Ariecchime  ar solito bar pe n'edizione speciale della nostra "Arte da amare", ce semo er sottoscritto, Mario er benzinaro, er sor Attilio dell'azienda Cinecarrello nostro sponsor, ar momento ner bar c'è gente che va, gente che viene e stamo tutti ad aspettà gnentepopòdimenochè....l'artista de centomila, uno, nessuno..misterrrr Banksy, dovrebbe arrivà  a momenti, ner nostro ultimo contatto telefonico ce semo accordati che pe riconoscese faremo entrambi come "parola d'ordine" er gesto delle corna e quanno jo ho chiesto "Perchè" m'ha risposto che l'aveva m'parato a Napoli.
 
Vabbè mò stamo tutti  n' febbrile attesa, passamo ai raggi X l'avventori del bar, tutti se moveno ma nisuno arza er braccio pe r'fatidico gesto, eccolo forse è lui, entra n'capellone dinoccolato, no và diretto verso er banco sulla destra, forse potrebbe esse lui, barba, aria da n'intellettuale, sguardo vanesio, flop, chiede na bomba alla crema co n'cappuccino e se fà li cazzi sua. Eccone n'artro, questa volta ce semo, alto, magro, carzoni strappati sporchi de vernice, se mette a sede, accavalla le gambe aprendo n'giornale sportivo parla da solo che la squadra sua ha perso, malimortaccitua, che disdetta chiede solo n' panino co la mortadella e nun fà nessun cenno...è da n'ora che stamo quà, Banksy sta a fà tardi all'appuntamento quanno a n'certo momento entra n'signore molto distinto sulla cinquantina, profumato alla Francese, giacca  e cravatta, scarpe lucide a specchio ce fissa nell'occhi, ce fà le corna e co estrema classe e sicurezza se avvicina, signore e signori Banksy è qui da noi n' persona, pure noi je famo le corna e lui ce viè n'contro!
 
   -Benvenuto fra de noi sig. Banksy
   -Grazie a voi per avermi invitato
Lo ammetto è stato un vero corpo de fortuna, me so' fatto raccomannà da Totonno Squagliarella n' amico Napoletano.
   -Signor Banksy le dispiace se parliamo in Romanesco?
   -Of course boy, perchè no?
   - Morto bene
   -Ah, me dispiace, quanno è successo?
   -Ma cchè!?
   -E' morto Bene
   -Ma noo, Banksy ha capito male, morto bene nel senzo, molto bene, và tutto      bene!!!
   -Vabbè se lo dite voi.
 
Ar momento parlo solo io, Mario e Attilio ascortano n' religioso silenzio.
   -Signor Banksy se potemo dà der "Tu"?
   -Manco me lo devi chiede ma sbrigamose che devo annà a pjà er treno pè Forcella     (noto quartiere di Napoli)
   -Senti n'pò ma nun te sei stufato de rimanè nell'anonimato? Nun vai mai sulli giornali, ne te vedemo mai n'tv, nun strilli mai ai talk show!
   -Ma che stai a dìì, me stò a divertì come n'matto, semo io e l'amici mia, giramo er monno, vivemo ner mistero, nisuno ce rompe li cojoni, semo libberi, capisci er significato, totalmente libberi!
   -Banksy ma nun cori er rischio che nisuno te capisce?
   -Ma che te posso dìì, l'arte è na cosa che dà piacere, poi ognuno la pò n'terpretà come je pare.
   -Banksy ce racconti come t'è venuta l'idea de diventà n'writer?
   -Ve la dico n'confidenza, me riccomanno accqua n'bocca!
   -Tranquillo saremo come li pesci rossi.
   -Rossi?
   -Sarebbe mejo pure n'pò gialli e rossi ma lassamo perde.
   -Vabbè stateme a sentì come è annata la faccenda, tutto è nnato perchè m'ero stancato de dipinge, nisuno me pagava, la critica me snobbava, er               gallerista  nun me telefonava e così pè nun cascà nella malinconia               scelsi de cambià vita ho lassato tele e pennelli e n'cominciato a girà er monno alla ricerca de na bona ispirazione, finchè n'ber giorno ho ricevuto l'illuminazione, me trovavo a spasso pe li vicoli de Napoli quanno attirato da n'aroma forte sò entrato dentro a na pasticceria, na bella mora cò dù zinne da paura dietro ar banco  me fece magnà no babà, poi n'artro e n'artro ancora, alla fine ne mannai giù nà decina poi sempre la bella me disse :" La vulite assaggià nu poco e' pastiera? " Nun l'avessi mai fatto, me ne diede n'chilo e mezzo e pè finì n'bellezza Armando me fece pure tre caffè!!! Escì dar locale che stavo n'estasi, camminai, camminai gajardo e soddisfatto e così n'preda alla felicità chiesi n'prestito a n'regazzino la bomboletta cò la quale stava a vernicià la bicicletta, pè nun sporcà dar fornaro me feci dà n'cartone, che ad arte ritajai pè usallo come stencil, ero felice ar massimo e davanti a n'muro bianco de fianco a l'edicola cò la Madonna e cor bambinello n'braccio su quer muro grezzo arifeci la Madonna a modo mio e fu così che lassai er pennello pè stà nova forma d'arte illuminata dalli lampioni delle strade.
- Banksy daje parlace ancora de st'opera fatta sur muro Napoletano.
 
