Cari amici, oggi vi propongo una serie di testi umoristici che scrissi con word tra il 2004 e il 2009, per la precisione le mie primissime incursioni in ambito scrittura.

I testi, rigorosamente di matrice autobiografica, furono salvati su una vecchia chiavetta tenuta conservata in un freddo cassetto (oh, non intendo mica quello del frigo) fino a pochi giorni fa.

Mi sono prodigato a correggerne con attenzione quattro di essi raggruppandoli in una mini raccolta di racconti intitolata "Iniezioni di humour", narrandoli però al passato senza alterare la sostanza in alcun modo.

Con la speranza che siano di vostro gradimento, vi auguro buona lettura e buon divertimento.

 

 

"Perché lo chiamano Mar Nero?" - Agosto 2009

 

Io e Caterina, la mia fidanzata di allora, andammo a trascorrere le vacanze estive in Bulgaria, precisamente a Varna, Mar Nero.

Alloggiammo per una settimana in un hotel a 4 stelle davvero caruccio, soprattutto in termini monetari, in compenso a due passi c'era la spiaggia, bastava soltanto attraversare una strada trafficata principalmente dal viavai di turisti appiedati, infatti il passaggio dei mezzi non era consentito tranne che per le biciclette.

Il mare fin da subito ci apparve spettacolare oltre che invitante e buona parte del nostro tempo veniva speso per nuotare e per immergersi in quella meravigliosa distesa.

Nel primo pomeriggio del nostro terzo giorno di vacanza, mentre io e la mia ex eravamo in acqua, nacque un piccolo dibattito.

«Amore, ma secondo te perché lo chiamano Mar Nero se il mare è azzurro?», mi domandò lei.

«Beh oddio, diciamo blu scuro!», le risposi.

«Blu scuro non è nero!», insistette.

Ognuno di noi due espose la propria teoria, finché il mio spirito di patata non prese il sopravvento, ma decisi di sfruttarlo più in là.

«Amò, riflettendoci sopra credo proprio che il nome sia perfetto!», le dissi deciso.

«Ah sì,? Quindi come mai?», si impuntò ancora.

«Più tardi te lo dico, adesso nuotiamo, dai!», conclusi per troncare, anche se in verità non sapevo e non so nuotare.

La sera andammo a mangiare pesce al ristorante dell'hotel e a fine cena proposi alla mia ex di fare una passeggiata sul lungomare.

Dopo una lunga comminata, ci sedemmo abbracciati in una panchina e come al solito mi lasciai guidare dalle romanticherie essendo in quel periodo davvero molto innamorato di lei.

«Allora sapientone, perché si chiama Mar Nero?», mi chiese nuovamente Caterina ritornando all'argomento di cui avevamo già discusso nel pomeriggio.

Mi alzai dalla panchina e puntai il dito dapprima al cielo e poi al mare serale.

«Semplicemente perché sia di sera che di notte, il mare è proprio nero, guarda, non è assolutamente difficile arrivarci!», esposi con l’espressione di chi la sa lunga.

«Scemo!», esclamò e scoppiammo a ridere.

 

 

Testimoni di Geova - Dicembre 2008

 

Ero impiegato in qualità di commesso in un negozio di motoricambi e, non potendo permettermi l'acquisto e l’utilizzo di una macchina, mi cimentavo ad andare al negozio a piedi.

Il pubblico esercizio fortunatamente distava circa dieci minuti da casa, inoltre in termini di salute ci guadagnavo in quanto mi tenevo costantemente in forma e tra l’altro, per via del disbrigo commissioni incaricate dal mio ex titolare, addirittura giravo e percorrevo molte zone della città.

Oltre i pro c'erano i dovuti contro ovvero:

1) Le brutte giornate in cui pioveva a dirotto con autentiche alluvioni, che mi bagnava di conseguenza dalla testa ai piedi, oppure il solleone estivo che causava al sottoscritto un vero e proprio sfiancamento.

2) Trovarmi dinnanzi certe persone non gradite che non sempre potevo eludere o evitare, ad esempio antipatici e urtanti ex compagni di scuola, conoscenti, zingare con la manaccia tesa per chiedere l'elemosina, oppure i temutissimi Testimoni di Geova.

