“Marcello, ti ricordo che domani abbiamo compito in classe, se per favore la smetti con quel computer, mi faresti gradita cortesia!” Non ottenne risposta da Michele, suo compagno di scuola, se non un impercettibile “Umh…”

“Se sapevo che andava a finire cosi, me ne andavo a studiare con Giovanni, a casa sua, guarda che domani non voglio beccarmi un due in matematica per colpa tua” protestò spazientito.

“Ok, dammi altri cinque dannati minuti, tanto sono circa le tre e mezza, abbiamo un mucchio di tempo per studiare” degnandosi seppur brevemente a prestare attenzione a Michele.

Quest’ultimo cominciò a fissarlo con aria interrogativa, si chiedeva cosa stesse cercando su Internet da più di mezz’ora, stando seduto in una scomoda angolazione, non riusciva a scrutare bene, ne lui e ne il suo computer. Aveva poca voglia di alzarsi dalla sedia da scrivania per andare a vedere, e per soddisfare la sua curiosità si limitò a chiederglielo a voce.

“Marcè, sembri molto preso, ma cosa stai cercando come un dannato?”

“Dannato? Che bella idea che mi hai dato…e fa anche rima” gli rispose euforico.

Andò su Youtube e mise il brano “La danza delle streghe” una delle canzoni più conosciute di Gabry Ponte e cominciò a cantare come un forsennato divertendosi a modificarla leggermente.

“Danzano le streghe, danzano le streghe, di Marcello Fonte, Marcello Fonte Marcello Fonte,…”

La canzone e l’euforia di Marcello conquistò anche Michele, che si rilassò e andò a raggiungerlo.

“Bella la canzone, ma non hai risposto alla mia domanda, cosa cavolo stai cercando?”

“Tra una settimana sarà Halloween, e al “Green Lantern” ci sarà una festa a tema, non so come vestirmi e sto su Internet in cerca di un’idea” e con aria titubante seguitò a dire “ Magari da Licantropo? Oppure da Lupo Mannaro? Non voglio un qualcosa di banale”

“Halloween? Quella sorta di carnevale in versione dark? A mio parere qui in Italia l’ho sempre vista come un qualcosa di artificioso e inutile” e scuotendo la testa  “Ma cosa centriamo noi con questa festa celtica? Non siamo mica americani!”

“A parte che non si festeggia solo in America  e poi non capisco dove sta il problema. Sei peggio di mio nonno…” e poggiandogli amichevolmente una mano sul braccio  “Mike sveglia, non esistono solo carretti e pupi siciliani, o la Festa di Sant’Agata di Catania, al “Green Lantern” ci devi venire anche tu”

Io? ma manco morto!”  con espressione non convinta e accompagnata da un cenno di no con il dito.

“Vedi? Stai entrando anche tu nello spirito della festa! L’hai detto proprio adesso: manco morto!” e scoppiò in una fragorosa risata.

Michele fece un sorriso forzato, non gli andava proprio di prestarsi a quella carnevalata.

“Compare ti posso dire una cosa, ma mi prometti che non ti offendi?”

“Marcè, so cosa vuoi dirmi, che sono già un mostro così come sono e che se voglio venire con te, non c’è bisogno ne di costume e ne di trucco.”

L’amico lo squadrò dapprima in maniera divertita per poi assumere un tono serio.

“Brutto? Ma chi tu? Con Gaia, Adriana e Fiorella che ti ronzano attorno?” No, non è questo!”

“E allora…cosa?”

“Penso di essere sempre stato sincero con te, no?”

“Certo che lo sei e su questo non ci piove!” cominciò a preoccuparsi.

Sai cosa dicono gli altri? Che sei retrogrado ed anche antico, guarda che non hanno tutti i torti. Hai mai sentito parlare di globalizzazione?

“Si so cos’è ma non vedo…” con un tono quasi offeso

“Ascolta, la globalizzazione innanzitutto è un processo inarrestabile, e poi trovo sia molto bello condividere le culture, gli usi e i costumi di altri paesi...e soprattutto le feste!”

“Ma cosa cavolo dici? Protestò debolmente.

“Mike, è inutile negarlo, sei rimasto indietro mettiti a pari passo con la società, aggiornati, istruisciti e finalmente evolviti.

 

Dinnanzi a queste parole, Michele restò interdetto ed anche colpito, per poi annuire all’amico con complicità.

“Ok, andiamo a studiare, neanche io voglio prendere un due, spero di aver contribuito a farti pensare diversamente” gli disse sorridendo e con una sonora pacca sulle spalle.

“Marcè, mi permetti di usare il tuo computer? Prepara libri, penne e quaderni, siediti tranquillo, che io intanto…”

“Cosa devi cercare? Un vestito per Halloween? Poi lo facciamo assieme, dai, andiamo a studiare.

“Hai detto che devo adattarmi alla globalizzazione? A parte Halloween comincerei  dare un occhiata al calendario delle feste giapponesi e a studiarmi le tradizioni del Capodanno cinese”  e imitando le parole dette poco prima dall’amico “Tanto sono circa le tre e mezza, abbiamo un mucchio di tempo per studiare”

“Capodanno cinese? feste giapponesi?

“Le cose o si fanno fino in fondo o non si fanno proprio” gli rispose brevemente e digitando come un forsennato sulla tastiera.

“E adesso scusami, in questo momento devo fare una delicata operazione, sono su e-Bay, devo acquistare un dragone di cartapesta e stoffa e siccome siamo ad Ottobre… ho pochi mesi per imparare la Danza del Drago” concluse sarcasticamente.

Marcello lo guardò a lungo con curiosità.

“Cribbio, temo che la globalizzazione l’abbia presa un pò troppo seriamente” pensò sorpreso.

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su