Non aveva voglia di studiare quel giorno. I raggi di sole colpivano la sua finestra, entravano nella sua stanza portando con sé tutto il profumo di un giorno di maggio. Sua madre non c’era, ma sapeva di averlo lasciato a fare i compiti prima e poi magari fuori a giocare con i compagni. Ma lui non ne voleva proprio sapere. Aprì la finestra per lasciar entrare l’aria calda e il profumo del mare. Quel mare poco distante da casa sua, e che vedeva dalla finestra. Chiuse il libro e i quaderni. Rimase seduto per un tempo imprecisato a fissare, davanti a se, la finestra aperta e tutta la meraviglia fuori. Ogni tanto inspirava profondamente fino a riempire i polmoni perché pensava che, così facendo, il mare si avvicinasse sempre di più a lui, come risucchiato da una forza invisibile. Sentiva il sale nelle narici, le alghe tra i capelli, i pesci nuotargli attorno e l’ammaliante canto delle sirene, la forza delle onde.. Assorto, in contemplazione, non sentì subito il fischio che veniva da fuori, pur conoscendolo bene. Poi all’improvviso tornò in sé e realizzò all’istante che il suo miglior amico lo stava chiamando, fischiando sotto la sua finestra. Corse subito ad affacciarsi, come se non aspettava altro. “Ciao – gli disse – come mai da queste parti, non fai i compiti?”  “ Non ho voglia di studiare e tu?” rispose l’amico. Cercò di nascondere la gioia che gli saliva dentro, e distogliendo lo sguardo, per timore di essere scoperto, rispose, mentendo, che stava studiando un po’ e che poteva comunque rimandare. “Andiamo sulla spiaggia, non c’è nessuno a quest’ora, vediamo chi di noi due è più fortunato a trovare una stella marina, ti va?” Eccome se gli andava! Qualche istante dopo erano già a caccia di stelle, anche se non se ne vedevano proprio. Indossavano entrambi maglietta e pantaloncini corti. Faceva caldo, ma un caldo giusto, non eccessivo essendo maggio. Trovarono un grande tronco d’albero posato a riva da qualche passata mareggiata. Fecero una sosta sedendoci sopra. Il suo compagno, in silenzio, fissava l’orizzonte mentre lui, alle sue spalle, gli guardava i capelli, folti e neri, appena mossi da una lieve brezza, e la nuca e poi il collo, le spalle larghe e robuste. Lui invece, in confronto, era più magro, ma anche più fragile. Frequentavano la stessa scuola e allo stesso anno, l’ultimo della scuola dell’obbligo. “Non vedi qualcosa laggiù?” – disse il suo amico voltandosi e puntando con il braccio dritto verso l’orizzonte. “Non mi pare.. no, non vedo nulla” – gli rispose. “Quella macchia scura, posata sull’acqua, là, guarda bene” – L’unica macchia scura che vedeva era quella davanti a se.. “Non vedo nulla. O quasi non so… forse è una nuvola” – gli disse senza esserne troppo convinto. “Perché non ci tuffiamo e andiamo a vedere?” – aggiunse il suo amico con aria quasi di sfida e un sorriso meravigliato. Come poteva dirgli di no? Sentiva per lui grande affetto. Si conoscevano fin da piccoli abitando a pochi metri di distanza, e da sempre il suo miglior amico. “Okay, se vuoi, tuffiamoci” – rispose. Si tolsero maglietta e pantaloncini rimanendo in mutande. Tutti e due, seppur uno di fronte all’altro, guardavano in direzioni diverse, evitavano di incrociarsi negli occhi, provando un po’ d’imbarazzo. Poi il suo amico si tolse anche le mutande, coprendosi con le mani i genitali e ridendo con gioia. “Non abbiamo il costume da bagno” – gli disse continuando a ridere. “Ti tuffi in mutande?” – aggiunse. Si sentiva sprofondare nella sabbia. Il suo cuore batteva forte. Aveva davanti a se il suo miglior amico nudo, allegro, coraggioso, pronto a tuffarsi, mentre lui non reggeva lo sguardo e non aveva il coraggio di togliersi le mutande. Ma alla fine, come sempre, cedette al suo amico e con grande imbarazzo si denudò del tutto e si tuffò in fretta e per primo in acqua, arrossendo dalla vergogna, seguito subito dopo dal compagno. Cominciarono a nuotare prendendo via via il largo. Ogni tanto si girava per vedere la riva sempre più lontana, mentre l’amico tirava dritto, deciso e senza paura come un siluro. Nuotavano bene fin da piccoli e il mare era sempre stato per loro un immenso luogo dove giocare. Ma cominciava a stancarsi. Sentiva la fatica alle braccia, alle gambe, e guardandosi alle spalle vide che adesso era la riva l’orizzonte, tanto si erano allontanati. “Hei! Hei!” urlò all’amico, che si trovava a pochi metri davanti a lui. “Sono stanco, facciamo una pausa” – Si fermarono, rimanendo a galla ansimando profondamente. “Sei già stanco” – disse l’amico. “Beh, nuotiamo da quasi un’ora, non so se te ne sei accorto, e poi ho dolore alle gambe, non vorrei mi venisse un crampo.” – “Rilassati, sta tranquillo, siamo quasi arrivati” – gli rispose l’amico. “Arrivati dove?” – “Non vedi niente? Com’è possibile?! Là, guarda! Eppure è grande e grossa, cazzo! Te lo avevo detto che si vedeva qualcosa prima, sulla spiaggia, altro che nuvola!” – Sembrava incredibile... (prima parte)

