Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro.
É sera inoltrata, il quartiere poco illuminato, nel marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile, c'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi.
Carla, comincia ad aumentare il passo. Non vede l' ora di tornare a casa e maledice il fatto di non avere la patente.
Avverte un senso di inquietudine, come se fosse seguita da qualcuno e si guarda intorno con circospezione. 
Sente un rumore assordante di bottiglie che si rompono provenire dai cassonetti.
Un gatto nero corre spedito miagolando.
'Mio Dio, quel gattaccio mi ha fatto spaventare!' tirando un sospiro di sollievo mettendosi una mano sul petto, 'Devo smetterla di essere così paranoica!' pensa tra sè e sé.
Scorge il portone della sua abitazione, mancano una cinquantina di metri.
Ad attenderla a casa, le loro due figlie; la diciannovenne Silvia che dorme con le cuffie nelle orecchie sopra il divano dopo un intero pomeriggio a studiare per l'esame di maturità e la piccola Martina di 9 anni ancora sveglia ad aspettare il ritorno della madre.
Per ingannare l'attesa, la bambina gioca con un Game Boy.
Il marito è assente, fa il rappresentante di ricambi auto e trovandosi in un altra città tornerà l'indomani mattina.
Sul marciapiede, il passo della donna si fa sempre piú svelto, il senso di inquietudine ritorna nuovamente a fargli visita per tramutarsi subitissimo in un senso di pericolo.
Arriva finalmente all'agognato portone grigio ed in maniera frenetica cerca le chiavi dentro la borsa.
Ma non fa in tempo, due forti braccia la spingono e la trascinano con violenza in un muro.
La paura di Carla si concretizza.
Dinnanzi a lei un uomo caucasico dalla barba incolta, con un passamontagna scuro in testa, dalla corporatura robusta e dall'alito pesante. Questo è tutto ciò che riesce a notare la donna terrorizzata anche per via della debole luce del quartiere.
'Adesso ci divertiamo puttana! Ti farò ricordare questa serata a vita!' incute il balordo.
Carla comincia a gridare ma l'uomo le tappa la bocca con una mano e con un' altra comincia a palparla a ritmo frenetico, leccandogli nel contempo la faccia.
Ella si dimena con tutte le sue forze, i suoi occhi dal terrore si ingigantiscono ed essendo di corporatura esile, i tentativi di fuggire o di divincolarsi risultano vani.
L'uomo le strappa violentemente la camicetta lasciando la poveretta con i seni scoperti per poi spostare la mano destra all'inguine col chiaro intento di strapparle anche le mutandine da sotto la gonna lunga.
Carla con uno sforzo sovraumano dà un morso alla mano dell'uomo e grida con tutto il fiato che possiede, riuscendo inoltre a graffiargli la faccia.
La furiosa reazione del bifolco non tarda a venire e la colpisce a sua volta nel viso con un sonoro schiaffone.
Dal balcone del secondo piano una porta-finestra viene aperta. É Martina.
'Mamma mammaaaaaaa!!!' urla la bambina appoggiando le mani sulla ringhiera e con una espressione di dolore.
'Martina, chiama aiuto!' sgolandosi con disperazione a suo volta la madre mentre l'aguzzino continua imperterrito con la sua violenta foga come se niente fosse.
Martina rientra in casa e sveglia la sorella con degli scossoni.
'Marti, che succede? chiede Silvia svegliandosi di soprassalto e levandosi le cuffie.
'C'è un signore cattivo che sta facendo del male alla mamma sotto casa nostra!' risponde in lacrime la bambina.
Le due sorelle agiscono all'unisono d'istinto, i secondi sono preziosi e anziché chiamare le forze dell'ordine, scendono frettolosamente le scale per tentare di fare qualcosa.
La scena che si presenta ad entrambe è particolarmente drammatica; la loro madre con la bocca sporca di sangue ed i vestiti strappati, lui di spalle che cerca di bloccarla in tutte le maniere possibili. 
La "preda" nonostante sia ferita, non vuole arrendersi, difatti grida più volte la parola 'Aiuto!' cercando di dibattersi con le ultime forze rimaste.  
L'uomo dalla barba incolta sta quasi per abbassarsi la zip dei pantaloni ma viene ostacolato da Silvia che comincia a strattonarlo con energia ma viene subito atterrata da una vigorosa spinta dell'uomo.
Martina nonostante sia una bambina, non ha paura e affronta l'uomo prendendolo a deboli pugni sulla schiena.
'Lascia stare la mia mamma! Lascialaaaaaaa!!!' gli strilla a più non posso.
L'uomo si blocca di colpo, il silenzio si impadronisce della gravosa situazione, un silenzio interrotto quasi subito dai lamenti di paura della madre e della sorella stesa a a terra.
'Tu non hai una mamma?' chiede la bambina con voce ferma e guardando l'aggressore fisso negli occhi.
Lui digrigna i denti, i suoi occhi sono rosso fuoco come quelli di un demone.
'Tu non hai una mamma?' chiede nuovamente la bambina singhiozzando con due lacrimoni.
In maniera inaspettata l'uomo molla la presa, abbassa lo sguardo e si allontana lentamente scuotendo la testa, perdendosi infine nell'oscurità della sera.
Silvia, si alza da terra e assieme a Martina abbracciano la madre.
"Figlie mie, mi avete salvato, Martina amore..."
"Mamma rientriamo a casa e chiamiamo la polizia!" dice Martina con l'assenso di Silvia che nel frattempo le recupera da terra la borsa e i tacchi.
Tutte a tre abbracciate ed anche piangendo, chiudono il portone grigio alle loro spalle, ritornando infine nel loro appartamento.
Ora sono al sicuro.

