Aquilino mi squadrò dalla testa ai piedi, tremai leggermente, la soggezione che avevo nei suoi confronti era inequivocabile e mi venne fatto notare il mio pallore dalla professoressa di francese tanto che stava quasi per offrirmi un bicchiere d’acqua. Rifiutai, non ne avevo bisogno.

“Hai una faccia come se una spada di luce avesse attraversato il tuo cranio!”, cominciando Aquilino il tuo tipico show.

Non risposi e mi limitai ad ondeggiare gli occhi.

“Mi sveli un tuo arcano segreto? Come mai durante le lezioni eri sempre sprovvisto di calcolatrice?”, mi chiese con fare curioso.

“Ecco io… per gli e-esercizi u-usavo sempre il c-computer dell’aula q-quando si p-poteva.”, gli risposi balbettando e abbassando lo sguardo.

“Eh, beh certo: tu o vai in Lamborghini o vai a piedi!”, ironizzò.

Il mio respiro si fece più affannoso e ciò non passò inosservato.

“Non ansimare, non siamo mica in un film porno!”, continuando ad essere sempre più pungente.

In qualche modo mi rilassai, feci un profondo respiro e cacciai buona parte della tensione accumulata.

“Conosci l’algebra?”,  mi chiese ancora e io gli risposi con un tentennare incerto.

“Affrontare l'elettronica senza conoscere l'algebra è come andare in discesa con una bicicletta senza freni, sai? La discesa prima o poi finisce…” per poi aggiungere  “vai alla lavagna forza!”,  mi ordinò.

Mi chiese la formula di un teorema che studiammo in classe circa due mesi prima. Feci scena muta e avvilito com’ero, strinsi forte il gesso che tenevo in mano.

“A quale cosca appartieni? Te lo dico io: a quella dei Senza Cervello! Posa il gesso e andiamo avanti!”, sbuffando col tono un po’ scocciato.

“Aspetti professore, mi faccia fare almeno un tentativo!”, proposi come folgorato da un’idea.

Scrissi una formula e il professore fece cenno di no con l’indice.

“Questo è un discorso che puoi impostare seduto al tavolino di un’osteria dopo la decima birra a doppio malto e a quel punto tutto ciò che dici va bene!”, e scuotendo la testa soggiunse “Ascolta sto fesso: andiamo avanti, che è meglio!”.

L’interrogazione stava procedendo molto male e mi ero praticamente rassegnato.

“Il cervello in un essere umano non è un optional. Non è come l'airbag o l'aria condizionata in una macchina. È di serie, ricordatelo!” tornando a torturarmi nella sua classica maniera.

Abbassai nuovamente lo sguardo sempre più desolato e fu Romano Alberti il professore di educazione fisica a prendere le mie difese.

“Collega, il ragazzo è chiaramente emozionato, non ti sembra che stai un po’ esagerando?”, rivolgendosi pacatamente al professore di elettronica.

“Ok, visto che l’alunno ha i neuroni involti nella Gazzetta dello Sport, a questo punto lo invito a scegliersi un argomento a piacere.” annunciò e capii sia l’antifona del collega e sia del fatto che non ero preparato.

Rimasi colpito, la sua decisione si rilevò un ancora di salvezza, anche se temevo che l’argomento scelto si sarebbe dimostrato improponibile.

Mi feci coraggio e presi una decisione ripetendomi più di una volta tra me e me “O la va o la spacca”

“Professore, posso scegliere come argomento a piacere le Leggi di Kirchhoff?”, domandai con a modestia.

“Le Leggi di Kirchhoff ? Questo è delirio puro! L’abbiamo studiato nel secondo anno e noi siamo nel quinto. Porca puttana và!” esclamò imprecando a gran voce. 

Ci furono alcuni istanti di silenzio.

“Marco, sei stato proprio tu a lanciare la proposta, adesso non ti puoi più tirare indietro”, gli ricordò il buon Alberti, una persona eccezionale che stimavo moltissimo e che durante gli anni di scuola mi aveva sostenuto in più occasioni.

Anche in quel giorno si dimostrò un valido alleato.

