GIUSEPPE TROCCOLI
"Good boy"
Benvenuti amici lettori di LDM oggi saremo in compagnia di Giuseppe Troccoli aka Nino, intervistiamo un bravissimo artista che dietro la sua timidezza cela un vulcano di idee e di colori.
-Ciao Giuseppe
-Ciao Walter andiamo alla bocciofila?
-No, ho la Vespa rotta, andremo a piedi in un altro bel posto, ti fidi di me?
-Veramente no.
Non mi rimane di fargli indossare il braccialetto della fantasia pure a lui, amici lettori lo faccio anche per voi e lo obbligheremo a seguirci.
-Giuseppe andiamo da quella parte.
L'ingresso è una porta stile Mondrian entriamo e ci troviamo avvolti da profumi e da musica dialettale.
-Walter ma dove ci troviamo?
-In una spa molto pittoresca,
-Pittoresca?
-Beh, sì ci sono diverse piscine con l'acqua ognuna di colore diverso, tu quale preferiresti?
-Quella viola anche quella arancione non sarebbe male dai tuffiamoci in quella ocra.
-Bene andiamo..ah dimenticavo dobbiamo spogliarci.
-Oh certo per entrare in acqua.
-Sì ma tutti nudi.
-Tutti nudi?
-Sì ma tanto non ci vede nessuno.
-Ma sei sicuro?
-Ma certo hai mai visto delle parole nude senza mutande?
-Hai ragione
E così io e Giuseppe Troccoli nudi come mamma cjà fatto ci immergiamo nell'acqua di colore ocra dopo aver posizionato la sua opera di fronte a noi.
-Walter ma sei te che fai le bollicine?
-Sì mi è scappata ma tanto pure questa è a colori dai, dai, vediamo la tua opera che andremo a descrivere.
L'opera è "Good boy" acrilico e materia varia su cartone nel formato 50X50.
Giuseppe sai perchè sei un bravo artista?
-Dimmi.
-Perchè esternamente sei il tipo bravo ragazzo che cede il posto sull'autobus agli anziani, sei la persona che se tamponato in auto senza subire danni non chiedi subito il cid e con un sorriso mandi via l'automobilista tamponatore, insomma sei da esempio per tutti, ecco hai quella sensibilità dentro di te per la quale puoi considerarti un artista vero che nelle opere che realizzi ci fai vedere tanta poesia ed emozioni utilizzando forme spontanee con colori assai brillanti e questo fà di te un artista molto originale.
-Sai perchè ho scelto quest'opera?
-E già perchè?
-E' come te, appunto molto originale, è un formato verticale diviso in due parti sei stato così entusiasta di rappresentare Good boy che per la gioia e per la fretta di metterti al lavoro hai riciclato un altra opera dalla quale fai intravedere qualcosa  ma non importa quello che conta è la tua emozione che manifesti rappresentando un cane simpatico, l'originalità stà nel fatto che l'animale sembra schiacciato, una forma piatta ma in realtà sembra tridimensionale è una bellissima ed immediata forma dipinta nell'atto di saltarti addosso per farti le feste che solo il cane amico fedele può fare all'uomo, la coda scodinzola di gioia sembra tutto piatto ma in realtà tenetevi pronti ad essere simpaticamente slinguaggiati da Good boy perchè nel modo come l'hai dipinta sembra proprio che a momenti ti salterà in braccio, altra considerazione, ho notato che hai usato pochi colori ma dosati bene in maniera instintiva dal tratto veloce ma deciso che poi è un pò la tua caratteristica tecnica ben definita, sei bravo anche per questo...non ho capito bene il lato alla destra del cane, sono strisce sovrapposte in giallo, forse doveva essere una coperta?Mah dai ci stà bene lo stesso.
-Veramente su quel lato volevo fare un gatto ma poi ci ho ripensato.
-Giuseppe ma ora vedo che anche te fai le bollicine a colori.
-Chi io?Nooo!
-Ho capito, dai usciamo dall'acqua ti offro un cioccolato caldo al ragù.
-Dobbiamo rivestirci
-Ma no, tanto non ci vede nessuno.
-Oddio Walter sei matto?
-E vabbè se proprio insisti, dai mettiamoci quello smoking in bianco lì sulla sedia.
Amici lettori di LDM io e Giuseppe Troccoli con indosso un abito molto chic ce ne andiamo a prendere un cioccolato caldo al ragù, vi ringraziamo di essere stati insieme a Good boy in nostra compagnia, vi salutiamo e vi aspettiamo al prossimo artista, se qualcuno vuole fare un tuffo in piscina ricordatevi prima di togliervi tutto, tutto, tanto nessuno vedrà anche voi eh!

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
3
6

Incroci

07 April 2020

Le campagne sono immense Io sono al centro degli incroci Il mio sguardo ruota e non fissa qualcosa di definito C’è tanto da vedere Il movimento della terra è regolare Brevi picchi di colline alberate si ergono a sud Il fiume che mi corre affianco povero di acqua Non impedisce a due cigni di percorrere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Hai un animo poetico e con questi incroci mi confermi ancora che sai scrivere [...]

  • callettino: Be', ci volevano proprio queste immagini. Ti fanno "viaggiare" [...]

