L’appuntamento era per le cinque, davanti alla discoteca. Era toccato a me quella sera accompagnarci mia figlia Alice insieme ad un paio di amiche, adolescenti come lei conosciute in vacanza. Ci eravamo allontanati dal centro abitato percorrendo una strada che ad un certo punto si inerpicava su una collina. Il locale sorgeva giusto in cima e quando vi giungemmo l’ampio parcheggio sterrato era quasi pieno.
– Mi raccomando. Alle cinque – mi ero affrettato a ripetere a mia figlia, ma lei e le sue amiche erano già scese dalla macchina.   
– Sta’ tranquillo, pa’ – mi aveva detto in uno sbuffo, piegandosi dallo sportello aperto.
Avevo provato a sorriderle e ad essere disinvolto, ma quasi non riconoscevo quella piccola donna che andava a divertirsi. S’era allontanata e presto era scomparsa nella folla in attesa di fare il biglietto davanti all’ingresso.
Rimasto solo nella mia station wagon in moto, mi allargai il collo della camicia che indossavo. L’aria afosa d’agosto mi infastidiva, nonostante i finestrini chiusi ed il climatizzatore acceso. Intorno a me il parcheggio brulicava di ragazzi in tiro alle prese con la liturgia pagana del divertimento estivo. Li osservavo e pensavo a quando anch’io ero come loro, ovvero agli antipodi dell’uomo che ero poi diventato. Nello specchietto retrovisore vidi riflesso il volto di un cinquantenne che aveva sempre la barba fatta ed i capelli in ordine. Davvero uno che nemmeno lì in vacanza riusciva ad abbandonare l’immagine inappuntabile del manager d’azienda qual era. Intanto non mi decidevo a ripartire, eppure a casa c’era mia moglie che mi aspettava per fare una passeggiata sul lungomare e prendere un gelato. Se dovevo trovare un motivo per giustificare un eventuale ritardo, dovevo farlo subito. Sennò un’esitazione di troppo sarebbe bastata a farmi scuotere deciso la testa e a ritornare dritto da lei. Poiché mi consideravo un padre premuroso, mi dissi che era meglio fare prima un giro per capire l’ambiente che c’era.
“Certo!” pensai.
Spensi il motore, tirai via le chiavi dal quadro e scesi dalla macchina.
Potenti altoparlanti diffondevano fin nello spiazzo i ritmi martellanti della musica techno mescolati a melodie di canzoni anni 70 ed 80; quest’ultime le ricordavo benissimo: erano le stesse che una volta avevo ballato e cantato a perdifiato. Chiusi le portiere col telecomando che stringevo in una mano ed il click che ascoltai mi fece sentire leggero. Cominciai ad aggirarmi in quel posto in cima alla collina. Da lassù c’era una vista mozzafiato. Le luci della città sottostante brillavano come stelle lontane e lasciavano intravedere il profilo di un’ampia insenatura. Non distante da me notai un vecchio prefabbricato adattato a bar e poggiato su una piattaforma di cemento. Andai a prendere una birra e mi sedetti sullo scalino della piattaforma, restando con le gambe divaricate e le braccia appoggiate sulle ginocchia. Con un piede scandivo il ritmo di vecchie canzoni ed assumevo gli stessi atteggiamenti di quando ero ragazzo, mentre sintonizzavo percezioni ed aspettative sulle frequenze di quel periodo. Tenevo la bottiglia per il collo e di tanto in tanto la portavo alla bocca per dissetarmi. Adesso non avevo fretta: prendevo tempo, ma in realtà ne ero già ostaggio. Mi ero ripromesso di studiare la situazione dall’esterno, ma in realtà chiedevo in quel modo di farne parte. La voglia di ballare mi assalì prepotente, accompagnata da una moltitudine di emozioni che negli anni avevo dimenticato, o forse solo voluto mettere da parte per programmare al meglio il futuro, barattando col destino ciò che sognavo con ciò che ero diventato. Mi alzai, andai a fare il biglietto ed entrai.   
Il locale si sviluppava all’aperto ed intorno ad un antico casale ristrutturato, in un punto dove il pendio degradava più dolcemente verso la costa. Su lati opposti e distanti c’erano due piste da ballo: una per i più giovani, l’altra per quelli che lo erano un po’ meno. Presi un cuba libre e mi insinuai tra la gente che affollava gli spazi. Camminavo in percorsi definiti da file parallele di muretti a secco; salivo o scendevo piccole scalinate; attraversavo terrazze pensili con tavolini e divanetti; indugiavo nella semioscurità di angoli adibiti a prive. Mi muovevo con la sensazione di passare nelle stanze di un appartamento dove ero ritornato e nel quale avevo vissuto in passato, location di una stagione formidabile. Al termine mi ritrovai di fronte a tanti miei coetanei che ballavano. Mi ricordai che c’era un rituale da rispettare in quei frangenti: per prima cosa si faceva un giro di ricognizione attraversando la pista per intero, e dopo lungo il suo perimetro. Lo stesso feci anche quella notte. Sorridevo a volti sorridenti; ero sfiorato da corpi femminili piuttosto appesantiti dall’età ma che negli abiti attillati avevano conservato intatte eleganza e sensualità. E non mi sarei meravigliato se avessi incontrato i vecchi amici con i quali avevo condiviso speranze, avventure, delusioni. Non mi sarei nemmeno stupito se le mie storie di allora fossero ricominciate laddove le avevo interrotte. Sapevo bene che quel momento sarebbe in breve caduto in mezzo a tanti bei ricordi adolescenziali, rotolando a ritroso lungo il piano inclinato del tempo. Per questo ero deciso a viverlo tutto e fino in fondo. Iniziai a ballare anch’io. Presto gli abiti mi si attaccarono addosso per il sudore, e se avessi potuto me ne sarei sbarazzato indossando jeans scoloriti e t-shirt. Le canzoni mixate con sapienza dal deejay si susseguivano una più bella dell’altra, scarica di pura adrenalina senza soluzione di continuità. Rispolverai i vecchi codici d’approccio con le donne che mi stavano vicino: restituivo sguardi, mi passavo e ripassavo una mano tra i capelli, con alcune scambiavo battute avvicinando la mia bocca alle loro orecchie. Non andavo oltre, ma chi se ne importava. 
Fu un caso che uscii dalla discoteca verso le cinque. Trovai mia figlia e le sue amiche che aspettavano nel parcheggio.
– Papà… – disse Alice, scrutandomi e rallentando la sua esclamazione in attesa di capire cosa mi fosse successo.
 Provai a ricompormi, a ristabilire i contatti con la realtà. Stentavo a trovare una scusa decente;  avrei dovuto sentirmi in imbarazzo, ed invece ero tranquillo.
– Tutto bene – le dissi. – È stata una bella serata. Però ora è finita, torniamo a casa. Okay? –
Salimmo in macchina; misi in moto e ripartii, diretto verso l’alba e le mie solide certezze.
1
1
3

