Enrico Castaldi: età 45 anni, professione necroforo, precisamente addetto e proprietario di un’agenzia di onoranze funebri.

Mariella Savarese: età 40 anni, professione disoccupata, o meglio casalinga in calore!

Sposati da 10 anni. Niente figli.

 

Un giorno i due coniugi sia per noia, sia per provare una nuova esperienza e sia per raggranellare soldi, decisero tramite internet di contattare una casa di produzione di film hard. In verità fu il marito a proporre l’idea e dopo una iniziale titubanza della moglie, alla fin fine si convinse.

Neanche a farlo apposta nella loro stessa città, precisamente a Pozzese, ce n’era una molto affermata, la Redlight Productions, nata anni prima, dalle ceneri della Co(o)k Productions per via del fatto che quest’ultima si spostò nel Nord Italia ed alcuni restanti elementi fondarono la già citata impresa.

La coppia dopo aver mandato due e-mail con relative foto esplicite ed un piccolo filmato girato con una fotocamera, vennero chiamati per sostenere un colloquio con il produttore, inoltre si fecero fornire l’indirizzo e vennero pregati di non divulgarlo.

Si presentarono la mattina dopo, in un grande appartamento. Presto scoprirono che rappresentava la location in cui spesso venivano girati i film e una delle stanze fungeva come stanza per i colloqui.

Fin dal primo momento, fecero una buona impressione all’attempato Saverio Solmi e spiegò ad entrambi che il regista Walter Roman (dall’evidente nome d’arte) li avrebbe in primis provinati per poi indottrinarli a dovere e consigliò a loro che nel set sarebbero dovuti rimanere sé stessi in modo da superare “il complesso della telecamera”.

«Il fatto di essere ripresi tramite una telecamera durante l’atto non rappresenta nessun problema per noi!» disse Mariella con convinzione e di cui Enrico fece eco, d’altro canto vennero lì di proposito e furono invitati a ritornare la sera dopo per fare un provino con il regista.

Marito e moglie non presentavano caratteristiche degne di note: Enrico alto, magrissimo, brizzolato e dalla pelle pallida, mentre Mariella molto più bassa ed in carne, dai capelli castano chiari e dalla carnagione abbronzata, una donna che comunque in base al vestito e al trucco sapeva a suo modo come mostrare le proprie grazie.

 

Il regista restò abbastanza colpito dalle loro prime performance di prova, in particolar modo Enrico stesso.

Difatti l’uomo pensava che l’imbranataggine li avrebbe traditi e difatti inizialmente ciò avvenne ma solo per lui, a differenza della moglie che già fin da subito si era dimostrata sciolta e spiccata.

«Siete molto portati, soprattutto la signora!» disse entusiasticamente il signor Roman.

Il regista parlò con il produttore per esporre a quest’ultimo che quando lo riteneva opportuno si potevano benissimo iniziare le riprese e che gli aspiranti attori andavano più che bene. In due settimane tutto fu pronto, e si stabilì che il prodotto cinematografico non doveva superare i sessanta minuti.  

Nel corso dei quattordici giorni, vennero innanzitutto istruiti su cosa dovevano esattamente fare, tra cui la questione del montaggio, che dovevano attenersi alle inquadrature e che dovevano studiare a memoria un piccolo copione, in quanto l’esile trama era solo un pretesto per rendere il film più interessante. Fu inserita persino una qualche venatura comedy/ horror, il regista ci teneva a girare qualcosa di diverso dal solito porno tutto carne e niente arrosto.

In sostanza dovevano rappresentare ciò che erano nella vita reale:

lui si sarebbe vestito da becchino, mentre lei da casalinga e con un grembiule da cucina.

Nella prima mezz’ora la trama prevedeva che Enrico dopo tante ore passate al lavoro, una volta ritornato a casa, si sarebbe buttato a letto stanco “morto” con la moglie che aveva il chiaro compito di ”resuscitarlo”.

Mentre per i restanti trenta minuti, le scene di sesso dovevano essere girate in una cassa da morto aperta, dal momento che scenograficamente una delle stanze del grande appartamento avrebbe riprodotto in maniera verosimile un’agenzia funebre.

L’unico limite era l’obbligo di indossare delle mascherine, poiché una volta avvenuta la distribuzione in formato DVD, per una questione di privacy non sarebbero stati riconosciuti ed evitare così uno scandalo, specie per Enrico che per via del suo lavoro, in città era molto conosciuto.

Il lungometraggio andò a buon fine, il materiale girato fu etichettato molto valido e di ottima fattura ma c’era un problema:

Il titolo.

1
1
6

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su