“Marcello, ti ricordo che domani abbiamo compito in classe, se per favore la smetti con quel computer, mi faresti gradita cortesia!” Non ottenne risposta da Michele, suo compagno di scuola, se non un impercettibile “Umh…”

“Se sapevo che andava a finire cosi, me ne andavo a studiare con Giovanni, a casa sua, guarda che domani non voglio beccarmi un due in matematica per colpa tua” protestò spazientito.

“Ok, dammi altri cinque dannati minuti, tanto sono circa le tre e mezza, abbiamo un mucchio di tempo per studiare” degnandosi seppur brevemente a prestare attenzione a Michele.

Quest’ultimo cominciò a fissarlo con aria interrogativa, si chiedeva cosa stesse cercando su Internet da più di mezz’ora, stando seduto in una scomoda angolazione, non riusciva a scrutare bene, ne lui e ne il suo computer. Aveva poca voglia di alzarsi dalla sedia da scrivania per andare a vedere, e per soddisfare la sua curiosità si limitò a chiederglielo a voce.

“Marcè, sembri molto preso, ma cosa stai cercando come un dannato?”

“Dannato? Che bella idea che mi hai dato…e fa anche rima” gli rispose euforico.

Andò su Youtube e mise il brano “La danza delle streghe” una delle canzoni più conosciute di Gabry Ponte e cominciò a cantare come un forsennato divertendosi a modificarla leggermente.

“Danzano le streghe, danzano le streghe, di Marcello Fonte, Marcello Fonte Marcello Fonte,…”

La canzone e l’euforia di Marcello conquistò anche Michele, che si rilassò e andò a raggiungerlo.

“Bella la canzone, ma non hai risposto alla mia domanda, cosa cavolo stai cercando?”

“Tra una settimana sarà Halloween, e al “Green Lantern” ci sarà una festa a tema, non so come vestirmi e sto su Internet in cerca di un’idea” e con aria titubante seguitò a dire “ Magari da Licantropo? Oppure da Lupo Mannaro? Non voglio un qualcosa di banale”

“Halloween? Quella sorta di carnevale in versione dark? A mio parere qui in Italia l’ho sempre vista come un qualcosa di artificioso e inutile” e scuotendo la testa  “Ma cosa centriamo noi con questa festa celtica? Non siamo mica americani!”

“A parte che non si festeggia solo in America  e poi non capisco dove sta il problema. Sei peggio di mio nonno…” e poggiandogli amichevolmente una mano sul braccio  “Mike sveglia, non esistono solo carretti e pupi siciliani, o la Festa di Sant’Agata di Catania, al “Green Lantern” ci devi venire anche tu”

Io? ma manco morto!”  con espressione non convinta e accompagnata da un cenno di no con il dito.

“Vedi? Stai entrando anche tu nello spirito della festa! L’hai detto proprio adesso: manco morto!” e scoppiò in una fragorosa risata.

Michele fece un sorriso forzato, non gli andava proprio di prestarsi a quella carnevalata.

“Compare ti posso dire una cosa, ma mi prometti che non ti offendi?”

“Marcè, so cosa vuoi dirmi, che sono già un mostro così come sono e che se voglio venire con te, non c’è bisogno ne di costume e ne di trucco.”

L’amico lo squadrò dapprima in maniera divertita per poi assumere un tono serio.

“Brutto? Ma chi tu? Con Gaia, Adriana e Fiorella che ti ronzano attorno?” No, non è questo!”

“E allora…cosa?”

“Penso di essere sempre stato sincero con te, no?”

“Certo che lo sei e su questo non ci piove!” cominciò a preoccuparsi.

Sai cosa dicono gli altri? Che sei retrogrado ed anche antico, guarda che non hanno tutti i torti. Hai mai sentito parlare di globalizzazione?

“Si so cos’è ma non vedo…” con un tono quasi offeso

“Ascolta, la globalizzazione innanzitutto è un processo inarrestabile, e poi trovo sia molto bello condividere le culture, gli usi e i costumi di altri paesi...e soprattutto le feste!”

“Ma cosa cavolo dici? Protestò debolmente.

“Mike, è inutile negarlo, sei rimasto indietro mettiti a pari passo con la società, aggiornati, istruisciti e finalmente evolviti.

 

Dinnanzi a queste parole, Michele restò interdetto ed anche colpito, per poi annuire all’amico con complicità.

“Ok, andiamo a studiare, neanche io voglio prendere un due, spero di aver contribuito a farti pensare diversamente” gli disse sorridendo e con una sonora pacca sulle spalle.

“Marcè, mi permetti di usare il tuo computer? Prepara libri, penne e quaderni, siediti tranquillo, che io intanto…”

“Cosa devi cercare? Un vestito per Halloween? Poi lo facciamo assieme, dai, andiamo a studiare.

“Hai detto che devo adattarmi alla globalizzazione? A parte Halloween comincerei  dare un occhiata al calendario delle feste giapponesi e a studiarmi le tradizioni del Capodanno cinese”  e imitando le parole dette poco prima dall’amico “Tanto sono circa le tre e mezza, abbiamo un mucchio di tempo per studiare”

“Capodanno cinese? feste giapponesi?

“Le cose o si fanno fino in fondo o non si fanno proprio” gli rispose brevemente e digitando come un forsennato sulla tastiera.

“E adesso scusami, in questo momento devo fare una delicata operazione, sono su e-Bay, devo acquistare un dragone di cartapesta e stoffa e siccome siamo ad Ottobre… ho pochi mesi per imparare la Danza del Drago” concluse sarcasticamente.

