Il Segno Del Leone.

 

Aveva un vero problema. È venuto dal suo amico e ha detto: "Non ho un lavoro. Ne ho un disperato bisogno". Entrambi iniziarono a cercargli un lavoro.

In un modo o nell'altro, hanno trovato una formazione, una formazione di agente di pubblica sicurezza.

Che tipo di lavoro fosse, era difficile dirlo. Bene, ha deciso di controllare durante l'allenamento.

La formazione è stata molto semplice, come logica: alcune cose generali su come mantenere le cose e i clienti al sicuro. E il titolo suonava carino: un agente di pubblica sicurezza, come un militare.

E, hanno anche distribuito loro un'uniforme, una camicia nera, una cravatta nera, pantaloni neri, una cintura di finta pelle, anche nera, scarpe, manette e una vera custodia. una lanterna, chiavi per le manette. Era promettente, ha detto, aveva voglia di avere potere. Vero potere. Potresti arrestare, fermare, denunciare, fermare qualsiasi macchina...

Ma dovevi anche aiutare i clienti, che erano diversi, di religioni, credenze, culture diverse e con un diverso livello di tolleranza, educazione e cordialità.

Beh, gli è stato dato un lavoro. Un turno di notte, dalle 12:00 alle 8:00, con 2 giorni liberi. Molto romantico! Non aveva mai provato niente del genere prima.

Un'avventura.

Così, giorno dopo giorno, si stava abituando a tutti i tipi di pazienti: sofferenti, in sedia a rotelle, con bastoni, vomitanti, sotto l'influenza, con imprecazioni, molto intelligenti, strani o addirittura pazzi. Giovani e vecchi, ricchi e poveri, credenti e atei...

Come sempre, c'erano uomini e donne carini, altri meno carini, e gli altri- semplicemente odianti. Umani.

Gli alberi e i cespugli curvi, i fiori, erano meno naturali all'ingresso dell'ospedale e, quando ti stanchi e ti assonnati, i bambù e le fontane interne sembravano essere parti della giungla, da cui ogni volta poteva uscire un animale feroce e arrabbiato , come alcuni umani, animale con l'unica differenza, che non poteva parlare e poteva farti del male in qualsiasi momento, dato che doveva essere molto affamato.

Le pattuglie tra i lunghi corridoi, controllando ogni singola serratura e porta, ti rendevano un fantasma, ed eri sicuro che qualcuno ti seguisse tutto il tempo. Le opere d'arte appese alle pareti provocavano prurito.

C'erano dei bei pavimenti, come quelli delle sale parto e dei reparti infantili. Ogni volta si trovavano nuovi neonati, piccoli e grandi, di tutti i colori, con una sola caratteristica comune: tutti volevano dormire.

Alcuni piangevano addestrando i loro nuovi polmoni. Con i braccialetti con i nomi, chi era chi e di chi. Come una piccola fabbrica di bambini.

La stanza del pronto soccorso era meno interessante: dovevi vedere, notare, aiutare, portare, scrivere, citofonare, aprire la porta a credenti speciali, che non potevano toccare nulla durante le loro feste, informare, chiamare, eccetera.

L'interno del pronto soccorso era interessante, ma spaventoso: c'erano molti nuovi arrivati, giovani e vecchi, che urlavano, imprecavano, battevano i pugni contro le pareti; alcuni molto alti e forti, e dovevi accompagnarli in altre stanze, molto spesso , tu da solo. Faceva paura. Si potrebbe pensare, e se quell'uomo alto si voltasse e ti colpisse?

C'era una volta un giovane, molto giovane e bello, ma così irrequieto, che si muoveva nella sala di osservazione, come uno scoiattolo. E il mio amico non aveva il permesso di lasciarlo uscire da quella piccola stanza, e quel giovane pazzo stava cercando di andarsene circa venti o venticinque volte... Indossava solo mutande, nient'altro. Niente calzini, niente scarpe, niente camicia o maglietta, solo quasi nudo, e il mio amico aveva paura di che quel ragazzo avrebbe voluto strapparsi anche la biancheria intima. Dio, era così spaventato!

