GIUSEPPE TROCCOLI
"Good boy"
Benvenuti amici lettori di LDM oggi saremo in compagnia di Giuseppe Troccoli aka Nino, intervistiamo un bravissimo artista che dietro la sua timidezza cela un vulcano di idee e di colori.
-Ciao Giuseppe
-Ciao Walter andiamo alla bocciofila?
-No, ho la Vespa rotta, andremo a piedi in un altro bel posto, ti fidi di me?
-Veramente no.
Non mi rimane di fargli indossare il braccialetto della fantasia pure a lui, amici lettori lo faccio anche per voi e lo obbligheremo a seguirci.
-Giuseppe andiamo da quella parte.
L'ingresso è una porta stile Mondrian entriamo e ci troviamo avvolti da profumi e da musica dialettale.
-Walter ma dove ci troviamo?
-In una spa molto pittoresca,
-Pittoresca?
-Beh, sì ci sono diverse piscine con l'acqua ognuna di colore diverso, tu quale preferiresti?
-Quella viola anche quella arancione non sarebbe male dai tuffiamoci in quella ocra.
-Bene andiamo..ah dimenticavo dobbiamo spogliarci.
-Oh certo per entrare in acqua.
-Sì ma tutti nudi.
-Tutti nudi?
-Sì ma tanto non ci vede nessuno.
-Ma sei sicuro?
-Ma certo hai mai visto delle parole nude senza mutande?
-Hai ragione
E così io e Giuseppe Troccoli nudi come mamma cjà fatto ci immergiamo nell'acqua di colore ocra dopo aver posizionato la sua opera di fronte a noi.
-Walter ma sei te che fai le bollicine?
-Sì mi è scappata ma tanto pure questa è a colori dai, dai, vediamo la tua opera che andremo a descrivere.
L'opera è "Good boy" acrilico e materia varia su cartone nel formato 50X50.
Giuseppe sai perchè sei un bravo artista?
-Dimmi.
-Perchè esternamente sei il tipo bravo ragazzo che cede il posto sull'autobus agli anziani, sei la persona che se tamponato in auto senza subire danni non chiedi subito il cid e con un sorriso mandi via l'automobilista tamponatore, insomma sei da esempio per tutti, ecco hai quella sensibilità dentro di te per la quale puoi considerarti un artista vero che nelle opere che realizzi ci fai vedere tanta poesia ed emozioni utilizzando forme spontanee con colori assai brillanti e questo fà di te un artista molto originale.
-Sai perchè ho scelto quest'opera?
-E già perchè?
-E' come te, appunto molto originale, è un formato verticale diviso in due parti sei stato così entusiasta di rappresentare Good boy che per la gioia e per la fretta di metterti al lavoro hai riciclato un altra opera dalla quale fai intravedere qualcosa  ma non importa quello che conta è la tua emozione che manifesti rappresentando un cane simpatico, l'originalità stà nel fatto che l'animale sembra schiacciato, una forma piatta ma in realtà sembra tridimensionale è una bellissima ed immediata forma dipinta nell'atto di saltarti addosso per farti le feste che solo il cane amico fedele può fare all'uomo, la coda scodinzola di gioia sembra tutto piatto ma in realtà tenetevi pronti ad essere simpaticamente slinguaggiati da Good boy perchè nel modo come l'hai dipinta sembra proprio che a momenti ti salterà in braccio, altra considerazione, ho notato che hai usato pochi colori ma dosati bene in maniera instintiva dal tratto veloce ma deciso che poi è un pò la tua caratteristica tecnica ben definita, sei bravo anche per questo...non ho capito bene il lato alla destra del cane, sono strisce sovrapposte in giallo, forse doveva essere una coperta?Mah dai ci stà bene lo stesso.
-Veramente su quel lato volevo fare un gatto ma poi ci ho ripensato.
-Giuseppe ma ora vedo che anche te fai le bollicine a colori.
-Chi io?Nooo!
-Ho capito, dai usciamo dall'acqua ti offro un cioccolato caldo al ragù.
-Dobbiamo rivestirci
-Ma no, tanto non ci vede nessuno.
-Oddio Walter sei matto?
-E vabbè se proprio insisti, dai mettiamoci quello smoking in bianco lì sulla sedia.
Amici lettori di LDM io e Giuseppe Troccoli con indosso un abito molto chic ce ne andiamo a prendere un cioccolato caldo al ragù, vi ringraziamo di essere stati insieme a Good boy in nostra compagnia, vi salutiamo e vi aspettiamo al prossimo artista, se qualcuno vuole fare un tuffo in piscina ricordatevi prima di togliervi tutto, tutto, tanto nessuno vedrà anche voi eh!

