Cambiarono rotta in modo da giungere nei pressi della costa e attendere il levar del sole per un approdo di fortuna. Dovevano fare rifornimenti di acqua e cibo, le onde della tempesta avevano contaminato l’acqua potabile e sfasciato diversi barili delle riserve di cibo.

La notte non ci furono problemi e gli uomini poterono riposare dopo le fatiche del giorno. Quando finalmente il sole fece capolino lo spettacolo che si presentò agli occhi stupefatti dei marinai fu stupefacente. Erano approdati su una terra fertile, verde oltre ogni previsione che si estendeva per diverse leghe. Qua e là c’erano agglomerati di case bianche che spiccavano nel verde cupo del territorio.

Molti marinai non conoscevano questo posto, ma alcuni di loro dissero di sapere dove si trovavano. Era una grande isola e attaccata a questa doveva essercene un’altra un po’ più piccola e poi una ancora più piccola. Erano sicuri che fossero tutte nel mar Ionio e che appartenessero alla Grecia. Quello era il vero confine dei possedimenti ellenici, oltre quelle vi erano terre sconosciute.

Il capitano capì che il loro viaggio non era finito, non erano certo quelle isole le terre che dovevano colonizzare. Sbarcarono col favore della marea e si diressero a gruppi verso l’interno per procurarsi acqua e derrate alimentari; non sapevano quanti giorni di navigazione ci fossero ancora ad aspettarli. Per evitare guai con eventuali nativi scelse di non armare tutti gli uomini, solo quattro di loro, lui compreso, erano armati di spada e un piccolo pugnale nella cintura.

Per fortuna i gruppi di uomini trovarono subito quello che cercavano. Gli otri furono riempiti con l’acqua di un ruscello e nei campi coltivati presero lo stretto necessario per rifornire le scorte. Solo una volta il gruppo del capitano vide da lontano delle persone intente al lavoro dei campi. Non si erano accorti di loro così poterono allontanarsi indisturbati. Tornati tutti sulla nave si misero ai remi, volevano allontanarsi senza far vedere nessuna vela.

Scelsero una rotta che puntava verso sud in modo da uscire dallo spazio visivo dell’isola e, come avevano detto i marinai, videro un tratto di mare che divideva la grande isola da una altra che sembrava più piccola. Non potendo fare il periplo, si avventurarono nello stretto braccio di mare che divideva le due isole. Il mare calmo e luminoso di sole quasi nascondeva alla vista la barca dei calcidesi che lentamente, a remi, attraversarono lo stretto, uscendo in un altro specchio d’acqua che non presentava terre all’orizzonte salvo quelle appena lasciate. Approfittando del mare calmo alzarono tutte le vele che avevano, volevano allontanarsi il più velocemente possibile da quella isole, inutile correre rischi quando la loro missione era un’altra.

Dopo due giorni di navigazione, agevolati da una brezza a favore, videro apparire una lunga striscia scura in direzione dritto di prua, era una terra che sembrava senza fine, per quanto guardassero ai lati dell’orizzonte quello che vedevano era solo quella striscia di terra si estendeva quasi senza fine. Solo dopo un altro giorno di avvicinamento si accorsero che la costa, ora ben visibile, era piatta e con poca vegetazione.

Si diressero verso nord est, convinti che questa rotta non li facesse allontanare molto dalla madre patria. Spinti ancora da vento favorevole giunsero in un punto dove a est si vedeva solo terra che questa volta, invece che di fronte, assumevano una forma a salire che si estendeva verso l’orizzonte. Quella, decise il capitano doveva essere la terra ferma, il continente e quella di fronte piatta e larga doveva essere un’isola. A quel punto era convinto che ci doveva essere uno stretto da qualche parte che divideva la terraferma dall’isola, lui voleva andare proprio là, risalire verso nord non era pensabile e andando dritti di fronte aveva visto che il territorio non presentava garanzie di poter sviluppare una nuova città. Se fosse riuscito a trovare il passaggio fra quelle due terre poteva sbucare dall’altra parte senza problemi.

