“Marcello, ti ricordo che domani abbiamo compito in classe, se per favore la smetti con quel computer, mi faresti gradita cortesia!” Non ottenne risposta da Michele, suo compagno di scuola, se non un impercettibile “Umh…”

“Se sapevo che andava a finire cosi, me ne andavo a studiare con Giovanni, a casa sua, guarda che domani non voglio beccarmi un due in matematica per colpa tua” protestò spazientito.

“Ok, dammi altri cinque dannati minuti, tanto sono circa le tre e mezza, abbiamo un mucchio di tempo per studiare” degnandosi seppur brevemente a prestare attenzione a Michele.

Quest’ultimo cominciò a fissarlo con aria interrogativa, si chiedeva cosa stesse cercando su Internet da più di mezz’ora, stando seduto in una scomoda angolazione, non riusciva a scrutare bene, ne lui e ne il suo computer. Aveva poca voglia di alzarsi dalla sedia da scrivania per andare a vedere, e per soddisfare la sua curiosità si limitò a chiederglielo a voce.

“Marcè, sembri molto preso, ma cosa stai cercando come un dannato?”

“Dannato? Che bella idea che mi hai dato…e fa anche rima” gli rispose euforico.

Andò su Youtube e mise il brano “La danza delle streghe” una delle canzoni più conosciute di Gabry Ponte e cominciò a cantare come un forsennato divertendosi a modificarla leggermente.

“Danzano le streghe, danzano le streghe, di Marcello Fonte, Marcello Fonte Marcello Fonte,…”

La canzone e l’euforia di Marcello conquistò anche Michele, che si rilassò e andò a raggiungerlo.

“Bella la canzone, ma non hai risposto alla mia domanda, cosa cavolo stai cercando?”

“Tra una settimana sarà Halloween, e al “Green Lantern” ci sarà una festa a tema, non so come vestirmi e sto su Internet in cerca di un’idea” e con aria titubante seguitò a dire “ Magari da Licantropo? Oppure da Lupo Mannaro? Non voglio un qualcosa di banale”

“Halloween? Quella sorta di carnevale in versione dark? A mio parere qui in Italia l’ho sempre vista come un qualcosa di artificioso e inutile” e scuotendo la testa  “Ma cosa centriamo noi con questa festa celtica? Non siamo mica americani!”

“A parte che non si festeggia solo in America  e poi non capisco dove sta il problema. Sei peggio di mio nonno…” e poggiandogli amichevolmente una mano sul braccio  “Mike sveglia, non esistono solo carretti e pupi siciliani, o la Festa di Sant’Agata di Catania, al “Green Lantern” ci devi venire anche tu”

Io? ma manco morto!”  con espressione non convinta e accompagnata da un cenno di no con il dito.

“Vedi? Stai entrando anche tu nello spirito della festa! L’hai detto proprio adesso: manco morto!” e scoppiò in una fragorosa risata.

Michele fece un sorriso forzato, non gli andava proprio di prestarsi a quella carnevalata.

“Compare ti posso dire una cosa, ma mi prometti che non ti offendi?”

“Marcè, so cosa vuoi dirmi, che sono già un mostro così come sono e che se voglio venire con te, non c’è bisogno ne di costume e ne di trucco.”

L’amico lo squadrò dapprima in maniera divertita per poi assumere un tono serio.

“Brutto? Ma chi tu? Con Gaia, Adriana e Fiorella che ti ronzano attorno?” No, non è questo!”

“E allora…cosa?”

“Penso di essere sempre stato sincero con te, no?”

“Certo che lo sei e su questo non ci piove!” cominciò a preoccuparsi.

Sai cosa dicono gli altri? Che sei retrogrado ed anche antico, guarda che non hanno tutti i torti. Hai mai sentito parlare di globalizzazione?

“Si so cos’è ma non vedo…” con un tono quasi offeso

“Ascolta, la globalizzazione innanzitutto è un processo inarrestabile, e poi trovo sia molto bello condividere le culture, gli usi e i costumi di altri paesi...e soprattutto le feste!”

“Ma cosa cavolo dici? Protestò debolmente.

“Mike, è inutile negarlo, sei rimasto indietro mettiti a pari passo con la società, aggiornati, istruisciti e finalmente evolviti.

 

Dinnanzi a queste parole, Michele restò interdetto ed anche colpito, per poi annuire all’amico con complicità.

“Ok, andiamo a studiare, neanche io voglio prendere un due, spero di aver contribuito a farti pensare diversamente” gli disse sorridendo e con una sonora pacca sulle spalle.

“Marcè, mi permetti di usare il tuo computer? Prepara libri, penne e quaderni, siediti tranquillo, che io intanto…”

“Cosa devi cercare? Un vestito per Halloween? Poi lo facciamo assieme, dai, andiamo a studiare.

“Hai detto che devo adattarmi alla globalizzazione? A parte Halloween comincerei  dare un occhiata al calendario delle feste giapponesi e a studiarmi le tradizioni del Capodanno cinese”  e imitando le parole dette poco prima dall’amico “Tanto sono circa le tre e mezza, abbiamo un mucchio di tempo per studiare”

“Capodanno cinese? feste giapponesi?

“Le cose o si fanno fino in fondo o non si fanno proprio” gli rispose brevemente e digitando come un forsennato sulla tastiera.

“E adesso scusami, in questo momento devo fare una delicata operazione, sono su e-Bay, devo acquistare un dragone di cartapesta e stoffa e siccome siamo ad Ottobre… ho pochi mesi per imparare la Danza del Drago” concluse sarcasticamente.

Marcello lo guardò a lungo con curiosità.

“Cribbio, temo che la globalizzazione l’abbia presa un pò troppo seriamente” pensò sorpreso.

1
1
4

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su