Mio nonno materno. Che personaggio!

Separato da tempo immemore, incallito donnaiolo e grande girovago, con i suoi ottant’anni passati… gli si alza ancora. E non intendo mica il bastone, anche perché non lo usa.

Un Don Giovanni quindi? Eh sì, tant’è che in famiglia l'abbiamo da sempre soprannominato Don Giovan"Nuccio", in quanto il suo nome di battesimo sarebbe Antonuccio, ma fin da bambino è chiamato col diminutivo di Nuccio.    

Mia madre e soprattutto la buonanima di mia nonna, (scomparsa abbastanza presto, precisamente all’età di 64 anni) entrambe avvaloravano la tesi che io e nonno Nuccio ci assomigliamo tantissimo, in primis fisicamente. In effetti non si sbagliavano, tra i vari connotati abbiamo un profilo simile, il naso addirittura uguale, per non parlare di una riscontrata concezione romantica o idealizzata per le cose, tra cui quell’essere fedeli alla propria indipendenza, però non fedeli dal punto di vista sentimentale in quanto, come già appurato, l’arzillo bighellone/libertino non lo è mai stato.

Ad ogni modo, una delle caratteristiche principali del nonno è quel suo essere avventuriero tanto da prendere treni, autobus e forse persino aerei per raggiungere le sue conquiste, spesso attraccate tramite quelle cosiddette rubriche Cuori Solitari, oppure semplicemente per farsi delle belle gite e di conseguenza godendosi la vita. Ad esempio, circa un anno fa, da solo è andato a visitare la Germania.

Bene, arrivati a questo punto è necessario tornare indietro di quasi trent'anni, ovvero quando il nonno era più giovane e per i suoi spostamenti utilizzava un unico e insostituibile mezzo: uno sgangherato ma stranamente funzionale Piaggio Si con il quale aveva girato un po' tutta la Sicilia orientale e occidentale. 

A quei tempi io e la mia famiglia abitavamo a Trabia, in provincia di Palermo. Lo “sprintoso” ci veniva a trovare due volte l’anno e restava ospite da noi per circa una settimana. A volte spuntava in maniera inaspettata, cioè a sorpresa.

Più ci penso e più mi stupisco per via di quel Si, un mezzo non proprio comodissimo per viaggiare, bisogna ammetterlo. Da segnalare che l'autostrada agli inizi degli anni novanta non era stata completata. Beh, anche se lo fosse stata quel goffo due ruote di certo non appariva adatto per circolare.

In breve provo a descrivere il tragitto. E che tragitto!

Partenza all’alba, dal messinese al palermitano giungendo a destinazione in tarda serata, attraversando strade, stradine, paesi, paesini, campagne etc. di ogni tipo e a volte sfidando avverse condizioni meteo. In genere, per ovvi motivi, il girandone sceglieva l’estate o le giornate soleggiate per i suoi spostamenti,

Appena arrivava a destinazione, cioè da noi, io e mia sorella se sapevamo del suo arrivo ci piazzavamo sul balcone ad aspettarlo. Non ci portava mai dei regali, al massimo dei biscotti di produzione messinese di cui in famiglia andavamo ghiotti.

L'ingresso a casa nostra di nonno Nuccio lo consideravo di tipo trionfale, tutto sudato e sorridente, un mix tra il folle e l’eroe, tra l’altro con quei suoi immancabili risvoltini (per non sporcarsi i pantaloni) e con un cascaccio che con la fantasia identificavo da aviatore.

Una sera, quasi al termine della cena, avvenne un episodio degno di nota che tendo a ricordare con gustoso humour. In sostanza al nonno feci una specifica domanda.

«Come è nata questa cosa di viaggiare in moto?» (il Si non è una moto ma un ciclomotore, avendo avuto sette anni ed essendo abbastanza ingenuo, nonché poco interessato ai mezzi su strada, non facevo le differenze).

«Vedi caro nipote», mi spiegò, «fin da ragazzino, cioè appena cominciai ad avere la passione per i fumetti, sognavo di girare il mondo. Ed eccomi qui!» 

«E qual è il tuo preferito?», gli chiesi nuovamente e per di più stupito, poiché pure il sottoscritto risultava appassionatissimo di fumetti (altra caratteristica che abbiamo in comune).

«Tex Willer!», esclamò, e con le dita fece finta di sistemarsi un immaginario cappello di cowboy.

«Ah ecco, ora si spiega tutto!», intervenne mio padre ridendo.

Lo guardammo con aria divertita, papà è sempre stato famoso per le sue battute e già pronosticavamo che ne avrebbe detta una assai spiritosa.

«Praticamente tutti e due in sella. Tex col cavallo andando per dune e per monti, mentre lui...», indicando il “ranger” con l’indice, «Col Si!»

Scoppiamo a ridere. Fu poi mia sorella a chiedergli una curiosità.

«Nonno, ma se piove come fai?»

«Non si pone il problema perché L'Uomo del Vento... non teme la pioggia!»

1
1
3

Nel silenzio di un punto

02 April 2020

Davanti a me la profondità ombrosa della via è un interminabile corridoio con un’unica porta in fondo. Una porta enorme, dischiusa a una lingua di luce: una bianca lama di spada che piove dall’alto e arriva squarciando le tenebre. A brandirla, è la mano del soprannaturale. Dalla porta penetra e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E venne il tempo

01 April 2020

La Primavera non era ancora arrivata E la gente la aspettava, per dare quell’ultimo scossone all’inverno Ma invece di arrivare lei, sopraggiunse una malattia Che voleva spacciarsi per una Regina che portava la corona Ma questa corona aveva spine e pungeva facendo soffrire Papà, ho voglia di correre [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • callettino: Una favola per tutti, tema poetizzato di questi tempi attuali dove chi sorride [...]

