Si pensò a ‘Pozzese bollente’ o ‘Il beccafiga’ oppure ‘Il beccamorto e sua moglie’… nessun titolo suonava bene e si decise di accantonare in attesa di una soluzione.

In ufficio si parlò della retribuzione, il produttore disse a Enrico e Mariella, che avrebbero intascato 2000 euro a testa però dovevano pazientare.

Per una questione di pignoleria e scaramanzia da parte di Solmi, una volta trovato un titolo adatto per il film, i soldi sarebbero stati immancabilmente elargiti.

Stessa cosa anche per lo staff tecnico, compreso il regista.

Mentre si stava discutendo di altri dettagli, la segretaria, annunciò che un certo Gaetano Rocchi voleva conferire con il signor Solmi. Si trattava di un ex attore della Co(o)k Productions che dopo anni in cui se n’era uscito dal giro, per questioni economiche desiderava reinserirsi.

«Lucrezia fallo entrare pure!»  tuonò Solmi.

Entrò un uomo sui quarant’anni di bell’aspetto, con dei baffetti e con una folta capigliatura castana e salutò gli astanti seduti.

«Buongiorno! Mi scusi per l’intrusione, siccome mi è stato detto di passare per discutere su un prossimo film e…»  non terminò la frase per via del fatto che riconobbe uno dei presenti.

«Mariella anche tu qui? Quanto tempo!!!» disse l’uomo strabuzzando dapprima gli occhi per poi sorridere piacevolmente. Le diede anche un bacio sulla guancia.

La moglie del necroforo, divenne tutta rossa in viso, e gli rispose con un impercettibile “Ciao!” mentre Enrico cominciò a inarcare il sopracciglio sospettoso.

«Mariella, Chi è stavolta il tuo partner? Quest’uomo? Ah, spero di no! Sarebbe bello girare di nuovo con te, come ai vecchi tempi!» seguitò a dire raggiante.

Enrico fece due più due, e immaginò che evidentemente Mariella aveva già avuto altre esperienze sul campo.

«Ecco perché era perfettamente a suo agio durante le riprese!» pensò Enrico e anche se gli fu molto difficile, cercò di mantenere la calma.

«Scusami, ma in che senso Mariella ha girato con te?» gli domandò a Rocchi facendo il finto tonto.

«Io e questa birbacciona qua, avevamo fatto tre film con la Co(o)k Productions, poi la casa di produzione si spostò al nord e io mi dedicai ad altro» fece una pausa e continuò con le spiegazioni «Ovviamente abbiamo fatto diversi altri film e con altri partner, ma come scopa lei… non scopa nessuno!!!»

Enrico divenne infuocato, mentre Mariella sempre più mortificata.

Il produttore avendo intuito di un imminente litigio tra marito e moglie, per prevenire che tutto ciò non avvenisse nel suo ufficio, invitò la coppia a congedarsi e che sarebbero stati contattati al più presto per la questione dei soldi.

Enrico avrebbe voluto gridare nonché imprecare ma grazie ad con sforzo sovraumano, in qualche modo mantenne un incredibile autocontrollo.

Si salutarono tutti con una stretta di mano non prima di aver chiarito che Rocchi era stato chiamato per un altro progetto e per discutere su alcuni ragguagli tra cui un probabile “triangolo” ed alcune scene all’aperto.

Marito e moglie uscirono dall’appartamento, salirono velocemente in macchina e nessuno dei due proferì parola. Il disagio e la paura da parte della moglie era alle stelle.

Una volta a casa si scatenò l’inferno.

Partirono urla sovraumane, bestemmie e parolacce a non finire, Enrico offese Mariella nei modi più terribili, distruggendo inoltre parte dell’arredamento e per poco non picchiò la povera malcapitata.

Tra un urlo e l’altro Mariella fu costretta a vuotare il sacco.

Enrico scoprì tra le tante cose che la moglie girò con la Co(o)k Productions, quattro anni dopo il matrimonio, approfittando delle assenze del marito e per non rischiare, in casa non c’erano copie dei film.

L’uomo uscì di casa sbattendo violentemente la porta per realizzare che il fatto di essere stato “tradito” non avrebbe mai potuto digerirlo.