                   

In quest'ultimo caso, già da lontano senza sbagliarmi riuscivo a identificare gli adepti con certezza: i maschi con giacca, camicia e cravatta, mentre le femmine vestite anch'esse piuttosto bene e con le immancabili gonne, inoltre gli elementi di quest'ordine religioso (se così si può definire) giravano in coppia con in mano la Bibbia riadattata, le immancabili riviste "Torre di guardia" e "Svegliatevi!" oltre ai vari volantini mirati a promuovere l’organizzazione.

Solitamente mi comportavo nei loro confronti in maniera fintamente gentile, dicendo che non ero interessato, che avevo da fare poiché dovevo andare a lavorare e scuse di ogni genere per cercare di levarmeli dai piedi.

Un giorno, dopo essere uscito dal lavoro in procinto di tornare a casa, due seguaci del già citato ordine si attaccarono a me come due cozze sullo scoglio e presi la decisione di liquidarmeli con umorismo.

«Salve, le possiamo rubare un attimo del suo tempo? Siamo Testimoni di Geova.»

«Testimonial di Genova?»

«Testimoni di Geova!», esclamarono collettivamente con fermezza.

«Mi scusi, ma lei che religione professa?», mi chiese uno dei due tizi.

«Io? Sono satanista protestante!», risposi tra il serio e il divertito.

I due si guardarono tra di loro disorientati, indubbiamente si resero conto che stavo scherzando e senza demordere mi parlarono dell'egoismo umano, fino ad arrivare al luogo di culto in cui ospitavano le congregazioni, il tutto con quelle classiche vocine 'geovine'.

Iniziai un po’ a spazientirmi, però a contempo mi volevo divertire dimostrandomi goliardico.

«Noi andiamo a pregare e a studiare la Bibbia nella Sala del Regno.», mi informò il più giovane dei due, un tipo bassino, completamente calvo e dagli occhiali spessi.

«Sala del Regno? E dove vi riunite? In un castello? Caspita vi invidio, chissà quante belle dame! Mi sa che vengo a farvi visita… magari vestito da Principe di Monaco!», esposi alzando il tiro.

I geovisti tossirono nervosamente e poi sorrisero, chiaramente di cortesia, a mio avviso intuirono che col sottoscritto non avrebbero ricavato un ragno dal buco. Fecero comunque un ultimo tentativo.

«Secondo lei, chi è colui, l'unico e sottolineo l'unico capace di salvare il mondo?», mi interrogò l'elemento più anziano di statura media, dal viso pieno di rughe e dai cortissimi capelli grigi.

«James Bond!», esclamai deciso.

«Arrivederci e grazie!», conclusero in coro i due settatari e li salutai con un ‘Arrivedergine!’

«Eh già, chi meglio di lui? Si potrebbe trarre un film a tema!», pensai tra me e me con humour.

 

Titolo: James Bond - Operazione G.E.O.V.A.

Tag-line: "Licenza di ucciderli... tutti!"

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
10

GLI OCCHI

10 July 2020

Attraverso gli occhi si vede tanto.. Ho visto la gioia nell'Amore.. Ho visto il dolore della perdita Ho visto l'entusiasmo di andare avanti Ho visto la felicità dagli occhi sorridenti Ma ho visto di più... Ho visto l'anima delle persone Spesso non ci soffermiamo ma dovremmo imparare a farlo di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
6

Lo scemo dell'opera

10 July 2020

“Chiedo venia per codesto mio ardire”, un pazzo, nel preciso senso di evaso da manicomio, recitava tronfio d'enfasi sul palco d'un teatro deserto. Sfoggiava un doppiopetto sgargiante da cui sbucava candido il colletto inamidato, un redingote blu notte e una buffa tuba larga oltremodo. L'elegante [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
26

Mute convalescenze

09 July 2020

“Non cerco un comodo consenso, non più. La mia a vita lo è già, per me, con tutte le sue attrazioni e scompensi, che sanno giocare ancora al 'ce l’hai' con i miei sogni remoti senza sosta né pentimento alcuno. Non desidero ammirazioni posticce da dover ricambiare, se non in forma svincolata dall’educato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Roberto, ho letto più volte questa tua ultima pubblicazione, mi [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Giuseppe. Sono qui nuovamente a ringraziarti e non soltanto per i complimenti; [...]

