Ariecchime  ar solito bar pe n'edizione speciale della nostra "Arte da amare", ce semo er sottoscritto, Mario er benzinaro, er sor Attilio dell'azienda Cinecarrello nostro sponsor, ar momento ner bar c'è gente che va, gente che viene e stamo tutti ad aspettà gnentepopòdimenochè....l'artista de centomila, uno, nessuno..misterrrr Banksy, dovrebbe arrivà  a momenti, ner nostro ultimo contatto telefonico ce semo accordati che pe riconoscese faremo entrambi come "parola d'ordine" er gesto delle corna e quanno jo ho chiesto "Perchè" m'ha risposto che l'aveva m'parato a Napoli.
 
Vabbè mò stamo tutti  n' febbrile attesa, passamo ai raggi X l'avventori del bar, tutti se moveno ma nisuno arza er braccio pe r'fatidico gesto, eccolo forse è lui, entra n'capellone dinoccolato, no và diretto verso er banco sulla destra, forse potrebbe esse lui, barba, aria da n'intellettuale, sguardo vanesio, flop, chiede na bomba alla crema co n'cappuccino e se fà li cazzi sua. Eccone n'artro, questa volta ce semo, alto, magro, carzoni strappati sporchi de vernice, se mette a sede, accavalla le gambe aprendo n'giornale sportivo parla da solo che la squadra sua ha perso, malimortaccitua, che disdetta chiede solo n' panino co la mortadella e nun fà nessun cenno...è da n'ora che stamo quà, Banksy sta a fà tardi all'appuntamento quanno a n'certo momento entra n'signore molto distinto sulla cinquantina, profumato alla Francese, giacca  e cravatta, scarpe lucide a specchio ce fissa nell'occhi, ce fà le corna e co estrema classe e sicurezza se avvicina, signore e signori Banksy è qui da noi n' persona, pure noi je famo le corna e lui ce viè n'contro!
 
   -Benvenuto fra de noi sig. Banksy
   -Grazie a voi per avermi invitato
Lo ammetto è stato un vero corpo de fortuna, me so' fatto raccomannà da Totonno Squagliarella n' amico Napoletano.
   -Signor Banksy le dispiace se parliamo in Romanesco?
   -Of course boy, perchè no?
   - Morto bene
   -Ah, me dispiace, quanno è successo?
   -Ma cchè!?
   -E' morto Bene
   -Ma noo, Banksy ha capito male, morto bene nel senzo, molto bene, và tutto      bene!!!
   -Vabbè se lo dite voi.
 
Ar momento parlo solo io, Mario e Attilio ascortano n' religioso silenzio.
   -Signor Banksy se potemo dà der "Tu"?
   -Manco me lo devi chiede ma sbrigamose che devo annà a pjà er treno pè Forcella     (noto quartiere di Napoli)
   -Senti n'pò ma nun te sei stufato de rimanè nell'anonimato? Nun vai mai sulli giornali, ne te vedemo mai n'tv, nun strilli mai ai talk show!
   -Ma che stai a dìì, me stò a divertì come n'matto, semo io e l'amici mia, giramo er monno, vivemo ner mistero, nisuno ce rompe li cojoni, semo libberi, capisci er significato, totalmente libberi!
   -Banksy ma nun cori er rischio che nisuno te capisce?
   -Ma che te posso dìì, l'arte è na cosa che dà piacere, poi ognuno la pò n'terpretà come je pare.
   -Banksy ce racconti come t'è venuta l'idea de diventà n'writer?
   -Ve la dico n'confidenza, me riccomanno accqua n'bocca!
   -Tranquillo saremo come li pesci rossi.
   -Rossi?
   -Sarebbe mejo pure n'pò gialli e rossi ma lassamo perde.
   -Vabbè stateme a sentì come è annata la faccenda, tutto è nnato perchè m'ero stancato de dipinge, nisuno me pagava, la critica me snobbava, er               gallerista  nun me telefonava e così pè nun cascà nella malinconia               scelsi de cambià vita ho lassato tele e pennelli e n'cominciato a girà er monno alla ricerca de na bona ispirazione, finchè n'ber giorno ho ricevuto l'illuminazione, me trovavo a spasso pe li vicoli de Napoli quanno attirato da n'aroma forte sò entrato dentro a na pasticceria, na bella mora cò dù zinne da paura dietro ar banco  me fece magnà no babà, poi n'artro e n'artro ancora, alla fine ne mannai giù nà decina poi sempre la bella me disse :" La vulite assaggià nu poco e' pastiera? " Nun l'avessi mai fatto, me ne diede n'chilo e mezzo e pè finì n'bellezza Armando me fece pure tre caffè!!! Escì dar locale che stavo n'estasi, camminai, camminai gajardo e soddisfatto e così n'preda alla felicità chiesi n'prestito a n'regazzino la bomboletta cò la quale stava a vernicià la bicicletta, pè nun sporcà dar fornaro me feci dà n'cartone, che ad arte ritajai pè usallo come stencil, ero felice ar massimo e davanti a n'muro bianco de fianco a l'edicola cò la Madonna e cor bambinello n'braccio su quer muro grezzo arifeci la Madonna a modo mio e fu così che lassai er pennello pè stà nova forma d'arte illuminata dalli lampioni delle strade.
- Banksy daje parlace ancora de st'opera fatta sur muro Napoletano.
 