Quando il mio amico doveva essere all'ingresso, doveva muoversi di più: macchine, tassi`, visitatori, brevi conversazioni con le infermiere... Brave infermiere, dovrei presumere (a giudicare dalla descrizione del mio amico). Gente piacevole. Brevi conversazioni e una sigaretta insieme. Quando era lì, e, assonnato, il mio amico ha dovuto fare degli esercizi, alzando le gambe e le mani per ottenere una migliore circolazione del sangue e per non addormentarsi.

Una volta, c'era un addestramento, un addestramento con bombe. Uno serio. Gli ufficiali hanno dovuto controllare ogni centimetro e hanno trovato una valigia marrone, e nessuno sapeva di chi fosse e cosa ci fosse dentro.

Un giovane ufficiale ha detto che, se fosse vero, lascerebbe semplicemente tutti i suoi documenti d'identità, il Perc e $ 10,00 sul tavolo del suo superiore, e scapperebbe per sempre: la vita è più importante del loro lavoro!

Bene, sono passati sei mesi, il lavoro è diventato meno interessante, e il mio amico ha deciso di trasferirsi in un altro ospedale.

Il primo livello dei Cavalieri del Leone è stato completato.

Il secondo era Sotto il Segno della Pantera.

 

Ivan Petryshyn

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Tutti i racconti

4
5
19

DOVE SEI FORESTA?

Sono in ascolto

23 February 2024

Chissà come mai mi è venuta l’ispirazione di andare a fare un ritiro in una foresta per cercare di captare quel sussurro dell’anima che pareva volesse dirmi qualcosa. Obbligata a uscire dall’India dopo tre mesi di soggiorno, mi sono ritrovata in quella foresta vibrante e accogliente che domina [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Era da un po' che non ci raccontavi la tua India, questa volta anche con [...]

  • stapelia: Racconto rilassante e rasserenante. Fresco. La leggerezza della scrittura trasmette [...]

2
2
29

Io so tutto, io non so niente

23 February 2024

Di una cosa sola era sicura: che tante cose noi sappiamo. Di tante questioni siamo a conoscenza. "Tu che cosa sai?" domandarono. "Io so tante cose." rispose. E in quel momento si lanciò in una e mille spiegazioni. "So di psicologia, comprendo il linguaggio del corpo. So di astronomia, so di chimica, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • stapelia: Buongiorno1 Non saprei. Il testo non mi ha entusiasmata. La ragione? Personalmente, [...]

  • Sara Passarelli: Ciao Stapelia, grazie per la tua brillante e interessante opinione.
    Io [...]

1
4
15

GIROTONDO DI SOGN

23 February 2024

La bambina correva: inseguiva farfalle. La farfalla ondeggiava: inseguiva il mistero. La bambina correva ondeggiando nel vento: inseguiva il mistero senza neanche saperlo. Il mistero era fermo come sempre i misteri: aspettava qualcuno. Era nato aspettando. Lo chiamavano Amore. La bambina era [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Zio Rubone: Complimednti Loris per questa bella filastrocca così ricca di poesia!

  • stapelia: Un bel testo. Nella trama, elaborata, e nella forma, poetica e con metrica [...]

2
22
54

Riflessioni post chinotto

zumpappappa'

22 February 2024

Amici lettori, amici scrittori, amici della redazione, non abbiate paura per questo inizio che può apparire come una pappardella, tranquilli non voglio pappardellarvi. Ok il chinotto è terminato ed è doveroso ringraziare la redazione tutta, i partecipanti e i lettori che giorno dopo giorno hanno [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
5
16

Un uomo e le due amanti

Teatro

22 February 2024

UN UOMO E DUE AMANTI 2 Adattamento teatrale da Jean de La Fontaine di Beppe patellaro VARIANTE DUE ATTO I SCENA 1 INT. SALOTTO - GIORNO Un uomo maturo, benestante, già brizzolato, è seduto su un divano. È solo, e appare un po' indeciso. UOMO (a se stesso) Che cosa devo fare? Sono pronto a sposarmi, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Zio Rubone: La seconda versione della storia, rispetto alla prima, segue più di [...]

