Un invito inaspettato alla prima mondiale di un concerto di musica da film (John Williams/Steven Spielberg).

 

Prendo posto nella sala del famoso teatro Grand Rex, a Parigi, che si va a poco a poco riempiendo in maggioranza di giovani: una vista rinfrescante!
Sul grande palcoscenico – che vedo dall’alto – i seggi per l’orchestra. Non riesco a contarli tutti, ma Thierry, il nipote musicista che mi ha invitata, dice che sono almeno un’ottantina. Ed ecco i musicisti che entrano uno a uno, poi in gruppo scivolando lenti e leggeri ai loro posti, da protagonisti e al tempo stesso spettatori di un magico universo di suoni. 

Improvvisamente, dopo il “la” dato dal primo violino, dai tanti strumenti a corde, a fiato e a percussione giungono i primi suoni, subito seguiti da una cacofonia che mi stordisce e stupisce. È l’orchestra che si accorda per essere in sintonia! E un vero concerto assordante si alza sempre più alto e potente nella sala, creando un’atmosfera gravida di attese.


Ecco che cade il silenzio e poi arriva la musica e anche se di film di Steven Spielberg ne ho visto solo uno e le musiche in sé non mi rimandano a nessuna immagine, seguo il concerto con molto interesse, rapita dalla perfetta sinfonia orchestrale a cui ogni strumento contribuisce col suo timbro e le sue note.


Ma è stato il momento dell’accordatura degli strumenti che mi è rimasto impresso, tanto da chiedermi: ma qual è allora la nota, la frequenza che fa vibrare le corde della mia anima, che mi fa sentire in armonia con la grande sinfonia dell’universo? A quali vibrazioni sono sensibile? Qual è il filo argentato che si snoda lungo la mia esistenza?


La mia bussola interiore è decisamente orientata verso la luce – il suo scintillio, la sua brillantezza, il suo potere di sciogliere le tenebre – e si sintonizza con tutto ciò che ha a che fare con il lato luminoso della vita. Il mio sguardo d’amore non lo perde mai di mira, per andare a leggere ciò che non appare a prima vista dagli eventi anche negativi che osservo o che mi accadono. 
Questa è la protezione di cui mi circonda l’esistenza a ogni passo quando decido di lasciarmi prendere per mano e farmi portare dove vuole che vada.

 

Ed è il cuore, il mio più grande alleato, amico e maestro, a farmelo sapere, a indicarmi la strada attraverso una spinta energetica, un sentimento, un’intuizione di cui non chiedo né il come né il perché. So forse perché scrivo queste righe?


Ogni potere umano impallidisce di fronte al complesso e multidimensionale “intreccio” che prende forma nell’esistenza e che si manifesta attraverso accordi che possono sembrare stonati – ognuno di noi è uno strumento diverso – ma che alla fine si rivela di un’intelligenza e di una compassione che vanno al di là di ogni possibile immaginazione.


A volte mi commuove vedere come noi essere umani, così discordanti tra di noi in apparenza, facciamo parte di un‘armonia nascosta in cui ogni diversa tonalità ha la sua sfumatura indispensabile nell’immenso concerto dell’universo.

E io, di questa inesorabile, complessa e determinata semplicità dell’esistenza sono innamorata e non ho pace se non riesco ad andare oltre le apparenze, ad ascoltare ciò che non è espresso, a rendere l’invisibile visibile ai miei sensi sia dentro che fuori di me.

Ho una chiave di lettura che sente e vive la vita come cammino misterico che mi segue comunque e dovunque.

 
Questo è il mio “la”. Con questa chiave tutto diventa insegnamento, ricchezza, luce, musica, sintonia infinita che ricade a pioggia luminosa sul cammino. 

 

E nei momenti difficili, in situazioni che bruciano, sola nella stanza mi metto in ascolto e attendo in silenzio che un raggio di luce mi “accordi” la mente e il cuore ...

Tutti i racconti

2
1
11

Dal Monte Echia un passo indietro nella storia

Breve racconto storico

28 February 2024

Contenuto condiviso con: Tutti Raccontare Napoli- Il monte Echia Quando sento il bisogno di respirare il profumo del passato e sognare ad occhi aperti mirando il paesaggio stupendo che si protrae all'infinito sul golfo di Napoli, vado a passeggiare sul monte Echia, a Pizzofalcone, (questo luogo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Rubrus: A Lucullo è dovuta la diffusione in Occidente delle ciliegie, avendole [...]

2
7
18

Il Maestro Interiore

28 February 2024

Il cielo si rannuvolò velocemente e le cime delle montagne intorno a me non si vedevano più. Il sentiero, lungo cui avevo deciso di salire, non era quello segnato sulle carte, avevo preso una via solitaria che conoscevo da tempo: sapevo che non avrei incontrato anima viva da lì in avanti. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
0
11

Breve racconto riguardante la pizza

Leggenda e Storia

28 February 2024

La leggenda sulla nascita di questo piatto, oramai internazionalmente noto, risale alla notte dei tempi, vuole che sin dai tempi del neolitico fosse invalso e diffuso, l'uso di nutrirsi impastando la farina con l'acqua e cuocendo sulle pietre arroventate dal sole la primordiale "focaccia". Spetta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
14

Il bottegaio dalla filosofia spicciola

Racconto breve sui comportamenti della psiche comune

28 February 2024

Caio è il proprietario di una piccola bottega di periferia. Egli possedeva una personalità particolare. Si comportava da commerciante onesto, premuroso e rispettoso solo con i nuovi clienti. Perché una delle cose che voleva nel suo profondo era essere visto come una brava persona. Ciò, nella [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • L’esilioDiRumba: Ciao. "Comune" è per dire che la tentazione potrebbe colpire [...]