Stateme a sentì, l'arte è na cosa semplice, basta n'muro, n'segno, na sfumatura e poi lassà n'messaggio, l'arte è pè tutti nisuno escluso, deve esse come l'aria che respiri, l'arte è nella vita stessa e nun ne poi fà a meno, si la levi rimane er nulla, certo devi esse rispettoso, un muro voto lo devi rende bello, nun poi esse 'gnorante e vorgare, la vedi stà Madonna è stato n'segno de dorcezza ar popolo che tutti i giorni passa pè le strade, questa è la filosofia mia, insieme a peace&love ce vole pure la dolcezza, tutto er monno dovrebbe esse dorce come nu babà, finita l'opera sur muro de Napoli, nisuno se ne accorse, solo na vecchiarella me calò da na finestra n'cestino cò na cordicella e me disse :" Signurè la vulite na sigaretta?"
 
-"Veramente preferirei un pò di dolcezza" ja risposi, allora la vecchiarella calò dei biscotti fatti a mano e mezzo fiasco de vino rosso e da allora diventai n'writer, giro de quà, de là, quanno vedo n'muro voto me pja l'ispirazione e l'arte trova casa n'mezzo alla strada.
E a stò punto che Banksy n'terruppe la sua conversazzione, Ada che dà da magnà a li gatti e  che ce stava ad ascortà ma noi nun se ne eravamo accorti esclamò..."Sì però se nun se la pianta de disegnà li topi uno de ti giorni  gli sguinsajo tutti li gatti mia eh!"
Banksy se mise a ride come n' matto, se n' infilò n' mantello nero che nun se sa da n' dove era escito fori e co n' "Puff" entrò dentro na nuvoletta bianca che sembrava dipinta a mano e così sparì dalla vista nostra.
 
Amici ve avemo presentato l'artista de strada Banksy, l'artista che c'è ma nun se vede, forza adesso er caffè chi lo paga?

 

5
5
19

Tre microscopici racconti

25 March 2019

Lessons Consumano una parte di loro stessi quando vengono raschiati. Ogni singola scaglia dei gessi sulle lavagne istruiscono gli studenti per la vita. E la spugna? Utilissima per cancellare, soprattutto i problemi, non prima di una risoluzione. Cambiare registro? È possibile, basta non autovalutarsi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
9

La strada della Selva - 1/2

Racconto del tempo di guerra

25 March 2019

Con questo racconto ho partecipato ad un concorso di scrittura sul tempo di guerra nella provincia di Firenze, per questo è scritto in vernacolo Vai ci risiamo. Arrivano in tre o quattro briachi fradici. Salgan su dalla strada di dietro, quella che passa dall'orto, per non farsi beccare dalla pattuglia, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
3
13

Greta & Susette - 3/3

il finale

24 March 2019

< accidenti a te Susette, stavo così bene fino a poco fa prima che arrivassi tu come un ciclone, tu hai rimesso tutto in discussione. È vero, a quanto pare siamo due donne alle quali fanno difetto gli uomini, sembri dispiaciuta di questa situazione, mentre io ti dico che sto bene così. Dei maschietti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Lorenzo, la parte conclusiva ed ovviamente tutto il racconto dimostra [...]

  • Lo Scrittore: era nell'aria che non poteva che finire così, due donne a prima [...]