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
1
13

La telefonata - 3/3

04 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Il giorno successivo non andò in ufficio. Il suo direttore non vedendolo arrivare si preoccupò, da quando lo conosceva non era mai successo una cosa del genere. Telefonò a casa sua ma il telefono risultava staccato e la cosa lo insospettì ancora di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ...immaginavo ci sarebbe stato il defunto...ciao

16
26
64

Lo specchio della bisnonna

Ricordi d'infanzia

03 July 2020

Quando ero piccolo, ogniqualvolta andavo a trovare la mia bisnonna materna, mi divertivo moltissimo a giocare e a fare monellerie di ogni tipo ma al contempo mi angosciavo poiché ritenevo la sua abitazione per certi versi stregata. Uno dei motivi principali, a parte l'atipica architettura della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Bella monella questa bis...ma penso si divertisse un mondo, probabilmente tornata [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, la bisnonna oltre che monella sapeva come atterrire. :-) Non sono [...]

1
1
14

La telefonata - 2/3

03 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore E per settimane e mesi continuò così in quel modo. Aveva provato anche a staccare il telefono qualche notte, ma fu del tutto inutile, perché ormai era entrato in un circolo vizioso in cui non poteva fare a meno di quegli squilli notturni. Facevano ormai [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
14

I nodi

02 July 2020

Al mondo esistono vari tipi di nodi. Ci sono i nodi semplici, quelli francescani, i cappuccini, i nodi dell'impiccato e quelli inglesi. Poi ci sono i nodi a bocca di lupo, quelli da gancio, i nodi dell'artigliere e i nodi del marinaio. Quest'ultimi sono i più difficili da sciogliere. Infine ci [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
19

La telefonata - 1/2

02 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Fino alla fine non riuscì a comprendere perché quello che accade, accade proprio a lui. Un mistero inspiegabile e un destino beffardo il suo. Perché il fato, il destino o come lo si vuole chiamare, si era impuntato proprio verso di lui? Cosa aveva fatto [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: e qua incuriosisci caro Michele! a domani per svelare l'arcano. Ah...mi [...]

  • U1102: Grazie! ZeroCalcare, ma dai no io sono più bello... ( - : comunque [...]

3
3
16

Capita

01 July 2020

Capita a volte Un colpo di vento che strappa via il tuo ombrello Un gradino non visto ed un tuo tuffo nel nulla La portiera della macchina che trattiene il tuo dito Capita a volte Nuotare al largo e accorgersi che manca il fiato per tornare a riva Cozzare contro un carrello e rovesciare la spesa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Bella, complimenti.. Tutto ha un suo senso infatti 😊

  • Patapump: Grazie ..una buona serata. Mi dicono ci sia Vasco..lui di.poesia ne sa :)

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
13

Il Granchio Reale

01 July 2020

In un affollato ristorante nei caruggi di Genova io e Francesca, la mia fidanzata, ci sediamo nell'unico tavolo libero per ordinare e mangiare pesce. Nell'attesa che ci portano i menù guardo pigramente la vasca dei Granchi Reali di fronte a noi. Noto che l'unico crostaceo rimasto, attraverso le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Oh c.... povero granchio. Ho sentito il vento del mare che arrivava nei caruggi..ciao [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Povero granchio e "povero" me. :D
    Non hai idea di quanta magia [...]

4
2
16

Il pipittunaru

30 June 2020

Oggi non si trova più nessuno a continuare questo mestiere perché i tempi sono cambiati e la globalizzazione, il mercato, porta ogni prodotto nelle tavole dei consumatori a prezzi più ridotti possibile, vuoi per la commercializzazione industriale, vuoi per far arrivare al consumatore un prodotto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Il pipittunaru! Certo che me lo ricordo! Avendo vissuto i miei primi dieci [...]

  • Ilaria: bravo anche se devo ammettere che mi ha colpito molto perché è [...]

5
7
21

L'antidoto umano

30 June 2020

Come un pipistrello nella notte, il Male entrò in picchiata, insinuandosi all'interno della prima vittima. Col tempo il suo veleno si diffuse, infettando milioni, uccidendo migliaia e complicando la vita praticamente a tutti. Le persone si distanziarono per proteggere loro stesse e i loro cari, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
16

La camicia rosa chiaro

30 June 2020

In camicia rosa chiaro ben stirata, un tardo pomeriggio, l'uomo prese il regionale verso casa. Il cinturino nero al polso accompagnava il movimento della mano, sollevata lentamente fino a quando, all’altezza della spalla, mostrò cenni di saluto ai passeggeri con le dita, mentre attraversando il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
6
25

Lacrime dolci

29 June 2020

Piove incessantemente da giorni. Piccole pause tra uno scroscio e l'altro, poi le dolci minuscole ampolle si susseguono senza tregua, rincorrendosi in discesa libera. Mi soffermo a guardarle. Alcune, staccandosi dal cornicione, scivolano sul vetro della finestra che si affaccia sui calanchi. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
14

Cose così

29 June 2020

Camminando senza calze in una contrada della Caledonia in compagnia del mio cocker con un collare in corallo di California e circondato dal canto di un cuculo su un cipresso e da coniglietti che attraversavano campi di corbezzoli, incontrai per caso una contadinella con un curioso cappello color [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su