Ennesima sigaretta e con questa sono quaranta esatte oggi. Un goccio di rhum buttato giù di fretta, quasi fosse un atto dovuto. La stanza è quasi vuota. Pochi elementi d’arredo. Un divano, due poltrone, una tavolino quasi interamente ricoperto di cenere e cianfrusaglia. Il comò con i ricordi dei tanti viaggi dove ho perso tante parti di me. Il portatile perennemente acceso che ronza. La Tv senza volume che illumina la stanza di bagliori intermittenti. Una magnifica serata, una serata come tante. Guardo il fumo che si perde nel soffitto.

Il telefono non squilla. Il telefono, il fottuto telefono è muto. Lei è altrove. Lei è nel suo palazzo dorato. Dentro quella facciata senza fiori. In quell’appartamento che mi è precluso, divisa tra le faccende di casa, i suoi figli, un marito che non ama e che non l’ha mai amata come lei merita. Come le avrebbe desiderato.

Le serate, quando sono solo e penso, sono queste. Immaginarla in una stanza che non conosco. Seduta su di un divano che non ho mai visto. Accostata ad una finestra dalla quale non mi sono mai affacciato. Dentro un letto, accanto ad un uomo che ha esattamente quello che io vorrei.

Il telefono non squilla. Sfioro il display, nessuna notifica, solo ameni commenti spicci sui miei post di Facebook. Soprassiedo. Mi alzo, faccio pochi passi e sono in strada. Salgo in macchina. Un chilometro, due, tre, mille. Le strade della città sono quasi vuote, se non fosse per poche forme di vita aliena. Accendo la radio e gli Snow Patrol cantano “You’re all I have”. Vorrei che lei lo sentisse. Che Isabel sentisse forte e chiaro queste parole. Tu sei tutto quello che ho. Nient’altro che questo. Ma sono solo, aggrappato al volante della mia vettura che vaga nella notte.

Non avrei mai pensato di vivere una storia come questa, tantomeno che una storia come questa fosse così difficile, così insopportabilmente dolorosa. Eppure è così. Ho sempre pensato che il sesso e l’amore fossero due elementi che quando si uniscono, in quella magica, unica alchimia chimica, deflagrino in un’esplosione che non ha pari e che mette tutti a tacere. Che si fa spazio tra le ingiustizie. Tra le anomalie. Che si crea un universo suo tra il sacro e il profano. E lo credo ancora adesso. Ora che sono quasi le due di notte e che le mani mi fanno male per quanto ho stretto il volante.

Dalla radio i Nine Inch Nails cantano “Hurt”, capolavoro epico. “Mi sono fatto male oggi. Per vedere se provo ancora qualcosa. Mi focalizzo sul dolore L’unica cosa che è reale…” sono le prime magnifiche strofe. Ed io questo sto facendo. Sto scendendo giù nella tana del Bianconiglio, nel baratro dove la luce è una chimera, affondando le mie stanche ossa fino ad abbattermi al suolo. Fino a quel punto oltre il quale non si può andare. Oltre il quale o ti desti o muori. Nella vana illusione che lei si desti dal suo torpore. Che prenda la sua vita nelle mani, allontanandosi da quel palazzo che non le appartiene. Da quella vita che non è sua. Del quel letto di foglie secche dove l’amore non si è mai posato.

Dal taccuino dimenticato sul sedile si intravedono gli ultimi pensieri scritti qualche giorno prima: “Maledetto il giorno in cui ti ho incontrata Isabel, perché in quel giorno, in quel preciso istante, ho capito che non avevo inteso nulla della vita e che i miei occhi erano chiusi, il mio cuore spento. In quel preciso istante ho afferrato il tuono, il lampo mi ha destato, il sorriso è dilagato in me come un’onda onnivora che non lascia superstiti. Maledetto quel giorno, perché è da quel momento che non posso fare a meno di te. Non posso concepire la mia esistenza senza il tuo viso, senza i tuoi occhi. Senza il tuo odore, quello che hai solo tu e nessun altro e lo hai esattamente sul collo, nella piega che ho baciato mille volte, quella che volge verso la spalla. Quella dove il mondo non esiste. Non esiste il tempo e tutto l’universo si piega in soli pochi centimetri di calore”.

Mentre imbocco l’autostrada, destinazione ignota, penso che vorrei essere altrove in questo preciso momento. Esattamente in un unico posto. Addormentarmi dentro di lei dopo aver fatto l’amore e al risveglio dirle “Ti amo, sei l’unico senso della mia vita”. Perché questo sarebbe, null’altro che questo. Tracimando le mie lacrime, il mio piede preme l’acceleratore, perché il momento è adesso, non ieri, non domani, adesso. Adesso che lei è dentro come la mia stessa anima, la mia poesia, il mio fuoco. E toglierla sarebbe morire. Sarebbe la fine di ogni cosa.

Maledetto quel giorno perché ho conosciuto l’amore.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
1
1

Il bicchiere

06 June 2020

Sono seduto a un vecchio tavolo di una cucina provenzale Un gomito appoggiato con indolenza su di esso che sorregge il mento Occhi assonnati da una notte afosa Mutande attaccate dal sudore e occhiali sporchi Nessuno intorno a me Pensavo di essere l’ultimo ad alzarsi Perdutamente mi ritrovo il primo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Avete sogni?

