--- La fortuna aiuta gli audaci, il pigro si ostacola da solo. ---

Cit. Lucio Anneo Seneca

 

 

C’era una volta un piccolo castello, abitato da Hyra e Fedora, due vecchissime streghe assai pigre come due orse perennemente in letargo. Per svariati motivi litigavano spesso, infatti, oltre agli innumerevoli insulti, attraverso la magia si cimentavano in scagliarsi le cose addosso. Le faccende domestiche non mancavano e di conseguenza l’ordine non regnava sovrano, tra l’altro a livello lavorativo non espletavano quasi mai le ordinazioni nonostante qualcuno pagasse anticipatamente.

Ad esempio: bisognava preparare una miriade di pozioni, per l’appunto commissionate da maghi e da alchimisti, con tanto di missive di sollecito da parte di questi ultimi, c’era da spolverare la StegoLibreria oppure da eliminare le migliaia di ragnatele presenti praticamente ovunque, specie nelle antiche scale a spirale.

Fondamentalmente, le uniche attività gradite dalle due oziose barbogie era dormire e mangiare sul divano. Per il cibo si servivano di un grifone da loro ammaestrato che andava a fare provviste di cibo già pronto in un emporio vicino.

Un giorno Fedora si irritò più del solito, in quanto il castello versava in condizioni particolarmente pietose.

«È giunto il momento di dare una sistemata alla nostra dimora, sono stanca di vivere in questo porcile. Prendi due scope!», ordinò.

Non ottenne risposta ma solo un antipatico sbadiglio e un cenno di no con un dito.

«Porco Diavolo, mi fai bestemmiare per forza. Dai su, muovi quel dannato culo flaccido, ti do una mano io.»

Hyra continuò a fare orecchie di mercante, finché si alzò con estrema lentezza dallo sdrucito divano assumendo l’espressione di una che la sa lunga.

«Invece di logorare le nostre povere ossa, non potremmo risolvere la questione con la magia?», propose.

«Con la magia?», ripeté interrogativa le ultime tre parole l’altra strega.

«Se ricordi bene, esistono varie formule magiche mirate a ripulire ambienti di ogni genere.»

«Ora che ci penso hai ragione, però non ricordo bene nessun incantesimo e mi scoccia andare a cercare nelle enciclopedie.»

Le due megere rimasero per alcuni minuti a rimuginare.

«Il problema è che se sbagliamo il procedimento, saranno scarafaggi amari!», disse ancora con prudenza Fedora.

«Ebbene vecchia mia, credo proprio di saperne una.», sentenziò ridacchiando Hyra schioccando le dita. «Una volta pronunciata la formula, le scope si animeranno e faranno tutto al nostro posto.»

Fedora, malgrado fosse poco convinta, essendo ugualmente piuttosto fannullona assecondò l’idea della maliarda.

«Hocus Porcus, scope del castello, ripulite sto bordello!», evocò Hyra tre volte chiudendo gli occhi e, in maniera estremamente concentrata, accompagnò il rituale con dei gesti arcani.

Apparve una luce viola che si espanse ovunque e il castello tremò per diverti minuti.

«Ti sei rincoglionita, per caso? Come Hocus Porcus? Hocus Pocus. Hocus Pocus. Manco le basi del mestiere, brutta decrepita!», si arrabbiò Fedora.

Tutti gli attrezzi per spazzare della secolare struttura si animarono istantaneamente, tuttavia i risultati non furono quelli sperati. Le scope cominciarono a saltellare qua e là, per poi scopare tra di loro, tanto che dalle “unioni” nacquero delle piccole scopette. Da autentiche pesti, grandi e piccine, si divertirono a giocare causando danni praticamente ovunque. Apparivano inarrestabili.

Numerose ampolle e pozioni del laboratorio andarono in frantumi. Stessa cosa con i piatti e i bicchieri della cucina, per non parlare di vasi, anfore, lumi, etc.

Hyra e Fedora, a causa dell’avvilimento, non ricordando la contromagia si misero a piangere disperatamente finché scope e scopette, probabilmente prese da un profondo dispiacere, decisero di placarsi e di ritornare inanimate.

 

 

Il castello finì per essere ridotto malissimo, un vero e proprio scempio nonché più disordinato di prima. Sembrava fosse passato un terribile uragano.

Le due streghe dapprima litigarono furiosamente, tirandosi ferocemente a vicenda i ripugnanti capelli grigi e crespi, ma non passò molto tempo che fecero pace. Non restava altro che rimboccarsi le maniche.

E fu così che le due megere afferrarono due scope qualsiasi da terra e si prodigarono a pulire e a sistemare alacremente.

«Dove non arriva la magia, arriva la buona volontà!», sospirò Fedora.

Anche Hyra imparò la lezione.

