Ennesima sigaretta e con questa sono quaranta esatte oggi. Un goccio di rhum buttato giù di fretta, quasi fosse un atto dovuto. La stanza è quasi vuota. Pochi elementi d’arredo. Un divano, due poltrone, una tavolino quasi interamente ricoperto di cenere e cianfrusaglia. Il comò con i ricordi dei tanti viaggi dove ho perso tante parti di me. Il portatile perennemente acceso che ronza. La Tv senza volume che illumina la stanza di bagliori intermittenti. Una magnifica serata, una serata come tante. Guardo il fumo che si perde nel soffitto.

Il telefono non squilla. Il telefono, il fottuto telefono è muto. Lei è altrove. Lei è nel suo palazzo dorato. Dentro quella facciata senza fiori. In quell’appartamento che mi è precluso, divisa tra le faccende di casa, i suoi figli, un marito che non ama e che non l’ha mai amata come lei merita. Come le avrebbe desiderato.

Le serate, quando sono solo e penso, sono queste. Immaginarla in una stanza che non conosco. Seduta su di un divano che non ho mai visto. Accostata ad una finestra dalla quale non mi sono mai affacciato. Dentro un letto, accanto ad un uomo che ha esattamente quello che io vorrei.

Il telefono non squilla. Sfioro il display, nessuna notifica, solo ameni commenti spicci sui miei post di Facebook. Soprassiedo. Mi alzo, faccio pochi passi e sono in strada. Salgo in macchina. Un chilometro, due, tre, mille. Le strade della città sono quasi vuote, se non fosse per poche forme di vita aliena. Accendo la radio e gli Snow Patrol cantano “You’re all I have”. Vorrei che lei lo sentisse. Che Isabel sentisse forte e chiaro queste parole. Tu sei tutto quello che ho. Nient’altro che questo. Ma sono solo, aggrappato al volante della mia vettura che vaga nella notte.

Non avrei mai pensato di vivere una storia come questa, tantomeno che una storia come questa fosse così difficile, così insopportabilmente dolorosa. Eppure è così. Ho sempre pensato che il sesso e l’amore fossero due elementi che quando si uniscono, in quella magica, unica alchimia chimica, deflagrino in un’esplosione che non ha pari e che mette tutti a tacere. Che si fa spazio tra le ingiustizie. Tra le anomalie. Che si crea un universo suo tra il sacro e il profano. E lo credo ancora adesso. Ora che sono quasi le due di notte e che le mani mi fanno male per quanto ho stretto il volante.

Dalla radio i Nine Inch Nails cantano “Hurt”, capolavoro epico. “Mi sono fatto male oggi. Per vedere se provo ancora qualcosa. Mi focalizzo sul dolore L’unica cosa che è reale…” sono le prime magnifiche strofe. Ed io questo sto facendo. Sto scendendo giù nella tana del Bianconiglio, nel baratro dove la luce è una chimera, affondando le mie stanche ossa fino ad abbattermi al suolo. Fino a quel punto oltre il quale non si può andare. Oltre il quale o ti desti o muori. Nella vana illusione che lei si desti dal suo torpore. Che prenda la sua vita nelle mani, allontanandosi da quel palazzo che non le appartiene. Da quella vita che non è sua. Del quel letto di foglie secche dove l’amore non si è mai posato.

Dal taccuino dimenticato sul sedile si intravedono gli ultimi pensieri scritti qualche giorno prima: “Maledetto il giorno in cui ti ho incontrata Isabel, perché in quel giorno, in quel preciso istante, ho capito che non avevo inteso nulla della vita e che i miei occhi erano chiusi, il mio cuore spento. In quel preciso istante ho afferrato il tuono, il lampo mi ha destato, il sorriso è dilagato in me come un’onda onnivora che non lascia superstiti. Maledetto quel giorno, perché è da quel momento che non posso fare a meno di te. Non posso concepire la mia esistenza senza il tuo viso, senza i tuoi occhi. Senza il tuo odore, quello che hai solo tu e nessun altro e lo hai esattamente sul collo, nella piega che ho baciato mille volte, quella che volge verso la spalla. Quella dove il mondo non esiste. Non esiste il tempo e tutto l’universo si piega in soli pochi centimetri di calore”.

Mentre imbocco l’autostrada, destinazione ignota, penso che vorrei essere altrove in questo preciso momento. Esattamente in un unico posto. Addormentarmi dentro di lei dopo aver fatto l’amore e al risveglio dirle “Ti amo, sei l’unico senso della mia vita”. Perché questo sarebbe, null’altro che questo. Tracimando le mie lacrime, il mio piede preme l’acceleratore, perché il momento è adesso, non ieri, non domani, adesso. Adesso che lei è dentro come la mia stessa anima, la mia poesia, il mio fuoco. E toglierla sarebbe morire. Sarebbe la fine di ogni cosa.

Maledetto quel giorno perché ho conosciuto l’amore.