  • Walter Fest: Questa volta sei stato serioso, non male comunque

3
4
10

Il coltellino

01 April 2020

Ammetto che un leggero timore iniziavo ad averlo. Igor, il suo compare, stava ancora girovagando per il treno. Ormai non lo si vedeva da più di un’ora. A pensarci bene però, anche se fosse stato con noi non sarebbe stata la persona ideale alla quale chiedere aiuto, era probabilmente più ubriaco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
18

DALLA LUCE ALLE TENEBRE

31 March 2020

Io sono nato in un piccolo borgo della bassa bresciana, in una vecchia cascina circondata da campi di grano e prati fioriti, incorniciati da una rete di canali di irrigazione e fossati di acqua incontaminata, dove insetti pattinatori ed eterotteri scivolavano danzanti sulla superficie. La felicità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sandro Amici: Mi sono immerso in questa lettura perché il tuo sentire è anche [...]

  • Patapump: Ciao Gianni. Da Bresciano questa trasformazione sia in città che nei [...]

12
16
46

Gifts

Racconto di Natale

31 March 2020

Ci sono regali e regali tra cui quelli mai scartati e quelli mai goduti. Piccolo racconto natalizio di genere drammatico. Cinzia guardò sospirando dalla finestra le magnifiche luci di Natale sulla casa della dirimpettaia dall'altra parte della strada. Verdi, rosse, blu, gialle... sfavillando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Bello. Chissà perché, a me il Natale non infonde mai tristezza, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao callettino, a me il periodo natalizio certi giorni mette sia allegria [...]

5
10
29

Colazione calda

COVID-26

30 March 2020

Mi sveglio intontito e ci metto un po' a capire che non è un sogno: il mondo è sconvolto dalla pandemia, ho perso il lavoro e non vedo la fidanzata da due mesi. Apro il frigo, vuoto. Devo uscire a fare la spesa: questioni di necessità. Indosso mascherina e guanti ed esco. Dal balcone la mia vicina [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Ma no hai fatto bene a sdrammatizzare, Yoda sei troppo forte, fatti vedere [...]

  • Yoda: La fantasia che diventa realtà (quasi) https://video.corriere.it/cronaca/coronavirus-rissa-supermercato-casoria-clienti-senza-mascherina-aggrediti-urla-schiaffi/9a7fc24a-7414-11ea-b181-d5820c4838fa?&appunica=true

5
7
20

Disquisizioni

29 March 2020

L'estate sta finendo Così dicevano i versi di una canzone Non amo molto l'inverno, ma altrettanto vero che non amo le zanzare Mi piace il sole, ma se ci penso bene anche la neve è accogliente. L'acqua, quella no Non sono animale d'acqua e sul ghiaccio non sono di certo un maestro di equilibrismo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Sandro Amici: Non parlare di fiori in questo periodo. Pure i vivaisti, personaggi pacifici [...]

  • callettino: Un testo ben metaforizzato, direi: l’inverno che, visto come un "troppo [...]

21
30
103

Piccola epistola alla mia donna

29 March 2020

Tesoro mio, in passato sai cosa mi disse colei che si riteneva la donna ideale? Mi promise che sarebbe stata per me una madre, una sorella, la mia migliore amica, la mia donna... ebbene, a parte che fallì su ogni lato, non voglio tutto ciò nel calderone del nostro amore. Guarda, una madre ce l'ho [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
5
20

Il dottor Asociale

28 March 2020

Le serrande abbassate sui colori della strada non riuscivano a relegare fuori il resto del mondo. Sgattaiolando dalle intercapedini più in alto, lame di luce esterna infilzavano la penombra e andavano a spiaccicarsi contro lo scorcio di parete appena sopra la testiera del letto. Un trionfante fuoco [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ottima descrizione dell'ambiente,tralasciata quella dell'amante volutamente. [...]

  • callettino: Grazie a tutti, chiedo venia per i tempi d’interazione, ma in questo [...]

16
19
94

Il principe e i suoi princìpi

27 March 2020

Adoro la figura del principe, poiché per principio non cambia principio. Non importa se il principe risulti azzurro, bianco o arancione, l’importante è che abbia dei sani princìpi nonché si contraddistingua da altri principi che si credono dei principi, mentre in realtà di principe hanno ben poco, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ciao Giuseppe..per principio ho letto e gustato lo scritto. una prima parte [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Roberta: Ti ringrazio immensamente e mi fa piacere immensamente

    x [...]

4
5
16

Le cose da dire

27 March 2020

Sì tante. È vero, alcune volte meglio non dire niente Lo sguardo Una mano che sfiora la tua Il tuo profumo La bellezza tua interiore. La tua fisicità Forse basta solo una canzone Ascoltala...

Tempo di lettura: 30 secondi

8
5
33

Una sera

26 March 2020

Quando Marcello Biraghi entrò in cucina, scoprì che il ragazzo di sua figlia sarebbe rimasto a cena. Era almeno il terzo ragazzo che Patrizia invitava a cena in due anni. Questo a Marcello sembrava di averlo già visto almeno un paio di volte e sua moglie era in grande confidenza. Lo irritava quell'attitudine [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: Eccola Manu. Brava. Raccontare di fantasmi che ritornano nella propria vita. [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie!! Sono contenta che vi sia piaciuto! Ormai sono abituata a scrivere [...]

Torna su