"Bene ragazzi, oggi parliamo di equilibrio in questa nuova classe del corso di non violenza." 

Era un altro giorno di scuola nell'istituto dove l'insegnante Flores di etica aveva dato vita a un nuovo corso: il corso di non violenza. 

Ci era voluto un po' per convincere i ragazzi a prenderne parte ma dopo qualche lezione cominciarono ad essere decisi a partecipare. 

"Che cosa intende con equilibrio?", domandò Rocío, un'altra delle alunne della classe innamorata e praticante della musica. 

"Semplice: equilibrio nella vita e quanto è importante possederlo.", rispose la professoressa. 

"Io ancora non sono convinto di questo corso... secondo me qua si deve agire e basta.", sussurrò Agustín al suo compagno.

"Shh, dagli una possibilità!", gli rispose di rimando Ramiro assestandogli una gomitata.

"Bene ragazzi vi spiegherò il concetto di equilibrio con un esempio.", continuò l'insegnante senza aver dato segno di ascoltare i due studenti che confabulavano.

"Luz vieni qua, vicino a me in piedi.", disse la Flores gentilmente a Luz, la fotografa della classe. 

"Facciamo finta ora che dobbiamo tutti proteggere Luz perché lei è il centro di tutto, l'equilibrio mondiale dipende da lei."

"Estamos fritos", esclamò Jaime scherzosamente.

"Okay niente battute però questa volta.", rispose l'insegnante zittendo le risatine che si erano generate.

"Hey Jaime pensa se tutto dipendesse da te. Sono sicura che l'equilibrio mondiale si romperebbe in un secondo!", rispose invece Luz di rimando. 

Un coro di 'Ooh' si levò. 

"Va bene basta! Concentriamoci! Dicevamo, Luz è il nostro centro, cosa dobbiamo fare per proteggere Luz? Creare un cerchio. Dai tutti in piedi e mettiamoci in cerchio intorno a Luz."

I ragazzi incuriositi e presi da quest'idea spostarono tutti i banchi in fondo e si misero tutti allineati in cerchio.

"Bene noi siamo l'equilibrio e Luz è la persona da proteggere. Cosa dovremmo fare per far sì che Luz non si senta in pericolo? Come fare in modo che il cerchio non si spezzi e che dunque l'equilibrio mondiale non si frantumi?"

"Ovviamente non dovremo rompere il cerchio!", rispose León.

"Esatto, e come fare?", insisté l'insegnante con passione. 

"Prenderci cura l'uno dell'altro?", tentò Maia. 

"Rimanere uniti?", aggiunse Agustín, che ora sì sembrava preso dalla lezione. 

"Giusto. Bravi tutti e due. Questo bisogna fare: rimanere uniti, prenderci cura l'uno dell'altro e fare in modo  che questo cerchio non si rompa mai."

"Ma come facciamo a rimanere uniti se scoppia qualche litigio?", domandò Pedro. 

"Semplice: chiedendoci scusa a vicenda. Mettendo da parte l'orgoglio e salvaguardare la protezione. Ecco qui la chiave per la non violenza. Rispetto, unione, protezione."

"Bene adesso rimettiamo tutti i banchi al loro posto e sedetevi di nuovo."

Dopo cinque minuti di trambusto generale i ragazzi si sedettero nuovamente ognuno ai loro posti.

"Adesso avete capito quanto è importante avere equilibrio? Questo esempio ve l'ho fatto per farvi capire che noi siamo coloro che si trovano intorno a un piccolo puntino, la pace. Come si mantiene la pace? Con l'equilibrio. La pace è come il centro di un mandala, noi ci troviamo intorno a lei. Come possiamo mantenerla in vita? Lei che è così fragile ha bisogno di una protezione, e noi siamo come uno scudo per lei. Cosa succede se rompiamo lo scudo? La pace muore. E come fare dunque per mantenere questa protezione? Ripeto: con equilibrio. Con amore, con il rispetto tra di noi, con la fede nella speranza, con un corso di non violenza. Il mandala non si spezza, la pace non muore se agiamo con perseveranza e con equilibrio. Una volta provvisti di tutto questo la pace è salva, la protezione non si rompe."

I ragazzi erano stupiti ed alcuni erano rimasti a bocca aperta.