2
4
18

Buone vacanze!

09 July 2020

La camera le sembrava accogliente e pulita, inoltre offriva una spettacolare vista sul mare. "Che meraviglia!", pensò. Tra le varie cose, già pregustava le belle passeggiate che avrebbe fatto sulla spiaggia. A un certo momento ebbe l'impressione che il personale si comportasse in maniera eccessivamente [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: e qua hai esperienza..spero mai accada a i miei affetti certo. leggerai più [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, eh sì, la mia esperienza in qualità di Operatore [...]

5
2
16

AMORE DI PLASTICA

Poesia

08 July 2020

Sfogliò i suoi segreti Tradusse paure mal scritte Cancellò tracce labili Strappò un passato insistente Non si accorse che al suo posto UNA BAMBOLA di porcellana [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Un particolare componimento espresso in sintesi di un accostarsi su un qualcosa [...]

  • Vivi: Grazie Giuseppe è sempre un piacere leggere i tuoi commenti. È [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
0
14

La bella isolana

08 July 2020

La bella fanciulla s'era svegliata di soprassalto perché un sogno le aveva rivelato che la sua vita sarebbe stata vessata da un destino di solitudine. Ma che cosa voleva significare questo incubo che l'aveva turbata a tal punto da rimanere amareggiata per tanto tempo? Si sa, la felicità totale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
20

Lacrime

Colpe infantili

07 July 2020

A ogni pentola mancava il coperchio Mai la colpa era del baffuto brutto e tutto arruffato. La era dei bimbi, che nervosamente si mangiavano il bordo della maglietta o scandivano tutto col tic nervoso delle loro piccole mani

Tempo di lettura: 30 secondi

4
4
21

La tennista

07 July 2020

Skyler Patterson si stava riscaldando con un cauto stretching con espressione spazientita. Non vedeva l'ora di cominciare e di dimostrare che era la migliore tennista del mondo, inoltre ne aveva le "palle" piene sia dei giornalisti e sia dei bookmakers che non la davano per favorita a differenza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
16

La prima luce

06 July 2020

La aspettavo Come ogni mattina Dal finestrino del mio tram la si poteva vedere bene Compariva inaspettatamente, in orari anche diversi Come alzavo lo sguardo, provavo dentro di me un piacere intimo Come demonizzare una paura che non potesse esserci nella mia di giornata Una di famiglia insomma, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: E (la prima) luce fu!
    BELLISSIMO componimento, un assorbire la prima luce [...]

  • Vicky: La luce fonte di vita, di un nuovo giorno, di un nuovo inizio, bella!! IO [...]

3
3
12

Replay

05 July 2020

...e di notte sognavo sopra un letto di rame tra ricordi remoti di ramarri rapiti da voraci rapaci. Raramente ritorno tra rami di rovo e lontani rimbombi di rumba tra ricordi di rapide risse con ragazzi ribelli dalle rotule rosse. Rileggo romanzi di ampio respiro immerso nei ruoli di regali regine [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Complimenti.. Bellissima lettura mi hai dato 😊

  • Rara avis: Grazie Vicky e grazie Scili per i tuoi commenti sempre molto precisi ed esaustivi...bacio [...]

11
14
55

Il Vulcano

05 July 2020

Il Vulcano, che sgradito regalo natalizio ci fece a noi poveri acitorriani. Quel magma, quel maledetto magma che senza pietà si mise a sfrigolare e a bollire come se fosse acqua caldissima derivante da un mefistofelico bollitore, tramutandosi in una implacabile ed impressionate lava rossa tanto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • ducapaso: Mettersi nei panni di chi vive una tragedia per poterla descrivere è [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x patapump: abitando in provicina di Messina... spero di non avere mai il dispiacere [...]

1
1
16

La telefonata - 3/3

04 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Il giorno successivo non andò in ufficio. Il suo direttore non vedendolo arrivare si preoccupò, da quando lo conosceva non era mai successo una cosa del genere. Telefonò a casa sua ma il telefono risultava staccato e la cosa lo insospettì ancora di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ...immaginavo ci sarebbe stato il defunto...ciao

Torna su