2
5
12

Un eroe del nostro tempo

aiutare gli altri

16 June 2019

Come più volte richiesto dall'amico Walter Fest, sempre alla ricerca di eroi, eccone uno dimenticato. Un pomeriggio di maggio caldo e assolato, siamo negli anni settanta, una bimba di quattro anni gioca sul balcone di casa con un piccolo aquilone, la mamma la sorveglia ma l'aquilone le sfugge [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Sandro Amici, dovrò spolverare il libro di Kafka che giace dimenticato [...]

  • Walter Fest: Flavia che dirti?...E' sempre un piacere scambiarci opinioni, input e tante [...]

5
4
19

EternaMetro

16 June 2019

Quando con un fischio penetrante si aprono le porte è come se da un foruncolo se ne esca materia purulenta trattenuta per giorni. Veniamo succhiati fuori come interiora da un ventre bollente e buttati in corridoi dove la luce è tendenzialmente gialla, seguendoci l’un l’altro come acciughe, allo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • U1011: Molto bello Sandro e allo stesso tempo molto triste e realistico... uno spaccato [...]

  • Sandro Amici: Grazie a voi per essere passati a leggere

5
7
21

Il ladro

15 June 2019

Con movimenti decisi, ho appena piazzato sta Matusalemme in una sedia per poi bloccarla con una cintura. La vecchia mi guarda digrignando i denti e comincia a inveire contro di me. Mi dà del ladro e più volte chiama aiuto. Non è la prima volta che mi trovo in una situazione del genere, ragion per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao Giuseppe i termini mi sembrano azzeccati per l'intento che avevi perché [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Francesca, tu sì che ne capisci. :-) Comunque mi sembra di notare [...]

