È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare.

Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco fosse arrabbiato con me. Come se non bastasse il mondo.

Mi soffermo a pensare a quante coppie basate sulla menzogna siano ancora in piedi. E la mia sia storia sia finita distrutta nonostante ci sia stata sempre sincerità.

Mi ritrovo a dover guardare la home di facebook. Mi ritrovo di un link romantico che una tipa ha dedicato al suo storico ragazzo, senza aver mai saputo che lui tempi addietro corteggiava maschi. Mi ritrovo a dover vedere una coppia che forma un cuore con le dita sull’immagine profilo, senza che lei abbia mai saputo dell'ambiguità del tipo frequente ormai da tempo sulle chat di incontri. Foto della classica coppia che sembra innamorata, e lui che non ha mai saputo di essere un gran cornuto da anni. Odio dover confrontarmi con gli altri, odio dover far paragoni, ma tra una lacrima e l'altra devo pur cercare una distrazione.

Penso che la mia coppia sia stata perfetta. Piena di emozioni, piena di gioia di sguardi e soprattutto di buone intenzioni, fino a quando un grande problema mi ha fatto perdere con me stesso e ho allontanato tutti pur di salvarmi, perdendo così il amore della mia vita.

Probabilmente sono fuori luogo, fuori contesto a scrivere quello che sento qui. Ma ormai ne parlo con tutti di questa persona speciale che ormai nessuno mi ascolta più.

È il solo posto dove riesco a sfogare i miei pensieri, sapendo di trovar magari qualcuno che possa salvare la propria storia in tempo.

Non voglio essere compatito, sono consapevole che il mio errore è stato devastante, e che è tutta colpa mia. Arriverà mai il momento in cui potrò sorridere di nuovo pensando di amare nuovamente il mio cuore? Come si fa a perdonarsi? Dovrebbe essere il periodo in cui dovrei gioire di una battaglia vinta e invece vorrei tanto sparire, spegnere la testa. Dicono che l'amore supera ogni cosa, anche gli stupidi errori di un coglione che voleva solo proteggere. Alla fine mi sono fatto più male di quanto mi era capitato. Avevo tutto, un problema ma avevo il mio amore.

Parlo con te caro sito, Perché non ho il coraggio di parlarne ad altri, non perché non mi piace l’argomento, dato che parlerei della più bella persona mai incontrata in vita mia. Mi vergogno di essere stato cosi ansioso, problematico e sciocco da aver distrutto tutto. 

Nella mia vita vedo solo il suo nome e i suoi occhi, le sue mani, le sue stupide battute e la sua abitudine a dover farsi selfie e video.

Ho iniziato a vivere quando ho incrociato i suoi occhi silenziosi davanti a un panzerotto, e adesso sento il vuoto.

Ore 23.Vado a dormire perché è il momento in cui sto bene. Ma lo sogno.

Non so cosa sperare nel mio domani, se trovare qualcun altro che mi riempi questo vuoto o trovare cosi amore per me stesso da vivere in maniera solitaria: due, tre gatti e un pesciolino rosso, e poter dire finalmente di aver tirato una famiglia su.

Mai avrei voluto nella vita dovermi sentire cosi fallito.

Vi prego, insegnatemi a dar un senso alla mia vita, o fatemi tornare indietro nel tempo.

Che fine farò?

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

2
2
21

Mute convalescenze

09 July 2020

“Non cerco un comodo consenso, non più. La mia a vita lo è già, per me, con tutte le sue attrazioni e scompensi, che sanno giocare ancora al 'ce l’hai' con i miei sogni remoti senza sosta né pentimento alcuno. Non desidero ammirazioni posticce da dover ricambiare, se non in forma svincolata dall’educato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Roberto, ho letto più volte questa tua ultima pubblicazione, mi [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Giuseppe. Sono qui nuovamente a ringraziarti e non soltanto per i complimenti; [...]

2
4
14

Buone vacanze!

09 July 2020

La camera le sembrava accogliente e pulita, inoltre offriva una spettacolare vista sul mare. "Che meraviglia!", pensò. Tra le varie cose, già pregustava le belle passeggiate che avrebbe fatto sulla spiaggia. A un certo momento ebbe l'impressione che il personale si comportasse in maniera eccessivamente [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: e qua hai esperienza..spero mai accada a i miei affetti certo. leggerai più [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, eh sì, la mia esperienza in qualità di Operatore [...]

