A Black Alma, un imponente struttura scientifica, situata in una ben nascosta zona del New Mexico, fu festa grande per tutti gli addetti al “PROGETTO Z”.

Il Supercomputer battezzato come A704H risultò operativo, ci vollero trentadue lunghissimi anni ma finalmente tutto era pronto per il collaudo ufficiale, una macchina in cui le migliori menti del mondo ci lavorarono costantemente e nell’assoluta e segretezza, tanto che Black Alma per ovvi motivi, venne presidiata da ingenti forze militari nonchè attrezzatissimi sistemi di difesa.

Il complesso elaboratore, a parte la lunghissima gestazione, aveva dietro di sé una sua storia, frutto di una tecnologia non propriamente terrestre e ciò comportò una sequela di problematiche non facili da risolvere.

 

Nel 1984 Black Alma, all’epoca dei fatti, appariva come una modesta struttura, si occupava prevalentemente di avvistamenti di “Oggetti Non Identificati” e ricerche scientifiche di vario genere, sempre di tipo Top Secret e che come AREA 51 ed altre basi segrete rispondeva direttamente al Pentagono.

In una caldissima mattina di Maggio, alle ore 11:36, grazie a delle sofisticate apparecchiature, in cielo venne segnalato un misterioso velivolo a disco, con evidenti difficoltà a mantenersi in volo.

Dapprima come una scheggia impazzita, si cimentò in una serie di manovre atipiche virando dall'alto in basso, con movimenti rapidi e repentini, per poi schiantarsi al suolo, precisamente nel Deserto di Chihuahua, a circa quaranta km dalla base.

Personale scientifico e soldati raggiunsero velocemente il luogo dell’impatto.

Trovarono l’UFO praticamente semidistrutto, in una densa coltre di fumo e con il portello superiore aperto.

I militari misero fin da subito le armi con il colpo in canna, se le intenzioni dei misteriosi visitatori fossero apparse non pacifiche, non avrebbero esitato ad aprire il fuoco e gradualmente si avvicinarono con circospezione sull’obiettivo, mentre gli scienziati e gli studiosi di Black Alma restarono rintanati a debita distanza.

Grande fu il loro stupore: L’UFO era completamente vuoto e i soldati fecero cenno ai funzionari civili di avvicinarsi, dal momento che non si poneva nessun tipo di minaccia.

Vennero esposte varie ipotesi, la prima fu quella che l’occupante o gli occupanti, fecero perdere le loro tracce, per evitare un confronto con i terrestri. A riguardo furono istituite meticolose operazioni di ricerca ma diedero esito negativo.

Si ipotizzò allora che si trattava di una navicella senza pilota, con compiti di ricognizione ed esplorazione, ma tale tesi venne scartata in seguito al ritrovamento di copiosissime tracce liquide di colore arancione bruciato (una gradazione di arancione molto scuro) e che grazie a degli strumenti specifici in dotazione venne formulato come sangue.

A tal proposito si giunse a pensare che l’alieno o gli alieni, optarono per il suicidio tramite qualche sostanza sconosciuta, causando di conseguenza la loro fine in forma liquida.

Si passò successivamente all’ispezione scrupolosa dell’UFO in cui l'esterno apparve gravemente danneggiato, l'interno invece a prima vista venne definito intatto, ovvero il computer di bordo, strapieno di pulsanti e di lampeggianti, con uno schermo di media grandezza, dai caratteri incomprensibili tipicamente alieni.

Fin dal principio divenne oggetto di studio e di indagine.

L’interno del disco volante doveva essere al più presto smontato e traslocato, tra l'altro l’operazione doveva avvenire sul posto stesso, difatti alcune preoccupanti scintille fecero intuire a tutto lo staff che non vi era altra soluzione, in quanto si rischiava un guasto irreparabile del preziosissimo ritrovato ultra tecnologico.

Per prima cosa il computer venne smontato con cautela da alcuni valenti tecnici ed introdotto su un grande furgone scientifico, per poi essere trasportato alla base, precisamente nella sezione “Operation and Research." 

Stessa sorte seguì ciò che restava dell’UFO, anche se in quest’ultimo caso il velivolo non presentava particolarità degne di note, anche perché le cattive condizioni lasciarono ben poco su cui indagare.

Quel 15 Maggio 1984 sebbene la sensazionale notizia non poté essere divulgata pubblicamente, fu una data storica dal punto di vista scientifico, oltretutto fortuna volle che l’atterraggio avvenisse vicino la base e lontano da occhi indiscreti.

Il Pentagono fu prontamente messo al corrente, prodigandosi in seguito a finanziare Black Alma con elevatissimi finanziamenti e le pressioni da parte del Dipartimento non mancarono affinchè quel misterioso computer di bordo di origine aliena venisse a tutti i costi abilitato.

Personale di AREA 51 ed altri eruditi scienziati provenienti da tutto il mondo assieme alle loro famiglie, vennero al più presto collocati in quella sperduta base del New Mexico, furono istituiti nuovi alloggi e organizzate strutture di ogni genere (scuole, ospedali, bar etc…), diventando a tutti gli effetti una sorta di città oltre che struttura militare.

Per il bene della scienza e dell’umanità nessuno poteva lasciare Black Alma. NESSUNO.

Con l’esterno, ad esempio era possibile comunicare con degli apparecchi telefonici, (anni dopo anche con internet e cellulari), filtrati e monitorati da un sistema di controllo molto efficiente, infatti rigidissime regole imponevano a non far trasparire in nessun modo tutto ciò che riguardava il “PROGETTO Z”.

