Ormai l'umanità è spacciata.

L'esercito e i civili via via si "uniscono" alla loro parte, migliaia e migliaia di orde di famelici zombie appaiono inarrestabili, le armi e le trappole riescono a malapena a contenerli. Stranamente risultano veloci e per di più imprevedibili. 

«Morto un morto se ne fa un altro!», diceva sempre Enric, il mio migliore amico, prima di morire o comunque prima di diventare un non morto morto. Perdeva pezzi e ciò che è rimasto di lui è unicamente poltiglia. La granata è stata necessaria, non ho potuto fare altrimenti.

Da giorni ho trovato rifugio in un faro funzionante, sbarrando l'entrata al meglio delle mie possibilità. “Sotto i riflettori" ovviamente i cadaveri in continuo movimento, che con quei versi  spaventosi sono per lo più fonte dei miei incubi, talmente sconnessi da sembrare innaturali e soprattutto violenti. Spesso durante le terrificanti visioni oniriche mi appare il volto sfigurato nonché insanguinato di Camilla, il corpo pieno di pallottole e col braccio amputato. Mai e poi mai le avrei fatto del male. Dio quanto l'amavo!

Immancabilmente mi risveglio strillando. Da un lato dormire è peggio che stare svegli. 

Chissà, probabilmente il morso sul collo causato da uno di quei mostri mi ha procurato degli strascichi irreversibili, nonostante alcune settimane fa, in un improvvisato ospedale da campo, mi avessero somministrato in extremis un siero denominato Z-Type.

Lo Z-Type, preso in tempi brevi sembra riesca a debellare il virus in corso, però non mi stupirei se il liquido iniettato tramite siringa al sottoscritto non avesse fatto effetto in maniera efficace. Potrei risultare zombie per un quarto o qualcosa del genere.

Lancio rabbiosamente il fucile a pompa Spas-12 sopra il tavolo, che assieme alla Beretta 92-FS tenuta in fondina ed alcune granate di tipo Mk2 mi hanno aiutato a sopravvivere. Mi libero anche del gibernaggio carico di munizioni.

Sprofondo su una sedia e resto a pensare agli avvenimenti accaduti e alle persone care che ho perso per via dell’epidemia zombiesca, oppure che ho necessariamente neutralizzato per forza di causa maggiore. Tra le varie cose realizzo il mio essere smodatamente paranoico, in quanto ho voluto abbandonare il precedente rifugio e di conseguenza i miei compagni per restare da solo. Non sopportavo più i loro sguardi, le loro voci e in particolar modo il finto positivismo di alcuni. Oltre che temere per la mia incolumità, infatti non sono rari i casi in cui inaspettatamente avvengono degli assalti all’interno dei nascondigli stessi, generati da persone che si tramutano improvvisamente in zombie, per non parlare di chi perde il lume della ragione sparando all'impazzata a tutto ciò che si muove. Vivi compresi.

Mi è venuta una fame tremenda e ho troppa voglia di carne. Ho delle scatolette di Simmenthal ma non è la stessa cosa.

Adesso è naturale chiedermi: lì sotto i non morti desiderano banchettare con me o contro di me?

1
1
6

Nel silenzio di un punto

02 April 2020

Davanti a me la profondità ombrosa della via è un interminabile corridoio con un’unica porta in fondo. Una porta enorme, dischiusa a una lingua di luce: una bianca lama di spada che piove dall’alto e arriva squarciando le tenebre. A brandirla, è la mano del soprannaturale. Dalla porta penetra e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E venne il tempo

01 April 2020

La Primavera non era ancora arrivata E la gente la aspettava, per dare quell’ultimo scossone all’inverno Ma invece di arrivare lei, sopraggiunse una malattia Che voleva spacciarsi per una Regina che portava la corona Ma questa corona aveva spine e pungeva facendo soffrire Papà, ho voglia di correre [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • callettino: Una favola per tutti, tema poetizzato di questi tempi attuali dove chi sorride [...]

  • Walter Fest: Questa volta sei stato serioso, non male comunque

3
4
10

Il coltellino

01 April 2020

Ammetto che un leggero timore iniziavo ad averlo. Igor, il suo compare, stava ancora girovagando per il treno. Ormai non lo si vedeva da più di un’ora. A pensarci bene però, anche se fosse stato con noi non sarebbe stata la persona ideale alla quale chiedere aiuto, era probabilmente più ubriaco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
18

DALLA LUCE ALLE TENEBRE

31 March 2020

Io sono nato in un piccolo borgo della bassa bresciana, in una vecchia cascina circondata da campi di grano e prati fioriti, incorniciati da una rete di canali di irrigazione e fossati di acqua incontaminata, dove insetti pattinatori ed eterotteri scivolavano danzanti sulla superficie. La felicità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sandro Amici: Mi sono immerso in questa lettura perché il tuo sentire è anche [...]

