Ormai l'umanità è spacciata.

L'esercito e i civili via via si "uniscono" alla loro parte, migliaia e migliaia di orde di famelici zombie appaiono inarrestabili, le armi e le trappole riescono a malapena a contenerli. Stranamente risultano veloci e per di più imprevedibili. 

«Morto un morto se ne fa un altro!», diceva sempre Enric, il mio migliore amico, prima di morire o comunque prima di diventare un non morto morto. Perdeva pezzi e ciò che è rimasto di lui è unicamente poltiglia. La granata è stata necessaria, non ho potuto fare altrimenti.

Da giorni ho trovato rifugio in un faro funzionante, sbarrando l'entrata al meglio delle mie possibilità. “Sotto i riflettori" ovviamente i cadaveri in continuo movimento, che con quei versi  spaventosi sono per lo più fonte dei miei incubi, talmente sconnessi da sembrare innaturali e soprattutto violenti. Spesso durante le terrificanti visioni oniriche mi appare il volto sfigurato nonché insanguinato di Camilla, il corpo pieno di pallottole e col braccio amputato. Mai e poi mai le avrei fatto del male. Dio quanto l'amavo!

Immancabilmente mi risveglio strillando. Da un lato dormire è peggio che stare svegli. 

Chissà, probabilmente il morso sul collo causato da uno di quei mostri mi ha procurato degli strascichi irreversibili, nonostante alcune settimane fa, in un improvvisato ospedale da campo, mi avessero somministrato in extremis un siero denominato Z-Type.

Lo Z-Type, preso in tempi brevi sembra riesca a debellare il virus in corso, però non mi stupirei se il liquido iniettato tramite siringa al sottoscritto non avesse fatto effetto in maniera efficace. Potrei risultare zombie per un quarto o qualcosa del genere.

Lancio rabbiosamente il fucile a pompa Spas-12 sopra il tavolo, che assieme alla Beretta 92-FS tenuta in fondina ed alcune granate di tipo Mk2 mi hanno aiutato a sopravvivere. Mi libero anche del gibernaggio carico di munizioni.

Sprofondo su una sedia e resto a pensare agli avvenimenti accaduti e alle persone care che ho perso per via dell’epidemia zombiesca, oppure che ho necessariamente neutralizzato per forza di causa maggiore. Tra le varie cose realizzo il mio essere smodatamente paranoico, in quanto ho voluto abbandonare il precedente rifugio e di conseguenza i miei compagni per restare da solo. Non sopportavo più i loro sguardi, le loro voci e in particolar modo il finto positivismo di alcuni. Oltre che temere per la mia incolumità, infatti non sono rari i casi in cui inaspettatamente avvengono degli assalti all’interno dei nascondigli stessi, generati da persone che si tramutano improvvisamente in zombie, per non parlare di chi perde il lume della ragione sparando all'impazzata a tutto ciò che si muove. Vivi compresi.

Mi è venuta una fame tremenda e ho troppa voglia di carne. Ho delle scatolette di Simmenthal ma non è la stessa cosa.

Adesso è naturale chiedermi: lì sotto i non morti desiderano banchettare con me o contro di me?

Tutti i racconti

0
0
2

Imput di un killer

20 January 2021

Sul suo calzino bianco una macchiolina rossa richiama il ciondolo a forma di cuore appeso al suo collo, un piccione al semaforo si china poggiando su una spalla dentro a una pozzanghera, il vento soffia forte. La macchiolina ora ha una forma più tondeggiante, ricorda una pesca sul suo lato più [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

Una piccola lezione di pensiero laterale

20 January 2021

“Sol, Sol! Guarda che bei fiori!” Nina, una bambina di appena 11 anni con i capelli biondi e gli occhi azzurri, si trovava insieme a Sol, una ragazza di 23 anni con i capelli rossi e gli occhi verdi in mezzo a un bosco bellissimo, caratterizzato da un piccolo corso d'acqua, maestosi alberi e tantissimi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
5
28

