La fantasia non gli era mai mancata, piuttosto era il coraggio a sfuggirgli di mano quando si trattava di passare all’azione. Aveva deciso subito come utilizzare le foto di quello sconosciuto, un ragazzo  all’incirca della sua età, eppure aveva esitato a lungo prima di farlo. Certo, non era una cosa corretta. Ma non vedeva altri modi per schiacciare il tarlo che lo rodeva dentro. E se una sera non si fosse ritrovato un po’ brillo davanti al computer dopo una cena fatta con i suoi compagni di appartamento, forse quell’idea sarebbe rimasta per sempre tale.
Il rimpianto lo aveva inseguito anche là, nella città dove si era trasferito per studiare. Lo aveva capito fin dal primo giorno quando, facendo le pulizie della stanza presa in affitto, aveva scoperto tre foto in un cassetto del comò. Si era affrettato a metterle da parte, tra le pagine di un libro. Nessuno le aveva reclamate e lui nemmeno aveva domandato ai coinquilini più anziani notizie sul ragazzo che vi era raffigurato, tanto diverso da lui fisicamente e negli atteggiamenti. Ne osservava spesso lo sguardo fermo verso l’obiettivo, il sorriso avvolgente, la voglia di vivere che lasciava trasparire, e pensava che non gli sarebbe affatto dispiaciuto essere come lui, o così come se lo immaginava: un tipo che a differenza sua non avrebbe avuto alcuna difficoltà a conoscere Roberta.  
L’aveva vista la prima volta nell’ufficio dove lei lavorava; ci aveva scambiato pure alcune battute allo sportello. Ne aveva letto il nome sul cartellino appuntato sul vestito leggero che indossava; quel nome l’aveva scolpito nella mente, insieme alla gentilezza che sembrava non preconfezionata e al viso luminoso dietro il vetro della sua postazione. L’aveva incrociata per strada alcuni giorni dopo, in compagnia di una collega durante lo struscio della festa patronale che chiudeva l’estate. All’inizio l’aveva notata ma non riconosciuta. Tuttavia la leggera scossa che lo aveva attraversato era stata la stessa. Rallentò fin quasi a fermarsi quando capì chi era, dicendosi che per lui due indizi rappresentavano già una prova. Ed allora si era domandato chi fosse, da dove venisse. Di certo in paese c’era capitata per lavoro. Perché da lì, chi poteva fuggiva via. Giusto il tempo alla sua timidezza di prendere il sopravvento senza colpo ferire, che era dovuto partire diretto all’altro capo della Penisola. Cominciava l’università.
Chiuso nella sua stanza, quella sera il vino bevuto lo rendeva leggero. S’era seduto davanti al computer acceso; pensato: “Roberta…” prima che su Google digitasse la parola Facebook, col ronzio di fondo dello scanner che intanto generava tre files jpeg. Sul monitor comparve l’ home page del sito. Sapeva di trovarla in quel social network: lo aveva verificato in precedenza. Si iscrisse  usando un falso account ed un nome inventato. L’immagine del profilo che inserì fu quella di un  giovane che fissava deciso l’obiettivo. La contattò che era notte fonda e quando si buttò sul letto si addormentò subito. L’indomani lei aveva accettato l’amicizia.
Si sorprese della facilità con la quale le inviò il primo messaggio. Era l’altro ragazzo che scriveva al posto suo, e lui lo lasciava fare. La ringraziava; le diceva di essersi appena iscritto e di averla trovata cercando una sua ex compagna di classe del liceo con un nome simile al suo. 
“Capito” gli aveva risposto lei alcune ore più tardi. Verso sera vide che era collegata. Il tempo di indossare i panni di quello sconosciuto, che le scrisse “Ciao”. 
Ed iniziarono a chattare. 
Dopo i primi convenevoli gli domandò chi era e lui le raccontò una storia piena zeppa di fatti e personaggi inventati. Improvvisava senza alcuna difficoltà, forse perché in fondo era proprio quella la second life che avrebbe desiderato avere. 
“Te che fai di bello?” le domandò alla fine. Roberta gli disse il lavoro che svolgeva e di essere stata costretta a trasferirsi in un paese che definiva utilizzando una di seguita da tre asterischi in mezzo ad una emme ed una a; gli disse che il venerdì era il giorno più bello della settimana perché mollava tutto e ritornava a casa, anche se doveva sorbirsi un lungo viaggio ma che non gliene fregava un caxxo. E gli disse tante altre cose che non le avrebbe mai domandato. Alcuni strafalcioni punteggiavano le sue frasi; spesso tra un messaggio ed un altro lasciava passare un sacco di tempo, tanto che lui si domandava che fine avesse fatto. Poi riprendevano a chattare ed il monologo proseguiva. 
Quando lui provò a spostare di nuovo il discorso su di sé, Roberta lo bloccò per fargli l’elenco delle cose che non sopportava e delle tante virtù che doveva avere un ragazzo per conquistarla, rivendicando la libertà di pensare a se stessa prima che agli altri. 
“… Perché bisogna essere egoisti nella vita per sopravvivere, non trovi?” gli domandò.
 Lui le diede ragione, ma un senso di disagio aveva preso a salirgli dentro silenzioso come la marea. Ad un certo punto Roberta non scrisse più nulla e lui non sapeva quali storie inventarsi per portare avanti la discussione. Si domandò cosa ne fosse della ragazza che lo aveva incantato, seduta dietro lo sportello di un ufficio o camminando per strada tra la folla in un giorno di festa. 
Si era sempre fidato del suo intuito e nonostante tutto voleva ancora dargli credito. Qualcosa non tornava. E se anche lei aveva indossato una maschera per un meccanismo di pura difesa, trovandosi a comunicare con un perfetto sconosciuto? E se quello era l’unico modo che aveva di reagire di fronte a ciò che la vita le aveva negato o sottratto? Concluse che per capirlo avrebbe dovuto conoscerla davvero: parlare con lei guardandola negli occhi, risalire dalle vibrazioni della sua voce a quelle della sua anima. Scosse il capo, mentre il rimpianto si stemperava nel disincanto e le aspettative sbiadivano in un sentimento neutro sempre più distante. Con una scusa la salutò, uscì da Facebook e cancellò quel profilo creato soltanto il giorno prima. 
Dalla cucina dell’appartamento giungevano le voci dei suoi amici che giocavano a carte. Si disconnesse, spense il computer e li raggiunse. In mano aveva tre foto. Disse loro di averle trovate in camera e domandò di chi fossero. Ora, non sapeva cos’altro farne.  



