«Ah, eccoti finalmente! Ti sembra questa l’ora di ritornare a casa?», chiese infuriata la madre al piccolo e discolo Luca che si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte con un tovagliolo Scottex. Avrebbe voluto rimanere ancora fuori a giocare con i suoi amici e moriva dalla voglia di ritornare a calciare l’amato pallone, la sua principale fonte di divertimento.

«Stai passando tutta l’estate assieme a quei cinque scapestrati!», sbuffando e seguitando con una predica. «A mio avviso potresti fare qualcosa di più istruttivo. A undici anni non ci si può solo dedicare al calcio.»

Luca fece spallucce e prendendo un altro foglio di carta, si accinse ad asciugarsi il collo, per poi lanciarlo come il precedente dentro il cestino della spazzatura e si ritenne pronto per pranzare.

«Ma perché non te vai prima in bagno? Sciacquati il viso e le mani, non è igienico sedersi a tavola così… come gli Zulu», lo rimproverò la donna, scuotendo la testa con aria di disapprovazione.

Luca, da sempre insofferente alle regole della madre, si sedette senza proferire parola.

Sulla tavola apparecchiata trovò un piatto coperto da un altro piatto, un cucchiaio, una salvietta, una michetta, un bicchiere e una bottiglietta d’acqua. «Chissà cosa mi ha preparato?», si domandò.

Una volta sollevato il piatto, la sua espressione divenne fin da subito sdegnata.

<<Ma mamma… non lo sai che la minestra di verdure mi fa schifo?», protestò a gran voce e facendo boccuccia.

Essendo già molto adirata, la madre lo squadrò severamente e pronta a mollargli un ceffone.

«Ma cosa credi? Questa casa non è mica un ristorante!», Ammonendolo duramente « O mangi la minestra o salti dalla finestra!», con la mano aperta a mezz’aria.

Il figlioletto sorrise furbamente.

«Salto dalla finestra!», esclamò afferrando la bottiglietta d’acqua e addentando il panino a mò di pirata. Fu molto veloce: si alzò dalla tavola, andò ad avventarsi sulla finestra aperta, per poi infine buttarsi di sotto.

Il “lancio” non gli procurò nessuna frattura o ferita, poiché aveva il vantaggio di abitare a pianterreno. Le urla di “qualcuno” non mancarono, in cui veniva intimato di tornare indietro.

Si sentiva come in “La grande fuga” con Steve McQueen, uno dei film preferiti dal padre che insieme tante volte avevano visionato in DVD.

In strada si guardò nelle tasche, ma non riuscii a cavarne neanche un centesimo, e dovette accontentarsi del magro “bottino”, ma a Luca non importava.

«Mi è finita a pane e acqua, come avveniva nelle prigioni medievali che abbiamo studiato a scuola, con la sola differenza che sono libero», pensò ironico ma anche consapevole che nel tardo pomeriggio, una volta tornato a casa, sarebbe stato punito e per di più a letto senza cena. Si rassegnò al suo “destino”, poi via via i pensieri andarono a concentrarsi su di un'unica cosa: il pallone.

Sgranocchiò il croccante panino, preservandosi (dato il caldo torrido) l’intera bottiglietta d’acqua per quando ne avesse avuto bisogno, e di gran carriera tornò al campetto a giocare con i suoi amici, la quale a differenza sua, avevano i genitori più permissivi e in caso di fame o di sete, nelle vicinanze vi si trovava un chiosco dei panini sempre aperto ed un camioncino dei gelati che passava immancabilmente tutti i pomeriggi.

Si stupirono nel rivederlo cosi presto e lo salutarono animatamente.

«Forza mezze seghe, passatemi la palla!», gridò euforico.

Era felice.

 

 

 

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su