Alla ricerca di un eroe

Stava a Napoli ma nessuno lo sapeva

26 March 2019

Amici di letturedametropolitana eccomi di nuovo tornato in azione per presentarvi un nuovo eroe. Questa gente, cari miei, non sono personaggi che si buttano in mezzo al fuoco, nè li troverete fra le rapide di un fiume vorticoso a salvare gente a mollo. Io non cerco eroi da mission impossible, ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
3

La strada della selva - 2/2

Racconto del tempo di guerra

26 March 2019

...ora che la nonna un c'era più a fammele preparare, sicché mi dovevo ingegnà con quel che c'era sul momento. Tante volte ce la facevo, ma tante altre un serviva a nulla, i bimbi eran troppo malati, li vedevo di straforo e di nascosto, perché il prete s'arrabbiava e i babbi un volevano che gli [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
11
29

Tre microscopici racconti

25 March 2019

Lessons Consumano una parte di loro stessi quando vengono raschiati. Ogni singola scaglia dei gessi sulle lavagne istruiscono gli studenti per la vita. E la spugna? Utilissima per cancellare, soprattutto i problemi, non prima di una risoluzione. Cambiare registro? È possibile, basta non autovalutarsi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • ducapaso: Come puoi dedurre dai miei racconti, prediligo le storie che scivolano verso [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Nicola, dalla tua narrativa, fin dal suo primo racconto avevo dedotto [...]

3
6
14

La strada della Selva - 1/2

Racconto del tempo di guerra

25 March 2019

Con questo racconto ho partecipato ad un concorso di scrittura sul tempo di guerra nella provincia di Firenze, per questo è scritto in vernacolo Vai ci risiamo. Arrivano in tre o quattro briachi fradici. Salgan su dalla strada di dietro, quella che passa dall'orto, per non farsi beccare dalla pattuglia, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Piacere Walter, sono Nicola :-)

  • ducapaso: Scrittore, c'era da rappresentà queste genti, semplici ma forti, [...]