Tutti i racconti

0
0
1

senza confini

27 September 2022

seduto con i miei pensieri faccio nuvole di fumo e sono vento muto passo da un orecchio all'altro ecco i miei racconti, qui le impressioni le ambizioni e le allucinazioni di uno uomo stanco ecco! qui le sue macerie in macilente notti isteriche si aggrovigliano in un malvagio maelstrom che ingurgita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
0

Haiku

27 September 2022

Fronde bronzate - sbuffi d'aura le spoglia caterve secche © Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

Pallone gonfiato

26 September 2022

Prima mi gonfio, quindi si gonfiano le mie pompose parole. Continuano a gonfiare ancor più la mia figura i sempre nuovi stimatori, che si affrettano a balzare con i loro schiamazzi sulla mia imponente e indiscussa presenza. Nella prossima vita voglio essere un toro meccanico invece che il gigantesco [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
3

Aforisma

25 September 2022

Sul bordo di un tentennamento una stilla di risoluzione può indurre nell'impavido zompo verso la rinascita dal dirupato dei travagli, affinché un saggio obbiettivo sia motivo di essere ancora in volo nella vita che batte nel cuore col respiro devoto all'ottimismo! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
8

Il desiderio

25 September 2022

Il desiderio mi aveva portato lontano Lontano da te Cercavo di rimettere a posto la mia vita Ma sentivo l’irrequietezza salire Ero certo che vedendo volti e posti nuovi, avrei cercato di scavare tutto ciò che avevo ben bene coperto con menzogne e bugie Ma la sera, quando si spegnevano i riflettori [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
2
10

Giorno di sole

Impressioni da un quartiere

Fil
24 September 2022

Dalla tangenziale passano macchine e furgoni, tanti tir, quasi mai gli autobus. L'asfalto e lo smog, le finestre in lontananza dentro cui poter immaginare risate e pianti di bimbi, un supermercato decrepito, la farmacia deserta all'angolo del controviale. È come se il mondo fosse andato avanti [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: piaciuto,,,bello il passaggio dell'anziano che ritira lenzuola e rughe..alla [...]

  • Fil: Mi fa molto piacere, grazie dell'interesse! Alla prossima

1
3
18

News

23 September 2022

- E allora, com'è andata? - chiede con ansia. - Vuoi sentire prima la notizia buona o la cattiva? - Dai non tenermi sulle spine, dimmi quella cattiva. - Vuoi quella cattiva allora, va bene, prima quella cattiva. Beh, purtroppo è stato un disastro totale, è andata malissimo, peggio di così non poteva [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Nicola: Grazie per il simpatico commento Giuseppe. Più lungo del mio scritto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Il fatto che le mie disamine nella maggior parte dei casi risultano lunghe/articolate... [...]

1
2
12

Fatti di vetro

Una poesia dal libro "Un titolo Qualunque"

23 September 2022

E vidi uomini su uomini lì per quella valle... li vidi senza pesi sulle spalle. un rumore assordante vi proveniva, crack crack crack. non riuscii a spiegarmi come fosse possibile, come quel rumore fosse plausibile. crack crack crack... la sua derivazione era un mistero. finché non gettai lo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
10

la "donna" centenaria

22 September 2022

Da poco Roma la ospitava. Più i giorni passavano e più si rendeva conto, di quanto forte la stringesse al suo ventre, di quanto, la sua stretta fosse così inesorabile da farle mancare l'aria ogni volta che, per qualche motivo, si allontanava da essa. Giovane, ingenua; osservava, cercando di captare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
2
13

Incrocio

20 September 2022

L'incrocio è deserto a quell'ora. Lo sto attraversando a piedi quando mi fermo perché noto una scena singolare. Proprio davanti a me sta arrivando in senso opposto una bicicletta spedita che non rallenta nonostante il semaforo sia rosso. Sta probabilmente rincasando di fretta, data la tarda ora. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Una scena singolare quanto il componimento
    Questo racconto è un [...]

  • Nicola: Gran bel commento anche questo. Davvero ben scritto, se posso fare un controcommento. [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
4
32

È notte

Il rumore del silenzio

19 September 2022

Vola la civetta fra gli alberi di pino, placido e dolce, il suo verso riecheggia. Una madre è appena riuscita ad addormentare il suo bambino e crolla, sfinita al suo fianco. Due giovani amanti si addormentano abbracciati, ignari del fatto che questa sarà la notte più importante della loro vita. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
13

Pioverà anche nel 2050

18 September 2022

Primavera del 2050. Inizia a piovere. Le gocce tintinnano sulle foglie verdi. Tintinnano anche più in basso, sul terreno, con suono più grave. Quasi fossero mani diverse a suonare strumenti diversi. - Ma sempre le solite cose noiose dovete pensare voi scrittori, le solite nature morte dove non [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su