  • Patapump: Ciao Gianni. Da Bresciano questa trasformazione sia in città che nei [...]

12
16
47

Gifts

Racconto di Natale

31 March 2020

Ci sono regali e regali tra cui quelli mai scartati e quelli mai goduti. Piccolo racconto natalizio di genere drammatico. Cinzia guardò sospirando dalla finestra le magnifiche luci di Natale sulla casa della dirimpettaia dall'altra parte della strada. Verdi, rosse, blu, gialle... sfavillando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Bello. Chissà perché, a me il Natale non infonde mai tristezza, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao callettino, a me il periodo natalizio certi giorni mette sia allegria [...]

5
11
29

Colazione calda

COVID-26

30 March 2020

Mi sveglio intontito e ci metto un po' a capire che non è un sogno: il mondo è sconvolto dalla pandemia, ho perso il lavoro e non vedo la fidanzata da due mesi. Apro il frigo, vuoto. Devo uscire a fare la spesa: questioni di necessità. Indosso mascherina e guanti ed esco. Dal balcone la mia vicina [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Yoda: La fantasia che diventa realtà (quasi) https://video.corriere.it/cronaca/coronavirus-rissa-supermercato-casoria-clienti-senza-mascherina-aggrediti-urla-schiaffi/9a7fc24a-7414-11ea-b181-d5820c4838fa?&appunica=true

  • Walter Fest: Stendiamo un velo pietoso su tutto, esprimo una mia personale opinione....anche [...]

5
7
20

Disquisizioni

29 March 2020

L'estate sta finendo Così dicevano i versi di una canzone Non amo molto l'inverno, ma altrettanto vero che non amo le zanzare Mi piace il sole, ma se ci penso bene anche la neve è accogliente. L'acqua, quella no Non sono animale d'acqua e sul ghiaccio non sono di certo un maestro di equilibrismo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Sandro Amici: Non parlare di fiori in questo periodo. Pure i vivaisti, personaggi pacifici [...]

  • callettino: Un testo ben metaforizzato, direi: l’inverno che, visto come un "troppo [...]

21
30
103

Piccola epistola alla mia donna

29 March 2020

Tesoro mio, in passato sai cosa mi disse colei che si riteneva la donna ideale? Mi promise che sarebbe stata per me una madre, una sorella, la mia migliore amica, la mia donna... ebbene, a parte che fallì su ogni lato, non voglio tutto ciò nel calderone del nostro amore. Guarda, una madre ce l'ho [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
5
20

Il dottor Asociale

28 March 2020

Le serrande abbassate sui colori della strada non riuscivano a relegare fuori il resto del mondo. Sgattaiolando dalle intercapedini più in alto, lame di luce esterna infilzavano la penombra e andavano a spiaccicarsi contro lo scorcio di parete appena sopra la testiera del letto. Un trionfante fuoco [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ottima descrizione dell'ambiente,tralasciata quella dell'amante volutamente. [...]

  • callettino: Grazie a tutti, chiedo venia per i tempi d’interazione, ma in questo [...]

16
19
94

Il principe e i suoi princìpi

27 March 2020

Adoro la figura del principe, poiché per principio non cambia principio. Non importa se il principe risulti azzurro, bianco o arancione, l’importante è che abbia dei sani princìpi nonché si contraddistingua da altri principi che si credono dei principi, mentre in realtà di principe hanno ben poco, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ciao Giuseppe..per principio ho letto e gustato lo scritto. una prima parte [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Roberta: Ti ringrazio immensamente e mi fa piacere immensamente

    x [...]

4
5
16

Le cose da dire

27 March 2020

Sì tante. È vero, alcune volte meglio non dire niente Lo sguardo Una mano che sfiora la tua Il tuo profumo La bellezza tua interiore. La tua fisicità Forse basta solo una canzone Ascoltala...

Tempo di lettura: 30 secondi

8
5
34

Una sera

26 March 2020

Quando Marcello Biraghi entrò in cucina, scoprì che il ragazzo di sua figlia sarebbe rimasto a cena. Era almeno il terzo ragazzo che Patrizia invitava a cena in due anni. Questo a Marcello sembrava di averlo già visto almeno un paio di volte e sua moglie era in grande confidenza. Lo irritava quell'attitudine [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: Eccola Manu. Brava. Raccontare di fantasmi che ritornano nella propria vita. [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie!! Sono contenta che vi sia piaciuto! Ormai sono abituata a scrivere [...]

Torna su