Tutti i racconti

0
0
3

Cieli Per Occhi

16 July 2024

Nella cinta muraria della nostra riservatezza, gelosamente custodiamo l'essenza inconfessabile del nostro recondito essere, inaccessibile agli sguardi profani e aspettativi della ressa. Ma ciò che effondiamo nell'etere celeste, attraverso le sue incessanti metamorfosi, diviene un sublime [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
3

UN CIELO SENZA STELLE

RIFLESSIONI

16 July 2024

## Un cielo senza stelle Sotto un cielo notturno, fitto di stelle che scintillavano come diamanti sparsi su un velluto blu, Mario sedeva su una panchina di legno, assorto nei suoi pensieri. La sua pancia prominente si appoggiava contro lo schienale, quasi a volersi confondere con l'oscurità della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

La guerra in testa 04/04

16 July 2024

Le guardie del corpo alzano i fucili e prendono la mira, ma i due criceti iniziano a correre per tutto il Ced e non dovendo sottostare alle leggi di gravità, riescono a correre sulle pareti, sul soffitto, riescono perfino a saltare da una testa all'altra degli addetti. "Via via via via, scappa [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
5

Drip. Drip. Drip.

16 July 2024

Drip. Drip. Drip. Cesare, un ragazzino di Esquilino, uno dei quartieri più disagiati di Roma, se ne stava sdraiato sul letto con l’intento di dormire, ma, a causa di un fortissimo temporale, il gocciolamento continuo dal soffitto in un secchio di metallo sul pavimento gli rendeva il sonno difficoltoso. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
6

La guerra in testa 03/04

15 July 2024

"Ah bene, c'è una festa in questo cervello. Tu chi cazzo sei? Chi cazzo siete tutti voi? Che ci fate qui? Farete la stessa fine, tutti quanti. Tutti morti” L’altro criceto invece guarda la figura vestita di nero per poi dirgli: “Presentarsi sarebbe un gesto educato eh” "Appunto era quello che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • An Old Luca: Lette le prime tre parti con curiosità crescente.
    Ora vediamo come [...]

0
0
5

CENTRALE PARANOICA 3

la voce di un grande yeti

15 July 2024

CENTRALE PARANOICA 3 LA VOCE DI UN GRANDE YETI Hi, qui è la centrale paranoica. Al Trascend Village (suona meglio di manicomio vero?) dove i picchiatelli vivono, la comunicazione s’è persa. Qui abbiamo Frank che fa una richiesta al dottor Stella: vorrebbe uscire per un viaggio, o meglio [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
4
14

Granello di senape

15 July 2024

Se mi guardo indietro io mi vedo proprio come un granello di senape, un piccolo granello di senape. Qualcuno mi avrà seminato e oggi sta crescendo una pianta all’ombra della quale ci si può riposare. Sono sempre io ma ho radici più profonde e radicate, ho rami un po più spudorati, che si allungano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
7

La guerra in testa 02/04

14 July 2024

“Accesso negato, inserire password” “Inserire password?” rimane due secondi in silenzio scuote la testa e poi digita la sua password. “Accesso negato” “Ma porca troia” il criceto prova una seconda password. “Accesso negato” “Ma porca di quella troia, come accesso negato, fammi entrare in questo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
0
9

Il patrimonio

14 July 2024

Nulla é eterno. Eppure tanti si arrovellano a cumulare beni in terra, non si accontentano del loro patrimonio ma agognano quello degli altri ed intraprendono lotte e guerre civili per cercare di prendere qualche soldo in più. Eppure li vedi recitare in chiesa durante le occasioni.Si incolonnano [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
5

Non Ti Conoscevo Prima

14 July 2024

Non ti conoscevo prima, oh mio sospiro di rosa! Quei nodi dentro te che non riesci a districare son piaghe aperte al vento, lascia che siano le mie mani a schiuderti al caldo del mio cuore! Non ti conoscevo prima, oh dolce nostalgia che semini emozioni forti come tsunami, nelle tenebre della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

La guerra in testa 01/04

13 July 2024

“Io sono l’Istinto di Sopravvivenza e voglio raccontarvi una storia. In principio... “ “Era il buio e fu fatta luce... e chi sei Dio che scrive la Genesi?” L’uomo sbuffa e si volta a guardare i due che gli sono arrivati silenziosamente alle spalle “Ma voi non avete un cazzo di meglio da fare, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

20
21
165

Alle poste

13 July 2024

Ore 10:00 In un angusto ufficio postale di un piccolo comune della provincia di Messina, la coda viene bloccata da un anziano signore che ha dei problemi a ritirare la pensione a causa di una dimenticanza. La gente sbuffa, c’è chi addirittura bestemmia sottovoce, per di più il caldo estivo peggiora [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Direi una pizza vapricciosa! Buon sabato Giuseppe, spero che tu sia sncora [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x ducapaso: grazie per la lettura e per aver raccontato la tua esperienza, [...]

Torna su