Ennesima sigaretta e con questa sono quaranta esatte oggi. Un goccio di rhum buttato giù di fretta, quasi fosse un atto dovuto. La stanza è quasi vuota. Pochi elementi d’arredo. Un divano, due poltrone, una tavolino quasi interamente ricoperto di cenere e cianfrusaglia. Il comò con i ricordi dei tanti viaggi dove ho perso tante parti di me. Il portatile perennemente acceso che ronza. La Tv senza volume che illumina la stanza di bagliori intermittenti. Una magnifica serata, una serata come tante. Guardo il fumo che si perde nel soffitto.

Il telefono non squilla. Il telefono, il fottuto telefono è muto. Lei è altrove. Lei è nel suo palazzo dorato. Dentro quella facciata senza fiori. In quell’appartamento che mi è precluso, divisa tra le faccende di casa, i suoi figli, un marito che non ama e che non l’ha mai amata come lei merita. Come le avrebbe desiderato.

Le serate, quando sono solo e penso, sono queste. Immaginarla in una stanza che non conosco. Seduta su di un divano che non ho mai visto. Accostata ad una finestra dalla quale non mi sono mai affacciato. Dentro un letto, accanto ad un uomo che ha esattamente quello che io vorrei.

Il telefono non squilla. Sfioro il display, nessuna notifica, solo ameni commenti spicci sui miei post di Facebook. Soprassiedo. Mi alzo, faccio pochi passi e sono in strada. Salgo in macchina. Un chilometro, due, tre, mille. Le strade della città sono quasi vuote, se non fosse per poche forme di vita aliena. Accendo la radio e gli Snow Patrol cantano “You’re all I have”. Vorrei che lei lo sentisse. Che Isabel sentisse forte e chiaro queste parole. Tu sei tutto quello che ho. Nient’altro che questo. Ma sono solo, aggrappato al volante della mia vettura che vaga nella notte.

Non avrei mai pensato di vivere una storia come questa, tantomeno che una storia come questa fosse così difficile, così insopportabilmente dolorosa. Eppure è così. Ho sempre pensato che il sesso e l’amore fossero due elementi che quando si uniscono, in quella magica, unica alchimia chimica, deflagrino in un’esplosione che non ha pari e che mette tutti a tacere. Che si fa spazio tra le ingiustizie. Tra le anomalie. Che si crea un universo suo tra il sacro e il profano. E lo credo ancora adesso. Ora che sono quasi le due di notte e che le mani mi fanno male per quanto ho stretto il volante.

Dalla radio i Nine Inch Nails cantano “Hurt”, capolavoro epico. “Mi sono fatto male oggi. Per vedere se provo ancora qualcosa. Mi focalizzo sul dolore L’unica cosa che è reale…” sono le prime magnifiche strofe. Ed io questo sto facendo. Sto scendendo giù nella tana del Bianconiglio, nel baratro dove la luce è una chimera, affondando le mie stanche ossa fino ad abbattermi al suolo. Fino a quel punto oltre il quale non si può andare. Oltre il quale o ti desti o muori. Nella vana illusione che lei si desti dal suo torpore. Che prenda la sua vita nelle mani, allontanandosi da quel palazzo che non le appartiene. Da quella vita che non è sua. Del quel letto di foglie secche dove l’amore non si è mai posato.

Dal taccuino dimenticato sul sedile si intravedono gli ultimi pensieri scritti qualche giorno prima: “Maledetto il giorno in cui ti ho incontrata Isabel, perché in quel giorno, in quel preciso istante, ho capito che non avevo inteso nulla della vita e che i miei occhi erano chiusi, il mio cuore spento. In quel preciso istante ho afferrato il tuono, il lampo mi ha destato, il sorriso è dilagato in me come un’onda onnivora che non lascia superstiti. Maledetto quel giorno, perché è da quel momento che non posso fare a meno di te. Non posso concepire la mia esistenza senza il tuo viso, senza i tuoi occhi. Senza il tuo odore, quello che hai solo tu e nessun altro e lo hai esattamente sul collo, nella piega che ho baciato mille volte, quella che volge verso la spalla. Quella dove il mondo non esiste. Non esiste il tempo e tutto l’universo si piega in soli pochi centimetri di calore”.

Mentre imbocco l’autostrada, destinazione ignota, penso che vorrei essere altrove in questo preciso momento. Esattamente in un unico posto. Addormentarmi dentro di lei dopo aver fatto l’amore e al risveglio dirle “Ti amo, sei l’unico senso della mia vita”. Perché questo sarebbe, null’altro che questo. Tracimando le mie lacrime, il mio piede preme l’acceleratore, perché il momento è adesso, non ieri, non domani, adesso. Adesso che lei è dentro come la mia stessa anima, la mia poesia, il mio fuoco. E toglierla sarebbe morire. Sarebbe la fine di ogni cosa.

Maledetto quel giorno perché ho conosciuto l’amore.

3
5
20

IL BUON GESU' E IL CATTIVO CRISTO

20 May 2019

Una riscrittura del Vangelo in chiave forse polemica, narrata come un romanzo storico. Un romanzo, appunto, dove ognuno può leggere le proprie convinzioni e/o idee. Philip Pullman (1946) immagina che Maria partorisca a Betlemme due gemelli: Gesù, sveglio e vivace sin dalla nascita, e Cristo, smunto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adalberto: Sono contento ti sia piaciuta la mia recensione e ho molto apprezzato la tua [...]

  • flavia: E' bello che tu ti accorga delle piccole imprecisioni si vede che conosci [...]

