Il mostro dentro di me si fa sempre più grande.

La coscienza. Sospiro profondo, eh già... La coscienza è quel figlio di puttana invisibile che agita un manganello per aria, e quando ha attirato tutte le attenzioni che cerca, con il medesimo traccia una linea sul terreno. Mostra l'indice e annuncia: “Chi vive seguendo la sacrosanta madre dell'empatia, sia benedetta come l'acqua, l'illuminatissima Coscienza, stia da questa parte della riga!”. Urla impettita come uno schutz-staffel con le emorroidi che ha appena digerito la cena dal messicano.

Allora tutti noi sgomitiamo, come quando si è schiacciati nella calca in piena notte di San Silvestro e qualcuno inizia a mandare raffiche di mitra random; sgomitiamo per metterci nel nostro posto: nell'oltre della linea adibito ai pensatori, la parte giudiziosa, la terra dei giusti.

Le bastonate non si fanno attendere. Qualcosa deve aver offeso la coscienza, quell'aguzzino col manganello si è sdoppiato, quadruplicato, fatto in otto, sedici; e ognuno di loro ci picchia a sangue, hanno il muso sfigurato dalla furia! Per darvi un'idea di cattiveria: trentadue denti di un bulldog americano a cui hanno centrato l'ascesso genitale con un tira-elastico. No, no, no, questa non rende. Il muso imbastardito di uno sbirro americano che ti vieta di passare perché il collega sta svolgendo il proprio compito. Così va meglio.

Ecco, ne prendo atto di avere un immaginario contorto; ma se dovessi rappresentare la coscienza, che a quanto sostengono i libri di biologia, pare sia composta da cinquanta per cento etere, quindici per cento aria e trentacinque per cento le promesse del governo, la vedrei così: con una divisa, come un uomo di legge. Quindi imprevedibile e, visto che ogni uomo ha un prezzo, può darsi anche corrotta.

È una fortuna che l'immaginazione sia una cosa astratta. L'immaginazione è come un grosso fiato di joint: appesta col suo odore pungente, tutti si accorgono che stai fumando, ma poi in un nulla si dirada. Un fuoco di paglia. Così è la coscienza.

Ve lo immaginate se davvero qualcosa avesse il potere automatico, insito nel cervello, di farci desistere dalle avance del libero arbitrio. Come se una mattina ti svegliassi e ti chiedessi cosa si provi a uccidere e il giorno dopo ti capitasse tra le mani l'occasione incarnata nel collo di un altro uomo. Sei lì che stringi per precludere l'aria alla gola del tuo prossimo, ma d'un tratto, come se il sistema individuasse un malware, il cervello ti manda davanti alle retine una lavagna di diapositive su cui è riportato cosa esattamente stia provando l'uomo a cui stai negando il respiro. In allegato foto dei familiari, pic-nic la domenica, il giorno del diploma, attimi di vita spensierata; squarci di conversazioni avuti ultimamente con la moglie, il figlio, gli amici. È lì, che dovrebbe scattare il salvavita, tac. E molli la presa.

Ma la coscienza... altro respiro profondo. L'ho detto prima: ho un mostro dentro che continua a crescere. Ecco, maledizione. Il male esiste e non ci possiamo fare niente. Ma se dovessi immaginare il male non starei a elencare materie inafferrabili come con la coscienza. Il male c'è. Si muove piano, elargendo dolore silenzioso ovunque si insinui. Capisce, sente, geme beffardo, è nascosto tra le orecchie. Il male ha una coscienza? Perché io ho questo mostro dentro che si fa sempre più grande, e dal momento che sussiste fisicamente, dal momento che esiste nelle sue forme, potrebbe pure avere una coscienza e capire che non è benvenuto a casa mia. Il mostro si ha preso la mia libertà. Mi ha immobilizzato, qui è tutto bianco, non respiro, ho il suo ginocchio sul mio collo. Cosa miseria vuole da me?

Dovrei chiedere a Don Chisciotte come si combatte qualcosa che non si può combattere. Mah, il sistema di madre natura ha più bug delle cartucce del Sega Mega Drive.

Il soffitto dell'ospedale sta riprendendo forma. Le plafoniere al neon, l'odore di sangue e disinfettanti, le grida di qualche disperato. Devo aver avuto un altro attacco dei miei.

Sto morendo, non credo che mi manchi molto. L'ho intuito dacché ogni sera, prima di prendere sonno, appare una Madonnina turchese e mi racconta una storia. Non credo che sia frutto di tutte le schifezze che prevede la terapia. Mi piace pensare che sia veramente lei. Mi accarezza la fronte e lacrima cinque o sei (quando riesco gliene scrocco nove, dieci) gocce di benzodiazepine, che nascondo avidamente dietro la lingua.

“Oh Madonnina”, le dico sempre. E lei mi chiede cosa può fare per un povero diavolo come me. Allora le dico: “perché mai, perché mai mi trovo qui, in un letto d'ospedale a marcire d'infima agonia, anziché nella terra dei giusti a stare con giudiziosi pensatori?”.

E lei mi risponde. Lo fa con flemma celestiale, le parole più musicali che abbia mai sentito; divinamente utopica, come se il cielo riproducesse il suono sommesso di un quieto mare. E me lo rivela. Esce. Mi lascia così.