Stateme a sentì, l'arte è na cosa semplice, basta n'muro, n'segno, na sfumatura e poi lassà n'messaggio, l'arte è pè tutti nisuno escluso, deve esse come l'aria che respiri, l'arte è nella vita stessa e nun ne poi fà a meno, si la levi rimane er nulla, certo devi esse rispettoso, un muro voto lo devi rende bello, nun poi esse 'gnorante e vorgare, la vedi stà Madonna è stato n'segno de dorcezza ar popolo che tutti i giorni passa pè le strade, questa è la filosofia mia, insieme a peace&love ce vole pure la dolcezza, tutto er monno dovrebbe esse dorce come nu babà, finita l'opera sur muro de Napoli, nisuno se ne accorse, solo na vecchiarella me calò da na finestra n'cestino cò na cordicella e me disse :" Signurè la vulite na sigaretta?"
 
-"Veramente preferirei un pò di dolcezza" ja risposi, allora la vecchiarella calò dei biscotti fatti a mano e mezzo fiasco de vino rosso e da allora diventai n'writer, giro de quà, de là, quanno vedo n'muro voto me pja l'ispirazione e l'arte trova casa n'mezzo alla strada.
E a stò punto che Banksy n'terruppe la sua conversazzione, Ada che dà da magnà a li gatti e  che ce stava ad ascortà ma noi nun se ne eravamo accorti esclamò..."Sì però se nun se la pianta de disegnà li topi uno de ti giorni  gli sguinsajo tutti li gatti mia eh!"
Banksy se mise a ride come n' matto, se n' infilò n' mantello nero che nun se sa da n' dove era escito fori e co n' "Puff" entrò dentro na nuvoletta bianca che sembrava dipinta a mano e così sparì dalla vista nostra.
 
Amici ve avemo presentato l'artista de strada Banksy, l'artista che c'è ma nun se vede, forza adesso er caffè chi lo paga?

 

1
1
3

ARIA TERSA

20 January 2019

ARIA TERSA Travolti da un mondo impazzito Inondati da una schiuma assordante Non riusciamo più ad ascoltare La voce del silenzio. Frotte di insetti inutili Si accavallano nel nostro pensare. E l’immagine dello specchio Torna Sempre uguale a se stessa A riflettere un sogno incompiuto. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
1

luna o cocci?

Quando walter fest scrive è jazz!

