Ore 15.00 Cinema America, via Natale del Grande, Trastevere.

Inizia la nostra maratona, io ed Alida abbiamo deciso di farlo. Una giornata completamente dedicata a Bernardo Bertolucci, il suo film “Novecento” finalmente ora è completo! Un po’ di giorni dopo l’uscita della prima parte ora è nei cinema anche la seconda, i suoi 310 minuti, 5 ore e dieci minuti si possono vedere in tutta la loro interezza… non ancora di seguito, i distributori hanno pensato, dividiamolo in due “Chi è così pazzo da resistere dall’inizio alla fine?”

Noi, Alida ed io.

Erano un anno e tre mesi che stavamo insieme, due spiriti cinematografici, frequentavamo una scuola di cinema, avremmo continuato una vita nel settore, ogni momento era buono per andare al cinema, la giornata ancora semi estiva ci avrebbe dovuto spingere per andare al mare, visto che ancora abitavamo ad Ostia, invece eccoci lì, al buio ad aspettare l’inizio.

La morte di Giuseppe Verdi, la nascita di Alfredo Berlinghieri (Robert De Niro), il nipote del ricco proprietario (Burt Lancaster) , e Olmo Dalcò (Gerard Depardieu), figlio illegittimo di Rosina, una lavorante nella tenuta. La loro amicizia che durerà quasi tutta la vita viene seguita durante il film, insieme agli altri splendidi protagonisti, ricordo che Alida non ha mai sopportato Attila (Donald Sutherland) da quando nel film uccise un gatto.

Finita la prima parte usciamo, il trenino Roma-Ostia non ci aspetta, dobbiamo arrivare al Superga di Ostia per vedere il seguito alle 19.00.

Arriviamo in tempo, lo spettacolo inizia puntualmente, la saga continua, l’uccisione di Attila, la (finta) esecuzione sommaria di Alfredo, la bandiera rossa spiegata tra la musica medesima e le lacrime (nostre). Poco prima delle 23.00 il film finisce, donandoci una delle più grandi emozioni nella vita, ci accompagniamo a casa, un ultimo bacio e poi…

 ripensare tutto questo 42 anni dopo, quando si legge su “la Repubblica” una brutta notizia:

Bernardo Bertolucci è morto.

3
5
14

Moimeme

23 January 2019

Cosa dovrei dirvi di ottobre? Cosa potrei mai dirvi dell’ egoismo? Che è piccolo? Bambino? Fiero? Che non vede? Che non crede? Che pensa a quanto amore prova ma non ha neanche idea di quanto amore abbia? Ottobre è un cuscino di ricordi, di messaggi che ritornano e ti spiegano chi davvero eri, e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
5

Paragoni

23 January 2019

Paragonando la preparazione del fritto di paranza di Pescasseroli con quella del piatto di panzanella di Posillipo, pare che si produca una probabile precipitazione parossistica perpendicolare nelle protuberanze parallele dei parametri piroclastici dei pupazzi di pezza pizzicati da pinze di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
11
28

Lui

22 January 2019

Lentamente, molto lentamente, stringendosi il cappotto, si avvina a me col capo abbassato e lo sguardo rabbuiato. Tiene in mano qualcosa. Da quando per forza di causa maggiore le nostre strade si son separate, ci incontriamo unicamente una volta all'anno per la solita ricorrenza. Confesso che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Puccia: Wow!!! Bello da "morire" sono entrata nel personaggio. {femminile} [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Carissima Puccia, grazie infinite, il tuo commento aggiunge altra soddisfazione [...]

2
2
13

NOVE  PUNTI

22 January 2019

Aiuto! Il grido d'allarme risuonava in tutto il Parco. Rosa correva dietro al cane che le era sfuggito di mano. A quell'ora della domenica mattina, e particolarmente in quella calda primavera, il posto era pieno di famiglie con bambini in bicicletta o nelle carrozzine. In effetti, Zaro non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
10
21

6 racconti in in 6 parole

22 January 2019

Sogno o son morto? (racconto horror/parodia) Scoperchio. Mi sento strano. Ho fame! La mia bisnonna (racconto autobiografico) Migliaia di rughe. Migliaia di storie. Incendio (racconto drammatico) Una stufa incustodita. Rimase soltanto cenere. Insieme fino alla fine (racconto drammatico/romance) [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Scritty, attendo un tuo "grandissimo" racconto. :-)

  • Surya: Che dire? Hanno già detto tutto! Vabbè ti rispondo con altrettante [...]

2
2
16

Operazione “cariola e dintorni”

21 January 2019

I carabinieri di Mariglianella interrogavano la cariola. “Dicci tutto… parla.. confessa… quanti chili di calcinacci hai trasportato ed occultato?” -Non posso, ho la ruota sgonfia e consumata … sono tutta arrugginita… non ricordo niente… e se confessassi per me sarebbe la fine… verrei sicuramente [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Gianni, ok, dopo un periodo di ferma, (non militare :D) riprendo a leggere [...]

  • Gianni Tirelli: caro Giuseppe in effetti è proprio come dici tu, ma nonostante... ciò, [...]

2
2
9

Ricatto

21 January 2019

Brilla la luna nel suo ultimo quarto e mi giro nel letto in questo onirico stagno tra ceneri e polvere di estinte illusioni Ho cercato un passato di scolorite memorie sotto un cielo graffiato sopra rose appassite ... e resto in attesa di un altro equinozio sotto il crudo ricatto di una [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
21

Troppo sentire

21 January 2019

Rauini dorme, io sto sveglia e sento il suo respiro, è girata, mi da la schiena, ed è strano perché solitamente mi prende e mi tira a se e dormiamo così, agganciate l’una all’altra, che le sento il cuore e la voglia. Ma oggi no, forse il vino era troppo, forse l’ho fatta aspettare troppo tra acqua/denti/pasticca/tvchenonva, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

ARIA TERSA

20 January 2019

ARIA TERSA Travolti da un mondo impazzito Inondati da una schiuma assordante Non riusciamo più ad ascoltare La voce del silenzio. Frotte di insetti inutili Si accavallano nel nostro pensare. E l’immagine dello specchio Torna Sempre uguale a se stessa A riflettere un sogno incompiuto. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

8
9
17

luna o cocci?

Quando walter fest scrive è jazz!

20 January 2019

Quando non sai che scrivere, scrivi, scrivi senza paura di sbagliare, questa volta faccio un eccezione, scrivo senza carta e penna, stò alla tastiera e scrivo, mò che ci penso mi paicerebbe la tastiera di un piano forte, anzi le corde di una chitarra, anzi no, voglio cantare tanto a parole se stono [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: E quando Walter scrive, fa sempre centro! Perché scrive col core e della [...]

  • Roberta21: Walter sei troppo forte 👍👍

1
2
23

Io lo conosco l'amore

20 January 2019

Ho attraversato il bosco di notte per poterti abbracciare ma tu non c'eri. Ho accompagnato tramonti fino all'alba per scoprire i tuoi occhi timidi ma tu non c'eri. Ho ascoltato i lamenti del vento nelle lunghe giornate passate a pensarti ma tu non eri li. Ho inseguito le ore e poi i giorni per [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
7

Raccontami una volta più piano

19 January 2019

Raccontami una volta più piano. Eravamo nati nello stesso posto o giù di lì, le case scorrevano in sequenza, c'era qualche attività che si distingueva dalle altre e potevi prenderle come veri e propri punti di riferimento quando dovevi indicare qualcosa a qualcuno che si era perso. I nomi delle [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: Ricordi arruffati da districare piuttosto difficile il farlo

Torna su