2
1
8

Al Capone

20 May 2019

Ho incontrato un dì Al Capone con il mitra e il sigarone tre scagnozzi su una Ford ...nel baule un uomo mort scorazzava per Chicago con in tasca la sua Colt e i rivali, pim pum pam li stendeva uno per volt era il boss delle cantine e delle bische clandestine e correva grandi rischi a produr [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
11
25

Due "vecchie" amiche

19 May 2019

Agli inizi degli anni novanta abitavo a Trabia, una cittadina della provincia di Palermo, in un piccolissimo quartiere fatto di case non proprio piacevoli alla vista e con un sovrastante palazzo grigio che senz'altro rendeva ulteriormente monotona la zona. Avevo sette anni e, mentre stavo rientrando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Walter ha ragione! Flavia scrivi quando vuoi anche email! Non sei sola😘😘😘

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia mi accodo al pensiero di Walter e Francesca, ricordati che ci siamo [...]

4
7
17

Punto e virgola

19 May 2019

Ogni tanto ripenso a te. Sono quattro mesi che non ho tue notizie, come se non fossi mai esistito. Ho finalmente smesso di piangere e sono fiera di me stessa per essere riuscita a tornare a ridere. Solo ora mi rendo conto che con te hai portato via tutto, e non parlo solo dei mobili che dicevi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò..ma che ti sei messo d'accordo con Francesca?(scherzo eh!)...tranquillo, [...]

  • Francesca: Ciao Walter credo di aver aver capito cosa intendi.. ok scrivere bene ma cercare [...]

1
2
28

La ciotola

18 May 2019

«Niente Raffa, non so capendo proprio niente. Ma poi dove cavolo è?» «Eccola là, in fondo». «Ma quale?» «Quella là che sembra Cicciolina dei poveri». «Ah, di bene in meglio. Dai, vieni con me e facciamoci spiegare cosa dobbiamo fare per questa pagliacciata». «Aspetta che fin là il tragitto è lungo, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao, il testo mi piace perché ben scritto e sono riuscita ad immaginarmi [...]

  • PillsofJoy: Ciao Francesca,
    Grazie mille per il tuo feedback! Certo che esiste un [...]

7
5
46

Noi

18 May 2019

Mi sono girata e ti ho visto. Per un attimo è stato come se tutto questo tempo, e anni, e giorni, si fossero dileguati. È stato come se ci fossimo solo noi, io e te, quelli di tanti anni fa. Era bello guardarti e scoprirti così simile ad allora, anche se leggermente invecchiato. E nello stesso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
13
24

La Vestale - 2/2

Roma antica

17 May 2019

<<E' una setta che viene da Gerusalemme, si chiamano cristiani e ascolta che scandalo, rinnegano l'imperatore e praticano riti dove si cibano e di carne e sangue umano>> <<Che orrore, sei sicura di quello che dici?>> <<Sicurissima me lo ha detto Sara, la nostra schiava [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: Sei una amica e ricambio l'abbraccio con simpatia

  • Puccia: Brava, come sempre riesci a coinvolgere il lettore ed a trasportarlo in tempi [...]

2
1
12

Anime spente

17 May 2019

Radici contorte tra pudiche labbra nel sogno riflesso di rocce roventi ammaliano anime intrise di noia tra gracili steli di rose purpuree cresciute a fatica nelle crepe spaccate di antichi manieri andati in rovina dimora sicura di ragni e di serpi di gracili uova appese agli sterpi e indicibili [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
17

La Vestale - 1/2

Roma antica

16 May 2019

La giovane sacerdotessa uscì dal tempio di Vesta dove l'avevano nominata Prima Custode del fuoco sacro, nonostante la giovane età. Aveva solo quindici primavere e non l'avrebbero mai elevata a tale rango se non fosse stata la nipote di Vespasiano. La sua famiglia era una delle più ricche di Roma [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
15

Intimi e soli

16 May 2019

Per un po' di tempo siamo stati a punzecchiarci. Allusioni, provocazioni, ammiccamenti, sorrisi, poi abbiamo prenotato un weekend in un b&b. Ho chiuso la porta con i gomiti perché le mani erano impegnate. La bocca, le mani, i pensieri, tutto quanto ballava una danza fatta di preliminari e abiti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Audace.. però senza nemmeno un attimo di tenerezza non si può!bravo

  • ducapaso: Grazie ragazzi, i vostri commenti sono sempre benvenuti!

5
9
22

Le mie 50 Sfumature

15 May 2019

Ci incontriamo una o due volte alla settimana, a seconda dei reciproci impegni, sempre nello stesso posto e sempre alla stessa ora: diciassette e trenta. Il nostro primo contatto fu telefonico, la sua voce calda e un po’ grossa mi face credere che mi sarei trovata di fronte ad un uomo maturo, con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: ......scusami volevo dire.. non ti perdere per strada pure te...

  • Francesca: Capisco che perdersi è facile, sopratutto quando siamo ingoiati da giornate [...]

7
11
19

Dalla finestra

15 May 2019

In una gelida e ventosa mattina d'inverno, un uomo scrutò fuori dalla finestra... Ad un certo punto il vento finì per placarsi e un sole potente quanto fulgido irradiò il giardino. Egli sorrise, focalizzando maggiormente l'esterno; per l'emozione gli occhi gli diventarono lucidi. Caterina, la sua [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Bello.
    Il finale ti secca la gola in un colpo, un escamotage che ho usato [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie ducapaso, amo le storie brevi con finale a sorpresa sia nel leggere [...]

Torna su