«Ah, eccoti finalmente! Ti sembra questa l’ora di ritornare a casa?», chiese infuriata la madre al piccolo e discolo Luca che si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte con un tovagliolo Scottex. Avrebbe voluto rimanere ancora fuori a giocare con i suoi amici e moriva dalla voglia di ritornare a calciare l’amato pallone, la sua principale fonte di divertimento.

«Stai passando tutta l’estate assieme a quei cinque scapestrati!», sbuffando e seguitando con una predica. «A mio avviso potresti fare qualcosa di più istruttivo. A undici anni non ci si può solo dedicare al calcio.»

Luca fece spallucce e prendendo un altro foglio di carta, si accinse ad asciugarsi il collo, per poi lanciarlo come il precedente dentro il cestino della spazzatura e si ritenne pronto per pranzare.

«Ma perché non te vai prima in bagno? Sciacquati il viso e le mani, non è igienico sedersi a tavola così… come gli Zulu», lo rimproverò la donna, scuotendo la testa con aria di disapprovazione.

Luca, da sempre insofferente alle regole della madre, si sedette senza proferire parola.

Sulla tavola apparecchiata trovò un piatto coperto da un altro piatto, un cucchiaio, una salvietta, una michetta, un bicchiere e una bottiglietta d’acqua. «Chissà cosa mi ha preparato?», si domandò.

Una volta sollevato il piatto, la sua espressione divenne fin da subito sdegnata.

<<Ma mamma… non lo sai che la minestra di verdure mi fa schifo?», protestò a gran voce e facendo boccuccia.

Essendo già molto adirata, la madre lo squadrò severamente e pronta a mollargli un ceffone.

«Ma cosa credi? Questa casa non è mica un ristorante!», Ammonendolo duramente « O mangi la minestra o salti dalla finestra!», con la mano aperta a mezz’aria.

Il figlioletto sorrise furbamente.

«Salto dalla finestra!», esclamò afferrando la bottiglietta d’acqua e addentando il panino a mò di pirata. Fu molto veloce: si alzò dalla tavola, andò ad avventarsi sulla finestra aperta, per poi infine buttarsi di sotto.

Il “lancio” non gli procurò nessuna frattura o ferita, poiché aveva il vantaggio di abitare a pianterreno. Le urla di “qualcuno” non mancarono, in cui veniva intimato di tornare indietro.

Si sentiva come in “La grande fuga” con Steve McQueen, uno dei film preferiti dal padre che insieme tante volte avevano visionato in DVD.

In strada si guardò nelle tasche, ma non riuscii a cavarne neanche un centesimo, e dovette accontentarsi del magro “bottino”, ma a Luca non importava.

«Mi è finita a pane e acqua, come avveniva nelle prigioni medievali che abbiamo studiato a scuola, con la sola differenza che sono libero», pensò ironico ma anche consapevole che nel tardo pomeriggio, una volta tornato a casa, sarebbe stato punito e per di più a letto senza cena. Si rassegnò al suo “destino”, poi via via i pensieri andarono a concentrarsi su di un'unica cosa: il pallone.

Sgranocchiò il croccante panino, preservandosi (dato il caldo torrido) l’intera bottiglietta d’acqua per quando ne avesse avuto bisogno, e di gran carriera tornò al campetto a giocare con i suoi amici, la quale a differenza sua, avevano i genitori più permissivi e in caso di fame o di sete, nelle vicinanze vi si trovava un chiosco dei panini sempre aperto ed un camioncino dei gelati che passava immancabilmente tutti i pomeriggi.

Si stupirono nel rivederlo cosi presto e lo salutarono animatamente.

«Forza mezze seghe, passatemi la palla!», gridò euforico.

Era felice.

 

 

 

1
1
1

Profezia

22 April 2019

Giorni verranno in cui la Luce scomparirà. Le maschere saranno trasparenti come acqua di ruscello e le anime, nude, grideranno di terrore Giorni verranno in cui la Luce tornerà e potremo amare la Vita come fossimo tutt’uno

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Il vecchio saggio

22 April 2019

Un giorno un uomo e sua figlia bussarono alla porta del vecchio saggio che viveva ai margini del paese. L’uomo si fece attendere, era vecchio ed era lento, ma tutti in paese lo rispettavano e spesso andavano a chiedergli consiglio. Il vecchio aveva girato il mondo e aveva incontrato tanta gente, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
0

Civico 21 - 2/4

Seconda parte

22 April 2019

Intanto il suo viaggio vorticoso giunse al termine: fu letteralmente vomitata da un altro monitor con un impeto tale da schiantarsi addosso ad un'altra persona che giaceva su di un pavimento. Istintivamente per parare la caduta posizionò il palmo delle mani a terra. La borsa attutì l’urto, sollevandosi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
21

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

Torna su