Marcello lo guardò a lungo con curiosità.

“Cribbio, temo che la globalizzazione l’abbia presa un pò troppo seriamente” pensò sorpreso.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
1
13

La telefonata - 3/3

04 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Il giorno successivo non andò in ufficio. Il suo direttore non vedendolo arrivare si preoccupò, da quando lo conosceva non era mai successo una cosa del genere. Telefonò a casa sua ma il telefono risultava staccato e la cosa lo insospettì ancora di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ...immaginavo ci sarebbe stato il defunto...ciao

16
26
64

Lo specchio della bisnonna

Ricordi d'infanzia

03 July 2020

Quando ero piccolo, ogniqualvolta andavo a trovare la mia bisnonna materna, mi divertivo moltissimo a giocare e a fare monellerie di ogni tipo ma al contempo mi angosciavo poiché ritenevo la sua abitazione per certi versi stregata. Uno dei motivi principali, a parte l'atipica architettura della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Bella monella questa bis...ma penso si divertisse un mondo, probabilmente tornata [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, la bisnonna oltre che monella sapeva come atterrire. :-) Non sono [...]

1
1
14

La telefonata - 2/3

03 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore E per settimane e mesi continuò così in quel modo. Aveva provato anche a staccare il telefono qualche notte, ma fu del tutto inutile, perché ormai era entrato in un circolo vizioso in cui non poteva fare a meno di quegli squilli notturni. Facevano ormai [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
16

I nodi

02 July 2020

Al mondo esistono vari tipi di nodi. Ci sono i nodi semplici, quelli francescani, i cappuccini, i nodi dell'impiccato e quelli inglesi. Poi ci sono i nodi a bocca di lupo, quelli da gancio, i nodi dell'artigliere e i nodi del marinaio. Quest'ultimi sono i più difficili da sciogliere. Infine ci [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
19

La telefonata - 1/2

02 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Fino alla fine non riuscì a comprendere perché quello che accade, accade proprio a lui. Un mistero inspiegabile e un destino beffardo il suo. Perché il fato, il destino o come lo si vuole chiamare, si era impuntato proprio verso di lui? Cosa aveva fatto [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: e qua incuriosisci caro Michele! a domani per svelare l'arcano. Ah...mi [...]

  • U1102: Grazie! ZeroCalcare, ma dai no io sono più bello... ( - : comunque [...]

3
3
16

Capita

01 July 2020

Capita a volte Un colpo di vento che strappa via il tuo ombrello Un gradino non visto ed un tuo tuffo nel nulla La portiera della macchina che trattiene il tuo dito Capita a volte Nuotare al largo e accorgersi che manca il fiato per tornare a riva Cozzare contro un carrello e rovesciare la spesa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Bella, complimenti.. Tutto ha un suo senso infatti 😊

  • Patapump: Grazie ..una buona serata. Mi dicono ci sia Vasco..lui di.poesia ne sa :)

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
13

Il Granchio Reale

01 July 2020

In un affollato ristorante nei caruggi di Genova io e Francesca, la mia fidanzata, ci sediamo nell'unico tavolo libero per ordinare e mangiare pesce. Nell'attesa che ci portano i menù guardo pigramente la vasca dei Granchi Reali di fronte a noi. Noto che l'unico crostaceo rimasto, attraverso le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Oh c.... povero granchio. Ho sentito il vento del mare che arrivava nei caruggi..ciao [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Povero granchio e "povero" me. :D
    Non hai idea di quanta magia [...]

4
2
16

Il pipittunaru

30 June 2020

Oggi non si trova più nessuno a continuare questo mestiere perché i tempi sono cambiati e la globalizzazione, il mercato, porta ogni prodotto nelle tavole dei consumatori a prezzi più ridotti possibile, vuoi per la commercializzazione industriale, vuoi per far arrivare al consumatore un prodotto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Il pipittunaru! Certo che me lo ricordo! Avendo vissuto i miei primi dieci [...]

  • Ilaria: bravo anche se devo ammettere che mi ha colpito molto perché è [...]

5
7
21

L'antidoto umano

30 June 2020

Come un pipistrello nella notte, il Male entrò in picchiata, insinuandosi all'interno della prima vittima. Col tempo il suo veleno si diffuse, infettando milioni, uccidendo migliaia e complicando la vita praticamente a tutti. Le persone si distanziarono per proteggere loro stesse e i loro cari, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
16

La camicia rosa chiaro

30 June 2020

In camicia rosa chiaro ben stirata, un tardo pomeriggio, l'uomo prese il regionale verso casa. Il cinturino nero al polso accompagnava il movimento della mano, sollevata lentamente fino a quando, all’altezza della spalla, mostrò cenni di saluto ai passeggeri con le dita, mentre attraversando il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
6
25

Lacrime dolci

29 June 2020

Piove incessantemente da giorni. Piccole pause tra uno scroscio e l'altro, poi le dolci minuscole ampolle si susseguono senza tregua, rincorrendosi in discesa libera. Mi soffermo a guardarle. Alcune, staccandosi dal cornicione, scivolano sul vetro della finestra che si affaccia sui calanchi. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
14

Cose così

29 June 2020

Camminando senza calze in una contrada della Caledonia in compagnia del mio cocker con un collare in corallo di California e circondato dal canto di un cuculo su un cipresso e da coniglietti che attraversavano campi di corbezzoli, incontrai per caso una contadinella con un curioso cappello color [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su