Sò oramai passate le sei der pomeriggio fà n'callo da paura, li cambiamenti climatici sò diventati na realtà, io mò dovrei portà a spasso er cane e semo onesti nun me và e nimmanco a lui poveraccio, ma faccio no sforzo, me metto le ciavatte, pjo na boccia d'acqua metto er guinzajo a Pippo e se ne annamo, scennemo le scale piano, piano, me guardo n'torno e tajo er calore a fette, sai che ve dico? Se ne annamo all'ombra sur muretto, me leggo er giornale e n'cuffia me sento tutta a' compilescion de B.B.King, Pippo se ne starà bono a guardà la gente n'torno, eccolo là er muretto daje mettemose a sede.

 

Ammazza, all'ombra se stà mejo, a fianco a noi ce stà n'gruppetto de ragazzi che fra na canna e na risata stavano a cazzarà, io che stà gioventù la capisco poco me ne stavo pe li fatti mia a legge l'urtime notizie sportive e a sollazzamme come n'picchio n'grifato cò nell'orecchie er re del blues, quanno a n'certo momento l'attenzione mia venne attirata da n'pischelletto che faceva ampi gesti cò le mani, parlava, anzi strillava e sembrava proprio n'pò n'cazzato, perciò me levai la cuffia pè ascortà mejo er motivo della discussione e che adesso, si voi permettete ve la vojo raccontà.Spero de avè capito bene ma pare che quello che diceva er giovanotto che l'amichi sua chiamavano Manolo, n'zomma sembra che stò Manolo n'professore l'aveva bocciato a scola.

-Ohhh, hai capito er professore m'ha segato, vaffanculo a lui e a chi nun je lo dice cò la mano arzata!

Tutti li ragazzi alzano la mano e mannano a fanculo il professore e Manolo continua a parlà a mitraja.

-E' pure n'atteggione!!

Sottolinea na ragazzetta cò lì carzoni strappati.

-Ohhh ce prova cò tutte!!

Aggiunge na biondina, l'unica che sembra nun fuma la mariagiovanna.

-Je potessero dà er viagra difettoso limortaccisua!!

Dice n'artro pischelletto secco cò l'occhiali che sembra n'secchione, n'realtà penzo che nun cjà tanta voja de studià.

-Seeeee er professore dice che fà pure lo scrittore, io la robba sua l'ho letta, dù palle!!!

Questo invece è er moretto tutto tatuato.

-Daje quest'anno ha fatto sempre e'preferenze soprattutto cò le femmine, bastava n'sorrisetto e er proff je arzava er voto taccisua!

N'tanto che Manolo se sentiva spalleggiato se vedeva che era tutto gasato.

-Mazza bona stà robba!!

Me volete chiede si la puzza delle canne me stava a dà fastidio?Beh certo l'odore era n'pò forte ma stà diatribia pe na bocciatura me faceva tanto ride e mica ce facevo caso alle vampate della mariagiovanna.Avevo capito che stò Manolo nun era n'gran studente magnalibri ma pure er professore doveva da esse uno cò la puzza sotto er naso e per giunta nun faceva gnente pe fasse pjà n'simpatia dalla scolaresca e così, io che n'tanto facevo sempre finta de legge er giornale continuavo ad ascortarli, annarono avanti ancora pe n'artra mezzoretta poi quarcuno telefonò a Manolo.

-Ohh, annamo tutti ar mecche che cjaspettano l'artri!

E così me lassarono solo, io cor cane beata gioventù!!

Io penzo che toccherebbe dà n'còrpo al cerchio e uno alla botte, li giovani se sà, sò birbaccioni e nun je và tanto de studià ma se arcuni professori dessero er bono esempio magari li studenti potrebbero esse mejo assai.Piegai er giornale e lo misi sotto braccio.

-Daje Pippo annamo a casa er venti aricomincia er campionato seconno voi chi lo vince?

 

5
5
19

Tre microscopici racconti

25 March 2019

Lessons Consumano una parte di loro stessi quando vengono raschiati. Ogni singola scaglia dei gessi sulle lavagne istruiscono gli studenti per la vita. E la spugna? Utilissima per cancellare, soprattutto i problemi, non prima di una risoluzione. Cambiare registro? È possibile, basta non autovalutarsi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
9

La strada della Selva - 1/2

Racconto del tempo di guerra

25 March 2019

Con questo racconto ho partecipato ad un concorso di scrittura sul tempo di guerra nella provincia di Firenze, per questo è scritto in vernacolo Vai ci risiamo. Arrivano in tre o quattro briachi fradici. Salgan su dalla strada di dietro, quella che passa dall'orto, per non farsi beccare dalla pattuglia, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
3
13

Greta & Susette - 3/3

il finale

24 March 2019

< accidenti a te Susette, stavo così bene fino a poco fa prima che arrivassi tu come un ciclone, tu hai rimesso tutto in discussione. È vero, a quanto pare siamo due donne alle quali fanno difetto gli uomini, sembri dispiaciuta di questa situazione, mentre io ti dico che sto bene così. Dei maschietti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Lorenzo, la parte conclusiva ed ovviamente tutto il racconto dimostra [...]