Aquilino cominciò a tamburellare le dita sul banco e mi guardo fisso negli occhi. La sua espressione divenne stranamente più rilassata.

“Ho l'impressione che l'atmosfera di fine anno ha risvegliando in me un buonismo che non sapevo di avere, va bene attacca!” mi disse, acconsentendo cosi alla mia richiesta.

In maniera precisa gli esposi che le Leggi rappresentavano le due relazioni connesse con la conservazione della carica e dell'energia nei circuiti elettrici ed  altre fondamentali nozioni varie.

Ad un certo punto l’insegnante mi fece cenno con la mano di fermarmi e proclamò che poteva bastare.

Finii l’esame, ero sudato ma felice, in base a dei calcoli approssimativi mi sentivo il diploma in tasca e mi ero fatto una stima dei punteggi, ovvero:

Gli esami scritti, quelli orali, la recita scolastica (ero Don Raffaele nella celebre commedia “Non ti pago!”) e infine altri punti accumulati da un corso di disegno e uno di giornalismo.

Sbagliai i calcoli, confermando in toto di quanto in matematica fossi una frana e di quanto furono traditrici le mie alte aspettative.

 

Alcune settimane dopo, le pagelle furono pronte, andai a scuola per vedere il risultato finale. Ebbi la promozione ma… uscii con 68!

Ci rimasi molto male, non pretendevo la lode o comunque il massimo dei voti ma almeno un 80 per via che nei cinque anni avevo studiato molto e sostenuto innumerevoli sacrifici.

Probabilmente la votazione fu pregiudicata su ciò che non ero andato bene ma allo stesso tempo ammisi le mie mancanze dal momento che lo studio nel periodo pre-esame non fu ahimè costante.

Mentre mi stavo per avviare abbastanza deluso all’uscita della scuola, nel cortile incontrai il professore di elettronica che dopo esserci salutati, mi appoggiò una mano sulla mia spalla e mi appioppò una sua caratteristica battuta, in pratica le sue ultime parole famose prima di non vederlo mai più.

“L'esame di maturità è come una grande cagata: dopo che l'hai fatta ti senti meglio! Non è cosi Scilipoti?”.

Annui poco convinto, non sapevo che dire, ci stringemmo la mano e mi augurò buona fortuna nella vita.

 

Una grande cagata ha detto? Infatti sono uscito con un misero 68 di… MERDA!!!.

Sigh!

 

1
2
11

MOSTRO PLANETARIO

17 June 2019

conosco un pianeta abitato da un mostro, ha una bocca immensa di kmq 3.750.000, dotata di 220.000.000.000 di denti, uno sviluppo intestinale di km. 75.000.000, tutti i giorni si alimenta kg 8.000.000.000 di cibo, lt 8.000.000.000 di acqua, brucia klcalorie 4.000.000.000.000 al dì, produce kg. 2.000.000.000 [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: "Mostruoso" sto mostro e tu sei un "mostro" quando ti ci [...]

  • acerbus: sembra innocuo fin che ne consideri un settemiliardicinquecentomilionesimo...che [...]

5
7
18

Ancora una volta quello che penso lo scrivo in Inglese

perchè chi trova due amici trova un tesoro

17 June 2019

And now, all friends of read under the underground, lessen to me only one minute, l want to say you something, don't worry if you don't understand un casso, this thing it's only for to do smile everybody, ok, go on, please l'm shure che now it's start the great hot, very hot, we are in spring but [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Grazie per la citazione anche se del testo all'amatriciana non ho capito [...]

  • Walter Fest: Fla' certo che tu e il ragazzo siete miei amici e amici di altri amici, [...]

4
10
16

Un eroe del nostro tempo

aiutare gli altri

16 June 2019

Come più volte richiesto dall'amico Walter Fest, sempre alla ricerca di eroi, eccone uno dimenticato. Un pomeriggio di maggio caldo e assolato, siamo negli anni settanta, una bimba di quattro anni gioca sul balcone di casa con un piccolo aquilone, la mamma la sorveglia ma l'aquilone le sfugge [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
10
30

EternaMetro

16 June 2019

Quando con un fischio penetrante si aprono le porte è come se da un foruncolo se ne esca materia purulenta trattenuta per giorni. Veniamo succhiati fuori come interiora da un ventre bollente e buttati in corridoi dove la luce è tendenzialmente gialla, seguendoci l’un l’altro come acciughe, allo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Sandro.. all'inizio del racconto ho pensato" Ma ancora la metro??" [...]

