Un magnetofono e un microfono.

Era tutto quello che mi occorreva.

- Stazione di Osimo ore nove e quaranta, diretto per Ancona in transito.

Bordo del fiume e suo fluire dell’acqua bassa con girini gracchianti.

Giornata di pioggia battente su strada.

Vento da Ponente che soffia -

Io ero quello che catturava i rumori.

Questa passione era nata per caso.

Avvenne in una giornata che vorrei dimenticare perché non piacevole da ricordare.

Avevo dodici anni e avevo litigato col babbo.

Scappai da casa verso la campagna in cerca di solitudine.

Sul mio cammino invece trovai una buca profonda e vi cascai dentro.

Le ricerche andarono avanti diverse ore prima di ritrovarmi.

In quel buco ebbi tempo di riflettere.

Ma anche di ascoltare.

Ascolti di silenzi, di sospiri, di fremiti di ali e foglie vibranti al vento.

Entrarono pian piano nella mia testa, collocandosi come in un database.

Tutto ben catalogato come era la mia indole.

Anche agli altri ascolti fui attento.

Animali notturni e diurni.

Voli aerei e trebbiatrici.

Autostrade ingolfate e ciminiere sbuffanti.

Sportivi affannati e bambini festanti fuori da scuola.

Scrosciare d’acqua dal rubinetto e mare in tempesta.

Mulini a vento cigolanti e saldatrici luminose.

Baci appassionati e schioccanti.

Ognuno di essi emetteva suoni o rumori unici.

Tutto aveva il suo fascino irripetibile e non trascurabile.

Cominciai a raccogliere tutti questi rumori su nastri magnetici che poi riascoltavo nel silenzio della mia stanza.

Perché lo facessi non era ben chiaro.

Sembrava un qualcosa di predestinato, un percorso che dovevo compiere nella mia vita.

Cosa potesse o dovesse darmi, anche questo non era chiaro.

Ma la cocciutaggine insita in me mi fece proseguire nella catalogazione.

Gli scaffali che arrivavano fino al soffitto erano zeppi di nastri, tutti ben ordinati in un ordine maniacale, che seguiva un rigoroso indirizzo alfabetico.

Quando fui chiamato dal dott. Strambelli, direttore di un istituto fonetico e collegato alla produzione di cortometraggi, rimasi alla fine della telefonata muto e rigido.

Il mio sguardo da ebete lo sentivo addosso.

Non avrei mai immaginato che qualcuno sapesse di me.

Che qualcuno sapesse del mio lavoro ormai decennale.

Era giovedì mattina che entrai nell’istituto e percorsi un corridoio stretto e lungo.

Sulle pareti foto di tutte le mini produzioni.

Animali, siti archeologici, fabbriche dismesse

Grandi montagne, praterie sconfinate

Sentivo passando quasi il loro odore, il respiro del vissuto.

Mi fermai davanti a una porta con la scritta “Non Entrare”

Tre colpi di nocche.

Uno scatto metallico e si spalancò.

Un omino dagli spessi occhiali mi fece entrare muovendo la mano verso di se.

-Faccia  vedere cos'ha lì dentro-

Rovesciai sul tavolone tutte le mie registrazioni.

La stanza era buia e l’omino iniziò a leggere i titoli sotto una luce fioca di una lampadina.

Ne scelse una.

Aprì il registratore e fece partire il suo filmato.

Era un airone che volteggiava nel cielo della Sardegna del carbone.

I miei suoni catturati erano in combinazione perfetta con quel video.

Pensai fosse un alchimista quell’uomo.

La combinazione tra le due cose aveva creato un qualcosa di bello.

Avido, l’omino cominciò a chiedere, a scartabellare riprese sonore.

Sembrava cercasse il rumore perfetto.

Aveva qualcosa in mente che non mi aveva detto.

Il suo sguardo fu catturato dalla registrazione di due anni prima in una zona del centro Italia dove nidificava un particolare volatile.

Erano suoni catturati in un contesto difficile.

La modernità stava soppiantando la natura.

Fabbriche rumorose si combinavano ai suoni della natura in maniera stridente, quasi come affondare coltelli nel corpo indifeso.

Ne fu conquistato.

-Questo va bene-, mi disse congedandomi.

Non seppi di lui per almeno un mese, quando mi arrivò una altra telefonata dall’istituto

Mi chiedeva di recarmi lì.

Non mi fu detto il perché.

Quando arrivai fui fatto accomodare in una saletta e un filmato partì all’improvviso.

Riconobbi subito i miei suoni.

Erano come dei figli per me.

Anche qui, quel semplice omino occhialuto fece un capolavoro

Le immagini che scorrevano senza dialoghi, serrate, decise, significative, danzavano con quei rumori che ero riuscito a catturare.

L’emozione fu davvero tanta, ero e rimasi inchiodato alla sedia fine alla sua fine.

Quando le luci si accesero un nugolo di persone si alzò in piedi e applaudì il mio lavoro.

Non trattenni le lacrime.

Il lavoro di tanti anni, così solitario, riservato, era venuto a galla.

Altre persone avrebbero potuto farlo loro.

A questo non ero pronto.

Ero sempre stato io e il mio magnetofono, che consideravo il mio terzo orecchio.

Il produttore del cortometraggio mi si avvicinò e volle stringermi la mano.

Io con fare goffo ricambiai e venni sostenuto subito dal dottor Strambelli.

