«Sono mesi che giriamo senza sosta in questa tetra caverna!» disse la Paura all’Amore con tono lamentoso.

«Io direi di lasciar perdere!» soggiunse sempre più stizzito.

L’Amore imperterrito, procedeva in testa, tenendo con la mano sinistra una lanterna in cui era racchiusa la luce della Speranza che in qualche modo illuminava il posto tenebroso in cui si trovavano; con la mano destra invece, tastava le pareti di pietra ruvida come alla ricerca di qualcosa.

«Sei pregato di smetterla e di lasciarmi fare il mio lavoro!» sospirò infastidito l’Amore.

«E tu lasciami fare il mio!» si impuntò la Paura.

Alcuni istanti dopo, iniziò un furioso battibecco poiché entrambi avevano idee opposte ed erano per giunta costretti a procedere insieme. 

Ad ogni modo, l’Amore non si lasciò sopraffare in quanto era fortemente convinto di trovare prima o poi il tasto che avrebbe rischiarato il Cuore Nero.

 

-=-=-=-

 

Alessandro se ne stava affacciato al balcone di casa sua ad osservare il mare e con i pensieri rivolti a lei, soltanto a lei.

Da cinque mesi usciva con Lavinia, una ragazza bellissima, dolcissima e piena di vita che aveva conosciuto all’università.

Non si erano ancora dati il primo bacio nonostante le molteplici occasioni.

Insieme potevano essere perfetti ma qualcosa li ostacolava affinché la loro amicizia si tramutasse in amore, difatti il ragazzo, seppur molto attratto dalla ragazza, non voleva esporsi in quanto temeva il rischio di una nuova delusione.

Un anno prima, dopo essere stato tradito e lasciato da Veronica, la sua ex, decise che avrebbe chiuso il suo cuore il più possibile pur preservando la sua indole delicata e sensibile. 

«Sto rischiando di perderla!» valutò il ragazzo tra sé e sé con aria triste.

«Ho paura di soffrire!» pensò ancora e non sapeva come spezzare quel sortilegio che da solo si era creato.

Ad un tratto gli arrivò un messaggio su WhatsApp. Era Lavinia.

“Cucciolo, penso sempre a quel giorno in cui ti ho incontrato per la prima volta all’università e da quel momento la mia vita è cambiata. Immagino che la stessa cosa sia accaduta anche te ma attualmente i tuoi sentimenti sono paralizzati. Hai voglia di abbracciare ma non puoi, hai voglia di amare ma non puoi, vorresti lasciarti andare ma non vuoi. Sono mesi che le lacrime bagnano il mio cuscino, un cuscino che stringo ogni notte. Fai male a me e fai male a te stesso! Ti ricordi l’altro giorno nel cortile dell’università quando ti presi la mano e te l’appoggiai sul mio petto? Ti ricordi di quanto il mio cuore batteva forte? Ti dissi per scherzo che era per via dell’esame di architettura. Non dirmi che ci avevi creduto?”

 

-=-=-=-

 

«L’ho trovato, evviva!» esultò l’Amore e premette il tanto cercato pulsante.

All’improvviso una luce fortissima ed accecante sostituì il buio, ci fu un fortissimo terremoto e le pareti di roccia si sgretolarono.

La caverna divenne un bellissimo e paradisiaco giardino colorato, dove albergava pace, armonia e felicità con un Cuore al centro di un rosso particolarmente acceso che pulsava di una intensa vitalità.

«Bravo, alla fine ce l’hai fatta! In fondo cos’è la Vita senza Amore? ammise la Paura per poi cominciare a dissolversi gradualmente ed infine sparire in una coltre di fumo.

Dalla lanterna uscì la Speranza che insieme all’Amore si avviarono felici verso il Cuore e vi penetrarono all’interno.

 

-=-=-=-

 

Alessandro cominciò a sentire il cuore battere all’impazzata, si sentì come rinascere.

“Piccola, tra poco sarò a Villa Carso in una delle panchine dove tante volte abbiamo ripassato il materiale universitario. Incontriamoci ma stavolta senza libri!” le scrisse di gran lena per poi ricevere successivamente sul suo display una miriade di emoticon di baci.        

Entrambi, neanche a farlo apposta si presentarono all’appuntamento proprio nello stesso preciso istante.

Alessandro regalò a Lavinia una rosa rossa ed un sorriso particolarmente radioso che venne ricambiato e si abbracciarono amorevolmente.

«Dopo quel tuo messaggio, ho capito che dentro il mio cuore vivi soltanto tu! Ora finalmente possiamo vivere la nostra favola!» disse il ragazzo con la voce rotta dall’emozione.

«Sapessi quanto ho atteso questo momento! Ti giuro su Dio che non ti farò mai del male e ti prego di non avere mai paura!» promise Lavinia al suo amato con due lacrime che le fu proprio impossibile trattenere.