1
1
13

CINEMA e/è FELICITÀ!

Il cinema della felicità

24 March 2019

Pedro ha un’unica “passione fatale”: il CINEMA. Gira, assembla e monta video con i pochi strumenti che possiede e attorniato da tanti amici, un po’ folli come lui. Organizza, senza grande riscontro di pubblico, CINEMA FELICITÀ, Cineforum per tutti quelli che attraversano un momento difficile nella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
12

Greta & Susette - 2/3

l'amicizia

23 March 2019

La donna girò il capo come se fosse infastidita dall’esuberanza di quella ragazzina. Certo aveva una bella faccia tosta a rivolgersi a una sconosciuta in quei termini. La fissò a lungo prima di rispondere, stava decidendo quale risposta dare a quella maleducata, nel pensare si mordicchiava le labbra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Ha già detto tutto Scilipoti aggiungo solo che mi è molto piaciuto [...]

  • Francesca: Mi associo a Flavia..

2
3
10

Il Pettirosso

Da piatta a sferica fu fatta la Terra

23 March 2019

Il Signore, di fronte alla tanta dolcezza del suo pettirosso — che ancora così non si chiamava — si intenerì e provvide in extremis a trasformare la neo creata piatta terra in una dolce sfera! Il pettirosso riconoscente fece ciò che potè sfilando una spina dalla corona del Cristo in croce, restando [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
3
12

Greta & Susette - 1/3

l'incontro

22 March 2019

Aveva ventidue anni, ma ne dimostrava molti di meno. Era un tipetto tutto pepe, capelli corti biondo cenere, una bocca larga sempre aperta in sorrisi. Indossava spesso jeans e camicette semiaperte che lasciavano intravedere le sue forme ancora da adolescente. Due seni candidi e piccoli come arance. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Confermo quello che ha scritto Flavia, bello e intrigante. Vediamo dove ci porti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Lorenzo, a quanto vedo ritorni ad affrontare la tematica "Donna", [...]

3
3
19

Un fiore tra le tue dita

22 March 2019

Cerniere di emozioni nascondono lo spettacolo degli occhi dopo il nostro primo bacio. Secondi lunghi come racconti. Incapaci di muoverci fermiamo l'aria per sentirci correre. Come un ruscello di montagna ghiacciato in inverno il nostro sangue scorre sotto la pelle bollente. Il silenzio delle parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
13

Zolfo - 3/3

21 March 2019

Quando mi risveglio, sono nella mia tenda, ma qualcosa non va, mi sento a pezzi e non sono solo: una vecchia del villaggio mi accudisce e mi dice di stare fermo, sono malato. Non c'è problema, sono talmente indolenzito che non ho nessuna intenzione di farlo. Mi riprendo in un paio di giorni e scopro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ed eccomi giunto alla terza parte, wow che storia da... incubo oppure la "zolfata" [...]

  • ducapaso: Giuseppe, le tue recensioni mi lusingano davvero.
    Soprattutto se penso [...]

3
8
21

pomeriggio di sole

21 March 2019

Era un caldo e soleggiato pomeriggio di una qualsiasi domenica di marzo dei nostri giorni. Il signor Mario Serra se ne stava seduto con gli occhi chiusi e le mani giunte poggiare sulle gambe, in una panchina di ferro battuto in piazza Islanda, piu comunemente conosciuta come la " piazzetta", nel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
9

Zolfo - 2/3

20 March 2019

Chissà cos'è. Molto più importante dedicarsi alle incisioni, belle come un bassorilievo classico anche se la pietra ancora mi è sconosciuta, sembra un marmo nero, ma è esente da venature e dà l'impressione di essere molto più duro. Certamente non è una pietra di questa zona, quindi significa che [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
3
11

Fango

20 March 2019

Flebile fiamma tra fetide favelas serpeggia nella notte in un fragile futuro Fuori feste, fiori e fama dentro fumo, freddo e fame È un frenetico fandango frasi fatte niente effetto come un film senza sonoro senza la parola fine Fuochi di notte di frivole falene si spengono tra i muri di case [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Rara avis: Caro Scili, devo farti un plauso per le tue sempre acute recensioni, sai entrare [...]

  • Manuela Cagnoni: È piaciuta molto anche a me la tua poesia, fatta di versi che scivolano [...]

Torna su