  • Giuseppe Patellaro: gentile interlocutore, nessuna favola della Fontaine è andata a teatro [...]

10
23
65

Pavor Nocturnus

22 February 2024

«Perché glie ne hai parlato?». «Non l'ho fatto». «Il fatto che tra noi non funzioni non ti autorizza ad usare mia figlia…”. «È nostra figlia e io non le ho detto…». «È un atteggiamento meschino, ecco cos’è e…». «Io non lo ho detto nulla!». Valeria si accorse di avere urlato e si affacciò alla porta [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Zio Rubone: Ti ho riletto con piacere, Rubrus. Forse una riedizione ogni tanto va bene, [...]

  • Rubrus: Ogni tanto, ogni tanto, altrimenti si dà una certa impressione di petulanza. [...]

5
8
23

Ricordi in scatola….

22 February 2024

Adoro le scatole di latta. Quelle dei biscotti. Profumate di vaniglia e di canditi. Quelle delle caramelle, decorate con i fiori. Quelle dorate ed anche un po' kitsch. Le vecchie e arrugginite scatole, abbandonate in soffitta, tra bambole di pezza rattoppate, radio senz'antenne, vecchi vinili [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • An Old Luca: Grazie Terry.
    Tutti i tuoi brani mi stimolano durante la lettura e mi [...]

  • Terry: Sempre,grazie a tutti!

3
10
36

Una donna del Sud

21 February 2024

Sono una donna del Sud. Amo le domeniche che profumano di dolci e di caffè. Di pasta fatta in casa e di pane raffermo, inzuppato nel ragù che pippea. Di aria fritta impregnata di canzoni neomelodiche. Sono una donna del Sud. Amo la mia famiglia, abitata solo da donne che crescono senza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Terry: Ringrazio per i commenti ricevuti e ne faro' tesoro.
    Anche e soprattutto [...]

  • U1586: Terry, ti ammiro quando scrivi: " non mi è consentito non amare [...]

1
7
31

3 Seguimi so dove andare

21 February 2024

Sono sveglia ma non ho il coraggio di aprire gli occhi... Il pensiero va alla sensazione provata sul balconcino, all'odore e al sapore dell'aria. Al pigiamone arancione e al suo proprietario. Al bianco assordante della stanza che mi rende sospesa. Mi scoppia la testa, sento l'ansia salire che mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Lawrence Dryvalley: U1586 non ho capito cosa intendi. ho solo scritto che questi racconti mi sono [...]

  • U1586: Lawrence Dryvalley: quando nel tuo penultimo commento ho letto "(...) [...]

0
4
20

Due viandanti e un'ostrica

Teatro

21 February 2024

DUE VIANDANTI E UN' OSTRICA Le favole di Jean de La Fontaine rivisitate per il teatro da Beppe Patellaro. Scena 1 (Due viandanti camminano lungo la spiaggia, quando notano un'ostrica sulla sabbia.) Viandante 1: L'ho vista per primo io! Viandante 2: Ti sbagli! Appartiene a me, che vedo meglio di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
5
19

SASSO-MARE

21 February 2024

se getti un sasso nel mare cambierà tutto il mare

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: occorre ricordare anche questa metafora:
    👍🤗
    La motivazione porta [...]

  • L’esilioDiRumba: La prendo come una cosa positiva, sicuramente può esserlo.

1
4
25

1 Seguimi so dove andare

20 February 2024

Apro gli occhi e mi guardo intorno. Pochi mobili, la stanza è piccolissima. Sono sdraiata su di un divano trasformato in letto, molto comodo. La coperta è di lana, caldissima e molto colorata. E’ stata fatta a mano con avanzi di gomitoli. Un tavolo con una sedia, una cucina essenziale bianca [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Adribel: Mi sembrano dei flash in sequenza a volte neanche connessi

  • stapelia: Avrei lasciato la prima e la seconda parte, permettendo a chi legge di immaginare! [...]

Torna su