06 June 2020

-Buongiorno, avete sogni?- -Sì, ma non so se sono scaduti. Sa, ognuno ha i propri, non vengono mica a comprarli!- -Ah, ho capito. Ma quanto costano al chilo?- -È considerata merce di lusso, sono cari. Poi dipende: che tipo di sogno cerca?- -Mah, non so… me ne basterebbe uno qualunque. Io, i miei, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
1

Tutti pazzi per gli investigautori

Una vacanza a Ischia da sballo

06 June 2020

Solo loro potevano superare le barriere e gli obblighi di vicinanza a contatto mascherato conseguente a questa escalation virulenta nata e sviluppatasi ad oriente e per la quale gli studiosi per il momento studiano bacilli che si baciano creando il pandemonio a livello planetario e pertanto sotto [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
1

Lingue contigue

06 June 2020

Liberiamo la mente e isoliamo i tediosi pensieri nei recessi più profondi. Baciamoci, intrecciamo le nostre lingue e le nostre mani, ed assaporiamo le nostre rispettive essenze. Un catarsi che fa rima con amarsi. Ci pensi? Un muscolo così piccolo ma così forte che al contempo riesce a diffondere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
13

DUECENTOSESSANTUNO

LA PICCOLA GRANDE STORIA DI KATHRINE SWITZER

05 June 2020

Kathrine strattonata da Jock Semple. Kathrine difesa da Arnie Briggs. Kathrine con la faccia stravolta mentre Tom Miller spinge via Jock Semple. Tre scatti in un bianco e nero lattiginoso da giorno di pioggia. Tre scatti per cambiare un destino. Kathrine Virginia Switzer non voleva essere un [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
5
18

Nonna

05 June 2020

Vedo te, cuore di cristallo... che pulsa e si frantuma. Una lacrima impigliata tra le ciglia, e quel sorriso intriso di dolore che non sai spiegare. Ecco, le gioie più preziose, quei pargoletti meravigliosi di cui ora sei privata, ti appaiono tra i ricordi con struggente nostalgia... quanta pena [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
7

Amarcord

05 June 2020

Abitavo in una casa popolare, dove più generazioni brulicavano in appartamenti tutti uguali. I miei genitori condividevano con me e mia sorella la loro camera, perché l’altra, quella più piccola era occupata da nonna Berta, che era un po' avulsa da tutto il resto della famiglia, rimanendo spesso, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
13

Impossibilità

05 June 2020

L'uomo che mi guarda dallo specchio sembra lo stesso ma io so che non è così. Questi mesi di vita rubata gli hanno insegnato una parola che non conosceva IMPOSSIBILITÀ. Impossibilità di un bacio Impossibilità di un abbraccio Di tenerti per mano camminando in riva al mare Di respirare il tuo respiro [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
10
21

La famiglia delle chiavi

04 June 2020

C’era una volta…. un bel mazzo di chiavi appeso a una gran bella serratura bronzata. Quest’ultima impreziosiva una imponente porta di legno massello, tutta intarsiata e con la maniglia di ottone. Il mazzo di chiavi nel tempo, come capita a tutte le famiglie, era cresciuto e si era ampliato. C’era [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: Ottimo Bernardo, con me e con questi racconti sfondi una porta aperta...e le [...]

  • U1113: Grazie Ricky!
    Mi fa piacere e pure tanto che i miei racconti siano da te [...]

2
4
14

MOMENTO SOSPESO

04 June 2020

A spasso me ne vado Ho lasciato la malinconia dei giorni precedenti Vissuti in un tempo apparentemente sospeso Che è trascorso alla fine lo stesso Sotto il mio sguardo anch'esso sospeso Adesso gli occhi si aprono improvvisamente E mi sento come se fossi stata catapultata Da quel tempo sospeso a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

16
20
64

Jack

04 June 2020

«Secondo me ti sei bevuto il cervello.» «Non ho bisogno di te ma di lei.» «Sciocchezze! Hai bisogno della mia compagnia.» «Di te? Mai, e dico mai una volta che hai risolto un mio problema.» «Però ti sei sempre aggrappato al sottoscritto ogni qualvolta hai sentito la necessità.» «Non stavolta!» [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • A.CelesteB.: Quasi quasi, alla fine del tuo scritto, mi sono ritrovata a fare il tifo per [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x U1101: grazie per il commento. Se versare Jack nel cesso è servito [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
6
18

MUTA VOCE DEL VERBO MUTANTE

04 June 2020

Infila la muta con spasmodica attenzione, gustandosi ogni inquietante sensazione che il tessuto, premendo, lascia sulla pelle. Un odore di neoprene la invade insieme al sapore che gli rievoca quella pelle proibita che, come la stessa muta, da qualche mese le si sta appiccicando addosso, facendo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Vivi: Onorata...grazie per la tua lucida e profonda critica....

  • Boi Rossana Lucia: Mi piace molto... E la frase finale riassume il tutto. Descrizione dei sensi [...]

Torna su