Ho l’animo inquieto e in tumulto, non riesco a dormire, anzi a dire la verità sono già parecchie notti che avverto queste sensazioni. I pensieri mi attaccano in tutte le maniere possibili dichiarandomi guerra, non voglio alzare bandiera bianca, non voglio essere loro prigioniero. Questi “invasori” devono essere cacciati via.

Mi alzo dal letto, vado sul balcone e mi affaccio sulla ringhiera poiché sento il bisogno di una boccata d’aria.

Ho sempre odiato l’estate ma non le sere e le notti di questa calda stagione, che hanno pur sempre una loro poesia, una loro atmosfera.

Ogni cosa che osservo mi appare così nitida e così meravigliosa.

Persino i profumi delle mie piante sembrano più intensi e pungenti, in particolar modo il vaso di menta che stasera è più inebriante che mai, tanto da sentirne anche una freschezza prorompente.

C’è un panorama suggestivo da quassù, abitare al quarto piano ha i suoi vantaggi; ho la fortuna di ammirare il mare da una parte e le montagne da un’altra, ed è positivo anche il fatto di abitare vicino all’aeroporto riuscendo a vedere gli aerei che atterrano, decollano e volano.

Proprio adesso ne riesco a scorgere uno, con le sue luci intermittenti, chissà dov'è diretto? Provo a immaginare luoghi esotici e lontani, come la Polinesia oppure la Giamaica, con le loro spiagge e i loro mari da Paradiso.

Che gran voglia di partire e cambiare vita. Il coraggio non mi manca ma è la paura che mi frega.

Ah, già, dimenticavo che a parte questo, senza il Dio Denaro i posti che ho appena immaginato, se si dice che sono da sogno, nel mio caso restano ahimè da sogno.   

Oh no, Un altro cattivo pensiero prova a insinuarsi! Cribbio, devo cercare di non torturarmi più.

Alzo lo sguardo e mi accorgo con stupore di quanto questa notte il cielo appare particolarmente stellato. Che spettacolo!

Spesso non ci rendiamo conto di quanto siamo distratti dinnanzi a queste meraviglie del creato, eppure una volta, moltissimi anni fa, le stelle rappresentavo per il sottoscritto un qualcosa di unico .

La mia mente ritorna a quando ero bambino, mi affacciavo alla finestra e parlavo con esse, le consideravo le mie più care amiche, dove confidavo e raccontavo a loro le mie giornate, i miei segreti, i miei dubbi, le mie speranze e i miei desideri.

Sembrava come se riuscissero a capirmi, donandomi sempre un qualcosa che mi è impossibile spiegare a parole, infatti tornavo a letto satollo e felice, addormentandomi serenamente e i bei sogni non mancavano.

Poi, appena iniziato il periodo dell’adolescenza, i nostri “incontri” andarono ahimè sempre di più a diradarsi, mi avviavo a crescere e di conseguenza questo legame andò inesorabilmente a spezzarsi e adesso che sono un adulto, pensandoci su, non nascondo che mi sento un po’ come averle tradite. 

 

Rievocando questi teneri ricordi, i miei occhi cominciano a lacrimare, penso a quel periodo ovvero di come avevo una visione innocente, disincantata e soprattutto magica della vita.

Sono passati più di vent’anni, sono ancora li, più belle che mai. Resto a fissarle, come ipnotizzato. Altre lacrime rigano il mio volto, alcune stelle sembrano illuminarsi più di tutte, come per farsi accorgere della loro presenza.  

Come ai vecchi tempi, vorrei sfogarmi come un fiume in piena invece dalla mia bocca escono solo queste parole:

“A voi stelle che da sempre vegliate e custodite i miei sogni, fate si che non scompaiono nel buio della notte o muoiono alle prime luci dell’alba e che diventino un giorno realtà, fate anche si che come un leggero soffio di vento allontanate il più possibile ogni incertezza e ogni amarezza.

Buonanotte amiche mie e perdonatemi se mi sono separato da voi per tutti questi anni.”

 

Una bella sensazione invade il mio corpo, decido di tornare a letto,  abbraccio il mio cuscino e il sonno finalmente mi cattura ed anche piacevolmente.

Apro gli occhi, è già mattina, i primi deboli raggi del sole filtrano nella mia camera e mi caricano d'energia nuova.

Non mi svegliavo di cosi buon umore e di cosi tanta positività da moltissimo tempo. Che la boccata d’aria di ieri sera mi abbia fatto bene?  Immagino anche questo.

Grazie amiche stelle, nel profondo del mio cuore mi piacerebbe credere che siate state voi.

1
1
8

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
6

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
10

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
5
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Camillina: Adesso mancano i murale ecologici come quello dipinto su una facciata di Roma. [...]

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

1
2
8

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
14

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
12

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

Torna su