  • Lo Scrittore: era nell'aria che non poteva che finire così, due donne a prima [...]

1
1
13

CINEMA e/è FELICITÀ!

Il cinema della felicità

24 March 2019

Pedro ha un’unica “passione fatale”: il CINEMA. Gira, assembla e monta video con i pochi strumenti che possiede e attorniato da tanti amici, un po’ folli come lui. Organizza, senza grande riscontro di pubblico, CINEMA FELICITÀ, Cineforum per tutti quelli che attraversano un momento difficile nella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
12

Greta & Susette - 2/3

l'amicizia

23 March 2019

La donna girò il capo come se fosse infastidita dall’esuberanza di quella ragazzina. Certo aveva una bella faccia tosta a rivolgersi a una sconosciuta in quei termini. La fissò a lungo prima di rispondere, stava decidendo quale risposta dare a quella maleducata, nel pensare si mordicchiava le labbra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Ha già detto tutto Scilipoti aggiungo solo che mi è molto piaciuto [...]

  • Francesca: Mi associo a Flavia..

2
3
10

Il Pettirosso

Da piatta a sferica fu fatta la Terra

23 March 2019

Il Signore, di fronte alla tanta dolcezza del suo pettirosso — che ancora così non si chiamava — si intenerì e provvide in extremis a trasformare la neo creata piatta terra in una dolce sfera! Il pettirosso riconoscente fece ciò che potè sfilando una spina dalla corona del Cristo in croce, restando [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
3
12

Greta & Susette - 1/3

l'incontro

22 March 2019

Aveva ventidue anni, ma ne dimostrava molti di meno. Era un tipetto tutto pepe, capelli corti biondo cenere, una bocca larga sempre aperta in sorrisi. Indossava spesso jeans e camicette semiaperte che lasciavano intravedere le sue forme ancora da adolescente. Due seni candidi e piccoli come arance. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Confermo quello che ha scritto Flavia, bello e intrigante. Vediamo dove ci porti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Lorenzo, a quanto vedo ritorni ad affrontare la tematica "Donna", [...]

3
3
19

Un fiore tra le tue dita

22 March 2019

Cerniere di emozioni nascondono lo spettacolo degli occhi dopo il nostro primo bacio. Secondi lunghi come racconti. Incapaci di muoverci fermiamo l'aria per sentirci correre. Come un ruscello di montagna ghiacciato in inverno il nostro sangue scorre sotto la pelle bollente. Il silenzio delle parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
13

Zolfo - 3/3

21 March 2019

Quando mi risveglio, sono nella mia tenda, ma qualcosa non va, mi sento a pezzi e non sono solo: una vecchia del villaggio mi accudisce e mi dice di stare fermo, sono malato. Non c'è problema, sono talmente indolenzito che non ho nessuna intenzione di farlo. Mi riprendo in un paio di giorni e scopro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ed eccomi giunto alla terza parte, wow che storia da... incubo oppure la "zolfata" [...]

  • ducapaso: Giuseppe, le tue recensioni mi lusingano davvero.
    Soprattutto se penso [...]

3
8
21

pomeriggio di sole

21 March 2019

Era un caldo e soleggiato pomeriggio di una qualsiasi domenica di marzo dei nostri giorni. Il signor Mario Serra se ne stava seduto con gli occhi chiusi e le mani giunte poggiare sulle gambe, in una panchina di ferro battuto in piazza Islanda, piu comunemente conosciuta come la " piazzetta", nel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
9

Zolfo - 2/3

20 March 2019

Chissà cos'è. Molto più importante dedicarsi alle incisioni, belle come un bassorilievo classico anche se la pietra ancora mi è sconosciuta, sembra un marmo nero, ma è esente da venature e dà l'impressione di essere molto più duro. Certamente non è una pietra di questa zona, quindi significa che [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
3
11

Fango

20 March 2019

Flebile fiamma tra fetide favelas serpeggia nella notte in un fragile futuro Fuori feste, fiori e fama dentro fumo, freddo e fame È un frenetico fandango frasi fatte niente effetto come un film senza sonoro senza la parola fine Fuochi di notte di frivole falene si spengono tra i muri di case [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Rara avis: Caro Scili, devo farti un plauso per le tue sempre acute recensioni, sai entrare [...]

  • Manuela Cagnoni: È piaciuta molto anche a me la tua poesia, fatta di versi che scivolano [...]

Torna su