In una remota galassia c’erano due piccoli pianeti gemelli che si muovevano su traiettorie parallele, quasi coincidenti. Gli astronomi che li osservavano da quaggiù li avevano chiamati Start e Stop.
E c’era pure un sole tanto caldo e luminoso e potente che non se n’era mai visto uno simile in  nessun’altra parte; per questo i corpi celesti che ci giravano intorno ne erano attratti. Però si diceva che chi avesse tentato di avvicinarsi ad esso avrebbe corso pericoli inenarrabili, e dunque tutti si erano sempre limitati a contemplarlo da enormi distanze.
Ma una volta Start disse a Stop: – Io non ci sto. Sono stanco di spostarmi su orbite stabilite da altri. Prima o poi proverò ad avvicinarmi al sole; sono convinto che se ci riuscirò, avrò accesso ad un livello superiore e non brillerò più di luce riflessa – affermò in un sol fiato.
Stop lo guardò di sguincio e gli disse: – È dal Big Bang che noi semplici pianeti possiamo muoverci soltanto lungo percorsi fissi. La tua è un’idea suggestiva ma impossibile da realizzare. Accontentiamoci, è meglio. -
Ma Start non lo ascoltava già più, incantato da quell’unica luce capace di scaldargli il nucleo.
In seguito non riaprì il discorso, ma il suo moto cominciò ad essere irregolare, nervoso, quasi instabile. Quando tra lui ed il sole transitavano pianeti più grandi, si protendeva dalla loro parte per sfruttarne la gravità e provare a deviare la sua traiettoria nella direzione tanto desiderata. Ogni tentativo falliva miseramente e presto nelle sue viscere prese a ribollire un magma denso che ne scuoteva la superficie  provocando violenti terremoti.
– Che ti succede? – gli domandò allora Stop, non nascondendo la sua preoccupazione. – Così  finirai per distruggerti. –
– Mi annienterei lo stesso se rinunciassi ai miei sogni, o se non provassi almeno a realizzarli. –
– Ciò che hai in mente è contro ogni logica e buon senso. –
– Ormai ho deciso: voglio risplendere come una stella. Pensa: essere fonte di ispirazione per poeti e pittori, o diventare il luogo ideale vagheggiato dai filosofi; sentirsi piovere addosso i sogni degli innamorati quando di notte contemplano il cielo. Sono certo che se renderò migliore la mia esistenza, contribuirò a migliorare anche quelle degli altri. –
Stop tacque, combattuto tra un senso di sbigottimento ed uno di ammirazione.
Tra gli astri cominciarono a diffondersi strane voci sul conto di Start. Si diceva intendessesovvertire leggi cosmiche consolidate; che fosse mezzo matto e che gas venefici ammorbassero la sua atmosfera.
Per questo chi poteva si allontanava da lui o ne transitava alla larga. Non fosse statoper il suo amico Stop, la solitudine di Start sarebbe stata totale. Ma lui non mollava e continuava a pensare a quale fosse il modo per avvicinarsi al sole.
Tanto tempo trascorse prima che tutto accadesse all’improvviso. 
A causa dell’assenza di corpi celesti vicini, quei due pianeti erano rimasti scoperti da ogni lato, senza nulla che li proteggesse dalle minacce dell’immensità siderale. 
Un giorno un sibilo pauroso li fece sobbalzare, e subito dopo  l’ombra di un grosso asteroide oscurò le loro superfici. 
Il primo ad essere urtato fu Stop che vibrò ma non si spostò. La traiettoria dell’asteroide fu quindi deviata verso Start e su di lui l’impatto ebbe conseguenze ben diverse, perché il suo equilibrio era diventato precario a causa dei tanti scuotimenti che lo agitavano ormai da un pezzo. 
Start si mosse: sembrava di assistere ad una partita di biliardo, con giochi di sponde e bilie che si fermavano o rotolavano. 
A quel punto, anche la buona sorte volle fare la sua parte. Non solo l’urto fu tale da liberare Start dagli occulti vincoli che lo avevano obbligato a trascinarsi su ellissi che non era stato lui a disegnare, ma la violenta collisione lo proiettò proprio nella direzione che portava dritto al sole. 
Gli astri di quell’angolo di Universo lo videro fluttuare nel vuoto e andare dove nessuno era mai stato; gli videro fare cose incredibili, come roteare più velocemente intorno al proprio asse per tagliare in due l’energia oscura che gli sbarrava la strada, o riuscire a governare la sua nuova quantità di moto e stare perciò lontano dai buchi neri e da ogni altro pericolo. Ed intanto diventava un puntino sempre più piccolo ma sempre più splendente. 
Stop vibrò di nuovo, stavolta per la commozione. Era dunque vero che bisognava avere un caos dentro di sé per partorire una stella danzante. Se Start ce l’aveva fatta, tutti potevano sperare, a patto di avere la forza di seguirne l’esempio e di credere in un Universo migliore. 
Sospirò: già gli mancava; non avevano avuto nemmeno il tempo di salutarsi…
Riprese a spostarsi seguendo la sua orbita di sempre ma con un turbamento nuovo dentro.
“Buona fortuna, amico mio” pensò, augurandosi un giorno di ritrovarlo.



