Cari amici, oggi vi propongo una serie di testi umoristici che scrissi con word tra il 2004 e il 2009, per la precisione le mie primissime incursioni in ambito scrittura.

I testi, rigorosamente di matrice autobiografica, furono salvati su una vecchia chiavetta tenuta conservata in un freddo cassetto (oh, non intendo mica quello del frigo) fino a pochi giorni fa.

Mi sono prodigato a correggerne con attenzione quattro di essi raggruppandoli in una mini raccolta di racconti intitolata "Iniezioni di humour", narrandoli però al passato senza alterare la sostanza in alcun modo.

Con la speranza che siano di vostro gradimento, vi auguro buona lettura e buon divertimento.

 

 

"Perché lo chiamano Mar Nero?" - Agosto 2009

 

Io e Caterina, la mia fidanzata di allora, andammo a trascorrere le vacanze estive in Bulgaria, precisamente a Varna, Mar Nero.

Alloggiammo per una settimana in un hotel a 4 stelle davvero caruccio, soprattutto in termini monetari, in compenso a due passi c'era la spiaggia, bastava soltanto attraversare una strada trafficata principalmente dal viavai di turisti appiedati, infatti il passaggio dei mezzi non era consentito tranne che per le biciclette.

Il mare fin da subito ci apparve spettacolare oltre che invitante e buona parte del nostro tempo veniva speso per nuotare e per immergersi in quella meravigliosa distesa.

Nel primo pomeriggio del nostro terzo giorno di vacanza, mentre io e la mia ex eravamo in acqua, nacque un piccolo dibattito.

«Amore, ma secondo te perché lo chiamano Mar Nero se il mare è azzurro?», mi domandò lei.

«Beh oddio, diciamo blu scuro!», le risposi.

«Blu scuro non è nero!», insistette.

Ognuno di noi due espose la propria teoria, finché il mio spirito di patata non prese il sopravvento, ma decisi di sfruttarlo più in là.

«Amò, riflettendoci sopra credo proprio che il nome sia perfetto!», le dissi deciso.

«Ah sì,? Quindi come mai?», si impuntò ancora.

«Più tardi te lo dico, adesso nuotiamo, dai!», conclusi per troncare, anche se in verità non sapevo e non so nuotare.

La sera andammo a mangiare pesce al ristorante dell'hotel e a fine cena proposi alla mia ex di fare una passeggiata sul lungomare.

Dopo una lunga comminata, ci sedemmo abbracciati in una panchina e come al solito mi lasciai guidare dalle romanticherie essendo in quel periodo davvero molto innamorato di lei.

«Allora sapientone, perché si chiama Mar Nero?», mi chiese nuovamente Caterina ritornando all'argomento di cui avevamo già discusso nel pomeriggio.

Mi alzai dalla panchina e puntai il dito dapprima al cielo e poi al mare serale.

«Semplicemente perché sia di sera che di notte, il mare è proprio nero, guarda, non è assolutamente difficile arrivarci!», esposi con l’espressione di chi la sa lunga.

«Scemo!», esclamò e scoppiammo a ridere.

 

 

Testimoni di Geova - Dicembre 2008

 

Ero impiegato in qualità di commesso in un negozio di motoricambi e, non potendo permettermi l'acquisto e l’utilizzo di una macchina, mi cimentavo ad andare al negozio a piedi.

Il pubblico esercizio fortunatamente distava circa dieci minuti da casa, inoltre in termini di salute ci guadagnavo in quanto mi tenevo costantemente in forma e tra l’altro, per via del disbrigo commissioni incaricate dal mio ex titolare, addirittura giravo e percorrevo molte zone della città.

Oltre i pro c'erano i dovuti contro ovvero:

1) Le brutte giornate in cui pioveva a dirotto con autentiche alluvioni, che mi bagnava di conseguenza dalla testa ai piedi, oppure il solleone estivo che causava al sottoscritto un vero e proprio sfiancamento.

2) Trovarmi dinnanzi certe persone non gradite che non sempre potevo eludere o evitare, ad esempio antipatici e urtanti ex compagni di scuola, conoscenti, zingare con la manaccia tesa per chiedere l'elemosina, oppure i temutissimi Testimoni di Geova.