Una volta in strada, gli venne un lampo di genio e con il cellulare contattò il produttore.

«Signor Solmi, mi scusi, credo di aver trovato io stesso un titolo adatto per il film che abbiamo girato!» comunicò con piena convinzione.

«Me lo dica signor Castaldi, me lo dica subito cosi ci leviamo da questo impiccio!» gli rispose una voce dall’altra parte del telefonino.

«Morte & Puttana! Le piace?»

Ci furono interminabili secondi di silenzio.

«Mi piace? È PERFETTO!!! Bravissimo! Tra una settimana esatta, passi a prendere gli assegni!» concluse festosamente e contemporaneamente ebbe un’idea geniale.

Difatti all’insaputa del “cornuto”, contattò immediatamente e segretamente la Savarese, per proporgli dietro compenso di un assegno a parte, altri trenta minuti aggiuntivi di film da girare con Rocchi, cosicché tutto ciò sarebbe servito a mettere ancora più in risalto il titolo scelto.

A Castaldi gli fu appioppata la copia di sessanta minuti e di quella ufficiale non ne seppe mai nulla.

‘Morte & Puttana’ ebbe successo.

2
2
10

Il Grande Viaggio

20 August 2019

Mi chiamo Victor. Ho 82 anni. Vivo solo. Il mio vicino di casa, un bengalese, fa il badante di un signore. Prima faceva il custode di un campo da tennis. “Da quando Panatta si è ritirato nessuno gioca più a tennis”, mi dice. Lo vedo che porta in giro il signore anziano che in grembo ha un cane. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
5

Il negozio di orologi

20 August 2019

Ricordo quel negozio fin da quando ero piccolo. Passavo davanti a esso ancora con miei genitori , quando mi accompagnavano a scuola. Allora portavo i calzoncini corti, un buffo farfallino blu e la divisa che la scuola ci obbligava a indossare. Al passaggio frettoloso dei miei, apponevo una breve [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
0
9

Il personaggio

19 August 2019

Aveva aspettato tutta una vita prima di prender vita e avere una forma. Era stato come aver indossato una maschera per potersi confrontare con tutte quelle che costituiscono la società, dentro alla quale si esiste con tutte le cattiverie o le finte benedizioni perché operate in nome dell'egoismo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
7

E quindi...

19 August 2019

Quand'anche avessi fatto quadrato contro una questione circa le quote di un quagliodromo di Tor di Quinto in via Quintino Sella, senza perdermi in quisquiglie, avrei fatto ben presto la quadra presentando una querela in Questura e mettendomi così il cuore in quiescenza. Particolarmente inquietato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
1
25

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
10
26

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: x Scrittrice Imperfetta: grazie mille. Era da qualche anno che volevo scrivere [...]

  • Puccia: La tua biografia, un percorso che dagli albori dei primi anni ti porta a paragonare [...]

5
5
22

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

3
4
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

  • Principe dei desideri: Brano piacevole da leggere, che va dritto al punto, senza troppi fronzoli. [...]

3
6
16

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

8
9
18

Il regalo

15 August 2019

Ho nel cassetto del salotto un pacchetto regalo che non ho mai aperto. È lì da molto tempo. Non riesco proprio a ricordare chi me l'abbia regalato. E nemmeno in quale occasione. So solo che l'ho portato a casa e non l'ho aperto. Ci sarà stato un motivo ma non ricordo nemmeno quello. Ho chiesto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
6
22

Giallo improvvisascion

seconda parte....il finale

15 August 2019

Amici lettori, eccomi di nuovo con voi, ancora improvvisazione, la testa è sgombra da pensieri, fà caldo e si dovrebbe fare altro ma io stò quà seduto davanti la tastiera per scrivere quello che non sò, ve l'avevo detto l'altra volta che questa era una sperimentazione, avrei voluto fare tre parti [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Francesca: Guarda Walter mi hai convinta e ci provo.. oggi parto in vacanza e non porto [...]

  • Puccia: Sei uno spasso! Unico ed imprevedibile! Pur nella " calura" trovi [...]

Torna su