5
2
16

AMORE DI PLASTICA

Poesia

08 July 2020

Sfogliò i suoi segreti Tradusse paure mal scritte Cancellò tracce labili Strappò un passato insistente Non si accorse che al suo posto UNA BAMBOLA di porcellana [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Un particolare componimento espresso in sintesi di un accostarsi su un qualcosa [...]

  • Vivi: Grazie Giuseppe è sempre un piacere leggere i tuoi commenti. È [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
0
14

La bella isolana

08 July 2020

La bella fanciulla s'era svegliata di soprassalto perché un sogno le aveva rivelato che la sua vita sarebbe stata vessata da un destino di solitudine. Ma che cosa voleva significare questo incubo che l'aveva turbata a tal punto da rimanere amareggiata per tanto tempo? Si sa, la felicità totale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
20

Lacrime

Colpe infantili

07 July 2020

A ogni pentola mancava il coperchio Mai la colpa era del baffuto brutto e tutto arruffato. La era dei bimbi, che nervosamente si mangiavano il bordo della maglietta o scandivano tutto col tic nervoso delle loro piccole mani

Tempo di lettura: 30 secondi

4
4
21

La tennista

07 July 2020

Skyler Patterson si stava riscaldando con un cauto stretching con espressione spazientita. Non vedeva l'ora di cominciare e di dimostrare che era la migliore tennista del mondo, inoltre ne aveva le "palle" piene sia dei giornalisti e sia dei bookmakers che non la davano per favorita a differenza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
16

La prima luce

06 July 2020

La aspettavo Come ogni mattina Dal finestrino del mio tram la si poteva vedere bene Compariva inaspettatamente, in orari anche diversi Come alzavo lo sguardo, provavo dentro di me un piacere intimo Come demonizzare una paura che non potesse esserci nella mia di giornata Una di famiglia insomma, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: E (la prima) luce fu!
    BELLISSIMO componimento, un assorbire la prima luce [...]

  • Vicky: La luce fonte di vita, di un nuovo giorno, di un nuovo inizio, bella!! IO [...]

3
3
12

Replay

05 July 2020

...e di notte sognavo sopra un letto di rame tra ricordi remoti di ramarri rapiti da voraci rapaci. Raramente ritorno tra rami di rovo e lontani rimbombi di rumba tra ricordi di rapide risse con ragazzi ribelli dalle rotule rosse. Rileggo romanzi di ampio respiro immerso nei ruoli di regali regine [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Complimenti.. Bellissima lettura mi hai dato 😊

  • Rara avis: Grazie Vicky e grazie Scili per i tuoi commenti sempre molto precisi ed esaustivi...bacio [...]

11
14
55

Il Vulcano

05 July 2020

Il Vulcano, che sgradito regalo natalizio ci fece a noi poveri acitorriani. Quel magma, quel maledetto magma che senza pietà si mise a sfrigolare e a bollire come se fosse acqua caldissima derivante da un mefistofelico bollitore, tramutandosi in una implacabile ed impressionate lava rossa tanto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • ducapaso: Mettersi nei panni di chi vive una tragedia per poterla descrivere è [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x patapump: abitando in provicina di Messina... spero di non avere mai il dispiacere [...]

1
1
16

La telefonata - 3/3

04 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Il giorno successivo non andò in ufficio. Il suo direttore non vedendolo arrivare si preoccupò, da quando lo conosceva non era mai successo una cosa del genere. Telefonò a casa sua ma il telefono risultava staccato e la cosa lo insospettì ancora di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ...immaginavo ci sarebbe stato il defunto...ciao

17
31
75

Lo specchio della bisnonna

Ricordi d'infanzia

03 July 2020

Quando ero piccolo, ogniqualvolta andavo a trovare la mia bisnonna materna, mi divertivo moltissimo a giocare e a fare monellerie di ogni tipo ma al contempo mi angosciavo poiché ritenevo la sua abitazione per certi versi stregata. Uno dei motivi principali, a parte l'atipica architettura della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Chissà perché mi è venuto in mente il film I fantasmi, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ferruccio, grazie che hai avuto modo di leggere questa mia ultima pubblicazione, [...]

1
1
15

La telefonata - 2/3

03 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore E per settimane e mesi continuò così in quel modo. Aveva provato anche a staccare il telefono qualche notte, ma fu del tutto inutile, perché ormai era entrato in un circolo vizioso in cui non poteva fare a meno di quegli squilli notturni. Facevano ormai [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su