      
Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
11

Insurrezione emotiva

24 September 2020

L’ombra del diavolo si allungava sulle macchie di ginepro, distribuendosi nera e fumante sull’innocenza del paesaggio. Il dolo umano aveva invocato Lucifero. Il capriccio terreno a torto di madre natura; quanta povertà d'animo, quanta bassezza in quelle calunnie che rasentano la brutalità, come [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
8
29

PAURA DI ME

23 September 2020

Ho paura che sappiano come la notte mi intrappola tra le tue ciglia e quanto le tue labbra mi pungano il piacere Non sanno che è lei che ha scelto di amarti l'altra me, all'ombra del suo fuoco nella stanza oscura del non detto Non capirebbero che è cosi che so amare davvero, in [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ..è cosi che so amare davvero....:)

  • Vivi: Grazie Carlo Alberto. Ducapaso amo gli avverbi prepotenti. Patapump è [...]

5
8
27

Il cono

23 September 2020

Avete presente i coni stradali, detti anche coni segnaletici di colore arancione? Ebbene, anni fa mentre stavo passeggiando notai uno di quei birilli sopra il marciapiede, precisamente di fronte a un'abitazione dalla porta rosa confetto. Evidentemente la manovra errata di qualche automobile l'aveva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Sì il maxibon è anche il mio gelato confenzionato preferito hahah [...]

  • Patapump: Non amo la panna...ma sono molto fragile sulla zuppa inglese (una parvenza [...]

3
2
14

Immensità notturna

22 September 2020

Oggi lo so che agli occhi di tutti appaio una scema, colei che appare assai fuori mentre non devo badare chi é totalmente fuourimano. Pian piano tutto tornerà tranquillo e normale, devo ritrovare la forza di superare ciò che vien detto male sotto il pregiudizio paranormale. Sguardo sincero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • ducapaso: Che lavoro difficile volersi bene quando nessun'altro lo fa!