3
5
10

Come se fossi qui

07 April 2020

“Non ti arrabbiare però!”, mi disse con la voce supplichevole. Io la guardai con la coda dell’occhio. Teneva le labbra imbronciate, come una bambina che ha patito un dispetto. Il labbro inferiore sporto in avanti si accavallava su quello superiore. Ma il disegno delicato della bocca non subiva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • callettino: Bel contesto, ovviamente nel senso del racconto in sé; a mio giudizio [...]

  • Sandro Amici: Solo come un cane e pure senza il cane... 😊

4
4
9

L'ultimo elfo

06 April 2020

Un elfo di nome Ohtar stava morendo. Uscì dal suo rifugio, ovvero un grandissimo albero, in seguito a un lunghissimo letargo. Si sentì improvvisamente invecchiato sia dentro che fuori e non ci volle molto per capire il perché di quella sgradevole condizione. Vagò barcollando per quel che restava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Io invece ho letto il romanzo di Silvana De Mari, ha una scrittura che ti cattura [...]

  • Walter Fest: Bravo Scilipoti..... sei sempre il solito tir di energia, tu non hai una testa [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
14

MEGLIO RIDERE PER NON PIANGERE

06 April 2020

Smette di andare il telefono fisso di casa. Prendiamo il cellulare e chiamiamo il “Cento-eccetera” del nostro operatore: non è che non risponde o ti mette in attesa, proprio termina la chiamata istantaneamente con un peto sommesso ma minaccioso. Riproviamo enne volte e sempre il peto si ripete, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • callettino: E alcuni hanno il coraggio di chiamarlo progresso. Non puoi scansare certe [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Kanozza, il titolo è tutto dire visto che è perfetto per [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
1
16

Marzo 2020 - Regole

05 April 2020

Ciao umani. Sono la Logica. Parlavo in questi giorni con una scienza mia cugina, la Matematica. Mi raccontava di come in questi giorni stesse cercando di guidarvi nella lettura dei Numeri, in modo da evitare effetti distorti e indesiderati. Beh, ci ho pensato su e ho deciso che anch’io dal [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
14
53

Il piccolo aereo rosso

Racconto di Natale

04 April 2020

Per un bambino la realtà non importa, perché sarà sempre accompagnato durante i suoi giorni dalla sua immaginazione. Piccolo racconto natalizio. Mancano pochi giorni a Natale e, una volta giunti al parcheggio del centro commerciale dopo l’acquisto dei regali, io, mia moglie Francesca e il nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Un punto di vista da bambino colto però dagli adulti, questo è, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie callettino. Al di là del pensiero adulto/fanciullo direi che [...]

3
3
16

Lontano dal mondo

04 April 2020

Cediamo il passo al silenzio e alla notte. Cediamo il passo alla solitudine ed all'immutabile bellezza. Restiamo sulla soglia della vita come spettatori malinconici innanzi a orizzonti impossibili.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ....ma non cediamo il passo alla meraviglia della vita..sai ieri ne ho avuto [...]

  • Arielseasoon: Grazie Giuseppe per le belle parole. La tristezza di un mondo 'costretto' [...]

4
1
14

Marzo 2020 - Numeri

03 April 2020

Ciao umani. Sono la Matematica. Sono la scienza che più di ogni altra definite “arida”. Beh, non mi offendo. In fondo è vero: i miei ubbidienti soldatini, i Numeri, in effetti non hanno cuore, né anima. Malgrado questo, voi umani non riuscite a fare a meno di noi, della Matematica e dei suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
8
22

Nel silenzio di un punto

02 April 2020

Davanti a me la profondità ombrosa della via è un interminabile corridoio con un’unica porta in fondo. Una porta enorme, dischiusa a una lingua di luce: una bianca lama di spada che piove dall’alto e arriva squarciando le tenebre. A brandirla, è la mano del soprannaturale. Dalla porta penetra e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Manuela Cagnoni: Mi è piaciuto molto, è bello il modo in cui scrivi. Anch'io [...]

  • callettino: Ciao, Manuela. Bello il “rumore delle parole”, lo trovo poetico [...]

7
5
21

E venne il tempo

01 April 2020

La Primavera non era ancora arrivata E la gente la aspettava, per dare quell’ultimo scossone all’inverno Ma invece di arrivare lei, sopraggiunse una malattia Che voleva spacciarsi per una Regina che portava la corona Ma questa corona aveva spine e pungeva facendo soffrire Papà, ho voglia di correre [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
6
14

Il coltellino

01 April 2020

Ammetto che un leggero timore iniziavo ad averlo. Igor, il suo compare, stava ancora girovagando per il treno. Ormai non lo si vedeva da più di un’ora. A pensarci bene però, anche se fosse stato con noi non sarebbe stata la persona ideale alla quale chiedere aiuto, era probabilmente più ubriaco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
19

DALLA LUCE ALLE TENEBRE

31 March 2020

Io sono nato in un piccolo borgo della bassa bresciana, in una vecchia cascina circondata da campi di grano e prati fioriti, incorniciati da una rete di canali di irrigazione e fossati di acqua incontaminata, dove insetti pattinatori ed eterotteri scivolavano danzanti sulla superficie. La felicità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sandro Amici: Mi sono immerso in questa lettura perché il tuo sentire è anche [...]

  • Patapump: Ciao Gianni. Da Bresciano questa trasformazione sia in città che nei [...]

Torna su