È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare.

Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco fosse arrabbiato con me. Come se non bastasse il mondo.

Mi soffermo a pensare a quante coppie basate sulla menzogna siano ancora in piedi. E la mia sia storia sia finita distrutta nonostante ci sia stata sempre sincerità.

Mi ritrovo a dover guardare la home di facebook. Mi ritrovo di un link romantico che una tipa ha dedicato al suo storico ragazzo, senza aver mai saputo che lui tempi addietro corteggiava maschi. Mi ritrovo a dover vedere una coppia che forma un cuore con le dita sull’immagine profilo, senza che lei abbia mai saputo dell'ambiguità del tipo frequente ormai da tempo sulle chat di incontri. Foto della classica coppia che sembra innamorata, e lui che non ha mai saputo di essere un gran cornuto da anni. Odio dover confrontarmi con gli altri, odio dover far paragoni, ma tra una lacrima e l'altra devo pur cercare una distrazione.

Penso che la mia coppia sia stata perfetta. Piena di emozioni, piena di gioia di sguardi e soprattutto di buone intenzioni, fino a quando un grande problema mi ha fatto perdere con me stesso e ho allontanato tutti pur di salvarmi, perdendo così il amore della mia vita.

Probabilmente sono fuori luogo, fuori contesto a scrivere quello che sento qui. Ma ormai ne parlo con tutti di questa persona speciale che ormai nessuno mi ascolta più.

È il solo posto dove riesco a sfogare i miei pensieri, sapendo di trovar magari qualcuno che possa salvare la propria storia in tempo.

Non voglio essere compatito, sono consapevole che il mio errore è stato devastante, e che è tutta colpa mia. Arriverà mai il momento in cui potrò sorridere di nuovo pensando di amare nuovamente il mio cuore? Come si fa a perdonarsi? Dovrebbe essere il periodo in cui dovrei gioire di una battaglia vinta e invece vorrei tanto sparire, spegnere la testa. Dicono che l'amore supera ogni cosa, anche gli stupidi errori di un coglione che voleva solo proteggere. Alla fine mi sono fatto più male di quanto mi era capitato. Avevo tutto, un problema ma avevo il mio amore.

Parlo con te caro sito, Perché non ho il coraggio di parlarne ad altri, non perché non mi piace l’argomento, dato che parlerei della più bella persona mai incontrata in vita mia. Mi vergogno di essere stato cosi ansioso, problematico e sciocco da aver distrutto tutto. 

Nella mia vita vedo solo il suo nome e i suoi occhi, le sue mani, le sue stupide battute e la sua abitudine a dover farsi selfie e video.

Ho iniziato a vivere quando ho incrociato i suoi occhi silenziosi davanti a un panzerotto, e adesso sento il vuoto.

Ore 23.Vado a dormire perché è il momento in cui sto bene. Ma lo sogno.

Non so cosa sperare nel mio domani, se trovare qualcun altro che mi riempi questo vuoto o trovare cosi amore per me stesso da vivere in maniera solitaria: due, tre gatti e un pesciolino rosso, e poter dire finalmente di aver tirato una famiglia su.

Mai avrei voluto nella vita dovermi sentire cosi fallito.

Vi prego, insegnatemi a dar un senso alla mia vita, o fatemi tornare indietro nel tempo.

Che fine farò?

1
1
11

Not there

19 February 2020

Avevamo il rum bianco e non sapevamo come mescolarlo. Io e A. Lo bevemmo subito, liscio, senza troppi complimenti. Sapevamo che era una cattiva idea, per questo ci piaceva. Ne bevemmo tre di fila, per scaladarci. Non era male, era invecchiato bene, Dio solo sa come. Avevamo le arance, ogni tanto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

La collezionista

18 February 2020

Era una collezionista della qualsiasi, aveva iniziato fin da piccola collezionando tappi. Rammentava sempre che ne conservava a migliaia, pure sotto il letto. Manco a farlo apposta adorava il film "Il collezionista di ossa." Un'autentica mania e a volte la cosa mi irritava non poco. Ma Beatrice, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Hic hic...al sol pensiero di tutto quell alcool. Meglio lattine che animali [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao patapump, è senz'altro come dici tu. :-) Aggiungo anche che [...]