4
7
16

Lui

22 January 2019

Lentamente, molto lentamente, stringendosi il cappotto, si avvina a me col capo abbassato e lo sguardo rabbuiato. Tiene in mano qualcosa. Da quando per forza di causa maggiore le nostre strade si son separate, ci incontriamo unicamente una volta all'anno per la solita ricorrenza. Confesso che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grandeeee!!.... Ironico da paura....ancora una conferma dietro l'altra [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Dario: Me fai morì! So' contento che te piaciuto!!! Na sola parola [...]

0
0
7

NOVE  PUNTI

22 January 2019

Aiuto! Il grido d'allarme risuonava in tutto il Parco. Rosa correva dietro al cane che le era sfuggito di mano. A quell'ora della domenica mattina, e particolarmente in quella calda primavera, il posto era pieno di famiglie con bambini in bicicletta o nelle carrozzine. In effetti, Zaro non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
7
16

6 racconti in in 6 parole

22 January 2019

Sogno o son morto? (racconto horror/parodia) Scoperchio. Mi sento strano. Ho fame! La mia bisnonna (racconto autobiografico) Migliaia di rughe. Migliaia di storie. Incendio (racconto drammatico) Una stufa incustodita. Rimase soltanto cenere. Insieme fino alla fine (racconto drammatico/romance) [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
14

Operazione “cariola e dintorni”

21 January 2019

I carabinieri di Mariglianella interrogavano la cariola. “Dicci tutto… parla.. confessa… quanti chili di calcinacci hai trasportato ed occultato?” -Non posso, ho la ruota sgonfia e consumata … sono tutta arrugginita… non ricordo niente… e se confessassi per me sarebbe la fine… verrei sicuramente [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Gianni, ok, dopo un periodo di ferma, (non militare :D) riprendo a leggere [...]

  • Gianni Tirelli: caro Giuseppe in effetti è proprio come dici tu, ma nonostante... ciò, [...]

2
2
9

Ricatto

21 January 2019

Brilla la luna nel suo ultimo quarto e mi giro nel letto in questo onirico stagno tra ceneri e polvere di estinte illusioni Ho cercato un passato di scolorite memorie sotto un cielo graffiato sopra rose appassite ... e resto in attesa di un altro equinozio sotto il crudo ricatto di una [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
21

Troppo sentire

21 January 2019

Rauini dorme, io sto sveglia e sento il suo respiro, è girata, mi da la schiena, ed è strano perché solitamente mi prende e mi tira a se e dormiamo così, agganciate l’una all’altra, che le sento il cuore e la voglia. Ma oggi no, forse il vino era troppo, forse l’ho fatta aspettare troppo tra acqua/denti/pasticca/tvchenonva, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
12

ARIA TERSA

20 January 2019

ARIA TERSA Travolti da un mondo impazzito Inondati da una schiuma assordante Non riusciamo più ad ascoltare La voce del silenzio. Frotte di insetti inutili Si accavallano nel nostro pensare. E l’immagine dello specchio Torna Sempre uguale a se stessa A riflettere un sogno incompiuto. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

8
9
17

luna o cocci?

Quando walter fest scrive è jazz!

20 January 2019

Quando non sai che scrivere, scrivi, scrivi senza paura di sbagliare, questa volta faccio un eccezione, scrivo senza carta e penna, stò alla tastiera e scrivo, mò che ci penso mi paicerebbe la tastiera di un piano forte, anzi le corde di una chitarra, anzi no, voglio cantare tanto a parole se stono [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Surya: E quando Walter scrive, fa sempre centro! Perché scrive col core e della [...]

  • Roberta21: Walter sei troppo forte 👍👍

1
2
21

Io lo conosco l'amore

20 January 2019

Ho attraversato il bosco di notte per poterti abbracciare ma tu non c'eri. Ho accompagnato tramonti fino all'alba per scoprire i tuoi occhi timidi ma tu non c'eri. Ho ascoltato i lamenti del vento nelle lunghe giornate passate a pensarti ma tu non eri li. Ho inseguito le ore e poi i giorni per [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
7

Raccontami una volta più piano

19 January 2019

Raccontami una volta più piano. Eravamo nati nello stesso posto o giù di lì, le case scorrevano in sequenza, c'era qualche attività che si distingueva dalle altre e potevi prenderle come veri e propri punti di riferimento quando dovevi indicare qualcosa a qualcuno che si era perso. I nomi delle [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: Ricordi arruffati da districare piuttosto difficile il farlo

2
1
6

Impressioni

19 January 2019

Sfilacciati giorni scalzi di pensieri si rincorrono incessanti nel respiro assiduo delle ore in una lenta diaspora continua di me stesso come fine sabbia dentro una clessidra ... e dopo una notte di sogni e scarpe rotte guardo le luci d'alba su una falesia bianca mentre nel cielo vola [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
11

Album vuoto

19 January 2019

Cammino rotolando sui miei passi stanchi. Soffia i vento la mia lenta orma e beffarda saluta senza rumore. Abbraccio la salita che mi corre incontro e adagio ripongo le mie pagine vuote. Un quaderno di ricordi che riempir non so.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Bella brava!!! Trovo che sia un piccolo quadro interiore ed esteriore che offri [...]

  • Anto61: Grazie del tuo delicato commento

Torna su