Talmente ho corso che il cuore mi batte in testa invece che nel petto! Sono sudatissima, le mani, la fronte, la nuca sgrondano acqua salata, mi entrano gocce negli occhi che bruciano da morire! Mi passo la mano sulla fronte e sugli occhi ricordandomi di non sfregare troppo perché sono truccata.
Mi appoggio al muro di una casa in mattoni rossi, sotto alla parte sporgente del tetto per non bagnarmi, perché piove a dirotto! Temporali estivi.Ormai è buio, saranno le dieci?
Mi guardo attorno non riconosco nulla, dove cavoli sono finita? Possibile che ho corso così tanto che sono uscita dal quartiere? Cerco di riprendere fiato. Ormai il pericolo dovrebbe essere passato, forse l'ho seminato... tip tap tip tap..alcuni passi...ora si fermano...tip tap tip tap..riprendono...trattengo il fiato, e mi faccio sottile da diventare parte del muro, mi mimetizzo tanto che sul mio viso spuntano le righe dei mattoni della casa e il mio viso diventa rosso ruggine, e i miei vestiti e il mio corpo idem...
Sono un camaleonte che si muove lento, impercettibili i miei passi, anche se il rumore dei miei pensieri potrebbero farmi scoprire...sento il fetore dell'urina, qualche ubriacone ha pisciato sul muro.
Ah che schifo, ci ho appenapassato il palmo della mano! Se c'è una cosa che odio è avere le mani sporche! Me le laverei in continuazione...uhm mania del controllo? Il mio analista sarebbe sicuramente stato del parere.Una volta mi ha detto “Lei ha un particolare talento per ficcarsi nei pasticci, e poi mette a posto le posate e i bicchieri le penne, la frutta nei cestini, come soldatini” con quell'italiano ricercato per non offendere! Tanto è il senso delle parole che arrivano come dardi infocati nel cuore che fanno male, anche se ci metti sopra nastri colorati sempre dardi sono! Tutto perché le avevoraccontato che da piccola avevo rubato nell'orto della portinaia le carote che aveva piantato! Cercavo attenzione, e controllo secondo lei! Non mi avevanomai scoperta. Tant'è che la portinaia si lamentava con la nonna che non riusciva a far crescere le carote...ne piantava una marea, poi le bagnava il marito e le raccoglieva lui e chissà come mai ne portava a casa solo una decina...le altre di sicuro le regalava alla bella inquilina gentile del sesto piano! Chissà avranno divorziato per colpa delle mie carote rubate? Ops! Tanto era una donna orribile!
Tip tap tip tap..i passi si fanno più vicino! Non pensare, non respirare, se stai immobile non ti vedrà.
Scorgo l'ombra da dietro l'angolo, ha in mano il bastone di prima, quello mi vuole ammazzare di botte! 
Devo andare a casa, mi aspettano, devo cucinare, e se la faccio franca ho qualcosa di buono da mettere in pentola oggi! Una gallina! Ma quel maledetto cane mi ha tradita.
Era lì, pronta, già ammazzata legata per le zampe a penzoloni, assieme ad altre due nel cortile dei mezzadri. C'erano anche un paio di uova, ma scappare con quelle sarebbe stata una tragedia, frittata nelle tasche del grembiule! 
Lui, il derubato, mi ha visto solo di spalle. E pensare che mi conosce come una persona per bene e non sa che ho perso il lavoro! Non lo sa nessuno al paese! Credono tutti che nella cartiera il lavoro non manchi, ma ne hanno già lasciate a casa almeno altre cinque oltre a me! E ora per sfamare i miei figli sono costretta a rubare! Non pago le bollette da mesi e quindi siamo senza gas senza luce...
Certo alla sera trovarsi attorno ad un tavolo è più bello di prima perché parliamo tutti assieme, e ridiamo e scherziamo.
Ho imparato a fare l'orto nei vasi sui balconi assieme ai vicini e poi faccio le conserve! A fianco dei dvd ora ci sono pomodori, cetrioli, zucchine, carote, l'olio me lo ha regalato quel sant'uomo del Don Giulio, e il latte pure...già mi ci manca la vacca sul terrazzo poi!
Tip tap tip tap...cambia direzione! Chissà forse il mio angelo protettore lo ha attirato in un'altra direzione!
Oggi facciamo festa! Chi si ricorda però come fare a spennare e pulire il pennuto?
Forse avrei fatto bene, quando avevo ancora internet, a scaricare qualche istruzione! E chissà anche magari ad interessarmi della direzione che stava prendendo la mia vita e il mio paese! 
1
1
6

Eureka!

Ora ho capito perché....

17 October 2019

E già, capito cosa? Veramente me lo sono scordato, non lo ricordo più e ora come al solito improvviserò e se non vi piacerà, beh, stavo per dire una cosaccia, non fateci caso, ecco al pianoforte Ringo Star, che centra? Boh? Avevo il suo volto nella mente e mi piaceva dirvelo...ok, non tergivestriamo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
8

Rap-poesia

17 October 2019

Sono andato alla deriva nei naufragi della vita lotta aspra ed insicura lenta e dura è la salita Gioco sporco col destino fango dentro gli stivali denti aguzzi di mastino c'è di peggio a questi mali Giro intorno ad un pensiero nelle notti di sudore faccio finta che sia vero ma ci vuole un po' di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
8

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
13

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
62

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su