Se non fosse per te

19 January 2021

Se non fosse per te lambirei i contorni E non entrerei in quella immensa radura chiamata vita Se non fosse per te navigherei su fragili navi, in mari percossi da venti che porterebbero al largo E incontrerei aggressive balene bianche, pesci martello e ostili genti Se non fosse per te il cibo sarebbe [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
22

Anni '60 - 2/2

19 January 2021

L’appuntamento con Salvio era all’ingresso del cinema Splendor, Mimma aspettava già da cinque minuti e si chiedeva se non fosse arrivata troppo in anticipo. Sin dal primo pomeriggio rifletteva su come vestirsi. Dopo varie prove e ripensamenti, decise di non esagerare in eleganza e alla fine indossò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
4
33

Il profumo dei ricordi

Tornare a viaggiare

18 January 2021

La nave era ancora lontana dal porto ma già il vento mi portava l'odore tipico dello zolfo eoliano. Vulcano era ancora indistinguibile nella foschia dell'alba, il sole prometteva già l'incantevole, la linea dell'orizzonte alle mie spalle era tutt'uno col cielo: pareva colorata da un bambino. Ero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
17

Anni '60 - 1/2

18 January 2021

Nel Quartiere Spagnolo, dove abitavano Salvio e il suo gruppo d’amici, le numerose parrocchie esistenti proponevano le più svariate attività, con l’obbiettivo di attrarre i giovani di diversa età e di sottrarli alla strada e all'illegalità. Don Carlo, il parroco di Maria Addolorata, aveva comprato [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
4
14

Majistre

17 January 2021

Quando varcai la soglia dell’ufficio, non sapevo ancora cosa mi sarebbe potuto accadere da lì a poco Da poco laureato, avevo avuto poche esperienze nel mio ambito Tutte piccole cose L’ufficio era nella palazzina anni 50 in Piazza Magni a Milano Gli esperti la indicano come la più riconosciuta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0392: Interessante esperienza, descritta, forse, un po' velocemente. Complimenti!

  • Patapump: ciao U..grazie in primis. Certo, si sarebbe potuto soffermarsi maggiormente, [...]

0
0
8

canta e balla...

17 January 2021

Canta e balla a tempo di musica muovi il tuo corpo e manifesta il ritmo vitale i tuoi sogni più sinceri in tutto questo preparati! ricevi l’abbondanza la benevolenza fa’ piccoli passi verso la crescita verso il tuo dono guardati attorno e impara dall’abbondanza della vita vedi luce in te [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
20

La piuma della speranza

16 January 2021

Una piuma cadeva tutte le mattine di fronte alla sua casa, o a volte qualcuno gliele lasciava. Ma mai aveva capito chi era il responsabile. La chiamava la piuma della felicità perché ogni mattina nel vederla e in seguito raccoglierla si sentiva un'aria diversa, una brezza fresca. Un'aria di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
4
17

Un arcobaleno di speranza

16 January 2021

Gennaio. Questo è il mio anno. Forse. Ma non correrò troppo. Assaporerò il viaggio aspettando di calpestare la sabbia umida di giugno. Aspettando di poter costruire un castello di sabbia. Aspettando i tuoi sorrisi sereni. Aspettando giorni sereni. La tempesta peggiore è alle spalle. Dicono. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
14

La lacrima

15 January 2021

Umida Salata Nascosta Trattenuta da una diga che ne raccoglie altre Pronta a svelarsi quando succede qualcosa in noi Forte emozioni la fanno emergere Spinta dai canali dell’anima Cade verso il basso E si infrange in altre mille Ogni goccia è una lettera E ognuna di quelle lettere formano parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
4
7

UNA FESTA NEL DESERTO

Monegros

15 January 2021

La sabbia secca del deserto spagnolo quella mattina di luglio bruciava e si crepava come nei film che dipingono uno scenario di disastro apocalittico, il sole bruciava così tanto da non poterlo neanche fissare un secondo. Avevo perso il gruppo del mio bus ormai almeno da 30 ore e sapevo che non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su