GIUSEPPE TROCCOLI
"Good boy"
Benvenuti amici lettori di LDM oggi saremo in compagnia di Giuseppe Troccoli aka Nino, intervistiamo un bravissimo artista che dietro la sua timidezza cela un vulcano di idee e di colori.
-Ciao Giuseppe
-Ciao Walter andiamo alla bocciofila?
-No, ho la Vespa rotta, andremo a piedi in un altro bel posto, ti fidi di me?
-Veramente no.
Non mi rimane di fargli indossare il braccialetto della fantasia pure a lui, amici lettori lo faccio anche per voi e lo obbligheremo a seguirci.
-Giuseppe andiamo da quella parte.
L'ingresso è una porta stile Mondrian entriamo e ci troviamo avvolti da profumi e da musica dialettale.
-Walter ma dove ci troviamo?
-In una spa molto pittoresca,
-Pittoresca?
-Beh, sì ci sono diverse piscine con l'acqua ognuna di colore diverso, tu quale preferiresti?
-Quella viola anche quella arancione non sarebbe male dai tuffiamoci in quella ocra.
-Bene andiamo..ah dimenticavo dobbiamo spogliarci.
-Oh certo per entrare in acqua.
-Sì ma tutti nudi.
-Tutti nudi?
-Sì ma tanto non ci vede nessuno.
-Ma sei sicuro?
-Ma certo hai mai visto delle parole nude senza mutande?
-Hai ragione
E così io e Giuseppe Troccoli nudi come mamma cjà fatto ci immergiamo nell'acqua di colore ocra dopo aver posizionato la sua opera di fronte a noi.
-Walter ma sei te che fai le bollicine?
-Sì mi è scappata ma tanto pure questa è a colori dai, dai, vediamo la tua opera che andremo a descrivere.
L'opera è "Good boy" acrilico e materia varia su cartone nel formato 50X50.
Giuseppe sai perchè sei un bravo artista?
-Dimmi.
-Perchè esternamente sei il tipo bravo ragazzo che cede il posto sull'autobus agli anziani, sei la persona che se tamponato in auto senza subire danni non chiedi subito il cid e con un sorriso mandi via l'automobilista tamponatore, insomma sei da esempio per tutti, ecco hai quella sensibilità dentro di te per la quale puoi considerarti un artista vero che nelle opere che realizzi ci fai vedere tanta poesia ed emozioni utilizzando forme spontanee con colori assai brillanti e questo fà di te un artista molto originale.
-Sai perchè ho scelto quest'opera?
-E già perchè?
-E' come te, appunto molto originale, è un formato verticale diviso in due parti sei stato così entusiasta di rappresentare Good boy che per la gioia e per la fretta di metterti al lavoro hai riciclato un altra opera dalla quale fai intravedere qualcosa  ma non importa quello che conta è la tua emozione che manifesti rappresentando un cane simpatico, l'originalità stà nel fatto che l'animale sembra schiacciato, una forma piatta ma in realtà sembra tridimensionale è una bellissima ed immediata forma dipinta nell'atto di saltarti addosso per farti le feste che solo il cane amico fedele può fare all'uomo, la coda scodinzola di gioia sembra tutto piatto ma in realtà tenetevi pronti ad essere simpaticamente slinguaggiati da Good boy perchè nel modo come l'hai dipinta sembra proprio che a momenti ti salterà in braccio, altra considerazione, ho notato che hai usato pochi colori ma dosati bene in maniera instintiva dal tratto veloce ma deciso che poi è un pò la tua caratteristica tecnica ben definita, sei bravo anche per questo...non ho capito bene il lato alla destra del cane, sono strisce sovrapposte in giallo, forse doveva essere una coperta?Mah dai ci stà bene lo stesso.
-Veramente su quel lato volevo fare un gatto ma poi ci ho ripensato.
-Giuseppe ma ora vedo che anche te fai le bollicine a colori.
-Chi io?Nooo!
-Ho capito, dai usciamo dall'acqua ti offro un cioccolato caldo al ragù.
-Dobbiamo rivestirci
-Ma no, tanto non ci vede nessuno.
-Oddio Walter sei matto?
-E vabbè se proprio insisti, dai mettiamoci quello smoking in bianco lì sulla sedia.
Amici lettori di LDM io e Giuseppe Troccoli con indosso un abito molto chic ce ne andiamo a prendere un cioccolato caldo al ragù, vi ringraziamo di essere stati insieme a Good boy in nostra compagnia, vi salutiamo e vi aspettiamo al prossimo artista, se qualcuno vuole fare un tuffo in piscina ricordatevi prima di togliervi tutto, tutto, tanto nessuno vedrà anche voi eh!

1
1
3

ARIA TERSA

20 January 2019

ARIA TERSA Travolti da un mondo impazzito Inondati da una schiuma assordante Non riusciamo più ad ascoltare La voce del silenzio. Frotte di insetti inutili Si accavallano nel nostro pensare. E l’immagine dello specchio Torna Sempre uguale a se stessa A riflettere un sogno incompiuto. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
1

luna o cocci?