Si misero in rotta parallela alla terra che riteneva un’isola e perlustrarono ogni metro di quel posto. Alla fine dopo quasi un giorno di ricerca videro uno squarcio d’azzurro fra le colline verdi che si affacciavano sul mare.

  • <Eccolo! Quello è il posto che cerchiamo, - esclamò agitato il capitano – finalmente abbiamo trovato il passaggio. Animo uomini, al di là di quel mare potrebbe esserci la nostra meta, ricordate cosa ha detto l’oracolo. La donna ama l’uomo, il messaggio non è così chiaro, forse approdando dovremmo vedere qualcosa che ci faccia capire il senso di quella profezia. >

Animati dalla voglia di scoprire il reale valore di quelle parole strane e anche dalla possibilità che il viaggio stesse per terminare, gli uomini si diedero da fare per accelerare le operazioni. Virarono per permettere alla nave di posizionarsi al centro dello stretto canale che separava le due strisce di terra. Sembrava che fosse più largo ma una volta entrati si accorsero che la distanza era minima, la nave ci passava agevolmente perché era piccola, ma le scogliere di destra erano imponenti e sovrastavano lo specchio d’acqua sottostante. Erano incantati dalla visione di quelle due rive opposte, procedevano a remi, inutile fare vela in quelle condizioni, i remi davano più possibilità di manovra improvvisa.

Non erano ancora giunti alla metà del canale quando improvvisamente si alzò il vento e nello stesso tempo una strana e violenta corrente sottomarina fece sbandare la barca. I rematori si trovarono nella condizione di non poter reggere la forza della corrente e del vento, la barca prese a sbandare e nonostante gli sforzi degli uomini andò alla deriva. Il vento la spingeva contro la parte rocciosa che era a dritta. Le onde non erano alte, ma la corrente era forte e impetuosa, si era impadronita della barca e la stava sballottando verso la costa.

Il capitano cercò di vincere quella forza facendo alzare qualche vela per cercare di contrastare il vento, ma il risultato fu che rischiarono di capovolgersi. Lui era incredulo, non capiva come potesse succedere questa sequenza di fatti negativi. Avevano navigato in mare aperto per giorni senza problemi e adesso in un braccio di mare in teoria protetto da due lati stavano rischiando tutto. Non vedeva una via d’uscita, voleva fare ancora un sacrificio alla Dea che doveva proteggerli, ma la situazione era tale che non poteva distogliere nemmeno un uomo dalle manovre per salvare la nave e i suoi occupanti. Per quanti sforzi facessero la nave andava sempre di più dritta verso gli scogli. A quel punto, trovandosi quasi a ridosso della parete rocciosa Agatos non poté fare altro che ordinare di abbandonare la nave.

2
2
7

Profezia

22 April 2019

Giorni verranno in cui la Luce scomparirà. Le maschere saranno trasparenti come acqua di ruscello e le anime, nude, grideranno di terrore Giorni verranno in cui la Luce tornerà e potremo amare la Vita come fossimo tutt’uno

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
13

Il vecchio saggio

22 April 2019

Un giorno un uomo e sua figlia bussarono alla porta del vecchio saggio che viveva ai margini del paese. L’uomo si fece attendere, era vecchio ed era lento, ma tutti in paese lo rispettavano e spesso andavano a chiedergli consiglio. Il vecchio aveva girato il mondo e aveva incontrato tanta gente, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Justus, i racconti intrisi di saggezza risultano utili nel leggerti [...]

  • Justus: Giuseppe, le critiche sono il sale che fa lievitare la nostra coscienza, quindi [...]

0
1
8

Civico 21 - 2/4

Seconda parte

22 April 2019

Intanto il suo viaggio vorticoso giunse al termine: fu letteralmente vomitata da un altro monitor con un impeto tale da schiantarsi addosso ad un'altra persona che giaceva su di un pavimento. Istintivamente per parare la caduta posizionò il palmo delle mani a terra. La borsa attutì l’urto, sollevandosi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Lo Scrittore: intrigante, surreale, la materializzazione del desiderio di avere qualcosa [...]

3
5
23

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
3
10

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
16

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
12

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
21

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
23

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

Torna su