1
1
12

Inedia

15 June 2019

Ed è solo giorno, e già mi nutro d'alcol. Sono sdraiato nei tuoi occhi incantevoli Non mi rannicchio mai. È di nuovo notte E sono ancora lì. Passeranno le stagioni sarà come bere un bicchier d'acqua e forse scenderanno nuove piogge. Sarà come guardarti ancora. Torni da me e tornano le rondini, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Domani è un altro giorno, si vedrà, come dice il poeta. Mi piaci

4
7
23

Colloquio

14 June 2019

Sua madre gli aveva stirato la camicia bianca. -Mettiti la giacca. -Ma è per un call center, non serve... -Tu mettila. In bagno certi giorni la chierica non si vedeva. Quella mattina brillava. Aveva preso il caffè in cucina, in piedi, mentre suo padre fissava La7. “Ora me lo chiede, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Mi permetto di dissentire Francesca. Non confonderei “scorrevole” [...]

  • Francesca: Ciao Sandro io intendevo un'altra cosa.. uno può anche scrivere [...]

2
3
10

Shopping

14 June 2019

Il sole stava calando sull'affollata piazza, regalando un'aura di serenità: la primavera era una certezza, sebbene l'aria ancora fresca. Le due donne si incamminarono nella via del centro, che a quell'ora ancora pullulava del via vai dei turisti, oltre ai tanti impiegati che da poco avevano lasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Dolce far shopping. :-) Ho trovato carino questo componimentino, lo shopping [...]

  • Palilli: Grazie Flavia e grazie Giuseppe. Mi ha ispirato una amica che si è recata [...]

6
7
32

Non ci si può fidare neanche della morte!

13 June 2019

La tiro fuori da sotto il sudario! È lei, l’ho vista tre giorni fa mentre la sistemavano lì, sembra che nessuno s’interessi di lei, mentre io l’ho sognata tutti i giorni, è stato quell’attimo che mi è rimasto fisso nella mente, mentre le sistemavano la gonna che si era alzata quando l’hanno messa [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Dario De Santis: Grazie Walteruccio, lascia stare, è inutile, come diceva Bennato "tempo [...]

  • flavia: Sei sempre il solito pavoncello tutto coda raggiante, ma ti amiamo anche per [...]

3
3
10

UNIONE COSMICA

OM

13 June 2019

Non sarai più solo Ti ascolterò non solo con l'udito ma aprendoti il mio cuore. Non servirà parlare. Dall' incontro dei nostri sguardi sinceri, nasceranno spontaneamente, invisibili energie che faranno vibrare l'atmosfera di limpida magia... E tutto sarà pace dove attorno solo giace la dolce comunicazione. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
19

Che donna sei

12 June 2019

Che donna sei Che donna sei. Diversa direi o meglio una donna che non ha paura di mostrarsi. Di essere pazza dolce casta hot. Di essere se stessa. Capace di amare senza limiti. E di fartelo capire con un sorriso con una carezza con un bacio con un semplice " ti amo ". Che donna sei. Fai parte di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
23

180

12 June 2019

Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!? Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò… Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: (non avevo lasciato una opinione)
    la versione del 2012 aggiunge qualche [...]

  • U1004: Non sapevo esistesse una Molazzana in prov di Lucca. Per quanto uno inventi [...]

4
4
23

LA TONACA DELLA MONACA - Guido

11 June 2019

LA TONACA DELLA MONACA - Guido Guido non era mai stato uno studente modello, né un ragazzino sempre tranquillo. Andava alle elementari in una scuola di suore, in pieno centro storico. L'edificio era molto antico, un pezzo da museo non molto tenuto bene dalle 'sante donne'. Per lui era un [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Un'infanzia tranquilla..

  • flavia: che tragedia dalla padella suore alla brace preti, non poteva andare peggio, [...]

5
9
21

Il tempo del ritorno

Recensione

11 June 2019

Misconosciuto film italiano datato 1993 dell’altrettanto (mi)sconosciuto Lucio Lunerti, che gira un film drammatico con lievissime venature thriller e mistery, che ha come cornice i post Anni di Piombo e misuratissime immagini di repertorio, forse ricreare ad hoc per il lungometraggio. “Il tempo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adalberto: Incuriosito dalla tua recensione ho cercato questo film "fantasma": [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Francesca: ammirazione anch'io per la mitica Giulietta. Chissà, [...]

Torna su