Si pensò a ‘Pozzese bollente’ o ‘Il beccafiga’ oppure ‘Il beccamorto e sua moglie’… nessun titolo suonava bene e si decise di accantonare in attesa di una soluzione.

In ufficio si parlò della retribuzione, il produttore disse a Enrico e Mariella, che avrebbero intascato 2000 euro a testa però dovevano pazientare.

Per una questione di pignoleria e scaramanzia da parte di Solmi, una volta trovato un titolo adatto per il film, i soldi sarebbero stati immancabilmente elargiti.

Stessa cosa anche per lo staff tecnico, compreso il regista.

Mentre si stava discutendo di altri dettagli, la segretaria, annunciò che un certo Gaetano Rocchi voleva conferire con il signor Solmi. Si trattava di un ex attore della Co(o)k Productions che dopo anni in cui se n’era uscito dal giro, per questioni economiche desiderava reinserirsi.

«Lucrezia fallo entrare pure!»  tuonò Solmi.

Entrò un uomo sui quarant’anni di bell’aspetto, con dei baffetti e con una folta capigliatura castana e salutò gli astanti seduti.

«Buongiorno! Mi scusi per l’intrusione, siccome mi è stato detto di passare per discutere su un prossimo film e…»  non terminò la frase per via del fatto che riconobbe uno dei presenti.

«Mariella anche tu qui? Quanto tempo!!!» disse l’uomo strabuzzando dapprima gli occhi per poi sorridere piacevolmente. Le diede anche un bacio sulla guancia.

La moglie del necroforo, divenne tutta rossa in viso, e gli rispose con un impercettibile “Ciao!” mentre Enrico cominciò a inarcare il sopracciglio sospettoso.

«Mariella, Chi è stavolta il tuo partner? Quest’uomo? Ah, spero di no! Sarebbe bello girare di nuovo con te, come ai vecchi tempi!» seguitò a dire raggiante.

Enrico fece due più due, e immaginò che evidentemente Mariella aveva già avuto altre esperienze sul campo.

«Ecco perché era perfettamente a suo agio durante le riprese!» pensò Enrico e anche se gli fu molto difficile, cercò di mantenere la calma.

«Scusami, ma in che senso Mariella ha girato con te?» gli domandò a Rocchi facendo il finto tonto.

«Io e questa birbacciona qua, avevamo fatto tre film con la Co(o)k Productions, poi la casa di produzione si spostò al nord e io mi dedicai ad altro» fece una pausa e continuò con le spiegazioni «Ovviamente abbiamo fatto diversi altri film e con altri partner, ma come scopa lei… non scopa nessuno!!!»

Enrico divenne infuocato, mentre Mariella sempre più mortificata.

Il produttore avendo intuito di un imminente litigio tra marito e moglie, per prevenire che tutto ciò non avvenisse nel suo ufficio, invitò la coppia a congedarsi e che sarebbero stati contattati al più presto per la questione dei soldi.

Enrico avrebbe voluto gridare nonché imprecare ma grazie ad con sforzo sovraumano, in qualche modo mantenne un incredibile autocontrollo.

Si salutarono tutti con una stretta di mano non prima di aver chiarito che Rocchi era stato chiamato per un altro progetto e per discutere su alcuni ragguagli tra cui un probabile “triangolo” ed alcune scene all’aperto.

Marito e moglie uscirono dall’appartamento, salirono velocemente in macchina e nessuno dei due proferì parola. Il disagio e la paura da parte della moglie era alle stelle.

Una volta a casa si scatenò l’inferno.

Partirono urla sovraumane, bestemmie e parolacce a non finire, Enrico offese Mariella nei modi più terribili, distruggendo inoltre parte dell’arredamento e per poco non picchiò la povera malcapitata.

Tra un urlo e l’altro Mariella fu costretta a vuotare il sacco.

Enrico scoprì tra le tante cose che la moglie girò con la Co(o)k Productions, quattro anni dopo il matrimonio, approfittando delle assenze del marito e per non rischiare, in casa non c’erano copie dei film.

L’uomo uscì di casa sbattendo violentemente la porta per realizzare che il fatto di essere stato “tradito” non avrebbe mai potuto digerirlo.

Una volta in strada, gli venne un lampo di genio e con il cellulare contattò il produttore.

«Signor Solmi, mi scusi, credo di aver trovato io stesso un titolo adatto per il film che abbiamo girato!» comunicò con piena convinzione.

«Me lo dica signor Castaldi, me lo dica subito cosi ci leviamo da questo impiccio!» gli rispose una voce dall’altra parte del telefonino.

«Morte & Puttana! Le piace?»

Ci furono interminabili secondi di silenzio.

«Mi piace? È PERFETTO!!! Bravissimo! Tra una settimana esatta, passi a prendere gli assegni!» concluse festosamente e contemporaneamente ebbe un’idea geniale.

Difatti all’insaputa del “cornuto”, contattò immediatamente e segretamente la Savarese, per proporgli dietro compenso di un assegno a parte, altri trenta minuti aggiuntivi di film da girare con Rocchi, cosicché tutto ciò sarebbe servito a mettere ancora più in risalto il titolo scelto.

A Castaldi gli fu appioppata la copia di sessanta minuti e di quella ufficiale non ne seppe mai nulla.

‘Morte & Puttana’ ebbe successo.

0
0
4

Figura plastica

12 December 2019

Raccolta a sè Il corpo raggomitolato Le braccia che cadono sulle gambe levigate La forma del bacino invece appoggia sul piano I piedi ossuti sono ben saldi Un anellino nel pollice I tratti non sono del tutto chiari Ma tra i capelli si scorge il viso Sensuale, birichino, un po’ folle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

Alessia, storia di una bambina

monologo

12 December 2019

Entra Alessia in camicia bianca, tenendo una bambola nuda per un braccetto. Forse non mi conoscete! Sono Alessia, ho undici anni. E sarei una ragazza ormai. Alcuni dicono che noi, bambini, ragazzi, siamo fortunati perché non facciamo niente. E allora qualcuno pensa che anche noi dobbiamo lavorare. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
7

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
11

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

3
3
9

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
8
17

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su