Non sono mai stato un estimatore della sigaretta, anzi nutro nei confronti di essa un particolare odio e la sola vista di una cicca mi fa venire il voltastomaco.

Perché la gente fuma? Le ragioni sono molteplici.

Chi per questioni di dipendenza, chi per compagnia, chi per l’illusione di rilassarsi e chi invece… ha poco sale in zucca.

 

Qualche mattina fa, in piazza, mentre me ne stavo seduto su una panchina, a godermi una bella giornata di sole, notai un giovane ragazzo che per fare il galletto spocchioso, aveva preteso una sigaretta dal suo amico.

Il signorino si era messo in testa che la “paglia” sarebbe stata una strategia vincente per abbordare una ragazza bruna che con una fotocamera digitale si stava cimentando a fare degli scatti ad una fontana molto vicina a noi. Avendo seguito tutta la vicenda dall’inizio alla fine, le risate e le riflessioni non mancarono di certo.

«Wow, ma chi è sta fata? Dammi una siga, forza! », disse improvvisamente uno dei due tutto allupato. 

«Cosa credi di fare? Ma se non hai mai fumato in vita tua!» lo ammonì simpaticamente l’altro che oltre ad essere più saggio di lui, prevedeva l’andazzo e di come sarebbe andata finire.

«Dammi sta cacchio di sigaretta, dai muoviti che se ne sta andando!» insistette lo sbruffone. 

«Serviti pure!» esclamò l’amico lanciandogli tutto il pacchetto e l’accendino sopra le gambe.

Dopo aver sfilato una sigaretta per appoggiarsela sulle labbra ed averla accesa, il “provolone” si era avviato tutto spavaldo in direzione della ragazza.

«Ciao scusa…coff, coff, cough, cough, cough…» esordì  mettendosi vistosamente a tossire.

La ragazza lo osservò con curiosità, per poi mostrare un sorriso ambiguo.

«Ci poss… coff, coff, cough, ci possiamo conoscere?? Coff, coff…», proseguì il neo fumatore con la sua disperata e ormai compromessa tecnica d’approccio.

Era divertente vedere il colore del suo viso cambiare colore ad ogni tiro, l’amico schiattava dalle risate e in maniera complice mi cimentai a fare lo stesso anch’io considerando che le nostre panchine si trovavano molto vicine.

L’espressione della ragazza si fece via via più maliziosa, evidentemente aveva intuito che il tipo non brillava di intelligenza.

«Ciao, piacere, scusa ma non posso rimanere, devo andare in farmacia a comprare delle medicine per mio nonno.» si limitò a dire e con il chiaro proposito di liberarsi di quel buffone.

«Coff, coff… comunque io sono Paolo… coff, coff!» tentando di provarci ancora e porgendo inutilmente una mano rimasta a mezz’aria.

Si notava chiaramente che la ragazza aveva deliberatamente ignorato il gesto, difatti girò velocemente i tacchi e scuotendo la testa si era divincolata.

«Hai visto? Bella mossa, complimenti!» ironizzò ad alta voce l’amico.

«No e che doveva prendere le medicine al nonno, sennò ci stava… », ipotizzò vagamente il ragazzo che si chiamava Paolo tossendo nervosamente (non tanto per la sigaretta che comunque aveva già lanciato rabbiosamente dentro la fontana) non volendo ammettere la stronzata di cui si era reso protagonista.

«Ma quale nonno? Tu hai bisogno di medicine!» incalzò l’altro deridendolo apertamente.

A quel punto non potendo farne a meno, decisi di andare dai due ragazzi per esporre una mia considerazione.

«Scusate la mia intromissione, siccome ho assistito alla scena, posso permettermi una valutazione e un piccolo consiglio?» chiesi cercando di non apparire indelicato.

«Se è costruttivo sì!» mi rispose l’ex neo fumatore.

«Dando ai voti il tuo approccio ecco cosa ti dico: ti do dieci per il l’iniziativa ovvero per il fatto che ti sei buttato, ma zero per la furbizia… compare, la prossima volta credi più in te stesso invece che nel potere della sigaretta!»

Entrambi annuirono.

«Tutta colpa tua, se tu non fumavi, non sarebbe accaduto!» borbottò a bassa voce il penitente e con lo sguardo rivolto a terra.

«Ah, stai a vedere che è colpa mia! Guarda che questo ragazzo ha pienamente ragione, avevi praticamente sbagliato già in partenza e te l'avevo pure fatto capire!» espose il suo amico rivolgendosi dapprima al nostro “eroe” e successivamente a me per schiacciarmi un occhiolino seguito da un gesto: una mano chiusa con il pollice verso l'alto.

«Non fumerò mai più, per quel poco che ho fumato, ho dato abbastanza!» furono le ultime parole del baccellone.

Salutai i due e me tornai a casa.

 

Penso proprio che quel Paolo abbia capito la lezione… ne sono convinto!

0
0
1

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
3

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su