  • Giuseppe Scilipoti: Una bella poesia, singolare e stringente, che riesce a racchiudere tutte le [...]

5
19
32

La collana magica

22 September 2020

In un piccolo paesino viveva una volta un vecchio signore che molto tempo fa aveva espresso un grande desiderio: quello di possedere la magia. La vecchia strega che ascoltava i desideri e i sogni di tutti decise di aiutarlo e di fargli un dono: consegnò al vecchio una collana d’oro. “Ogni qualvolta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: (è la mia personale opinione).........io ritengo che sia più [...]

  • AmorLibre: Mi è piaciuta la tua opinione invece! Il fatto è che io sono [...]

7
7
29

Preferivo allacciarmi le scarpe

21 September 2020

Certo Fra le cose che mi capitano quotidianamente, preferisco allacciarmi le scarpe La sveglia la mattina con urla di metallici dolori mi provoca una forma di repulsione e la mano violentemente sbatte contro quel maledetto tastino che vibra per farlo tacere per sempre Gli scarichi del bagno del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
12
32

Allo Château Mignotteaux

21 September 2020

14 Febbraio, giorno di San Valerio, emh, San Valentino. Da buon innamorato e rispettoso, per non dire obbligato, dalla ricorrenza in questione mi è venuta la brillante idea di portare Francesca, la mia fidanzata, a mangiare fuori nientepopodimeno che allo Château Mignotteaux, presumibilmente il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Carino, ma ci sono rimasta male leggendo tra i commenti che era una storia [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Angelo: un graziessissimo!!! Giusto per rimanere in tema: il genere humour [...]

4
2
16

PER SEMPRE

20 September 2020

Si svegliò verso l'alba. Nelle sue orecchie ancora risuonavano le urla di bambini scalmanati che si rincorrevano per le scale. Porte che sbattevano, tonfi che scuotevano il solaio come bastoni su tamburi africani. Una bolla d'aria si staccò dalla sua bocca, come una parola che volesse uscire da [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Mi é piaciuto davvero molto! Un racconto breve nella quale l’impianto [...]

  • Silvia: Grazie Giuseppe! È un gran piacere leggere questo commento visto che [...]

2
2
14

Choc 1

20 September 2020

Ho avuto uno choc perdendo scioccamente uno cheque e così, inconsciamente, in preda all'angoscia con una sciabola di uno shogun, ho tagliato una sciarpa di uno scienziato di Sciaffusa piuttosto sciatto, vestito con degli shorts in shantung molto chic mentre, su una TV Sharp, guardava il sequel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Oddio ma non è mica facile scrivere tutti questi scioglilingua :O
    Troppo [...]

  • Rara avis: Grazie A. L per aver gradito.. ti dirò che queste supercazzole mi vengono [...]

4
5
20

Con la scusa del caffè

19 September 2020

"Sei testarda come tua madre", mi hai detto tantissime volte. Sapevi di toccare il mio punto dolente, non per ferirmi, ma per incoraggiarmi a non arrendermi. "Tu sai tenere testa alle cose, e se lo vuoi puoi...", poche parole ma dirette le tue. Mi piace immaginare di averti ora qui da me. Bere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
20

Mio cugino Rodolfo

19 September 2020

Nei miei verdi anni, esattamente nel periodo dell'adolescenza, ricordo che c'era un po’ di pudore nell'esporre certe cose, figuriamoci a farle. Ma intendiamoci, noi ragazzi avevamo comunque una mente curiosa e di certo non eravamo bianchi come meloni (frase idiomatica utilizzata dalle mie parti), [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Hai capito il cuginetto. Con la bambola ha superato ogni fantasia...Amazon [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, grazie per il commento. Su Amazon le trovi ma rispetto ad altri [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
10

P-HEC

Incipit di un romanzo che mai finirò

18 September 2020

Mi svegliai lentamente. Nessun dolore, nessuna emozione, nessun acciacco. Il processo di «oggettizzazione» era iniziato da una settimana e solo ora mi rendevo conto con stupefatta lucidità del peso di ciò che li avevo autorizzati a fare. Ancora 7 giorni nel centro P-HEC e mi avrebbero svuotato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su