Mio nonno materno. Che personaggio!

Separato da tempo immemore, incallito donnaiolo e grande girovago, con i suoi ottant’anni passati… gli si alza ancora. E non intendo mica il bastone, anche perché non lo usa.

Un Don Giovanni quindi? Eh sì, tant’è che in famiglia l'abbiamo da sempre soprannominato Don Giovan"Nuccio", in quanto il suo nome di battesimo sarebbe Antonuccio, ma fin da bambino è chiamato col diminutivo di Nuccio.    

Mia madre e soprattutto la buonanima di mia nonna, (scomparsa abbastanza presto, precisamente all’età di 64 anni) entrambe avvaloravano la tesi che io e nonno Nuccio ci assomigliamo tantissimo, in primis fisicamente. In effetti non si sbagliavano, tra i vari connotati abbiamo un profilo simile, il naso addirittura uguale, per non parlare di una riscontrata concezione romantica o idealizzata per le cose, tra cui quell’essere fedeli alla propria indipendenza, però non fedeli dal punto di vista sentimentale in quanto, come già appurato, l’arzillo bighellone/libertino non lo è mai stato.

Ad ogni modo, una delle caratteristiche principali del nonno è quel suo essere avventuriero tanto da prendere treni, autobus e forse persino aerei per raggiungere le sue conquiste, spesso attraccate tramite quelle cosiddette rubriche Cuori Solitari, oppure semplicemente per farsi delle belle gite e di conseguenza godendosi la vita. Ad esempio, circa un anno fa, da solo è andato a visitare la Germania.

Bene, arrivati a questo punto è necessario tornare indietro di quasi trent'anni, ovvero quando il nonno era più giovane e per i suoi spostamenti utilizzava un unico e insostituibile mezzo: uno sgangherato ma stranamente funzionale Piaggio Si con il quale aveva girato un po' tutta la Sicilia orientale e occidentale. 

A quei tempi io e la mia famiglia abitavamo a Trabia, in provincia di Palermo. Lo “sprintoso” ci veniva a trovare due volte l’anno e restava ospite da noi per circa una settimana. A volte spuntava in maniera inaspettata, cioè a sorpresa.

Più ci penso e più mi stupisco per via di quel Si, un mezzo non proprio comodissimo per viaggiare, bisogna ammetterlo. Da segnalare che l'autostrada agli inizi degli anni novanta non era stata completata. Beh, anche se lo fosse stata quel goffo due ruote di certo non appariva adatto per circolare.

In breve provo a descrivere il tragitto. E che tragitto!

Partenza all’alba, dal messinese al palermitano giungendo a destinazione in tarda serata, attraversando strade, stradine, paesi, paesini, campagne etc. di ogni tipo e a volte sfidando avverse condizioni meteo. In genere, per ovvi motivi, il girandone sceglieva l’estate o le giornate soleggiate per i suoi spostamenti,

Appena arrivava a destinazione, cioè da noi, io e mia sorella se sapevamo del suo arrivo ci piazzavamo sul balcone ad aspettarlo. Non ci portava mai dei regali, al massimo dei biscotti di produzione messinese di cui in famiglia andavamo ghiotti.

L'ingresso a casa nostra di nonno Nuccio lo consideravo di tipo trionfale, tutto sudato e sorridente, un mix tra il folle e l’eroe, tra l’altro con quei suoi immancabili risvoltini (per non sporcarsi i pantaloni) e con un cascaccio che con la fantasia identificavo da aviatore.

Una sera, quasi al termine della cena, avvenne un episodio degno di nota che tendo a ricordare con gustoso humour. In sostanza al nonno feci una specifica domanda.

«Come è nata questa cosa di viaggiare in moto?» (il Si non è una moto ma un ciclomotore, avendo avuto sette anni ed essendo abbastanza ingenuo, nonché poco interessato ai mezzi su strada, non facevo le differenze).

«Vedi caro nipote», mi spiegò, «fin da ragazzino, cioè appena cominciai ad avere la passione per i fumetti, sognavo di girare il mondo. Ed eccomi qui!» 

«E qual è il tuo preferito?», gli chiesi nuovamente e per di più stupito, poiché pure il sottoscritto risultava appassionatissimo di fumetti (altra caratteristica che abbiamo in comune).

«Tex Willer!», esclamò, e con le dita fece finta di sistemarsi un immaginario cappello di cowboy.

«Ah ecco, ora si spiega tutto!», intervenne mio padre ridendo.

Lo guardammo con aria divertita, papà è sempre stato famoso per le sue battute e già pronosticavamo che ne avrebbe detta una assai spiritosa.

«Praticamente tutti e due in sella. Tex col cavallo andando per dune e per monti, mentre lui...», indicando il “ranger” con l’indice, «Col Si!»

Scoppiamo a ridere. Fu poi mia sorella a chiedergli una curiosità.

«Nonno, ma se piove come fai?»

«Non si pone il problema perché L'Uomo del Vento... non teme la pioggia!»

0
0
0

Dalla polizia

28 January 2020

Tutto ciò che ci avevano detto era di stare alla larga dalla polizia. Ovvio, chi mai avrebbe voluto essere avvicinato da una divisa? Un consiglio stupido a nostro avviso. Talmente inappropriato che neanche cinque minuti dopo ci eravamo sentiti in dovere di non seguirlo. Venimmo subito avvicinati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Stoffa

28 January 2020

Ti ho sempre immaginato stoffa Di quelle di lana che avvolgono e scaldano Di raso, che fanno correre brividi lungo la schiena Non ho mai pensato fossi di carne Ti ho visto srotolarne di molto lunghe, senza alcun timore di incontrare ostacoli Ammirarne i vari colori, come di chi ama la vita Non [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
1
9

CSInstagram

27 January 2020

Era ora di mettersi al lavoro. La ragazza sfoderò il suo cellulare. Per un attimo la cover metallizzata incontrò un raggio di sole e un forte riflesso ne scaturì. Ricordava proprio un guerriero che estraeva la spada dal fodero pronto a combattere i suoi nemici. Il ragazzo che aveva adocchiato si [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
7

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
11

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Speravo ti piacesse. sopratutto per come te e me si ama la cinematografia. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Guarda, l'ho letto dopo la mezzanotte e non ho aspettato l'indomani [...]

10
19
69

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
17

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
18

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su