Il mostro dentro di me si fa sempre più grande.

La coscienza. Sospiro profondo, eh già... La coscienza è quel figlio di puttana invisibile che agita un manganello per aria, e quando ha attirato tutte le attenzioni che cerca, con il medesimo traccia una linea sul terreno. Mostra l'indice e annuncia: “Chi vive seguendo la sacrosanta madre dell'empatia, sia benedetta come l'acqua, l'illuminatissima Coscienza, stia da questa parte della riga!”. Urla impettita come uno schutz-staffel con le emorroidi che ha appena digerito la cena dal messicano.

Allora tutti noi sgomitiamo, come quando si è schiacciati nella calca in piena notte di San Silvestro e qualcuno inizia a mandare raffiche di mitra random; sgomitiamo per metterci nel nostro posto: nell'oltre della linea adibito ai pensatori, la parte giudiziosa, la terra dei giusti.

Le bastonate non si fanno attendere. Qualcosa deve aver offeso la coscienza, quell'aguzzino col manganello si è sdoppiato, quadruplicato, fatto in otto, sedici; e ognuno di loro ci picchia a sangue, hanno il muso sfigurato dalla furia! Per darvi un'idea di cattiveria: trentadue denti di un bulldog americano a cui hanno centrato l'ascesso genitale con un tira-elastico. No, no, no, questa non rende. Il muso imbastardito di uno sbirro americano che ti vieta di passare perché il collega sta svolgendo il proprio compito. Così va meglio.

Ecco, ne prendo atto di avere un immaginario contorto; ma se dovessi rappresentare la coscienza, che a quanto sostengono i libri di biologia, pare sia composta da cinquanta per cento etere, quindici per cento aria e trentacinque per cento le promesse del governo, la vedrei così: con una divisa, come un uomo di legge. Quindi imprevedibile e, visto che ogni uomo ha un prezzo, può darsi anche corrotta.

È una fortuna che l'immaginazione sia una cosa astratta. L'immaginazione è come un grosso fiato di joint: appesta col suo odore pungente, tutti si accorgono che stai fumando, ma poi in un nulla si dirada. Un fuoco di paglia. Così è la coscienza.

Ve lo immaginate se davvero qualcosa avesse il potere automatico, insito nel cervello, di farci desistere dalle avance del libero arbitrio. Come se una mattina ti svegliassi e ti chiedessi cosa si provi a uccidere e il giorno dopo ti capitasse tra le mani l'occasione incarnata nel collo di un altro uomo. Sei lì che stringi per precludere l'aria alla gola del tuo prossimo, ma d'un tratto, come se il sistema individuasse un malware, il cervello ti manda davanti alle retine una lavagna di diapositive su cui è riportato cosa esattamente stia provando l'uomo a cui stai negando il respiro. In allegato foto dei familiari, pic-nic la domenica, il giorno del diploma, attimi di vita spensierata; squarci di conversazioni avuti ultimamente con la moglie, il figlio, gli amici. È lì, che dovrebbe scattare il salvavita, tac. E molli la presa.

Ma la coscienza... altro respiro profondo. L'ho detto prima: ho un mostro dentro che continua a crescere. Ecco, maledizione. Il male esiste e non ci possiamo fare niente. Ma se dovessi immaginare il male non starei a elencare materie inafferrabili come con la coscienza. Il male c'è. Si muove piano, elargendo dolore silenzioso ovunque si insinui. Capisce, sente, geme beffardo, è nascosto tra le orecchie. Il male ha una coscienza? Perché io ho questo mostro dentro che si fa sempre più grande, e dal momento che sussiste fisicamente, dal momento che esiste nelle sue forme, potrebbe pure avere una coscienza e capire che non è benvenuto a casa mia. Il mostro si ha preso la mia libertà. Mi ha immobilizzato, qui è tutto bianco, non respiro, ho il suo ginocchio sul mio collo. Cosa miseria vuole da me?

Dovrei chiedere a Don Chisciotte come si combatte qualcosa che non si può combattere. Mah, il sistema di madre natura ha più bug delle cartucce del Sega Mega Drive.

Il soffitto dell'ospedale sta riprendendo forma. Le plafoniere al neon, l'odore di sangue e disinfettanti, le grida di qualche disperato. Devo aver avuto un altro attacco dei miei.

Sto morendo, non credo che mi manchi molto. L'ho intuito dacché ogni sera, prima di prendere sonno, appare una Madonnina turchese e mi racconta una storia. Non credo che sia frutto di tutte le schifezze che prevede la terapia. Mi piace pensare che sia veramente lei. Mi accarezza la fronte e lacrima cinque o sei (quando riesco gliene scrocco nove, dieci) gocce di benzodiazepine, che nascondo avidamente dietro la lingua.

“Oh Madonnina”, le dico sempre. E lei mi chiede cosa può fare per un povero diavolo come me. Allora le dico: “perché mai, perché mai mi trovo qui, in un letto d'ospedale a marcire d'infima agonia, anziché nella terra dei giusti a stare con giudiziosi pensatori?”.

E lei mi risponde. Lo fa con flemma celestiale, le parole più musicali che abbia mai sentito; divinamente utopica, come se il cielo riproducesse il suono sommesso di un quieto mare. E me lo rivela. Esce. Mi lascia così.

