È sabato sera, ho appena finito di cantare a Molfetta dove mi hanno premiato come uno degli artisti più attuali al momento. Dovrei essere felice invece ho perso anche la voglia di cantare.

Sono a casa a mangiare qualcosina visto che sono tre giorni che non tocco cibo. Sento come se anche lo stomaco fosse arrabbiato con me. Come se non bastasse il mondo.

Mi soffermo a pensare a quante coppie basate sulla menzogna siano ancora in piedi. E la mia sia storia sia finita distrutta nonostante ci sia stata sempre sincerità.

Mi ritrovo a dover guardare la home di facebook. Mi ritrovo di un link romantico che una tipa ha dedicato al suo storico ragazzo, senza aver mai saputo che lui tempi addietro corteggiava maschi. Mi ritrovo a dover vedere una coppia che forma un cuore con le dita sull’immagine profilo, senza che lei abbia mai saputo dell'ambiguità del tipo frequente ormai da tempo sulle chat di incontri. Foto della classica coppia che sembra innamorata, e lui che non ha mai saputo di essere un gran cornuto da anni. Odio dover confrontarmi con gli altri, odio dover far paragoni, ma tra una lacrima e l'altra devo pur cercare una distrazione.

Penso che la mia coppia sia stata perfetta. Piena di emozioni, piena di gioia di sguardi e soprattutto di buone intenzioni, fino a quando un grande problema mi ha fatto perdere con me stesso e ho allontanato tutti pur di salvarmi, perdendo così il amore della mia vita.

Probabilmente sono fuori luogo, fuori contesto a scrivere quello che sento qui. Ma ormai ne parlo con tutti di questa persona speciale che ormai nessuno mi ascolta più.

È il solo posto dove riesco a sfogare i miei pensieri, sapendo di trovar magari qualcuno che possa salvare la propria storia in tempo.

Non voglio essere compatito, sono consapevole che il mio errore è stato devastante, e che è tutta colpa mia. Arriverà mai il momento in cui potrò sorridere di nuovo pensando di amare nuovamente il mio cuore? Come si fa a perdonarsi? Dovrebbe essere il periodo in cui dovrei gioire di una battaglia vinta e invece vorrei tanto sparire, spegnere la testa. Dicono che l'amore supera ogni cosa, anche gli stupidi errori di un coglione che voleva solo proteggere. Alla fine mi sono fatto più male di quanto mi era capitato. Avevo tutto, un problema ma avevo il mio amore.

Parlo con te caro sito, Perché non ho il coraggio di parlarne ad altri, non perché non mi piace l’argomento, dato che parlerei della più bella persona mai incontrata in vita mia. Mi vergogno di essere stato cosi ansioso, problematico e sciocco da aver distrutto tutto. 

Nella mia vita vedo solo il suo nome e i suoi occhi, le sue mani, le sue stupide battute e la sua abitudine a dover farsi selfie e video.

Ho iniziato a vivere quando ho incrociato i suoi occhi silenziosi davanti a un panzerotto, e adesso sento il vuoto.

Ore 23.Vado a dormire perché è il momento in cui sto bene. Ma lo sogno.

Non so cosa sperare nel mio domani, se trovare qualcun altro che mi riempi questo vuoto o trovare cosi amore per me stesso da vivere in maniera solitaria: due, tre gatti e un pesciolino rosso, e poter dire finalmente di aver tirato una famiglia su.

Mai avrei voluto nella vita dovermi sentire cosi fallito.

Vi prego, insegnatemi a dar un senso alla mia vita, o fatemi tornare indietro nel tempo.

Che fine farò?

0
0
2

Jean, il pittore

21 August 2019

Lo guardo, anzi l'ammiro. Jean è un pittore parigino dall'inseparabile basco nero, coi baffetti all'insù e dal sorriso triste. Ogni tanto mi fermo a parlare con lui. Non mi guarda mai, se non la tela, come ipnotizzato. Oggi sta pitturando una composizione floreale. La tavolozza sembra un arcobaleno [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
10

Un addio

21 August 2019

Silenziosa come una foglia quando cade da un albero sicura come la notte hai voltato le spalle lasciando dietro te e dentro me l'inesprimibile paura del buio Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
10

Il Grande Viaggio

20 August 2019

Mi chiamo Victor. Ho 82 anni. Vivo solo. Il mio vicino di casa, un bengalese, fa il badante di un signore. Prima faceva il custode di un campo da tennis. “Da quando Panatta si è ritirato nessuno gioca più a tennis”, mi dice. Lo vedo che porta in giro il signore anziano che in grembo ha un cane. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
10

Il negozio di orologi

20 August 2019

Ricordo quel negozio fin da quando ero piccolo. Passavo davanti a esso ancora con miei genitori , quando mi accompagnavano a scuola. Allora portavo i calzoncini corti, un buffo farfallino blu e la divisa che la scuola ci obbligava a indossare. Al passaggio frettoloso dei miei, apponevo una breve [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Grazie a te Principe. Colto molto bene come la passione per le cose fa brillare [...]

  • Giuseppe Scilipoti: E cucù! :-) ho letto il testo assaporandolo lentamente, e grazie a Dio [...]

1
0
9

Il personaggio

19 August 2019

Aveva aspettato tutta una vita prima di prender vita e avere una forma. Era stato come aver indossato una maschera per potersi confrontare con tutte quelle che costituiscono la società, dentro alla quale si esiste con tutte le cattiverie o le finte benedizioni perché operate in nome dell'egoismo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
7

E quindi...

19 August 2019

Quand'anche avessi fatto quadrato contro una questione circa le quote di un quagliodromo di Tor di Quinto in via Quintino Sella, senza perdermi in quisquiglie, avrei fatto ben presto la quadra presentando una querela in Questura e mettendomi così il cuore in quiescenza. Particolarmente inquietato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
1
26

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
11
26

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: La tua biografia, un percorso che dagli albori dei primi anni ti porta a paragonare [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Puccia, aspettavo con piacevole interesse un tua lettura e un tuo parere, [...]

5
5
22

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

3
4
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

  • Principe dei desideri: Brano piacevole da leggere, che va dritto al punto, senza troppi fronzoli. [...]

3
6
16

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su