"E se fracassiamo? Se ci sbagliamo?", chiese Luca lentamente.

"Ritorniamo sui nostri passi e ricominciamo.", rispose semplicemente l'insegnante. 

 

"Forse avevi ragione te... abbiamo fatto bene a darle una possibilità.", riferì Agustín al suo amico e a Juan e León che ascoltarono il loro discorso.

"Sì dai, anche se a volte ammettiamo che una bella patada dove ti senti meglio non ci starebbe male.", aggiunse Juan facendo ridere i suoi amici.

"Dai chicos, no violencia.", esclamò Ramiro sorridendo. 

"No violencia.", ripeté tra sé Ramiro. 

 

"Perfetto ragazzi, la prossima settimana forse avremo qualcuno con noi che ci aiuterà a proseguire questo cammino alla non violenza."

Quando la lezione terminò i ragazzi e l'insegnante si salutarono ed ella si preparò ad uscire dalla classe.

Quando si trovò fuori dalla porta dell'aula il direttore, giovane quanto lei, la raggiunse per chiederle come andava il corso.

"Buongiorno professoressa Camila.", la salutò gioviale.

"Come prosegue il suo corso di non violenza?" 

"Prosegue, direi bene.", rispose sorridendo Camila.

"Felipe", si riferì Camila dando del tu al direttore. Dentro a quella scuola erano tutti alla pari alla fine.

"Sì?" 

"Secondo te questa innovazione, questa idea del corso darà fastidio a qualcuno?"
"A cosa ti riferisci?", chiese Felipe.

"Non vorrei creare problemi ai ragazzi. Io me la rischio ma qualcuno potrebbe non accettare questo corso."

"Rischiatela Camila, è importante che i ragazzi, e le persone in generale, sappiano quanto è importante partecipare a un corso di non violenza.", rispose Felipe rassicurando l'insegnante. 

Camila sorrise e si sentì più sicura. Il corso avrebbe continuato a prendere vita. 

"Piuttosto, ai ragazzi piace?"

"Sembra di sì, non obbligo nessuno a unirsi, però sembra che ci vogliono venire tutti. Sarà anche per la curiosità."

"Bene!", esclamò Felipe, "Il motto della scuola è sempre lo stesso: solo con la non violenza e l'amore possiamo cambiare il mondo." 

Camila annuì.

"Il corso di non violenza servirà proprio a questo: a stabilire l'equilibrio mondiale."

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
4
15

Diversa da chi

23 November 2020

Diversa da chi Come te riesce a camminare Diversa da chi Come te riesce da sola a ballare Diversa da chi Non ama rispettare E all’occorrenza riesce a calpestare Diversa da chi Non sa apprezzare le mie diversità Facendomi del male Sono diversa perché Riesco ad ammirare il bello della vita Che mi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
10

Chi ha rotto il vetro della finestra?

È solo un gioco da ragazzi

23 November 2020

Ciao a tutti eccomi di nuovo amici lettori a parlarvi di calcio per un mio dipinto ispirato a un lavoro fotografico dell'artista Neville Gabie, è la mia reinterpretazione di un luogo dove qualcuno in Irlanda del Nord ha usato un vecchio muro per fare un porta da calcio, nell'immagine non ci sono [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: a walteruccio non ne caspic ncas di calcio quindi mi fido delle formazioni [...]

  • Walter Fest: Scilipò grazie mille, quello che hai letto è la prima partita, [...]

2
3
16

Mario, Biagio e gli odori (Biagio) - 2/2

Estratto da un romanzo in costruzione - Pag 48

22 November 2020

Biagio annusa l’aria uscendo da casa. S’incammina per via San Jago e poi taglia per una stradina laterale. Gli immobili bassi che si volevano moderni appena pochi anni fa si fondono con le case in pietra della città vecchia. Poco a poco diventano un tutt’uno indistinto, confuso nella stessa meschinità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
8
20

Le cento candeline

22 November 2020

“Sei troppo lento, sbrigati con ste' candeline!", bofonchiò Carmine a Tonino, suo fratello. Alcuni minuti dopo Salvatore, il figlio di quest'ultimo, prese l'accendino e, ad una ad una, accese i cento piccoli cerosi colorati collocati sopra la grande torta di compleanno di Maria, la bisnonna. “Su, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, grazie per il tuo partecipato e sensibile commento. Dall'humour [...]

