Mio nonno materno. Che personaggio!

Separato da tempo immemore, incallito donnaiolo e grande girovago, con i suoi ottant’anni passati… gli si alza ancora. E non intendo mica il bastone, anche perché non lo usa.

Un Don Giovanni quindi? Eh sì, tant’è che in famiglia l'abbiamo da sempre soprannominato Don Giovan"Nuccio", in quanto il suo nome di battesimo sarebbe Antonuccio, ma fin da bambino è chiamato col diminutivo di Nuccio.    

Mia madre e soprattutto la buonanima di mia nonna, (scomparsa abbastanza presto, precisamente all’età di 64 anni) entrambe avvaloravano la tesi che io e nonno Nuccio ci assomigliamo tantissimo, in primis fisicamente. In effetti non si sbagliavano, tra i vari connotati abbiamo un profilo simile, il naso addirittura uguale, per non parlare di una riscontrata concezione romantica o idealizzata per le cose, tra cui quell’essere fedeli alla propria indipendenza, però non fedeli dal punto di vista sentimentale in quanto, come già appurato, l’arzillo bighellone/libertino non lo è mai stato.

Ad ogni modo, una delle caratteristiche principali del nonno è quel suo essere avventuriero tanto da prendere treni, autobus e forse persino aerei per raggiungere le sue conquiste, spesso attraccate tramite quelle cosiddette rubriche Cuori Solitari, oppure semplicemente per farsi delle belle gite e di conseguenza godendosi la vita. Ad esempio, circa un anno fa, da solo è andato a visitare la Germania.

Bene, arrivati a questo punto è necessario tornare indietro di quasi trent'anni, ovvero quando il nonno era più giovane e per i suoi spostamenti utilizzava un unico e insostituibile mezzo: uno sgangherato ma stranamente funzionale Piaggio Si con il quale aveva girato un po' tutta la Sicilia orientale e occidentale. 

A quei tempi io e la mia famiglia abitavamo a Trabia, in provincia di Palermo. Lo “sprintoso” ci veniva a trovare due volte l’anno e restava ospite da noi per circa una settimana. A volte spuntava in maniera inaspettata, cioè a sorpresa.

Più ci penso e più mi stupisco per via di quel Si, un mezzo non proprio comodissimo per viaggiare, bisogna ammetterlo. Da segnalare che l'autostrada agli inizi degli anni novanta non era stata completata. Beh, anche se lo fosse stata quel goffo due ruote di certo non appariva adatto per circolare.

In breve provo a descrivere il tragitto. E che tragitto!

Partenza all’alba, dal messinese al palermitano giungendo a destinazione in tarda serata, attraversando strade, stradine, paesi, paesini, campagne etc. di ogni tipo e a volte sfidando avverse condizioni meteo. In genere, per ovvi motivi, il girandone sceglieva l’estate o le giornate soleggiate per i suoi spostamenti,

Appena arrivava a destinazione, cioè da noi, io e mia sorella se sapevamo del suo arrivo ci piazzavamo sul balcone ad aspettarlo. Non ci portava mai dei regali, al massimo dei biscotti di produzione messinese di cui in famiglia andavamo ghiotti.

L'ingresso a casa nostra di nonno Nuccio lo consideravo di tipo trionfale, tutto sudato e sorridente, un mix tra il folle e l’eroe, tra l’altro con quei suoi immancabili risvoltini (per non sporcarsi i pantaloni) e con un cascaccio che con la fantasia identificavo da aviatore.

Una sera, quasi al termine della cena, avvenne un episodio degno di nota che tendo a ricordare con gustoso humour. In sostanza al nonno feci una specifica domanda.

«Come è nata questa cosa di viaggiare in moto?» (il Si non è una moto ma un ciclomotore, avendo avuto sette anni ed essendo abbastanza ingenuo, nonché poco interessato ai mezzi su strada, non facevo le differenze).

«Vedi caro nipote», mi spiegò, «fin da ragazzino, cioè appena cominciai ad avere la passione per i fumetti, sognavo di girare il mondo. Ed eccomi qui!» 

«E qual è il tuo preferito?», gli chiesi nuovamente e per di più stupito, poiché pure il sottoscritto risultava appassionatissimo di fumetti (altra caratteristica che abbiamo in comune).

«Tex Willer!», esclamò, e con le dita fece finta di sistemarsi un immaginario cappello di cowboy.

«Ah ecco, ora si spiega tutto!», intervenne mio padre ridendo.

Lo guardammo con aria divertita, papà è sempre stato famoso per le sue battute e già pronosticavamo che ne avrebbe detta una assai spiritosa.

«Praticamente tutti e due in sella. Tex col cavallo andando per dune e per monti, mentre lui...», indicando il “ranger” con l’indice, «Col Si!»

Scoppiamo a ridere. Fu poi mia sorella a chiedergli una curiosità.

«Nonno, ma se piove come fai?»

«Non si pone il problema perché L'Uomo del Vento... non teme la pioggia!»