20 January 2019

Quando non sai che scrivere, scrivi, scrivi senza paura di sbagliare, questa volta faccio un eccezione, scrivo senza carta e penna, stò alla tastiera e scrivo, mò che ci penso mi paicerebbe la tastiera di un piano forte, anzi le corde di una chitarra, anzi no, voglio cantare tanto a parole se stono [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Io lo conosco l'amore

20 January 2019

Ho attraversato il bosco di notte per poterti abbracciare ma tu non c'eri. Ho accompagnato tramonti fino all'alba per scoprire i tuoi occhi timidi ma tu non c'eri. Ho ascoltato i lamenti del vento nelle lunghe giornate passate a pensarti ma tu non eri li. Ho inseguito le ore e poi i giorni per [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
2

Raccontami una volta più piano

19 January 2019

Raccontami una volta più piano. Eravamo nati nello stesso posto o giù di lì, le case scorrevano in sequenza, c'era qualche attività che si distingueva dalle altre e potevi prenderle come veri e propri punti di riferimento quando dovevi indicare qualcosa a qualcuno che si era perso. I nomi delle [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: Ricordi arruffati da districare piuttosto difficile il farlo

2
1
4

Impressioni

19 January 2019

Sfilacciati giorni scalzi di pensieri si rincorrono incessanti nel respiro assiduo delle ore in una lenta diaspora continua di me stesso come fine sabbia dentro una clessidra ... e dopo una notte di sogni e scarpe rotte guardo le luci d'alba su una falesia bianca mentre nel cielo vola [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
5

Album vuoto

19 January 2019

Cammino rotolando sui miei passi stanchi. Soffia i vento la mia lenta orma e beffarda saluta senza rumore. Abbraccio la salita che mi corre incontro e adagio ripongo le mie pagine vuote. Un quaderno di ricordi che riempir non so.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Antonella, mi mancavano le tue poesie. Scrivi veramente bene e hai il [...]

  • Anto61: Grazie
    Sei sempre molto attento e sensibile con le tue sincere e sentite [...]

2
1
17

LE COLPE DEI PADRI

18 January 2019

Alessandro Perissinotto, scrittore torinese, classe 1964, ci accompagna e ci porta a conoscere ed incontrare vicende della STORIA di Torino dal dopoguerra ai giorni nostri, raccontando delle evoluzioni, in positivo e in negativo, della Grande Madre, la FIAT, che si intrecciano con la Storia, le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
15

Senza mi ricorderai ?

18 January 2019

" Mi ricorderai " le chiese con un filo di voce "quando non ci saro più? " Lei lo guardò come si guarda un fiore appena sbocciato con infinita tenerezza e sussurrando rispose " Si ricorda chi è passato nel tuo cuore. Non chi è il tuo cuore perché vive dentro finché tu vivrai ". E nella carezza [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
5
22

Il potere di un sorriso

18 January 2019

Non pensavo di poter volare di nuovo. Tutto era buio, non distinguevo nè le forme nè i colori. Ma il sorriso, quello, non si è mai spento. E anche nell'oscurità l'hai notato. Ora non ho più paura del buio. Ora sono felice E fortunata. Tutto qui.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

BAMBINI SENZA SORRISO

17 January 2019

Cari bambini, è a voi che mi rivolgo, vittime innocenti di un mondo insensato che vi ha sottratto ogni speranza di futuro, di libertà e di felicità. Quel mondo del popolo degli Adulti che, a costo della propria vita, avrebbe dovuto proteggervi dalle insidie del male e curare le vostre ansie e paure.. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E che Kaiser!

16 January 2019

Una sera al bar eravamo io Jack Kerouac, un pronipote di Keplero e Kekko dei Moda' che facevamo discorsi sulle discese in kajak nei fiumi del Klondike sorseggiando del Kirsch con una fetta di kiwi, quando dalla porta d'ingresso entrò Kirk, un vecchio membro del Ku-Klux-Klan declamando passi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Oh kacchio, grazie Scili (The king of komments) per
    l'apprezzamento, [...]

  • Puccia: Mi hai ubriacato, sempre piaciuto.

3
3
11

Il gioco del pallone

16 January 2019

Davanti casa mia c'è un campetto di calcio. Erbetta sintetica e vecchia, le porte senza una rete. Sembra proprio un campetto abbandonato, ma ogni sera si riuniscono lì dei ragazzini con un pallone. È ben illuminato dai lampioni della strada, e essendo una zona che ha una brutta nomina in città, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Veramente bello la nostalgia è sempre vincente nei racconti.

  • Giuseppe Patti: Ciao e grazie, e pensare che messo il punto finale ho pensato "Questa [...]

Torna su