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
9

UN PENSIERO PER ME

24 October 2020

Inizia con un sorriso in un giorno disperato. Sola nel mio letto, respiro come distesa fra bianche betulle. Sento assottigliarsi la linea di confine fra la mia pelle e il mondo che racchiude. Così trasparente da vederci dentro come in una boccia di vetro per pesci. Ci ritrovo tempeste di paura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Silvia: Grazie Giuseppe, mi hai capita e mi hai colpita. Hai proprio centrato il bersaglio!

  • Giuseppe Scilipoti: Avendo avuto dei trascorsi non facili, anch'io ho costruito una diga. Il [...]

1
1
11

LA MOGLIE E IL CANE

24 October 2020

Adesso prendete vostra moglie, e senza alcun preavviso chiudetela nel bagagliaio della macchina per almeno mezz'ora. La sua reazione sarà tempestiva: comincerà a sbraitare, a insultarvi, a darvi del pazzo criminale, a minacciarvi, a sbattere i piedi e i pugni contro l’interno della carrozzeria [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: ho già letto varie versioni dello stesso brano su Facebook, gira già [...]

5
4
15

Il libro capovolto

24 October 2020

"Per favore, non farlo!", sussurra il bibliotecario. "Non fare cosa?", domando stupito. "Non capovolgere il libro tenendolo aperto." "Perché no?" "Ti possono cascare tante di quelle cose..." "Tipo cosa?" “Virgole, parole, frasi... nella peggiore delle ipotesi persino i personaggi." Il tizio sembra [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x ducapaso: grazie per il commento, mi sono divertito a scrivere questo componimento [...]

  • Silvia: Mi sono divertita un sacco! Mi pareva proprio di vedere virgole, parole e personaggi [...]

4
3
35

Teletrasporto

Incipit per un romanzo che mai scriverò

23 October 2020

Non so come, ma mia figlia si ritrovò in un attimo dentro un quadro di Salvator Dalì. Avevo lasciato il mio teletrasporto puntato verso la copertina del libro «Storia del Surrealismo dei primi del XX secolo», un tomo della Taschen di 400 pagine che avevo messo ben in mostra sullo scaffale della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, con questo brevissimo racconto sai come catapultare, pardon teletrasportare [...]

  • V A N E S S I: Vero. Una casa di produzione me l'ha pure suggerita l'idea... m a h 😉😇

2
2
15

Senza

23 October 2020

Nel confine tra un tempo scaduto ed uno sconosciuto ho visto briciole di stelle ricoprire sogni abbandonati Nuvole figlie del vento conservavano nel cuore racconti sussurrati nelle notti in riva al mare Sfidavo la pioggia ai bordi del bosco mentre ti avvicinavi lentamente come nebbia [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
14

La mongolfiera - 2/2

23 October 2020

La spinta ascensionale maggiore la si aveva quando la temperatura esterna rispetto a quella contenuta nel pallone era molto differente. Piegata la cesta e adagiato il pallone, iniziavo a immettere gas col bruciatore al suo interno. E dolcemente prendeva forma. Salito sulla cesta, tramite una cordicella [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Eccomi, letta anche la seconda parte e posso trarne una disamimina completa.
    "La [...]

  • Patapump: eh si..quando si cerca di contenere lo scritto, come accade per le emozioni [...]

2
2
19

In che senso?

22 October 2020

Il revanscismo parassitario antiderapante, coniugato con l'ovalizzazione logorroica del percolato monosodico di tipo carmelitano scalzo, si estrinseca prevalentemente nel cicaleccio, preserale del gorgoglio idraulico sottomarino, riversando, ahimè, la perequazione polarizzata unicamente nella coagulazione [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
8
24

L'anima

22 October 2020

Ho esalato l'ultimo respiro. Buio. Interminabili secondi con il continuo chiedermi se sprofonderò nell'oblio senza fine oppure se la cosiddetta vita dopo la vita è una realtà concreta. Che cosa mi sta succedendo? Avverto una vibrazione potentissima. Mi sto sopraelevando. Non ho paura semmai quell'autocontrollo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
11

La mongolfiera - 1/2

22 October 2020

Quel giorno era perfetto. Il vento soffiava dalla direzione giusta. Sarebbe stata la gara migliore della mia vita, ne ero certo. Mi allenavo da parecchio tempo e non potevo mancare quella vittoria. Quella che dovevo affrontare era una competizione che avveniva ogni due anni nello stato dell’Arizona. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Di un po', sei un fan di Jules Verne? :-)
    Ho appena letto la prima [...]

  • Patapump: amavo Verne da giovane, con le sue 20.000 leghe. yanke certo, sapevo avrebbe [...]

3
2
33

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Componimento nel quale un forte registro introspettivo risulta fortemente espresso, [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Giuseppe. Potresti registrare all'Accademia della crusca, come neologismo, [...]

2
5
15

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

3
5
21

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su