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
2

Noi siamo figli delle... scelte

30 September 2020

Noi siamo figli delle… scelte. Qualcuno ha scelto di concepirci e, se non ci ha desiderati, cercati e scelti, ha comunque scelto di ospitarci e farci nascere. Poi ha scelto di amarci e allevarci e, se non l’ha scelto, sempre scelta è stata. Non noi abbiamo scelto la nostra famiglia, ma abbiamo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
3

Il luogo delle Ombre

30 September 2020

La signora Marie viveva in un attico e, sebbene avesse un'età avanzata, era ancora una donna agile e dalla memoria di ferro. Aveva vissuto una lunga vita piena di gioie, ma anche di tristi dolori. Nonostante tutto aveva formato una bella famiglia con tanti nipotini, e tutti loro adoravano la nonna [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
5
20

Desiderio

29 September 2020

Le Marionette odiano i Burattini. E viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma. E tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri. È anche vero il contrario. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. I Droni odiano i Robot [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
15

Le buone notizie di Tatiana e Tony Mal

Venghino signori, venghino

29 September 2020

Era un pò di tempo che il lavoro di Tony Mal andava malamente al ribasso, non che ne fosse preoccupato ma iniziò a farsi qualche domanda e a chi chiedere lumi se non alla sua amica musa ispiratrice? -Tatiana come puoi io e te dobbiamo parlare. - -Tony se vuoi anche subito, mi vesto e fra dieci [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • AmorLibre: Bello! Mi è piaciuto lo spirito e la positività di questo componimento!
    Oh [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Testo frizzante e "discorsivo", si nota la genuina improvvisazione [...]

4
2
18

Sentirsi priva di forze

28 September 2020

La voglia di morire é talmente forte che, giorno dopo giorno, ti chiude tutte le porte. È cosí esasperante solo l'automatico gesto di respirare proprio per questo vorresti davvero volare. Questi sono i momenti dove la corda si spezza, mentre dentro ti immagini il beneficio di una calda carezza

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia nichilista, si denota un senso di disfacimento. Quante volte nei miei [...]

  • ducapaso: So di cosa parli.
    Il senso di fallimento e la frustrazione possono arrivare [...]

2
2
12

Formiche

28 September 2020

Ruud Paul entrò frenetico nel supermercato e con altrettanta frenesia cominciò a girare la testa da una parte all’altra alla ricerca di un inserviente che gli potesse indicare il reparto insetticidi. Lo trovò nella figura del piccolo ma sostanzioso - in termini di peso - signor Rattford, l'impiegato [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Mi piace!
    L'ambiente da piccolo supermercato di paese si respira perfettamente [...]

  • U1096: Grazie

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
10

Sul treno - 2/2

Le nuove storie americane

27 September 2020

Terminata la vestizione, Mark andò a recuperare il baule che era nella cabina del prete, svuotò il suo interno all’esterno del treno, poi lo portò nel bagno e al suo interno pose il corpo privo di sensi del povero padre Joseph seminudo e imbavagliato. Padre Mark e il suo baule ritornarono nella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

9
8
23

La porta rosa

27 September 2020

L’intrigante porta di un rosa antico seppur abbastanza logora attira la mia attenzione ogniqualvolta che passo da questa abitazione. E immancabilmente resto un po' a fissarla, a toccarla e annusarla, specie nelle giornate d'inverno, in quanto associo l'intimo grigiore atmosferico a chissà quale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
6
20

Havana

Partendo da un divano

26 September 2020

Stanza Bambini in strada Un cerchio ruzzola e grida rimbalzano Il caffè che borbotta L’aria del mare si intrufola nelle finestre, fra tende ingiallite Narici che inspirano La camicia bianca scivola sul corpo e il panama calza alla perfezione Le scale lise dal tempo e muri scrostati Vicoli Macchine [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Prego amico mio, spero che le mie disamine non portano disagio proprio perchè [...]

  • Walter Fest: Pata, perdona il mio commento stringato e puntuto....mi sei piaciuto per l'originalità [...]

3
1
8

Sul treno - 1/2

Le nuove storie americane

26 September 2020

Mark vide l’insegna di un bagno, si precipitò in quella direzione e mise la mano sulla maniglia per aprire. Cazzo! Era chiusa. Bussò ripetutamente alla porta, una voce dall’interno lo informava che stava per uscire. La porta si aprì appena in tempo, perché le guardie stavano per entrare nel suo [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
5
29

Humandroidi

Incipit di un romanzo che mai finirò

25 September 2020

Le due file di humandroidi si estendevano per tutto il corridoio centrale. Come ogni mattina, una buona mezz’ora veniva impiegata per l’auto riparazione e il settaggio delle macchine. Gli humandroidi erano in tutto simili all’uomo solo che non necessitavano di pausa-pranzo, non avevano ferie né [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Vicky: Purtroppo quello verso cui forse ci avvieremo, sperando che il senso umano [...]

  • V A N E S S I: Sono mondi e realtà distopiche... che tutti speriamo non avvengano, [...]

5
18
33

Il cinico, l'infame, il violento

25 September 2020

Cinque mesi, ben cinque mesi erano passati dall'ultima volta che io e Riccardo, il mio collega, fummo pagati dal titolare del negozio di moto ricambi per il quale lavoravamo. Eppure gli affari non sembravano andare male. Mario, il boss, si giustificava "addebitando" la causa ai costi di gestione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Il passato resta presente finché non ci ha dato le sue risposte.
    Non [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Nicola, se dovevo rispondere a Walter in un altro modo, ecco, avrei esposto [...]

Torna su