Si pensò a ‘Pozzese bollente’ o ‘Il beccafiga’ oppure ‘Il beccamorto e sua moglie’… nessun titolo suonava bene e si decise di accantonare in attesa di una soluzione.

In ufficio si parlò della retribuzione, il produttore disse a Enrico e Mariella, che avrebbero intascato 2000 euro a testa però dovevano pazientare.

Per una questione di pignoleria e scaramanzia da parte di Solmi, una volta trovato un titolo adatto per il film, i soldi sarebbero stati immancabilmente elargiti.

Stessa cosa anche per lo staff tecnico, compreso il regista.

Mentre si stava discutendo di altri dettagli, la segretaria, annunciò che un certo Gaetano Rocchi voleva conferire con il signor Solmi. Si trattava di un ex attore della Co(o)k Productions che dopo anni in cui se n’era uscito dal giro, per questioni economiche desiderava reinserirsi.

«Lucrezia fallo entrare pure!»  tuonò Solmi.

Entrò un uomo sui quarant’anni di bell’aspetto, con dei baffetti e con una folta capigliatura castana e salutò gli astanti seduti.

«Buongiorno! Mi scusi per l’intrusione, siccome mi è stato detto di passare per discutere su un prossimo film e…»  non terminò la frase per via del fatto che riconobbe uno dei presenti.

«Mariella anche tu qui? Quanto tempo!!!» disse l’uomo strabuzzando dapprima gli occhi per poi sorridere piacevolmente. Le diede anche un bacio sulla guancia.

La moglie del necroforo, divenne tutta rossa in viso, e gli rispose con un impercettibile “Ciao!” mentre Enrico cominciò a inarcare il sopracciglio sospettoso.

«Mariella, Chi è stavolta il tuo partner? Quest’uomo? Ah, spero di no! Sarebbe bello girare di nuovo con te, come ai vecchi tempi!» seguitò a dire raggiante.

Enrico fece due più due, e immaginò che evidentemente Mariella aveva già avuto altre esperienze sul campo.

«Ecco perché era perfettamente a suo agio durante le riprese!» pensò Enrico e anche se gli fu molto difficile, cercò di mantenere la calma.

«Scusami, ma in che senso Mariella ha girato con te?» gli domandò a Rocchi facendo il finto tonto.

«Io e questa birbacciona qua, avevamo fatto tre film con la Co(o)k Productions, poi la casa di produzione si spostò al nord e io mi dedicai ad altro» fece una pausa e continuò con le spiegazioni «Ovviamente abbiamo fatto diversi altri film e con altri partner, ma come scopa lei… non scopa nessuno!!!»

Enrico divenne infuocato, mentre Mariella sempre più mortificata.

Il produttore avendo intuito di un imminente litigio tra marito e moglie, per prevenire che tutto ciò non avvenisse nel suo ufficio, invitò la coppia a congedarsi e che sarebbero stati contattati al più presto per la questione dei soldi.

Enrico avrebbe voluto gridare nonché imprecare ma grazie ad con sforzo sovraumano, in qualche modo mantenne un incredibile autocontrollo.

Si salutarono tutti con una stretta di mano non prima di aver chiarito che Rocchi era stato chiamato per un altro progetto e per discutere su alcuni ragguagli tra cui un probabile “triangolo” ed alcune scene all’aperto.

Marito e moglie uscirono dall’appartamento, salirono velocemente in macchina e nessuno dei due proferì parola. Il disagio e la paura da parte della moglie era alle stelle.

Una volta a casa si scatenò l’inferno.

Partirono urla sovraumane, bestemmie e parolacce a non finire, Enrico offese Mariella nei modi più terribili, distruggendo inoltre parte dell’arredamento e per poco non picchiò la povera malcapitata.

Tra un urlo e l’altro Mariella fu costretta a vuotare il sacco.

Enrico scoprì tra le tante cose che la moglie girò con la Co(o)k Productions, quattro anni dopo il matrimonio, approfittando delle assenze del marito e per non rischiare, in casa non c’erano copie dei film.

L’uomo uscì di casa sbattendo violentemente la porta per realizzare che il fatto di essere stato “tradito” non avrebbe mai potuto digerirlo.

Una volta in strada, gli venne un lampo di genio e con il cellulare contattò il produttore.

«Signor Solmi, mi scusi, credo di aver trovato io stesso un titolo adatto per il film che abbiamo girato!» comunicò con piena convinzione.

«Me lo dica signor Castaldi, me lo dica subito cosi ci leviamo da questo impiccio!» gli rispose una voce dall’altra parte del telefonino.

«Morte & Puttana! Le piace?»

Ci furono interminabili secondi di silenzio.

«Mi piace? È PERFETTO!!! Bravissimo! Tra una settimana esatta, passi a prendere gli assegni!» concluse festosamente e contemporaneamente ebbe un’idea geniale.

Difatti all’insaputa del “cornuto”, contattò immediatamente e segretamente la Savarese, per proporgli dietro compenso di un assegno a parte, altri trenta minuti aggiuntivi di film da girare con Rocchi, cosicché tutto ciò sarebbe servito a mettere ancora più in risalto il titolo scelto.

A Castaldi gli fu appioppata la copia di sessanta minuti e di quella ufficiale non ne seppe mai nulla.

‘Morte & Puttana’ ebbe successo.

1
1
5

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su