«Sono mesi che giriamo senza sosta in questa tetra caverna!» disse la Paura all’Amore con tono lamentoso.

«Io direi di lasciar perdere!» soggiunse sempre più stizzito.

L’Amore imperterrito, procedeva in testa, tenendo con la mano sinistra una lanterna in cui era racchiusa la luce della Speranza che in qualche modo illuminava il posto tenebroso in cui si trovavano; con la mano destra invece, tastava le pareti di pietra ruvida come alla ricerca di qualcosa.

«Sei pregato di smetterla e di lasciarmi fare il mio lavoro!» sospirò infastidito l’Amore.

«E tu lasciami fare il mio!» si impuntò la Paura.

Alcuni istanti dopo, iniziò un furioso battibecco poiché entrambi avevano idee opposte ed erano per giunta costretti a procedere insieme. 

Ad ogni modo, l’Amore non si lasciò sopraffare in quanto era fortemente convinto di trovare prima o poi il tasto che avrebbe rischiarato il Cuore Nero.

 

-=-=-=-

 

Alessandro se ne stava affacciato al balcone di casa sua ad osservare il mare e con i pensieri rivolti a lei, soltanto a lei.

Da cinque mesi usciva con Lavinia, una ragazza bellissima, dolcissima e piena di vita che aveva conosciuto all’università.

Non si erano ancora dati il primo bacio nonostante le molteplici occasioni.

Insieme potevano essere perfetti ma qualcosa li ostacolava affinché la loro amicizia si tramutasse in amore, difatti il ragazzo, seppur molto attratto dalla ragazza, non voleva esporsi in quanto temeva il rischio di una nuova delusione.

Un anno prima, dopo essere stato tradito e lasciato da Veronica, la sua ex, decise che avrebbe chiuso il suo cuore il più possibile pur preservando la sua indole delicata e sensibile. 

«Sto rischiando di perderla!» valutò il ragazzo tra sé e sé con aria triste.

«Ho paura di soffrire!» pensò ancora e non sapeva come spezzare quel sortilegio che da solo si era creato.

Ad un tratto gli arrivò un messaggio su WhatsApp. Era Lavinia.

“Cucciolo, penso sempre a quel giorno in cui ti ho incontrato per la prima volta all’università e da quel momento la mia vita è cambiata. Immagino che la stessa cosa sia accaduta anche te ma attualmente i tuoi sentimenti sono paralizzati. Hai voglia di abbracciare ma non puoi, hai voglia di amare ma non puoi, vorresti lasciarti andare ma non vuoi. Sono mesi che le lacrime bagnano il mio cuscino, un cuscino che stringo ogni notte. Fai male a me e fai male a te stesso! Ti ricordi l’altro giorno nel cortile dell’università quando ti presi la mano e te l’appoggiai sul mio petto? Ti ricordi di quanto il mio cuore batteva forte? Ti dissi per scherzo che era per via dell’esame di architettura. Non dirmi che ci avevi creduto?”

 

-=-=-=-

 

«L’ho trovato, evviva!» esultò l’Amore e premette il tanto cercato pulsante.

All’improvviso una luce fortissima ed accecante sostituì il buio, ci fu un fortissimo terremoto e le pareti di roccia si sgretolarono.

La caverna divenne un bellissimo e paradisiaco giardino colorato, dove albergava pace, armonia e felicità con un Cuore al centro di un rosso particolarmente acceso che pulsava di una intensa vitalità.

«Bravo, alla fine ce l’hai fatta! In fondo cos’è la Vita senza Amore? ammise la Paura per poi cominciare a dissolversi gradualmente ed infine sparire in una coltre di fumo.

Dalla lanterna uscì la Speranza che insieme all’Amore si avviarono felici verso il Cuore e vi penetrarono all’interno.

 

-=-=-=-

 

Alessandro cominciò a sentire il cuore battere all’impazzata, si sentì come rinascere.

“Piccola, tra poco sarò a Villa Carso in una delle panchine dove tante volte abbiamo ripassato il materiale universitario. Incontriamoci ma stavolta senza libri!” le scrisse di gran lena per poi ricevere successivamente sul suo display una miriade di emoticon di baci.        

Entrambi, neanche a farlo apposta si presentarono all’appuntamento proprio nello stesso preciso istante.

Alessandro regalò a Lavinia una rosa rossa ed un sorriso particolarmente radioso che venne ricambiato e si abbracciarono amorevolmente.

«Dopo quel tuo messaggio, ho capito che dentro il mio cuore vivi soltanto tu! Ora finalmente possiamo vivere la nostra favola!» disse il ragazzo con la voce rotta dall’emozione.

«Sapessi quanto ho atteso questo momento! Ti giuro su Dio che non ti farò mai del male e ti prego di non avere mai paura!» promise Lavinia al suo amato con due lacrime che le fu proprio impossibile trattenere.

Si baciarono, dapprima lentamente, poi con sempre maggiore passione e nel frattempo uno splendido tramonto faceva da cornice al loro amore finalmente sbocciato.

1
3
8

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe buongiorno a te e a tutti i nostri affezionati lettori di letturedametropolitana, [...]

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

2
3
6

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
5
13

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

17
21
72

La scomparsa di Scilyx

Storie pazze a Rivarolo

05 December 2019

Dedicato a tutti agli amici del gruppo investigautori di Letture da Metropolitana. «Ma dove minchia è finito Giuseppe?» si interroga Lorena assieme a gli altri investigautori con fare preoccupato all'esterno dell’Hotel Rivarolo. «Possibile mai che ne ritroviamo uno e ne perdiamo subito un [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Rara avis: Così abbronzato pensavo che eri andato al Papeete a farti un moiyto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: carissimo amico mio, ho deciso di pubblicare questo racconto in Riedizione [...]

1
0
11

La vita parallela

05 December 2019

A raccontare la vita si rischia di costruirne una fantastica, dove tutto va bene, tutto procede secondo un canovaccio preorganizzato, secondo un testo definito. Si continua a costruire un'esistenza dove le nuvole del cielo sono i sogni, dove i pesci volano e gli uccelli esplorano gli abissi. Le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su