                   

In quest'ultimo caso, già da lontano senza sbagliarmi riuscivo a identificare gli adepti con certezza: i maschi con giacca, camicia e cravatta, mentre le femmine vestite anch'esse piuttosto bene e con le immancabili gonne, inoltre gli elementi di quest'ordine religioso (se così si può definire) giravano in coppia con in mano la Bibbia riadattata, le immancabili riviste "Torre di guardia" e "Svegliatevi!" oltre ai vari volantini mirati a promuovere l’organizzazione.

Solitamente mi comportavo nei loro confronti in maniera fintamente gentile, dicendo che non ero interessato, che avevo da fare poiché dovevo andare a lavorare e scuse di ogni genere per cercare di levarmeli dai piedi.

Un giorno, dopo essere uscito dal lavoro in procinto di tornare a casa, due seguaci del già citato ordine si attaccarono a me come due cozze sullo scoglio e presi la decisione di liquidarmeli con umorismo.

«Salve, le possiamo rubare un attimo del suo tempo? Siamo Testimoni di Geova.»

«Testimonial di Genova?»

«Testimoni di Geova!», esclamarono collettivamente con fermezza.

«Mi scusi, ma lei che religione professa?», mi chiese uno dei due tizi.

«Io? Sono satanista protestante!», risposi tra il serio e il divertito.

I due si guardarono tra di loro disorientati, indubbiamente si resero conto che stavo scherzando e senza demordere mi parlarono dell'egoismo umano, fino ad arrivare al luogo di culto in cui ospitavano le congregazioni, il tutto con quelle classiche vocine 'geovine'.

Iniziai un po’ a spazientirmi, però a contempo mi volevo divertire dimostrandomi goliardico.

«Noi andiamo a pregare e a studiare la Bibbia nella Sala del Regno.», mi informò il più giovane dei due, un tipo bassino, completamente calvo e dagli occhiali spessi.

«Sala del Regno? E dove vi riunite? In un castello? Caspita vi invidio, chissà quante belle dame! Mi sa che vengo a farvi visita… magari vestito da Principe di Monaco!», esposi alzando il tiro.

I geovisti tossirono nervosamente e poi sorrisero, chiaramente di cortesia, a mio avviso intuirono che col sottoscritto non avrebbero ricavato un ragno dal buco. Fecero comunque un ultimo tentativo.

«Secondo lei, chi è colui, l'unico e sottolineo l'unico capace di salvare il mondo?», mi interrogò l'elemento più anziano di statura media, dal viso pieno di rughe e dai cortissimi capelli grigi.

«James Bond!», esclamai deciso.

«Arrivederci e grazie!», conclusero in coro i due settatari e li salutai con un ‘Arrivedergine!’

«Eh già, chi meglio di lui? Si potrebbe trarre un film a tema!», pensai tra me e me con humour.

 

Titolo: James Bond - Operazione G.E.O.V.A.

Tag-line: "Licenza di ucciderli... tutti!"

2
0
6

Dalla polizia

28 January 2020

Tutto ciò che ci avevano detto era di stare alla larga dalla polizia. Ovvio, chi mai avrebbe voluto essere avvicinato da una divisa? Un consiglio stupido a nostro avviso. Talmente inappropriato che neanche cinque minuti dopo ci eravamo sentiti in dovere di non seguirlo. Venimmo subito avvicinati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
2
6

Stoffa

28 January 2020

Ti ho sempre immaginato stoffa Di quelle di lana che avvolgono e scaldano Di raso, che fanno correre brividi lungo la schiena Non ho mai pensato fossi di carne Ti ho visto srotolarne di molto lunghe, senza alcun timore di incontrare ostacoli Ammirarne i vari colori, come di chi ama la vita Non [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
1
9

CSInstagram

27 January 2020

Era ora di mettersi al lavoro. La ragazza sfoderò il suo cellulare. Per un attimo la cover metallizzata incontrò un raggio di sole e un forte riflesso ne scaturì. Ricordava proprio un guerriero che estraeva la spada dal fodero pronto a combattere i suoi nemici. Il ragazzo che aveva adocchiato si [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
7

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
11

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Speravo ti piacesse. sopratutto per come te e me si ama la cinematografia. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Guarda, l'ho letto dopo la mezzanotte e non ho aspettato l'indomani [...]

10
19
69

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
18

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
19

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su