 

Seconda edizione

Prima edizione: 23 luglio 2016

 

Tutti i racconti

2
2
12

Quel colpo mal riuscito a Paperopoli

25 June 2024

Quel colpo mal riuscito a Paperopoli. Era la fine di dicembre del 2019 quando, a Paperopoli, i Beagle Boys, nel loro covo ultrasegreto, ebbero l'idea di associare le loro abilità criminali alla professionalità di un chimico molto noto. Stanchi di vivere nella miseria più assoluta e di confrontarsi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
5
16

Ridi

25 June 2024

Ridi Su ridi In fondo ti sei solo sbucciato un ginocchio Ma hai segnato Quel pallone è volato tra i pali e zac Abbiamo vinto Come era il motto Non conta cosa vinci, ma come lo conquisti Su ridi In fondo è solo un voto basso in storia Fra qualche anno nessuno ricorderà questa cosa Ma, hai saputo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rubrus: Si dice il peccato ma non il peccatore. Credo opportuno precisare la natura [...]

  • An Old Luca: ...un ministro è come un "Colombo" che svolazza: ora c'è [...]

1
8
13

Ll'Ammore

Una personale definizione dell'amore.

25 June 2024

Chi non ama non può capire colui che ama e l'intensità del suo amare. Amare una donna, rispettarla, ammirarla, venerarla per la sua esistenza, per la sua grandezza, per la sua presenza è ciò che di più nobile possa esistere. Quando si ama, essere innamorati, è una carezza al tuo corpo e al tuo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • An Old Luca: "L'amore che continua a vivere in te è sempre bello, armonioso, [...]

  • Gennarino: An Old Luca: sicuramente si. Grazie per il tuo commento.

2
2
11

PRESENZE

24 June 2024

PRESENZE Di Emma Watson Negli occhi di chi guarda risiede la bellezza, Amore mio, dove ti sei nascosto, nei cieli? A lungo ho aspettato, paziente e sincero, Desiderio di momenti persi senza di te. La dolcezza del desiderio, del desiderio doloroso, La bussola del mio cuore, tu sei il fuoco. Ovunque [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • L’esilioDiRumba: Sulla poesia in italiano nulla da eccepire. Passo al commento delle scelte [...]

  • stapelia: Non conosco l'inglese, mi piacerebbe, ma in italiano rapisce!

4
4
15

La lüsiröla

24 June 2024

Stavano seduti sul tronco al limitare dell’area illuminata dal fuoco, la schiena rivolta alle fiamme. Renato si stiracchiò e aprì la lattina di birra. L’altro uomo non si mosse. Indossava una camicia grigia a maniche corte e jeans neri. In corrispondenza del collo non si vedeva la striscia bianca [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Rubrus: Trovo interessante il principio di indeterminazione perchè, razionalmente, [...]

  • stapelia: Come sempre impeccabile. Rubrus, sai mescolare narrativa e conoscenza. C'è [...]

2
2
8

Gendai Haiku

24 June 2024

il freddo vento - gira il comignolo tra sprazzi di neve Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
10

L' ARAZZO DELL' AMORE

23 June 2024

L' ARAZZO DELL' AMORE Sulla tela dell'amore, si svela un capolavoro, Due anime intrecciate, tra i turbine del mondo. Nell'arazzo del tempo, la loro storia viene raccontata, Una saga di passione, tenera e audace. Ad ogni alba, il loro amore di nuovo, Una sinfonia di colori, vibranti e veri. Attraverso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • stapelia: Ho vinto qualche cosa? Diceva un comico, del quale ricordo il viso ma non il [...]

3
12
25

RITORNO A TE

23 June 2024

Risacca lenta infida avviluppi con ingannevole abbraccio fin quando svanito l'appiglio comincio a boccheggiare. La riva ancora in vista mi richiama alla vita all'amore. Sguardi implorano lacrime prorompono. Improvvise vigorose bracciate come battiti d'ali accorciano distanze che sembravano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Grazie Stapelia per il commento attento e profondo. come ti avevo detto ho [...]

  • stapelia: Pensavo che ti fosse già stata comunicata la mia mail, quindi puoi [...]

3
13
17

Fondi 17 settembre 1987

Una dedica e tanti ricordi.

23 June 2024

Per anni non ricordi più nulla di cose, avvenimenti. Incontri avvenuti tempi addietro, e poi all'improvviso, basta un niente, per far riaffiorare alla mente, come un lampo di luce che all'improvviso illumina prepotentemente il buio, tutta una storia. Ricordi assopiti. Cancellati da altre cose accadute [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • stapelia: Non ho parole.Raro, davvero raro, per me. Ricordi e libri. La tua maestria [...]

  • Gennarino: Stapelia, grazie di cuore. Troppo gentile. Un caro saluto

0
0
10

CELEBRIAMO di Emma Watson

22 June 2024

Nel regno dell'amore, dove i sogni prendono il volo, Due anime convergono, immerse nella luce soffusa dell'amore. Attraverso i colpi di scena del grande disegno del destino, I loro cuori battono all'unisono, nel ritmo divino. Nei momenti di tranquillità, trovano la loro pace, Un santuario dove [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
10

Oltre il silenzio

22 June 2024

Nelle lontane terre del Nord America viveva un anziano signore di nome Haru. Un nome che i compianti genitori gli avevano dato senza essere consapevoli del suo intrinseco significato. Quel "nato in primavera " da sempre aveva costituito un invito a rinascere nella sua lunga ed inarrestabile [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
11

Senza Titolo

22 June 2024

LETTERA ALLA FORMICA Cara formichina ti vorrei parlare, se tu mi vorrai ascoltare. Vorrei parlare a te, al ragno e all’ape, a voi custodi di una terra morente, che piange di dolore per le mille offese a lei inferte. Se mi vorrai ascoltare, ti dirò che ammiro infinitamente la tua saggezza e il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su