Non sono mai stato un estimatore della sigaretta, anzi nutro nei confronti di essa un particolare odio e la sola vista di una cicca mi fa venire il voltastomaco.

Perché la gente fuma? Le ragioni sono molteplici.

Chi per questioni di dipendenza, chi per compagnia, chi per l’illusione di rilassarsi e chi invece… ha poco sale in zucca.

 

Qualche mattina fa, in piazza, mentre me ne stavo seduto su una panchina, a godermi una bella giornata di sole, notai un giovane ragazzo che per fare il galletto spocchioso, aveva preteso una sigaretta dal suo amico.

Il signorino si era messo in testa che la “paglia” sarebbe stata una strategia vincente per abbordare una ragazza bruna che con una fotocamera digitale si stava cimentando a fare degli scatti ad una fontana molto vicina a noi. Avendo seguito tutta la vicenda dall’inizio alla fine, le risate e le riflessioni non mancarono di certo.

«Wow, ma chi è sta fata? Dammi una siga, forza! », disse improvvisamente uno dei due tutto allupato. 

«Cosa credi di fare? Ma se non hai mai fumato in vita tua!» lo ammonì simpaticamente l’altro che oltre ad essere più saggio di lui, prevedeva l’andazzo e di come sarebbe andata finire.

«Dammi sta cacchio di sigaretta, dai muoviti che se ne sta andando!» insistette lo sbruffone. 

«Serviti pure!» esclamò l’amico lanciandogli tutto il pacchetto e l’accendino sopra le gambe.

Dopo aver sfilato una sigaretta per appoggiarsela sulle labbra ed averla accesa, il “provolone” si era avviato tutto spavaldo in direzione della ragazza.

«Ciao scusa…coff, coff, cough, cough, cough…» esordì  mettendosi vistosamente a tossire.

La ragazza lo osservò con curiosità, per poi mostrare un sorriso ambiguo.

«Ci poss… coff, coff, cough, ci possiamo conoscere?? Coff, coff…», proseguì il neo fumatore con la sua disperata e ormai compromessa tecnica d’approccio.

Era divertente vedere il colore del suo viso cambiare colore ad ogni tiro, l’amico schiattava dalle risate e in maniera complice mi cimentai a fare lo stesso anch’io considerando che le nostre panchine si trovavano molto vicine.

L’espressione della ragazza si fece via via più maliziosa, evidentemente aveva intuito che il tipo non brillava di intelligenza.

«Ciao, piacere, scusa ma non posso rimanere, devo andare in farmacia a comprare delle medicine per mio nonno.» si limitò a dire e con il chiaro proposito di liberarsi di quel buffone.

«Coff, coff… comunque io sono Paolo… coff, coff!» tentando di provarci ancora e porgendo inutilmente una mano rimasta a mezz’aria.

Si notava chiaramente che la ragazza aveva deliberatamente ignorato il gesto, difatti girò velocemente i tacchi e scuotendo la testa si era divincolata.

«Hai visto? Bella mossa, complimenti!» ironizzò ad alta voce l’amico.

«No e che doveva prendere le medicine al nonno, sennò ci stava… », ipotizzò vagamente il ragazzo che si chiamava Paolo tossendo nervosamente (non tanto per la sigaretta che comunque aveva già lanciato rabbiosamente dentro la fontana) non volendo ammettere la stronzata di cui si era reso protagonista.

«Ma quale nonno? Tu hai bisogno di medicine!» incalzò l’altro deridendolo apertamente.

A quel punto non potendo farne a meno, decisi di andare dai due ragazzi per esporre una mia considerazione.

«Scusate la mia intromissione, siccome ho assistito alla scena, posso permettermi una valutazione e un piccolo consiglio?» chiesi cercando di non apparire indelicato.

«Se è costruttivo sì!» mi rispose l’ex neo fumatore.

«Dando ai voti il tuo approccio ecco cosa ti dico: ti do dieci per il l’iniziativa ovvero per il fatto che ti sei buttato, ma zero per la furbizia… compare, la prossima volta credi più in te stesso invece che nel potere della sigaretta!»

Entrambi annuirono.

«Tutta colpa tua, se tu non fumavi, non sarebbe accaduto!» borbottò a bassa voce il penitente e con lo sguardo rivolto a terra.

«Ah, stai a vedere che è colpa mia! Guarda che questo ragazzo ha pienamente ragione, avevi praticamente sbagliato già in partenza e te l'avevo pure fatto capire!» espose il suo amico rivolgendosi dapprima al nostro “eroe” e successivamente a me per schiacciarmi un occhiolino seguito da un gesto: una mano chiusa con il pollice verso l'alto.

«Non fumerò mai più, per quel poco che ho fumato, ho dato abbastanza!» furono le ultime parole del baccellone.

Salutai i due e me tornai a casa.

 

Penso proprio che quel Paolo abbia capito la lezione… ne sono convinto!

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su