  • Walter Fest: Ti avevo già fatto i complimenti tempo fa per quella serie di six word, [...]

4
4
18

Entra

21 November 2020

-Bada dove poggi i piedi Qui non devi aver fretta- -Che ci faccio qui? Non conosco questo posto! Ricordo fossi seduto sulla panchina. Sì, di quelle che corrono lungo il Tower Bridge. Guardavo il fiume e battelli colmi di turisti. Forse ero anche felice. Ricordo che sorridevo ma non ne sono molto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Pata, scritto bene che acchiappa il lettore....devo chiedere aiuto a [...]

  • Patapump: ..grazie Sara, Giuseppe e Walteruccio. C'è un momento nella vita [...]

3
2
12

Mario, Biagio e gli odori (Mario) - 1/2

Estratto da un romanzo in costruzione. Pag 34

21 November 2020

Le vecchie case hanno un odore tranquillizzante. Modeste e squadrate, nessuno vi fa caso né le osserva con l’invidia di chi sogna una bella abitazione. Resistono inosservate per moltissimo tempo finché un escavatore non le demolisce per far posto a un palazzone nuovo di zecca. L’infanzia di Mario [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
11

Un' estate ardente

20 November 2020

Avevamo lasciato le valigie a mezzogiorno e ora stavamo camminando per la strada in cerca di visi sconosciuti, con le orecchie e gli occhi protesi su la gente e sulle vetrine. A Portal de l’Àngel e giù verso il quartiere Raval potevi trovare i migliori souvenir, nell’Eixample le boutique d’alta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao mysterywhiteboy, un bel racconto il tuo, tra le varie cose mi viene naturale [...]

  • mysterywhiteboy: allora se la pizza è il tuo piatto preferito ti aspetto a Napoli quando [...]

2
4
19

C'è una casa dimenticata sulla collina

e una missione da compiere

20 November 2020

In una strada, una delle tante di Roma, c'è una casa dimenticata sulla collina, è lì da tanti anni e da quella collina vede le macchine andare su e giù, è una casa dimenticata, sicuramente abbandonata, è isolata e senza finestre. Oggi per voi amici lettori voglio andare a vedere quella casa dimenticata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Ragazzi miei, sono le ore 22,00 e tutto va male, sono sassofonato di brutto [...]

  • Walter Fest: Scilipò è bello avere con te una sintonia cosmica involontaria [...]

4
7
41

Via da via!

19 November 2020

Un tempo di tanto tempo fa… c’era un villaggio dal buffo nome “Via”. Tutti i viandanti che passavano da quelle parti, trovandosi al cospetto del cartello con su scritto “Via” alle porte del villaggio, si impaurivano talmente tanto e scappavano via davvero. Ma “Via”, non era un invito scortese [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

3
3
15

Il pacco

19 November 2020

Qualunque regalo gli venisse fatto lo faceva rimanere impassibile. Non esternava nessun entusiasmo. Dopo un po' di tempo nessuno gli fece più alcun regalo. Tutto questo non sembrò sconvolgerlo. Divenne molto bravo a impacchettare regali. Aveva una manualità impressionante. Trovò lavoro in un [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

20
24
139

Il principe e i suoi princìpi

18 November 2020

Adoro la figura del principe che per principio non cambia principio. E non solo. Non è rilevante se il principe risulta azzurro, bianco o arancione, l’importante è che abbia dei sani princìpi nonché si contraddistingua da moltissimi principi che si credono dei principi, invece in realtà di principe [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
20

Il filo di Arianna - 4/4

18 November 2020

28 febbraio Il teatro e pieno di donne più o meno giovani accorse per vedere l’attore del momento. Una signora, intenzionata a filmare l'evento con il telefonino, si sposta dall'ultima fila al posto accanto a noi, si siede senza chiedere niente, io le regalo un'occhiataccia, lei, presa dall'eccitazione, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Italo, colgo positivamente la tua richiesta a patto che trovi il modo [...]

  • Italo Prato: Giuseppe impossibile condensare i miei racconti nei vincoli della piattaforma [...]

Torna su