Quando walter fest scrive è jazz!

20 January 2019

Quando non sai che scrivere, scrivi, scrivi senza paura di sbagliare, questa volta faccio un eccezione, scrivo senza carta e penna, stò alla tastiera e scrivo, mò che ci penso mi paicerebbe la tastiera di un piano forte, anzi le corde di una chitarra, anzi no, voglio cantare tanto a parole se stono [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Io lo conosco l'amore

20 January 2019

Ho attraversato il bosco di notte per poterti abbracciare ma tu non c'eri. Ho accompagnato tramonti fino all'alba per scoprire i tuoi occhi timidi ma tu non c'eri. Ho ascoltato i lamenti del vento nelle lunghe giornate passate a pensarti ma tu non eri li. Ho inseguito le ore e poi i giorni per [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
2

Raccontami una volta più piano

19 January 2019

Raccontami una volta più piano. Eravamo nati nello stesso posto o giù di lì, le case scorrevano in sequenza, c'era qualche attività che si distingueva dalle altre e potevi prenderle come veri e propri punti di riferimento quando dovevi indicare qualcosa a qualcuno che si era perso. I nomi delle [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: Ricordi arruffati da districare piuttosto difficile il farlo

2
1
4

Impressioni

19 January 2019

Sfilacciati giorni scalzi di pensieri si rincorrono incessanti nel respiro assiduo delle ore in una lenta diaspora continua di me stesso come fine sabbia dentro una clessidra ... e dopo una notte di sogni e scarpe rotte guardo le luci d'alba su una falesia bianca mentre nel cielo vola [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
5

Album vuoto

19 January 2019

Cammino rotolando sui miei passi stanchi. Soffia i vento la mia lenta orma e beffarda saluta senza rumore. Abbraccio la salita che mi corre incontro e adagio ripongo le mie pagine vuote. Un quaderno di ricordi che riempir non so.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Antonella, mi mancavano le tue poesie. Scrivi veramente bene e hai il [...]

  • Anto61: Grazie
    Sei sempre molto attento e sensibile con le tue sincere e sentite [...]

2
1
17

LE COLPE DEI PADRI

18 January 2019

Alessandro Perissinotto, scrittore torinese, classe 1964, ci accompagna e ci porta a conoscere ed incontrare vicende della STORIA di Torino dal dopoguerra ai giorni nostri, raccontando delle evoluzioni, in positivo e in negativo, della Grande Madre, la FIAT, che si intrecciano con la Storia, le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
15

Senza mi ricorderai ?

18 January 2019

" Mi ricorderai " le chiese con un filo di voce "quando non ci saro più? " Lei lo guardò come si guarda un fiore appena sbocciato con infinita tenerezza e sussurrando rispose " Si ricorda chi è passato nel tuo cuore. Non chi è il tuo cuore perché vive dentro finché tu vivrai ". E nella carezza [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
5
22

Il potere di un sorriso

18 January 2019

Non pensavo di poter volare di nuovo. Tutto era buio, non distinguevo nè le forme nè i colori. Ma il sorriso, quello, non si è mai spento. E anche nell'oscurità l'hai notato. Ora non ho più paura del buio. Ora sono felice E fortunata. Tutto qui.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

BAMBINI SENZA SORRISO

17 January 2019

Cari bambini, è a voi che mi rivolgo, vittime innocenti di un mondo insensato che vi ha sottratto ogni speranza di futuro, di libertà e di felicità. Quel mondo del popolo degli Adulti che, a costo della propria vita, avrebbe dovuto proteggervi dalle insidie del male e curare le vostre ansie e paure.. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E che Kaiser!

16 January 2019

Una sera al bar eravamo io Jack Kerouac, un pronipote di Keplero e Kekko dei Moda' che facevamo discorsi sulle discese in kajak nei fiumi del Klondike sorseggiando del Kirsch con una fetta di kiwi, quando dalla porta d'ingresso entrò Kirk, un vecchio membro del Ku-Klux-Klan declamando passi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Oh kacchio, grazie Scili (The king of komments) per
    l'apprezzamento, [...]

  • Puccia: Mi hai ubriacato, sempre piaciuto.

3
3
11

Il gioco del pallone

16 January 2019

Davanti casa mia c'è un campetto di calcio. Erbetta sintetica e vecchia, le porte senza una rete. Sembra proprio un campetto abbandonato, ma ogni sera si riuniscono lì dei ragazzini con un pallone. È ben illuminato dai lampioni della strada, e essendo una zona che ha una brutta nomina in città, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Veramente bello la nostalgia è sempre vincente nei racconti.

  • Giuseppe Patti: Ciao e grazie, e pensare che messo il punto finale ho pensato "Questa [...]

Torna su