Lo stesso disse, rivolto al produttore:

- Sono felice di poterle presentare l’uomo dei rumori-                                                 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutti i racconti

0
0
0

Al di là

07 February 2023

Non abbiamo poteri divini che ci consentano di compiere azioni sovraumane ovvero trascendenti la forza muscolare per arrecare dispetto. Non spostiamo montagne in una sola notte eradicandole dalla loro millenaria collocazione solo perché amiamo il candore della neve e l’acqua cristallina al centro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Distesa sul letto

07 February 2023

Distesa sul letto guardo il soffitto. La mia mente elabora, elabora sempre, non è mai in riposo… i pensieri offuscano la mente, si arrovellano… Sembra come se qualcosa fosse intrappolato dentro la mia testa o magari nel mio petto… Eh già, è proprio così, il mio cuore impazzito che non riesce a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
11

Somatismi

06 February 2023

Che il cervello litighi con l'intestino non è una novità ma che il pancreas trovi da ridire sul comportamento delle pupille o che i talloni siano in disaccordo con le papille gustative questo è inammissibile. Succede perché ogni parte del corpo ha un'anima. Hai voglia di dire che il cervello è [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Che testo simpatico!

  • Astrid: grazie per questa condivisione, ti ho letto con molto piacere. Sembra quasi [...]

3
3
13

Da buttare

06 February 2023

Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto lavorando? Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto ascoltando la radio? Posso parlarti? No. Sto male. Non lo vedi che sto leggendo? Lui finì il capitolo. Lei si buttò dal terrazzo.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Intensa fotografia del malessere di molti rapporti.

  • Astrid: purtroppo, spesso è così che succede

2
4
10

Alla mattina

06 February 2023

Parcheggio la macchina davanti al parco. Vado al bar a bere il mio latte di soia macchiato. Poi mi siedo in macchina. E leggo. Aspetto l’ora X per partire e andare al lavoro. Non ho bisogno di guardare l’orologio. Davanti a me, dall’altra parte della strada, in una finestra al primo piano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Chissà, non voglio pensare cose brutte!

  • Astrid: piccoli attimi, scorci della quotidianità che è tale solo per [...]

1
2
2

Aforisma

05 February 2023

A volte siamo quei gracili fiori in un unico giardino anelanti di gocce d'amore in cui rinvigorirsi, cogliendo ristoro per donare il proprio olezzo nell'impronta della propria bellezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
9

IL GRIDO DELLA GUERRA

Poemetto Sulla Guerra Globale

05 February 2023

Il corpo del gelido inverno gela il mio verseggiare Scivolo tra le ombre della sera, scorro insieme a questo divenire Si dirizza in piedi l’esistenza, si dirizza la bellezza, la certezza di essere di nuovo ultimo della fila. Non c’è più spazio per sopravvivere per narrare altre avventure Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Piccola stella: Caro Dino, come siamo messi male!!! Meglio leggerti a stomaco vuoto...
    Qualche [...]

6
18
35

Er triballo der potorno

omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Potorno ogni trecatrezzu Simbatoni ché sembran cenci A' vita nun gnasca sur cialon Sinfason nun par de' no Er triballo pare tronto sur potorno E io che stronfio maneggio zumpappero zumpappero'. Uè Marain dis omage è per tè Amico lettore oggi ti abbiamo coinvolto in una sperimentazione di gruppo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Andrea Occhi: Credo in ciò che hai scritto WF...un punto di incontro, un posto sicuro [...]

  • Piccola stella: E si vede Andrea che a te piacciono entrambi i verbi....scusa ma cosa abbiamo [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

6
9
19

Nulla è come è

Linguaggio metasemantico: omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Un crutitto drostuario vagava tra pintrucci e torpelle con i tucci ripieni di pedullia. Da strulli non crolgava. La luna cremolava il fucullio, ma il povero crutitto sorcolò contro un pintruccio, zercolandosi un trumello nel sedere. Con i tucci alla luna, zefirò uffulamente, a causa del norocco. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Andrea Occhi: Io ho sempre fame e sete...al beveraggio ci penso io. Siamo stati bravi!

  • Walter Fest: Andrea hai ragione siamo stati bravi e adesso viene il bello, abbiamo visto [...]

8
12
15

Fosco secondo Pata

omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Il troncolo del moncolo Superbo arringhia su fronzoli catartici Che si ergono astrusi su impervi carrabili Non mungono ne stringono alterchi sumancoli Ma credono in fossili di duttili stangoli Pervade il troncolo l’annoso moncolo Che cauto spia longolo un cantolo del portico Stortolo, immondolo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
12
17

CUSPIZZO BALZENCO

Omaggio a Fosco Maraini

04 February 2023

Cuspizzo balzenco Guardava Patasselo mannare la suriela quando Calpestro volivolo stangando la mischia D'un botto riprese Patasselo dal trombolo. Ma Santozzo pulvisculo saltò nell'oberzolo Per fare dello spigolo il ventre del rigagnolo Grognarono lo svezzolo facendosi cucuzzolo e felici assistettero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: hanno stimolato fantasia, curiosità e sopratutto voglia di vita un plauso [...]

  • Piccola stella: Grazie Walter. Ho il dubbio che il dio degli artisti sia dentro di noi. Ma [...]

6
13
16

A VELE SPIEGATE

Come vivo

03 February 2023

A vele spiegate navigo senza vento. Ciò che voglio lo prendo. Ciò che dono ha bagliori di fuoco.

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su