Ore 11:00

 

In una piccola posta di una piccola città della Sicilia, la fila viene bloccata da un anziano signore, che a quanto pare ha dei problemi a ritirare la pensione.

Immancabilmente ogni fine mese, per svariati motivi si crea una certa baraonda con la sola differenza che stavolta i clienti sono più irrequieti del solito.

La gente sbuffa, inveisce, impreca, c’è chi addirittura bestemmia, inoltre il caldo estivo peggiora ulteriormente le cose.

Una signora che agita nervosamente il ventaglio, decide di andare allo sportello occupato per dare una sonora pacca sul braccio del pensionato.

«Cama a fari? avi du uri che ccà ni nfussò a tutti! (Che dobbiamo fare? Sono due ore che qui ci ha infossato a tutti)» gli dice con tono inviperito.

«Secondo loro dovrei tornare a casa per prendere il documento e rifare la fila! Nossignore, io non mi muovo di un passo, lo sa che è dalle otto che sono qui?» si giustifica.

La signora col ventaglio ritorna al suo posto, smadonnando peggio di uno scaricatore di porto.

«Ascolti, glielo ripeto un'ultima volta, non mi basta il libretto, ci vuole necessariamente la carta di identità, è la prassi, la prassi!!!» espone spazientita l'impiegata per l'ennesima volta.

«Ogni mese vengo qui a ritirare la pensione, mi conoscete bene, non perdiamoci in queste formalità!» insiste stoicamente il pensionato e accennando di no con la testa.

«Adesso basta! Chiamo la vicedirettrice, con lei non posso più lavorare!» si lamenta  la donna alzandosi di scatto dalla propria sedia per avviarsi a chiedere manforte.

«Ecco brava, vada a chiamare la signora Margherita!»

Gli astanti si inferociscono ancora di più, tra l’altro l’ufficio postale si riempie sempre di più con l’entrata di nuove persone, chiedendo chi sia l’ultimo o del perché del parapiglia.

La vicedirettrice, una donna dal carattere placido, si presenta dinnanzi all'ottantenne e lo invita ad adattarsi al regolamento.

Avviene uno scambio di opinioni, il pensionato avverte che forse potrebbe spuntarla e che prima o poi la vicedirettrice cederà, difatti quest’ultima a differenza dell’impiegata ha un animo più comprensivo.

 

«Ascolti signor Milone, vorrei tanto poterla aiutare, capisco il suo disagio, il documento come le ripeto è importante, ecco… non mi metta in difficoltà, la prego!» 

A questo punto l’uomo decide di giocare la carta dell’umorismo.

«Signora Margherita, non faccia la Capricciosa, lei lo sa che di Norma vengo qui tutte le Quattro Stagioni, su per favore, non faccia la Diavola e datemi la pensione.»

Scoppiano alcune risate tra il pubblico ed anche la vicedirettrice si lascia travolgere dalla battuta.

«Va bene, per questa volta passi, che non accada mai più!» e rivolgendosi all’impiegata di prima «Regina, dai la pensione al signore, ti autorizzo io.»

«Regina, come la pizza surgelata della Cameo... però la Margherita di prima è molto più buona!» scherza compiaciuto l'anziano signore.

L’impiegata senza un briciolo di umorismo, elargisce freddamente il denaro al pensionato il quale dopo aver conservato i soldi all’interno del portafoglio con relativo libretto, si avvia per uscire non prima di salutare con sarcasmo.

«Scusatemi tutti, ma era la loro volontà contro la mia...» aggiungendo infine «È loro con me avevano perso praticamente fin dall’inizio!»

Le persone lo squadrano divertito, in un certo senso aveva contribuito abbastanza ad alleggerire la situazione creatasi.

«Simpatico quel signore, la sapeva davvero lunga!» afferma sorridendo uno dei presenti. Tutti annuiscono e concordano con lui, tranne Regina l’impiegata che si limita a dire:

«Simpatico un corno! Che pizza che era! 

1
0
9

Il personaggio

19 August 2019

Aveva aspettato tutta una vita prima di prender vita e avere una forma. Era stato come aver indossato una maschera per potersi confrontare con tutte quelle che costituiscono la società, dentro alla quale si esiste con tutte le cattiverie o le finte benedizioni perché operate in nome dell'egoismo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
5

E quindi...

19 August 2019

Quand'anche avessi fatto quadrato contro una questione circa le quote di un quagliodromo di Tor di Quinto in via Quintino Sella, senza perdermi in quisquiglie, avrei fatto ben presto la quadra presentando una querela in Questura e mettendomi così il cuore in quiescenza. Particolarmente inquietato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
21

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

6
9
24

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: o surdato 'nnamurato è una delle mie preferite <<Ohi vita [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Scrittrice Imperfetta: grazie mille. Era da qualche anno che volevo scrivere [...]

5
5
22

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

3
4
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

  • Principe dei desideri: Brano piacevole da leggere, che va dritto al punto, senza troppi fronzoli. [...]

3
6
16

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

7
8
17

Il regalo

15 August 2019

Ho nel cassetto del salotto un pacchetto regalo che non ho mai aperto. È lì da molto tempo. Non riesco proprio a ricordare chi me l'abbia regalato. E nemmeno in quale occasione. So solo che l'ho portato a casa e non l'ho aperto. Ci sarà stato un motivo ma non ricordo nemmeno quello. Ho chiesto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
5
20

Giallo improvvisascion

seconda parte....il finale

15 August 2019

Amici lettori, eccomi di nuovo con voi, ancora improvvisazione, la testa è sgombra da pensieri, fà caldo e si dovrebbe fare altro ma io stò quà seduto davanti la tastiera per scrivere quello che non sò, ve l'avevo detto l'altra volta che questa era una sperimentazione, avrei voluto fare tre parti [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
10
25

Fiocco di neve

14 August 2019

Vorrei essere temerario come un fiocco di neve perché non ha paura di cadere

Tempo di lettura: 30 secondi

4
2
9

Macchine

14 August 2019

Percorrendo la Prenestina, un’antica via consolare romana, la mia macchina arrancava. Sentiva il peso degli anni e di conseguenza necessitava di cure amorevoli. Chiamando col termine manutenzione quelle cure mi sembrava di sminuirla. Meglio dire che bisognava avere dell’attenzioni particolari [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Carino! Mi ha fatto pensare alla prima macchina.. una cinquecento che dopo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Ricky! Per mille Fiat! Hai "scaldato i motori" della fantasia [...]

Torna su