1
1
9

Un mondo al contrario

17 February 2020

Ho ancora gli occhi stropicciati Passo le dita più volte su di loro Non riesco bene a capire Perché ho il tavolo sul soffitto e d il lampadario che parte ritto dal pavimento Mi affaccio al balcone e un automobilista mi guarda dal finestrino con sguardo rapito Le strade sono un misto di azzurro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

12
16
46

Giacomo

16 February 2020

«Sei orrendo, sei grasso, sei una palla di lardo di merda! A nessuno piaci, le ragazze ti schifano. Sai perché? Perché fai schifo al cazzo!» Le parole meschine colpiscono come dolorosi pugni nello stomaco, ma Giacomo non controbatte al suo interlocutore e non abbassa nemmeno gli occhi inumiditi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

18
37
141

Il sentiero

14 February 2020

Sto percorrendo un sentiero bagnato e disseminato di sassi, ho perso l’orientamento e di conseguenza non so dove andare. Dovrei incontrarmi con un tizio in una baita per un lavoro stagionale, ma il segnale del cellulare non prende affatto. Con la macchina non si poteva proseguire, ragion per cui [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: e qua la butti sulla cinematografia..certo un ingaggio non sarebbe stato male [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Kebab? Ma quando mai! In vita mia l'ho mangiato solo due volte. :-)
    Carissimo [...]

2
2
10

Due minuti

13 February 2020

Due minuti Due minuti era il tempo che lo separava da lei Pochi secondi dove dirsi tutto quello accaduto in un giorno Attimi dove concentrare sensazioni, pulsazioni, sentimenti Battiti del cuore che scandiscono parole, molte non dette Fremiti del corpo che volgono al pensiero del [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: "Un'ora sola ti vorrei" recita una canzone, ma all'io lirico [...]

  • Patapump: Una vera - pura - gioiosa - esaltante - infatuazione - di un uomo verso [...]

16
20
99

Solitario

Mutande calate

12 February 2020

Durante il periodo delle superiori la stagione che attendevo con trepidazione era senz'altro l’estate per potermi finalmente rilassare e dedicare ai miei hobby, principalmente giocare ai videogames, ascoltare musica, andare al mare e soprattutto a guardare la TV, anche fino a tarda notte. Insomma, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: I tappeti persiani solo deleteri...ahah. io mio figlio mai beccato. Ma avrei [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, mi ha fatto sorridere il tuo intervento e grazie per aver [...]

2
1
10

Pensieri

11 February 2020

Stasera ci sono pensieri nella mia testa Girano vorticosamente Mi chiedo se non si stancano di farlo Di sicuro mi spossano Ma come faranno mai a entrare da un condotto auricolare all'altro Girano la stanza piroettando Facendo quasi sberleffi e poi rientrando Devo pensare di non pensare Mi concentro [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
10

Intimi e Insieme

11 February 2020

Come descrivere l'emozione di averti tra le braccia? Con la stessa boria di chi esibisce un orologio di lusso, con la stessa gioia di chi tiene un bambino in braccio, con la stessa emozione di chi ti vede sorridere, con la stessa estasi nei tuoi occhi quando mi baci, col tuffo al cuore che sento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Nicola, un piccolo testo simil poetico amorevolmente esplicito, un fluttuare [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sono contento che queste parole rappresentino un valore comune [...]

12
16
69

Libertà

10 February 2020

27 ottobre 2017, una data da ricordare. Oggi è l'ultimo giorno di prigionia, sono già fuori e in questo preciso istante mi appresto a caricare i bagagli sulla mia automobile parcheggiata all'esterno del penitenziario. Dopo mesi finalmente torno a casa. È stata veramente dura. Provare per credere. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
3
9

Qualcosa in cui credere

09 February 2020

Quel giorno, me lo dissero. Ero sola. La saletta bianca, asettica, non rendeva le cose facili. Il sole filtrava tra tende. E gli odori erano acri e fastidiosi. Suoni di sirene assordavano le orecchie. Nelle corsie volti rivolti in basso, come dovessero vergognarsi di chissà cosa. E quella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Fare il tempo

Nostalgia e rottami

09 February 2020

Di mestiere raccoglieva ferro e altri metalli. Soldi in cambio non ne dava, ma potevi scegliere un oggetto tra gli scarti che prendeva da altri “clienti”. Aveva un piccolo trabiccolo a tre ruote che riusciva a caricare come un Tir. Nessuno si chiese mai dove fosse il deposito di tanta ricchezza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su