Si baciarono, dapprima lentamente, poi con sempre maggiore passione e nel frattempo uno splendido tramonto faceva da cornice al loro amore finalmente sbocciato.

1
0
8

L'ipocrisia

25 August 2019

Non si può condurre una vita nella falsità se si ha una coscienza che interroga. E poi un rapporto è solido se rimane un legame costruito nella fiducia, nel rispetto e nella stima. Se questi valori decadono o non ci sono mai stati, perché surclassati dalla passionalità, dalla sessualità, dall'arrivismo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
6

Il pinguino

25 August 2019

Ho incontrato un pinguino affetto da pinguedine che si rimpinguava di Kinder Pinguì dopo aver giocato a ping-pong con un pifferaio di Pyongyang, esiliato da Lin Piao per contrabbando di polvere pirica, che lui sniffava procurandosi una pericolosa e piuttosto pesante pirosi gastrica nonché una protuberanze [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
4
16

Dannata Terra!

24 August 2019

Dio con enorme soddisfazione guardò dall'alto in basso il mondo che alacremente aveva plasmato, probabilmente la migliore creazione dell'universo. Il pianeta lo battezzò col nome di Terra. Indubbiamente la gestazione si rilevò assai complessa tant'è che aveva richiesto quasi una settimana no stop [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
6
19

Pomeriggi d'estate

pensieri di luglio

24 August 2019

Vento secco d'estate. Sole nel cielo, un letto comodo. La propria casa illuminata dalla luce pomeridiana e nel silenzio il rombo di un aereo in lontananza. È Domenica, finalmente.

Tempo di lettura: 30 secondi

5
4
15

Dedicato

23 August 2019

Dedicato a te Dedicato al suono della tua voce Dedicato a quei tuoi piedi morbidi che stringo nelle mia mani Dedicato al profumo che hanno i tuoi capelli Dedicato a quel nasino all’insù che mi fa impazzire Dedicato a quegli occhi color del cielo Dedicato a quei tuoi ritardi negli appuntamenti Dedicato [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
16

Il sole sorgerà ancora

23 August 2019

Siete tutti molto esausti, andremo in un posto chiamato ebrezza. Lasciateci vagare nella notte senza confini. Con occhi nuovi dolcezza, osserva il lato oscuro. Nessuna redenzione, Hai mai visto un uomo piangere? Hai mai visto un uomo morire? Hai mai visto un uomo piangere e morire? Al mattino [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Arielseasoon: Molto emotivo e riflessivo mi piace lo stile. Questa parte poi "Ho visto.la [...]

2
1
7

Auto-racconto

22 August 2019

Era già da una settimana che mi dovevo Mitsubishi un gran mal di Tesla... sempre più Ford! Così andai in farmacia e comprai un cachet Fiat. Poi, al ritorno, incontrai sulla strada un gran pezzo di Toyota che con fare provocante mi disse: "dai, facciamo Cabriolet!" "Solo se me la Daimler gratis, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
10

Appuntamento sotto le stelle

Ferragosto... stella mia non ti conosco.

22 August 2019

La notte è limpida. Il cielo un immenso palcoscenico. Appuntamento sulla terrazza dove sono già state predisposte le sedie sdraio per l'osservazione. Alcune rimangono a bordo piscina. Si spengono tutte le luci per favorire una visione a 360 gradi. La padrona di casa prepara i drink per tutta la [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
7
29

Jean, il pittore

21 August 2019

Lo guardo, anzi l'ammiro. Jean è un pittore parigino dall'inseparabile basco nero, coi baffetti all'insù e dal sorriso triste. Ogni tanto mi fermo a parlare con lui. Non mi guarda mai, se non la tela, come ipnotizzato. Oggi sta pitturando una composizione floreale. La tavolozza sembra un arcobaleno [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
19

Un addio

21 August 2019

Silenziosa come una foglia quando cade da un albero sicura come la notte hai voltato le spalle lasciando dietro te e dentro me l'inesprimibile paura del buio Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Tempo di lettura: 30 secondi

3
2
12

Il Grande Viaggio

20 August 2019

Mi chiamo Victor. Ho 82 anni. Vivo solo. Il mio vicino di casa, un bengalese, fa il badante di un signore. Prima faceva il custode di un campo da tennis. “Da quando Panatta si è ritirato nessuno gioca più a tennis”, mi dice. Lo vedo che porta in giro il signore anziano che in grembo ha un cane. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
12

Il negozio di orologi

20 August 2019

Ricordo quel negozio fin da quando ero piccolo. Passavo davanti a esso ancora con miei genitori , quando mi accompagnavano a scuola. Allora portavo i calzoncini corti, un buffo farfallino blu e la divisa che la scuola ci obbligava a indossare. Al passaggio frettoloso dei miei, apponevo una breve [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Grazie a te Principe. Colto molto bene come la passione per le cose fa brillare [...]

  • Giuseppe Scilipoti: E cucù! :-) ho letto il testo assaporandolo lentamente, e grazie a Dio [...]

Torna su