La coscienza esiste in ogni uomo, e quello che ho sempre chiamato mostro altro non è che lei.

Tutti i racconti

0
0
0

FLORY CAMBIA VITA

03 August 2021

Viveva in Nuova Zelanda una cangurina di nome Flory, molto vivace, curiosa ed inquieta che, ormai stanca della solita vita, si imbarcò clandestinamente su una nave diretta in Antartide. Giunta a destinazione, trovò l'ambiente un po' freddo, ma le piacevano i colori, la tranquillità e, soprattutto, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Non piangere più

Block notes

03 August 2021

Non piangere più Una donna che piange addolorata per una perdita subita o che piange per amore è come un fiore bagnato dalla rugiada del mattino. L’amore non ha colore. L’amore è indeclinabile. Quando tutto finisce, pensa a costruire una nuova realtà. Alla fine sarà un principio perché troverai [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
1
7

Il grande rogo

02 August 2021

Erano i primi di giugno dell’anno 2025 e la temperatura rilevata era di 45° - a luglio si stabilì sui 48°, mentre ad agosto superò la soglia dei 50°. Nell’arco di soli due anni, i dati sul surriscaldamento globale davano un aumento di 4/5 gradi della temperatura terrestre, prefigurando un evento [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
0
3

Filosofia spicciola

02 August 2021

Approfondendo la teoria dell'io cartesiano con l'Heghelismo deviazionista afrocubano, indirizzato desolatamente verso una deriva quantistica sostanziale, si giunge ad una sorta di vetero ellenismo peloso, degno del peggiore Minculpop ed anche Minculrock di mussoliniana memoria, con la conseguenza [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

Lockdown 3

Racconto poetico filosofico teatrale

01 August 2021

Tunnel Vado allo specchio e mi racconterò. Non è mai troppo tardi per costruire una vita Felice fin dalle fondamenta. Cosa forse più preminente è dare alla vita un senso assoluto. Dipende da noi. Dalla nostra volontà e lungimiranza. Nei riflessi dello specchio parlante vedo il tuo profilo unico. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
15

Ladro per amore

Le indagini di James

01 August 2021

Puntualmente ogni fine mese, per la precisione ogni 28 del mese, dal conto di Calamaretti venivano sottratti i soldi che sarebbero serviti, in appena tre anni, a pagare il prezioso anello di fidanzamento per dottoressa Jennifer Lorenzi. Quel che più infastidiva James era che il giorno 28 non era [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Betty: grazie come sempre! Dopo una giornata impegnativa, mentre fuori sta per scatenarsi [...]

  • Adribel: Anche i ladri possono avere ragione. Carinissima questa puntata. Sto leggendo [...]

2
3
12

L’uomo all’angolo della strada

31 July 2021

Era lì Ogni stramaledetto giorno di quella sua esistenza Lì In quell’angolo di via Tra la Quinta e la Sesta Avenue Mi alzavo molto presto la mattina E tirando la tendina del mio appartamento lo vedevo E non capivo Non capivo cosa lo spingesse a fare tutto ciò Provavo a volte rabbia e a volte pena [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Sono rimasto colpito, anzi estremamente colpito da questa pubblicazione. "L'uomo [...]

  • Patapump: grazie Betty per la tua lettura e lo sprono di inserirci ulteriore trama..detto [...]

1
2
8

Unicorno

Block notes

31 July 2021

Unicorno Tu sei la mia forza interiore; la mia ultima speranza. L’obiettivo categorico. Mi ispiri- sempre- verso un’esistenza migliore. Parole d’Amore per te. Speciale alchimia di sentimenti. Ancora una volta, lasciatelo sussurrare, bisbigliare dietro le orecchie. L’unicorno esiste. Colmo di ardore, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
9

VITA e OPERE di Esaù - 3/3

30 July 2021

Il 1958 per Esaù fu un anno di svolta. Compiva quarant’anni (età all’epoca considerata piuttosto insolita per uno scapolo), ma il problema era ben altro. Il nostro eroe, assolutamente refrattario a legami sentimentali e ancor più alla famiglia, era tuttavia attratto dal gentil sesso. Il che [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
4
16

Amor America

30 July 2021

America è il cuore che riempie le mie vene le radici della mia terra lontana America mi amor Amor America Sono un canto in carne viva sono le alture della mia cordigliera sono Poesia e versi nel vento parole di allegria parole di dolore un nome scomparso di desaparecido un grido nell'arsura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
7

VITA e OPERE di Esaù - 2/3

29 July 2021

Esaù era discretamente bravo anche nei servizi fotografici per matrimoni e prime comunioni, immortalava spose con l’aria sognante e comunicande sulla strada della santità. Il suo problema, però, era una certa incostanza, per cui talvolta impiegava mesi per consegnare un album di nozze o sviluppava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
12

Lemma D'amore

Poesia

29 July 2021

Lascio che sia il cuore a scrivere le parole dell’anima. Lascio che siano le emozioni a dare colore a quello che sento, mentre vivo ciò che affiora nella mente mentre domina il destino che creo giorno dopo giorno accanto a te che sei l’unica ragione di gioia nella vita mia. Così, nella bellezza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su