  • Sandro Amici: Ciao Francesca... vedrai che dal prossimo racconto niente più metropolitana, [...]

6
9
24

Il ladro

15 June 2019

Con movimenti decisi, ho appena piazzato sta Matusalemme in una sedia per poi bloccarla con una cintura. La vecchia mi guarda digrignando i denti e comincia a inveire contro di me. Mi dà del ladro e più volte chiama aiuto. Non è la prima volta che mi trovo in una situazione del genere, ragion per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
12

Inedia

15 June 2019

Ed è solo giorno, e già mi nutro d'alcol. Sono sdraiato nei tuoi occhi incantevoli Non mi rannicchio mai. È di nuovo notte E sono ancora lì. Passeranno le stagioni sarà come bere un bicchier d'acqua e forse scenderanno nuove piogge. Sarà come guardarti ancora. Torni da me e tornano le rondini, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Domani è un altro giorno, si vedrà, come dice il poeta. Mi piaci

4
7
23

Colloquio

14 June 2019

Sua madre gli aveva stirato la camicia bianca. -Mettiti la giacca. -Ma è per un call center, non serve... -Tu mettila. In bagno certi giorni la chierica non si vedeva. Quella mattina brillava. Aveva preso il caffè in cucina, in piedi, mentre suo padre fissava La7. “Ora me lo chiede, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Mi permetto di dissentire Francesca. Non confonderei “scorrevole” [...]

  • Francesca: Ciao Sandro io intendevo un'altra cosa.. uno può anche scrivere [...]

2
3
10

Shopping

14 June 2019

Il sole stava calando sull'affollata piazza, regalando un'aura di serenità: la primavera era una certezza, sebbene l'aria ancora fresca. Le due donne si incamminarono nella via del centro, che a quell'ora ancora pullulava del via vai dei turisti, oltre ai tanti impiegati che da poco avevano lasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Dolce far shopping. :-) Ho trovato carino questo componimentino, lo shopping [...]

  • Palilli: Grazie Flavia e grazie Giuseppe. Mi ha ispirato una amica che si è recata [...]

6
7
33

Non ci si può fidare neanche della morte!

13 June 2019

La tiro fuori da sotto il sudario! È lei, l’ho vista tre giorni fa mentre la sistemavano lì, sembra che nessuno s’interessi di lei, mentre io l’ho sognata tutti i giorni, è stato quell’attimo che mi è rimasto fisso nella mente, mentre le sistemavano la gonna che si era alzata quando l’hanno messa [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Dario De Santis: Grazie Walteruccio, lascia stare, è inutile, come diceva Bennato "tempo [...]

  • flavia: Sei sempre il solito pavoncello tutto coda raggiante, ma ti amiamo anche per [...]

3
3
10

UNIONE COSMICA

OM

13 June 2019

Non sarai più solo Ti ascolterò non solo con l'udito ma aprendoti il mio cuore. Non servirà parlare. Dall' incontro dei nostri sguardi sinceri, nasceranno spontaneamente, invisibili energie che faranno vibrare l'atmosfera di limpida magia... E tutto sarà pace dove attorno solo giace la dolce comunicazione. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
19

Che donna sei

12 June 2019

Che donna sei Che donna sei. Diversa direi o meglio una donna che non ha paura di mostrarsi. Di essere pazza dolce casta hot. Di essere se stessa. Capace di amare senza limiti. E di fartelo capire con un sorriso con una carezza con un bacio con un semplice " ti amo ". Che donna sei. Fai parte di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
24

180

12 June 2019

Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!? Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò… Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: (non avevo lasciato una opinione)
    la versione del 2012 aggiunge qualche [...]

  • U1004: Non sapevo esistesse una Molazzana in prov di Lucca. Per quanto uno inventi [...]

Torna su