Ennesima sigaretta e con questa sono quaranta esatte oggi. Un goccio di rhum buttato giù di fretta, quasi fosse un atto dovuto. La stanza è quasi vuota. Pochi elementi d’arredo. Un divano, due poltrone, una tavolino quasi interamente ricoperto di cenere e cianfrusaglia. Il comò con i ricordi dei tanti viaggi dove ho perso tante parti di me. Il portatile perennemente acceso che ronza. La Tv senza volume che illumina la stanza di bagliori intermittenti. Una magnifica serata, una serata come tante. Guardo il fumo che si perde nel soffitto.

Il telefono non squilla. Il telefono, il fottuto telefono è muto. Lei è altrove. Lei è nel suo palazzo dorato. Dentro quella facciata senza fiori. In quell’appartamento che mi è precluso, divisa tra le faccende di casa, i suoi figli, un marito che non ama e che non l’ha mai amata come lei merita. Come le avrebbe desiderato.

Le serate, quando sono solo e penso, sono queste. Immaginarla in una stanza che non conosco. Seduta su di un divano che non ho mai visto. Accostata ad una finestra dalla quale non mi sono mai affacciato. Dentro un letto, accanto ad un uomo che ha esattamente quello che io vorrei.

Il telefono non squilla. Sfioro il display, nessuna notifica, solo ameni commenti spicci sui miei post di Facebook. Soprassiedo. Mi alzo, faccio pochi passi e sono in strada. Salgo in macchina. Un chilometro, due, tre, mille. Le strade della città sono quasi vuote, se non fosse per poche forme di vita aliena. Accendo la radio e gli Snow Patrol cantano “You’re all I have”. Vorrei che lei lo sentisse. Che Isabel sentisse forte e chiaro queste parole. Tu sei tutto quello che ho. Nient’altro che questo. Ma sono solo, aggrappato al volante della mia vettura che vaga nella notte.

Non avrei mai pensato di vivere una storia come questa, tantomeno che una storia come questa fosse così difficile, così insopportabilmente dolorosa. Eppure è così. Ho sempre pensato che il sesso e l’amore fossero due elementi che quando si uniscono, in quella magica, unica alchimia chimica, deflagrino in un’esplosione che non ha pari e che mette tutti a tacere. Che si fa spazio tra le ingiustizie. Tra le anomalie. Che si crea un universo suo tra il sacro e il profano. E lo credo ancora adesso. Ora che sono quasi le due di notte e che le mani mi fanno male per quanto ho stretto il volante.

Dalla radio i Nine Inch Nails cantano “Hurt”, capolavoro epico. “Mi sono fatto male oggi. Per vedere se provo ancora qualcosa. Mi focalizzo sul dolore L’unica cosa che è reale…” sono le prime magnifiche strofe. Ed io questo sto facendo. Sto scendendo giù nella tana del Bianconiglio, nel baratro dove la luce è una chimera, affondando le mie stanche ossa fino ad abbattermi al suolo. Fino a quel punto oltre il quale non si può andare. Oltre il quale o ti desti o muori. Nella vana illusione che lei si desti dal suo torpore. Che prenda la sua vita nelle mani, allontanandosi da quel palazzo che non le appartiene. Da quella vita che non è sua. Del quel letto di foglie secche dove l’amore non si è mai posato.

Dal taccuino dimenticato sul sedile si intravedono gli ultimi pensieri scritti qualche giorno prima: “Maledetto il giorno in cui ti ho incontrata Isabel, perché in quel giorno, in quel preciso istante, ho capito che non avevo inteso nulla della vita e che i miei occhi erano chiusi, il mio cuore spento. In quel preciso istante ho afferrato il tuono, il lampo mi ha destato, il sorriso è dilagato in me come un’onda onnivora che non lascia superstiti. Maledetto quel giorno, perché è da quel momento che non posso fare a meno di te. Non posso concepire la mia esistenza senza il tuo viso, senza i tuoi occhi. Senza il tuo odore, quello che hai solo tu e nessun altro e lo hai esattamente sul collo, nella piega che ho baciato mille volte, quella che volge verso la spalla. Quella dove il mondo non esiste. Non esiste il tempo e tutto l’universo si piega in soli pochi centimetri di calore”.

Mentre imbocco l’autostrada, destinazione ignota, penso che vorrei essere altrove in questo preciso momento. Esattamente in un unico posto. Addormentarmi dentro di lei dopo aver fatto l’amore e al risveglio dirle “Ti amo, sei l’unico senso della mia vita”. Perché questo sarebbe, null’altro che questo. Tracimando le mie lacrime, il mio piede preme l’acceleratore, perché il momento è adesso, non ieri, non domani, adesso. Adesso che lei è dentro come la mia stessa anima, la mia poesia, il mio fuoco. E toglierla sarebbe morire. Sarebbe la fine di ogni cosa.

Maledetto quel giorno perché ho conosciuto l’amore.

1
0
2

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
8
16

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
13

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
11

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

3
4
13

Perdere l'amore

Storia di Piazza dell'amor perfetto

12 December 2018

Nell'ossessione di quel che non è stato, ritrovo ancora quel che gli sguardi tuoi celavan nei miei, mia dolce e amatissima Tommasina. C'era del bello nei tuoi occhi, di una bellezza limpida, disarmante, nobile come il tuo rango. Notarti sin dal principio che misi piede nella tua natia Superba, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
8

WET  BUTTERFLY     

12 December 2018

Galles meridionale. Contea di Cormon. Il giovane Roan è uno dei guardiani della tenuta di Lord Goldwin Pembert, nobile proprietario di seterie ovunque famose per la raffinata lavorazione del pregiatissimo tessuto proveniente dalla lontana Cina. Ed è proprio nelle seterie, spesso infestate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
13
32

La banda di mastro Leonardo e il mistero di Ronaldo in campo

Natale in giallo

11 December 2018

Ore 15, l'arbitro sta per fischiare l'inizio dell'incontro di calcio fra Juve e Napoli. L'allenatore dei bianconeri guarda concentrato i suoi ragazzi schierati in campo ma c'è qualcosa che non lo convince. Si gira verso il suo vice, lo scambio di sguardi fra i due è un grande punto interrogativo, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: Lo ammetto Leonardo da Vinci è un po rompiscatole, i musicisti un po [...]

  • Walter Fest: Sonia grazie di cuore anche a te... In questo momento così cupo è [...]

3
2
16

ESSERCI

11 December 2018

Strapazzi la mia meraviglia col tuo sorriso. Poi attraversiamo la pioggia e dall'altra parte ci sorprende il sole nonostante lo abbiamo visto tante volte. Le tue mani sulle mie spalle come a dire sono qui. Ma io lo so che ci sei. Che il tuo abbraccio è il mio rifugio sicuro. In fondo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

8
9
29

Semper fortis

10 December 2018

La verità è che questa è una frase che tatuerò presto sulla mia pelle. Devi mandare un segnale, devi lottare e passare attraverso tutte le sfumature della solitudine per capire appieno queste parole. C'è stato un periodo in cui avevo bisogno dell'approvazione e del sostegno. Ma la verità è che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su