La coscienza esiste in ogni uomo, e quello che ho sempre chiamato mostro altro non è che lei.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
4
10

Mannaggia alla prostata

solo un occhiata proprio da lì

29 October 2020

-Tony, sbrigati accosta al marciapiede, fammi scendere al volo!- -Mario, aspetta un attimo, che è successo?- -Te lo dico dopo, dai accosta che non ce la faccio più!- Mario detto er benzinaro, sembra che sul sedile anteriore della 500 tenga sotto il proprio fondo schiena degli spilli manco fosse [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Cari amici, prima di tutto cominciamo che mi cospargo il capo di cenere perchè [...]

  • Walter Fest: ahahahahahah...un altra cosa voglio dììì e la voglio dììì [...]

3
2
6

Goleador

29 October 2020

Dopo il vento della sera prima, il sole era tornato per riscaldare l'ultimo giorno di Febbraio. Erano circa le due del pomeriggio. Lui lo capì vedendo il piccolo Enea camminare sul piazzale per dirigersi verso il bar del centro. Di solito usciva sempre a quell'ora. Lo si vedeva entrare nel bar [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

16
19
66

Spot Lemondrink - 2/3

29 October 2020

7) Red Flags Studios: Complimenti! Uno spot stuzzicante e benfatto, comparto audio e video qualitativamente eccellenti. Il motivetto entra facilmente in testa, tant'è che lo sto fischiettando in questo preciso istante. Comunque non mi sono ancora presentato: Mi chiamo Michele Santi, regista della [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Aldo, un pollice su non può che tirarmi su, vuol dire che il [...]

  • Walter Fest: Scilipò come nel 2017...originale, geniale e apppasssssionato!!!!...ciao [...]

6
3
40

Bsl-4

In morte di Lobha White

28 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

15
16
84

Spot Lemondrink - 1/3

28 October 2020

Premessa: ciò che state per leggere è da considerarsi un testo sperimentale. Essendo un appassionato di tutti i generi cinematografici e televisivi, mi è venuta in mente un’idea balzana e di tramutarla in scrittura. Sognatore come sono, ho deciso di improvvisarmi regista e di caricare un immaginario [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Aldo Viano: Confesso d'aver letto (e poi riletto) prima la seconda parte. È [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Aldo, confesso d'aver letto prima il commento su 2/3 :D
    Ti ringrazio [...]

2
0
7

La maschera

28 October 2020

Per un attimo levai la maschera e nessuno mi riconobbe. Chi era quell'uomo che lo specchio rifletteva? Ma certo, sono io, così come sono in realtà, con tutte le mie fragilità, le mie emozioni, le speranze, i sogni. Sì, io bambino, che giocava con l'aquilone sulla spiaggia e si sedeva a contemplare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
3
23

Strani incontri

27 October 2020

Ho incontrato un dentista sdentato insieme a un arrivista mai arrivato che venivano portati da un autista autistico a trovare un caratterista senza carattere che aveva sposato una ballerina sballata che aveva una sorella suora e un fratello molto fraterno che aveva un cane carnivoro e un gatto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Grazie come sempre caro"Scilipotter" un vero maghetto del commento!
    In [...]

  • Aldo Viano: Dopo Giuseppe, impossibile commentare, lui è il giudice Masterchef dei [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
9

Nuoce gravemente alla salute

27 October 2020

Quando la botta è arrivata non ho sentito male. Un colpo secco, come quando sbatti la capoccia contro una trave in soffitta cercando un attrezzo che sai essere proprio lì ad aspettarti, in agguato con la sua complice messa di traverso, per ricordarti di chinare la testa nella vita. Oppure quando [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
3
35

Il falegname con il mazzo di chiavi - 2/2

27 October 2020

"È sicuro la chiave del baule!", disse il fruttivendolo. "Ne ero sicuro fosse un furfante", esclamò il calzolaio. "Che ti dicevo?" continuò la sarta rivolgendosi alla perpetua. "Dobbiamo fare tante buche nel bosco, recuperare la refurtiva e metterlo alle sbarre", si convinse alla fine anche il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Gran bel pezzo scritto con lo stile di una favola alla "c'era una [...]

  • Bernardo Panzeca: Per Giuseppe
    Sarò ripetitivo ma leggerti è come a volte leggere [...]

2
2
16

Il principio d’invecchiamento

26 October 2020

“Non sono certo che ci sia una stretta correlazione tra il tempo misurato dell'età in comunione o la mia percezione dei valori dimenticati; alcuni disattesi anche da me, in verità. Il peso eccessivo di molte e assurde condizioni umane stringono, con sempre maggiore intenzione, i miei pensieri, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
26

Il taglialegna con il mazzo di chiavi - 1/2

26 October 2020

C'era sempre del fumo che si alzava in aria da quella parte del bosco; proveniva dal comignolo della casa del taglialegna col grosso mazzo di chiavi. In paese tutti lo conoscevano a quel modo; non sapevano niente di lui, neanche il nome, tranne che abitava da sempre in quella casa dentro il bosco [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
13
56

Trincee

26 October 2020

Il lungo combattimento volgeva al termine assieme alla cacofonia di spari e grida. Il campo di battaglia era disseminato di corpi, molti dei quali aggrappati al filo spinato, gocciolando sudore e sangue tanto da macchiare l'erba di rosso. Si udì un ultimo sparo causato da una pistola di un agonizzante [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su