  • Rubrus: In realtà la collocazione dei prodotti sugli scaffali non è [...]

4
11
28

CENTO ANELLI capitolo 1

27 February 2024

La catena mi stringe. La catena mi inchioda. La catena si accorcia. Di un anello ogni giorno. Perché non confesso. Perché non confesso? Ma quale peccato? La loro accusa è infondata. Non ho altro da aggiungere. La loro accusa è precisa: ho ammazzato una donna E ho ammazzato un bambino e dovrei [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravissimo Richard, un tema? Io direi "pasticcini" intesi come dolcetti. [...]

  • Richard Francis Burton: Walter, ci ho provato. Al link trovi tutta la discussione. Vedi tu cosa ne [...]

3
4
19

Sono Solo Attimi

27 February 2024

Sono labili attimi, fugaci, colorati, frizzanti baci rubati all'innocenza incredula sotto le fronde spoglie dal gelo di una passata stagione, subitanei scatti imprigionati nel sottile tessuto dell’inafferrabile, inquieto tempo, che fugge come lampo sordo ai sussurri d'amore della tenera giovinezza. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
6
22

I babbaluci [2/2]

27 February 2024

Chiudo con "I babbaluci", una filastrocca popolare siciliana, messa recentemente in musica dal siciliano Roy Paci [3] e riportata di sotto insieme con la mia traduzione in italiano. Stupidi e creduloni, con la loro stolida determinazione, possono fare danni incredibili, ma basta una vuci per fermarli. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Zio Rubone: Grazie, cari Rubrus, Walter, Stapelia e Adribel per l'attenta lettura. [...]

  • Patapump: come sai adoro i dialetti...tutti!
    qualcuno lo capisco,qualcuno mi applico [...]

2
12
33

Sorriso aperto

Seguito-non seguito di "Sorriso demoniaco"

27 February 2024

Ehi, vi ricordate di me? “Sorriso demoniaco”. Forse si. Forse no. Ha importanza? Ti consiglio di ascoltare una playlist dark techno, mentre leggi. La pagina di uno dei miei diari è stata pubblicata su un sito di racconti, e a qualcuno è piaciuta. Magari anche questa farà la stessa fine, chissà? [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U1586: A Walter: Sì, ho capito, ma io la musica tecno proprio non so che sia, [...]

  • Walter Fest: Ciao Nomad ( chiamarti cosi almeno per me e' un po' scomodo, non avresti [...]

5
8
29

L'atteso momento

Un incontro d'amore.

26 February 2024

Lei si era distesa nuda sul letto, mentre lui ancora in abito da sera la guardava meravigliato. Lei si muoveva sinuosamente, invitante, su quel letto morbido. Vogliosa, desiderosa. Si strofinava la lingua sulle labbra turgide e rosse, e con lo sguardo perso nel pregustare il piacere lo invitava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Zio Rubone: Pensavo che lei finisse per divorarlo come fa la mantide... Mi hai fatto ridere, [...]

  • stapelia: Mi piace leggere ma, nel caso specifico, non poteva che trattarsi che di un.......sogno! [...]

4
10
37

LA BOCCALONA

26 February 2024

Accadde così. A margine di una magra assemblea condominiale, di quelle in cui poco si scartabella e tanto si sbadiglia, una seduta quindi glabra di proclami e di emozioni, bell’e pronta per esser consegnata al burocratico oblio, si palesò con maldicente tempismo tale Diletta signora, condomina [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Contraccambio il saluto e ti invito a non sparire, se puoi mischiati con gli [...]

  • L’esilioDiRumba: Ciao Davide, mi trovi d'accordo con la riabilitazione di parole italiane [...]

6
14
31

I babbaluci [1/2]

26 February 2024

In siciliano i babbaluci (o anche vavaluci, vaccareddi, bugalaci) sono le comuni chiocciole di terra, piccoli molluschi della classe Gasteropoda. Si tratta di animali bizzarri: sono ermafroditi imperfetti, ogni individuo possiede infatti gli organi sessuali maschili e femminili, ma ha bisogno di [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • U1586: Lei ha citato James associandolo al suo punto di vista, espresso appena poche [...]

  • Zio Rubone: Cara signora U, sul significato di "credenza" nel pensiero di James [...]

1
7
30

LADRI-RICCHI

25 February 2024

non ho ancora capito e il mio fiscalista lo ignora se qui esistono i ricchi perché esistono i ladri o se invece è il contrario che esistono i ladri perché esistono i ricchi o se infine è la terza che esistono i ladri perché esistono i ladri

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Rubrus: Buona la terza perchè i poveri rubano anche ai poveri - anche se la [...]

  • Walter Fest: Loris ma n'do' stai? Daje vieni a rispondere alla gente che si e' [...]

Torna su