Il Segno Del Leone.

 

Aveva un vero problema. È venuto dal suo amico e ha detto: "Non ho un lavoro. Ne ho un disperato bisogno". Entrambi iniziarono a cercargli un lavoro.

In un modo o nell'altro, hanno trovato una formazione, una formazione di agente di pubblica sicurezza.

Che tipo di lavoro fosse, era difficile dirlo. Bene, ha deciso di controllare durante l'allenamento.

La formazione è stata molto semplice, come logica: alcune cose generali su come mantenere le cose e i clienti al sicuro. E il titolo suonava carino: un agente di pubblica sicurezza, come un militare.

E, hanno anche distribuito loro un'uniforme, una camicia nera, una cravatta nera, pantaloni neri, una cintura di finta pelle, anche nera, scarpe, manette e una vera custodia. una lanterna, chiavi per le manette. Era promettente, ha detto, aveva voglia di avere potere. Vero potere. Potresti arrestare, fermare, denunciare, fermare qualsiasi macchina...

Ma dovevi anche aiutare i clienti, che erano diversi, di religioni, credenze, culture diverse e con un diverso livello di tolleranza, educazione e cordialità.

Beh, gli è stato dato un lavoro. Un turno di notte, dalle 12:00 alle 8:00, con 2 giorni liberi. Molto romantico! Non aveva mai provato niente del genere prima.

Un'avventura.

Così, giorno dopo giorno, si stava abituando a tutti i tipi di pazienti: sofferenti, in sedia a rotelle, con bastoni, vomitanti, sotto l'influenza, con imprecazioni, molto intelligenti, strani o addirittura pazzi. Giovani e vecchi, ricchi e poveri, credenti e atei...

Come sempre, c'erano uomini e donne carini, altri meno carini, e gli altri- semplicemente odianti. Umani.

Gli alberi e i cespugli curvi, i fiori, erano meno naturali all'ingresso dell'ospedale e, quando ti stanchi e ti assonnati, i bambù e le fontane interne sembravano essere parti della giungla, da cui ogni volta poteva uscire un animale feroce e arrabbiato , come alcuni umani, animale con l'unica differenza, che non poteva parlare e poteva farti del male in qualsiasi momento, dato che doveva essere molto affamato.

Le pattuglie tra i lunghi corridoi, controllando ogni singola serratura e porta, ti rendevano un fantasma, ed eri sicuro che qualcuno ti seguisse tutto il tempo. Le opere d'arte appese alle pareti provocavano prurito.

C'erano dei bei pavimenti, come quelli delle sale parto e dei reparti infantili. Ogni volta si trovavano nuovi neonati, piccoli e grandi, di tutti i colori, con una sola caratteristica comune: tutti volevano dormire.

Alcuni piangevano addestrando i loro nuovi polmoni. Con i braccialetti con i nomi, chi era chi e di chi. Come una piccola fabbrica di bambini.

La stanza del pronto soccorso era meno interessante: dovevi vedere, notare, aiutare, portare, scrivere, citofonare, aprire la porta a credenti speciali, che non potevano toccare nulla durante le loro feste, informare, chiamare, eccetera.

L'interno del pronto soccorso era interessante, ma spaventoso: c'erano molti nuovi arrivati, giovani e vecchi, che urlavano, imprecavano, battevano i pugni contro le pareti; alcuni molto alti e forti, e dovevi accompagnarli in altre stanze, molto spesso , tu da solo. Faceva paura. Si potrebbe pensare, e se quell'uomo alto si voltasse e ti colpisse?

C'era una volta un giovane, molto giovane e bello, ma così irrequieto, che si muoveva nella sala di osservazione, come uno scoiattolo. E il mio amico non aveva il permesso di lasciarlo uscire da quella piccola stanza, e quel giovane pazzo stava cercando di andarsene circa venti o venticinque volte... Indossava solo mutande, nient'altro. Niente calzini, niente scarpe, niente camicia o maglietta, solo quasi nudo, e il mio amico aveva paura di che quel ragazzo avrebbe voluto strapparsi anche la biancheria intima. Dio, era così spaventato!

Quando il mio amico doveva essere all'ingresso, doveva muoversi di più: macchine, tassi`, visitatori, brevi conversazioni con le infermiere... Brave infermiere, dovrei presumere (a giudicare dalla descrizione del mio amico). Gente piacevole. Brevi conversazioni e una sigaretta insieme. Quando era lì, e, assonnato, il mio amico ha dovuto fare degli esercizi, alzando le gambe e le mani per ottenere una migliore circolazione del sangue e per non addormentarsi.

Una volta, c'era un addestramento, un addestramento con bombe. Uno serio. Gli ufficiali hanno dovuto controllare ogni centimetro e hanno trovato una valigia marrone, e nessuno sapeva di chi fosse e cosa ci fosse dentro.

Un giovane ufficiale ha detto che, se fosse vero, lascerebbe semplicemente tutti i suoi documenti d'identità, il Perc e $ 10,00 sul tavolo del suo superiore, e scapperebbe per sempre: la vita è più importante del loro lavoro!

Bene, sono passati sei mesi, il lavoro è diventato meno interessante, e il mio amico ha deciso di trasferirsi in un altro ospedale.

Il primo livello dei Cavalieri del Leone è stato completato.

Il secondo era Sotto il Segno della Pantera.

