Ho l’animo inquieto e in tumulto, non riesco a dormire, anzi a dire la verità sono già parecchie notti che avverto queste sensazioni. I pensieri mi attaccano in tutte le maniere possibili dichiarandomi guerra, non voglio alzare bandiera bianca, non voglio essere loro prigioniero. Questi “invasori” devono essere cacciati via.

Mi alzo dal letto, vado sul balcone e mi affaccio sulla ringhiera poiché sento il bisogno di una boccata d’aria.

Ho sempre odiato l’estate ma non le sere e le notti di questa calda stagione, che hanno pur sempre una loro poesia, una loro atmosfera.

Ogni cosa che osservo mi appare così nitida e così meravigliosa.

Persino i profumi delle mie piante sembrano più intensi e pungenti, in particolar modo il vaso di menta che stasera è più inebriante che mai, tanto da sentirne anche una freschezza prorompente.

C’è un panorama suggestivo da quassù, abitare al quarto piano ha i suoi vantaggi; ho la fortuna di ammirare il mare da una parte e le montagne da un’altra, ed è positivo anche il fatto di abitare vicino all’aeroporto riuscendo a vedere gli aerei che atterrano, decollano e volano.

Proprio adesso ne riesco a scorgere uno, con le sue luci intermittenti, chissà dov'è diretto? Provo a immaginare luoghi esotici e lontani, come la Polinesia oppure la Giamaica, con le loro spiagge e i loro mari da Paradiso.

Che gran voglia di partire e cambiare vita. Il coraggio non mi manca ma è la paura che mi frega.

Ah, già, dimenticavo che a parte questo, senza il Dio Denaro i posti che ho appena immaginato, se si dice che sono da sogno, nel mio caso restano ahimè da sogno.   

Oh no, Un altro cattivo pensiero prova a insinuarsi! Cribbio, devo cercare di non torturarmi più.

Alzo lo sguardo e mi accorgo con stupore di quanto questa notte il cielo appare particolarmente stellato. Che spettacolo!

Spesso non ci rendiamo conto di quanto siamo distratti dinnanzi a queste meraviglie del creato, eppure una volta, moltissimi anni fa, le stelle rappresentavo per il sottoscritto un qualcosa di unico .

La mia mente ritorna a quando ero bambino, mi affacciavo alla finestra e parlavo con esse, le consideravo le mie più care amiche, dove confidavo e raccontavo a loro le mie giornate, i miei segreti, i miei dubbi, le mie speranze e i miei desideri.

Sembrava come se riuscissero a capirmi, donandomi sempre un qualcosa che mi è impossibile spiegare a parole, infatti tornavo a letto satollo e felice, addormentandomi serenamente e i bei sogni non mancavano.

Poi, appena iniziato il periodo dell’adolescenza, i nostri “incontri” andarono ahimè sempre di più a diradarsi, mi avviavo a crescere e di conseguenza questo legame andò inesorabilmente a spezzarsi e adesso che sono un adulto, pensandoci su, non nascondo che mi sento un po’ come averle tradite. 

 

Rievocando questi teneri ricordi, i miei occhi cominciano a lacrimare, penso a quel periodo ovvero di come avevo una visione innocente, disincantata e soprattutto magica della vita.

Sono passati più di vent’anni, sono ancora li, più belle che mai. Resto a fissarle, come ipnotizzato. Altre lacrime rigano il mio volto, alcune stelle sembrano illuminarsi più di tutte, come per farsi accorgere della loro presenza.  

Come ai vecchi tempi, vorrei sfogarmi come un fiume in piena invece dalla mia bocca escono solo queste parole:

“A voi stelle che da sempre vegliate e custodite i miei sogni, fate si che non scompaiono nel buio della notte o muoiono alle prime luci dell’alba e che diventino un giorno realtà, fate anche si che come un leggero soffio di vento allontanate il più possibile ogni incertezza e ogni amarezza.

Buonanotte amiche mie e perdonatemi se mi sono separato da voi per tutti questi anni.”

 

Una bella sensazione invade il mio corpo, decido di tornare a letto,  abbraccio il mio cuscino e il sonno finalmente mi cattura ed anche piacevolmente.

Apro gli occhi, è già mattina, i primi deboli raggi del sole filtrano nella mia camera e mi caricano d'energia nuova.

Non mi svegliavo di cosi buon umore e di cosi tanta positività da moltissimo tempo. Che la boccata d’aria di ieri sera mi abbia fatto bene?  Immagino anche questo.

Grazie amiche stelle, nel profondo del mio cuore mi piacerebbe credere che siate state voi.

1
1
4

CSInstagram

27 January 2020

Era ora di mettersi al lavoro. La ragazza sfoderò il suo cellulare. Per un attimo la cover metallizzata incontrò un raggio di sole e un forte riflesso ne scaturì. Ricordava proprio un guerriero che estraeva la spada dal fodero pronto a combattere i suoi nemici. Il ragazzo che aveva adocchiato si [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
2
6

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
10

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Speravo ti piacesse. sopratutto per come te e me si ama la cinematografia. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Guarda, l'ho letto dopo la mezzanotte e non ho aspettato l'indomani [...]

10
19
69

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
16

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
18

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
14
68

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: ammazza Giuseppe..argomento tosto e sempre in essere ,,purtroppo. scena molto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, quanto hai letto è forse lo scritto più serioso [...]

1
0
19

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su