3
3
14

Greta & Susette - 3/3

il finale

24 March 2019

< accidenti a te Susette, stavo così bene fino a poco fa prima che arrivassi tu come un ciclone, tu hai rimesso tutto in discussione. È vero, a quanto pare siamo due donne alle quali fanno difetto gli uomini, sembri dispiaciuta di questa situazione, mentre io ti dico che sto bene così. Dei maschietti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Lorenzo, la parte conclusiva ed ovviamente tutto il racconto dimostra [...]

  • Lo Scrittore: era nell'aria che non poteva che finire così, due donne a prima [...]

2
2
15

CINEMA e/è FELICITÀ!

Il cinema della felicità

24 March 2019

Pedro ha un’unica “passione fatale”: il CINEMA. Gira, assembla e monta video con i pochi strumenti che possiede e attorniato da tanti amici, un po’ folli come lui. Organizza, senza grande riscontro di pubblico, CINEMA FELICITÀ, Cineforum per tutti quelli che attraversano un momento difficile nella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: MUSICA, LETTERATURA E CINEMA, le mie tre passioni principali tanto da menzionarle [...]

  • Puccia: Bel racconto, ha suscitato in me, malinconia!

4
3
14

Greta & Susette - 2/3

l'amicizia

23 March 2019

La donna girò il capo come se fosse infastidita dall’esuberanza di quella ragazzina. Certo aveva una bella faccia tosta a rivolgersi a una sconosciuta in quei termini. La fissò a lungo prima di rispondere, stava decidendo quale risposta dare a quella maleducata, nel pensare si mordicchiava le labbra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Ha già detto tutto Scilipoti aggiungo solo che mi è molto piaciuto [...]

  • Francesca: Mi associo a Flavia..

3
3
11

Il Pettirosso

Da piatta a sferica fu fatta la Terra

23 March 2019

Il Signore, di fronte alla tanta dolcezza del suo pettirosso — che ancora così non si chiamava — si intenerì e provvide in extremis a trasformare la neo creata piatta terra in una dolce sfera! Il pettirosso riconoscente fece ciò che potè sfilando una spina dalla corona del Cristo in croce, restando [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
3
13

Greta & Susette - 1/3

l'incontro

22 March 2019

Aveva ventidue anni, ma ne dimostrava molti di meno. Era un tipetto tutto pepe, capelli corti biondo cenere, una bocca larga sempre aperta in sorrisi. Indossava spesso jeans e camicette semiaperte che lasciavano intravedere le sue forme ancora da adolescente. Due seni candidi e piccoli come arance. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Confermo quello che ha scritto Flavia, bello e intrigante. Vediamo dove ci porti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Lorenzo, a quanto vedo ritorni ad affrontare la tematica "Donna", [...]

4
3
20

Un fiore tra le tue dita

22 March 2019

Cerniere di emozioni nascondono lo spettacolo degli occhi dopo il nostro primo bacio. Secondi lunghi come racconti. Incapaci di muoverci fermiamo l'aria per sentirci correre. Come un ruscello di montagna ghiacciato in inverno il nostro sangue scorre sotto la pelle bollente. Il silenzio delle parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
13

Zolfo - 3/3

21 March 2019

Quando mi risveglio, sono nella mia tenda, ma qualcosa non va, mi sento a pezzi e non sono solo: una vecchia del villaggio mi accudisce e mi dice di stare fermo, sono malato. Non c'è problema, sono talmente indolenzito che non ho nessuna intenzione di farlo. Mi riprendo in un paio di giorni e scopro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ed eccomi giunto alla terza parte, wow che storia da... incubo oppure la "zolfata" [...]

  • ducapaso: Giuseppe, le tue recensioni mi lusingano davvero.
    Soprattutto se penso [...]

3
8
22

pomeriggio di sole

21 March 2019

Era un caldo e soleggiato pomeriggio di una qualsiasi domenica di marzo dei nostri giorni. Il signor Mario Serra se ne stava seduto con gli occhi chiusi e le mani giunte poggiare sulle gambe, in una panchina di ferro battuto in piazza Islanda, piu comunemente conosciuta come la " piazzetta", nel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su