 

Ivan Petryshyn

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Tutti i racconti

0
0
1

Cosa cerca un uomo in una donna? ed una donna in un uomo?

Quando la natura inganna

23 July 2024

Io che vivo al centro di Napoli, nel quartiere Sanità, (di fronte al palazzo dello Spagnuolo), un quartiere ricco di storia, con i suoi palazzi architettonici, le sue chiese patrizie. Pochi metri per raggiungere la casa natale di Totò, passando per il palazzo di Sant'Alfonso Maria dei Liguori, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
2

Il giorno più felice di sempre

23 July 2024

«Sarà possibile votare dalle 10 alle 13. Potete recarvi presso un terminale di comunicazione, inserire nell'apposita fessura il tesserino di identificazione e poggiare sullo schermo l’indice della mano sinistra. Una volta che sarete autenticati, potrete esprimere la vostra preferenza». L’annuncio [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
21

Il ritrovamento

22 July 2024

Erano passate molte ore oramai da quando l’aveva trovato. Aveva girato per tutto il paese in cerca del proprietario, era entrata in diversi negozi, alcuni giá con le saracinesche mezze chiuse, ed aveva chiesto di chi fosse, se qualcuno per caso lo avesse smarrito. Ma niente. Nessuno lo aveva perso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Ecate: grazie a voi per la positiva accoglienza :-)

  • PRFF: Complimenti!
    Bello, ben scritto, ritmato ,lieve nel tono ma profondo nel [...]

0
1
17

Le Avventure di Lone Gun e Milady

Stagione 1 - Parte 2/4

22 July 2024

EPISODIO 4 Il Capitano non sospetta affatto che sulla sua nave ho un alleato. È ora di incassare il credito. “Re Xander non avrà mai il piacere di essere in mia presenza” sussurro per innervosirlo. “Gettatelo in una cella!” urla infatti alla scorta militare. * EPISODIO 5 Inutile tentare qualcosa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • An Old Luca: Ottimo.
    La tensione regge e l'interesse cresce.
    In attesa del prossimo [...]

2
3
13

Quando senti di essere innamorato

Emozioni e passione

21 July 2024

Che cosa bella quando senti di essere innamorato! Quando comprendi che la donna incontrata è parte di te. Della tua vita, del tuo corpo, del tuo spirito, dei tuoi desideri, delle tue passioni, dei tuoi pensieri, del tuo voler vivere per lei. Quando avverti che le emozioni che ti suscita il pensarla, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • PRFF: il coraggio di emozionarsi ancora dinanzi al
    Kaos in subbuglio da cui emergono [...]

  • Adribel: Gennarino, grazie per queste pillole di romanticismo.

3
2
15

Smartelling

Definizione

21 July 2024

“forma di scrittura - prosa o poesia - concepita in funzione dello smartphone” (per la serie “Neologismi in pectore”)

Tempo di lettura: 30 secondi

3
2
8

Haiku

20 July 2024

la fresca estate - quei refoli salmastri sollevano onde Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

0
2
18

Petardo

20 July 2024

In questi giorni ricordiamo un amico morto a febbraio 2022. Per noi era Petardo, il più vecchio, all'anagrafe Claudio T. Classe 1956. Non aveva mai lavorato Petardo, si occupava con ingegno di curare i beni, mobili e immobili che la defunta madre, ricchissima, gli aveva lasciato in eredità. Del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Ti leggo sporadicamente, non sei male, per i mei gusti c'e' della qualita', [...]

  • Ecate: mi é piaciuto! Petardo potrebbe benissimo essere un personaggio pirandelliano. [...]

0
0
6

In volo con le rondini verso l'Africa - 2/2

20 July 2024

Facemmo un lungo viaggio, dalla Campania alla Sicilia, insieme ad altre rondini. Arrivati in riva al mare ci riposammo per un giorno intero, perché il giorno dopo avremmo dovuto attraversare il mare, un volo senza sosta. Partimmo di mattina presto e, dopo aver volato a lungo senza riposarci un [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
13

Ricordi della mente e del cuore

Ricordare per rivivere.

19 July 2024

A me piace ricordare e raccontare- Sfogliare nella biblioteca della memoria quante più pagine possibili per poter rivivere momenti che mi stanno a cuore. Attimi di gioia. Periodi tristi, che se sia pur spiacevoli, ti hanno fatto crescere e maturare. Rovistare tra oggetti di grande valore affettivo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • An Old Luca: I giovani li ho sul cuore.
    Vittime delle generazioni precedenti che
    - [...]

  • Adribel: Che belle riflessioni, e che bei tempi quelli andati. Grazie per quello che [...]

6
4
23

Il fotografo

19 July 2024

All'improvviso, l'ignaro soggetto dai lunghi capelli rossi come il melograno, nel mentre cammina sorridendo con le braccia alzate verso il cielo tramontante, si ritrova in una posa non voluta. È il momento perfetto per il click di una Polaroid da cui seguirà la magia di uno scatto. Il timido fotografo, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
9

In volo con le rondini verso l'Africa - 1/2

19 July 2024

Mi chiamo Olindo e la storia che sto per raccontarvi ha dell’incredibile, ma l’ho vissuta per davvero, ed è stata l’esperienza più bella della mia vita. Avevo compiuto otto anni da pochi mesi, non so come accadde, ma il fatto è che un bel giorno mi ritrovai magicamente a vivere nel corpo di una [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su