzone sentimentale dei Romans.

“No coniglietto no è stato bello rimani, rimani qui…”, questa fu la strofa che con molta antipatia lo stronzo canticchiava ripetutamente.

Già, poverino! Coniglietto no!

 

 

 

3
3
14

Gertrude - 2/2

22 February 2019

Babbo sorrise sotto la folta barba bianca. La poverina non immaginava a cosa andava incontro, doveva leggere una lista di parecchi milioni di nomi e poi rileggerla quando doveva separarli in due liste. Chiamò uno degli elfi e chiese di avere subito l’elenco dei nomi di tutti i bambini. Appena ricevuta [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
3
11

È il tempo

22 February 2019

A volte devi fare in tempo corri, inciampi, sbagli ufficio prendi una multa perché vai troppo veloce. Poi se in coda alla posta e il tempo lo devi ingannare. Ma è furbo, lui. Quando avevi quattordici anni avresti voluto prenderlo e lanciarlo al di là del muro dove gli adulti vivevano già liberi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Si da troppa importanza al tempo che scorre per conto suo e non tiene conto [...]

  • Lo Scrittore: è l'eterna contraddizione dell'essere umano, non riesce quasi [...]

4
3
12

ed io sì, sono Helene

perchè Giulia era mia madre

22 February 2019

È inutile sfuggire ai messaggi degli dei Pezzettini d me si ricompongono solerti Hanno il dominio ed io martire d me stessa li lascio prendere il loro posto. Mi spaventano eppure non posso resistergli Sanno volere Sanno modellarmi Ma resto anzi scopro me sempre più Come se non mi fossi mai vista [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
14

Gertrude - 1/2

la moglie di Babbo Natale

21 February 2019

Cornelius! Dove sei? possibile che quando servi non ci sei mai? Fosse una volta che rispondesse... Cornelius! Benedetto uomo, sempre con la testa fra le nuvole lui e quei piccoli impiastri di elfi. Gli stanno dietro come pulci su un cane. Capisco che sono indaffarati con tutto quello che hanno [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
8

Memorie malandrine

21 February 2019

Masticando una manciata di mentine in un meraviglioso mercoledì di maggio con una maglia in mohair e la moglie in menopausa, mi venne in mente che, nei pressi di un vecchio monastero di monaci mariani, si svolgeva la sagra del muflone di montagna con la partecipazione di Mara Maionchi e dei sosia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: certo che se mangi tutte ste schifezze è ovvio che scrivi cose pazzesche [...]

5
8
20

Serafino e Angela

21 February 2019

Mesi fa conobbi Serafino. Era uno degli ospiti della Casa di Riposo per Anziani per cui lavoro, e sottolineo "era" in quanto successivamente è stato trasferito in un'altra struttura. «Prima di andare in pensione facevo l'architetto e nel tempo libero anche lo scultore.» mi disse una sera «Dopo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
10

Angeli al Lunapark

20 February 2019

A quel tempo gli angeli li vedevo al Luna Park vestiti di cotone stampato leggero con un cerchietto d'osso nei capelli e sorrisi sbarazzini disarmanti. Cosa fosse una femmina mi era ancora ignoto ma la dolcezza dei lineamenti era sufficiente a innamorarmi per quanto, tale seduzione mistica durasse [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
19

il ragazzo rapito

il primo camper

20 February 2019

Lo riconobbi subito, era solo un ragazzo di diciassette anni, figlio di un'industriale, sequestrato da qualche mese e i rapitori avevano già richiesto un riscatto milionario. Chi lo sorvegliava si muoveva con la tranquillità di chi non ha nulla da temere. Sicuro che intorno non ci fossero occhi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Dario De Santis: Già letto, ma sempre molto bello, brava Flavietta!!

  • flavia: g razie a tutti e come sempre troppo buoni , caro Gius l'idea del film [...]

6
11
27

Alla ricerca di un eroe

Gli eroi ci sono, solo che non li vede nessuno

20 February 2019

Lo ammetto mi sto fissando, credo di avere un problema, voi mi conoscete, è vero sono facilmente impressionabile, ma non sono mica un extraterrestre. Ora pertanto vi sto scocciando con le mie farneticazioni fantasiose perchè è un po' di tempo che la mia attenzione è attirata dal fatto che tramite [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Camillina: Mi piace il tuo sfogo su i tempi che corrono, ormai sono 30 anni che questa [...]

  • Walter Fest: Alida, grazie di cuore anche a te, mannaggia è un discorso facile ma [...]

5
4
13

Kiung mi

la guerriera

19 February 2019

Kim So Yung era lo Shogun del tratto di territorio compreso fra il fiume e la distesa di pianura che arrivava fino ai piedi della montagna sacra. Il suo potere era illimitato, governava con il pugno di ferro, ma era anche disponibile ad ascoltare i suoi sudditi, era inflessibile con chi sbagliava, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
18

LA DONNA GIUSTA

19 February 2019

Un pomeriggio, in un’elegante pasticceria di Pest, una donna racconta a un’amica della sua storia d’amore con il marito, l’unico uomo della sua vita, da cui è separata e che ha sposato un’altra donna, la giovane serva dei suoi suoceri. L’attesa. E’ utile e formativa per il nostro spirito? Espressione [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: molto bello ma troppo complicato per me a me piacciono le storie semplici

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Adalberto, innanzitutto sei un recensore affidabile e bravissimo, [...]

5
8
20

Gius, il Testa Mura

19 February 2019

C'era una volta un ragazzo assai sensibile e sentimentale di nome Gius, con un passato intriso di delusioni e di conseguenza con svariate crepe interiori. «Ne ho i sacchi pieni!» affermò sconsolato successivamente all'ultima cazzuola fatta per amore, tant'è che per proteggersi da ulteriori dolori, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su