In una remota galassia c’erano due piccoli pianeti gemelli che si muovevano su traiettorie parallele, quasi coincidenti. Gli astronomi che li osservavano da quaggiù li avevano chiamati Start e Stop.
E c’era pure un sole tanto caldo e luminoso e potente che non se n’era mai visto uno simile in  nessun’altra parte; per questo i corpi celesti che ci giravano intorno ne erano attratti. Però si diceva che chi avesse tentato di avvicinarsi ad esso avrebbe corso pericoli inenarrabili, e dunque tutti si erano sempre limitati a contemplarlo da enormi distanze.
Ma una volta Start disse a Stop: – Io non ci sto. Sono stanco di spostarmi su orbite stabilite da altri. Prima o poi proverò ad avvicinarmi al sole; sono convinto che se ci riuscirò, avrò accesso ad un livello superiore e non brillerò più di luce riflessa – affermò in un sol fiato.
Stop lo guardò di sguincio e gli disse: – È dal Big Bang che noi semplici pianeti possiamo muoverci soltanto lungo percorsi fissi. La tua è un’idea suggestiva ma impossibile da realizzare. Accontentiamoci, è meglio. -
Ma Start non lo ascoltava già più, incantato da quell’unica luce capace di scaldargli il nucleo.
In seguito non riaprì il discorso, ma il suo moto cominciò ad essere irregolare, nervoso, quasi instabile. Quando tra lui ed il sole transitavano pianeti più grandi, si protendeva dalla loro parte per sfruttarne la gravità e provare a deviare la sua traiettoria nella direzione tanto desiderata. Ogni tentativo falliva miseramente e presto nelle sue viscere prese a ribollire un magma denso che ne scuoteva la superficie  provocando violenti terremoti.
– Che ti succede? – gli domandò allora Stop, non nascondendo la sua preoccupazione. – Così  finirai per distruggerti. –
– Mi annienterei lo stesso se rinunciassi ai miei sogni, o se non provassi almeno a realizzarli. –
– Ciò che hai in mente è contro ogni logica e buon senso. –
– Ormai ho deciso: voglio risplendere come una stella. Pensa: essere fonte di ispirazione per poeti e pittori, o diventare il luogo ideale vagheggiato dai filosofi; sentirsi piovere addosso i sogni degli innamorati quando di notte contemplano il cielo. Sono certo che se renderò migliore la mia esistenza, contribuirò a migliorare anche quelle degli altri. –
Stop tacque, combattuto tra un senso di sbigottimento ed uno di ammirazione.
Tra gli astri cominciarono a diffondersi strane voci sul conto di Start. Si diceva intendessesovvertire leggi cosmiche consolidate; che fosse mezzo matto e che gas venefici ammorbassero la sua atmosfera.
Per questo chi poteva si allontanava da lui o ne transitava alla larga. Non fosse statoper il suo amico Stop, la solitudine di Start sarebbe stata totale. Ma lui non mollava e continuava a pensare a quale fosse il modo per avvicinarsi al sole.
Tanto tempo trascorse prima che tutto accadesse all’improvviso. 
A causa dell’assenza di corpi celesti vicini, quei due pianeti erano rimasti scoperti da ogni lato, senza nulla che li proteggesse dalle minacce dell’immensità siderale. 
Un giorno un sibilo pauroso li fece sobbalzare, e subito dopo  l’ombra di un grosso asteroide oscurò le loro superfici. 
Il primo ad essere urtato fu Stop che vibrò ma non si spostò. La traiettoria dell’asteroide fu quindi deviata verso Start e su di lui l’impatto ebbe conseguenze ben diverse, perché il suo equilibrio era diventato precario a causa dei tanti scuotimenti che lo agitavano ormai da un pezzo. 
Start si mosse: sembrava di assistere ad una partita di biliardo, con giochi di sponde e bilie che si fermavano o rotolavano. 
A quel punto, anche la buona sorte volle fare la sua parte. Non solo l’urto fu tale da liberare Start dagli occulti vincoli che lo avevano obbligato a trascinarsi su ellissi che non era stato lui a disegnare, ma la violenta collisione lo proiettò proprio nella direzione che portava dritto al sole. 
Gli astri di quell’angolo di Universo lo videro fluttuare nel vuoto e andare dove nessuno era mai stato; gli videro fare cose incredibili, come roteare più velocemente intorno al proprio asse per tagliare in due l’energia oscura che gli sbarrava la strada, o riuscire a governare la sua nuova quantità di moto e stare perciò lontano dai buchi neri e da ogni altro pericolo. Ed intanto diventava un puntino sempre più piccolo ma sempre più splendente. 
Stop vibrò di nuovo, stavolta per la commozione. Era dunque vero che bisognava avere un caos dentro di sé per partorire una stella danzante. Se Start ce l’aveva fatta, tutti potevano sperare, a patto di avere la forza di seguirne l’esempio e di credere in un Universo migliore. 
Sospirò: già gli mancava; non avevano avuto nemmeno il tempo di salutarsi…
Riprese a spostarsi seguendo la sua orbita di sempre ma con un turbamento nuovo dentro.
“Buona fortuna, amico mio” pensò, augurandosi un giorno di ritrovarlo.



Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
1
12

Il mio sole

25 October 2020

È inutile che ti nascondi Continui a splendere comunque Ti ammiro da lontano ogni volta sorpreso dalla luce che fai piovere intorno a te Troppo in fretta o troppo tardi Con te è così il tempo non ha confini ma sembra durare poco Sempre un passo avanti A volte mi succede di pensarti a bocca aperta [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
23

Solitudine

25 October 2020

Ecco questa è Simona del primo piano che scende a buttare l'immondizia sperando di incrociare il marito della signora della scala A, tra poco sono le 9 scende anche Piero che va a fare la spesa per la mamma, qualche volta è passato anche da me chiedendo se volessi qualcosa... mi sono vergognata. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Bibbi: Carissimo Giuseppe grazie , ho trovato estrema difficolta nel ricominciare [...]

  • Bibbi: Grazie Patapump (Ricky) per il commento

3
6
14

UN PENSIERO PER ME

24 October 2020

Inizia con un sorriso in un giorno disperato. Sola nel mio letto, respiro come distesa fra bianche betulle. Sento assottigliarsi la linea di confine fra la mia pelle e il mondo che racchiude. Così trasparente da vederci dentro come in una boccia di vetro per pesci. Ci ritrovo tempeste di paura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
16

LA MOGLIE E IL CANE

24 October 2020

Adesso prendete vostra moglie, e senza alcun preavviso chiudetela nel bagagliaio della macchina per almeno mezz'ora. La sua reazione sarà tempestiva: comincerà a sbraitare, a insultarvi, a darvi del pazzo criminale, a minacciarvi, a sbattere i piedi e i pugni contro l’interno della carrozzeria [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: ho già letto varie versioni dello stesso brano su Facebook, gira già [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
8
24

Il libro capovolto

24 October 2020

"Per favore, non farlo!", sussurra il bibliotecario. "Non fare cosa?", domando stupito. "Non capovolgere il libro tenendolo aperto." "Perché no?" "Ti possono cascare tante di quelle cose..." "Tipo cosa?" “Virgole, parole, frasi... nella peggiore delle ipotesi persino i personaggi." Il tizio sembra [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ottimo Giuseppe, piaciuto tanto, forse un po meno all'autore che si è [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, più che capovolgere la situazione... l'io narrante [...]

4
3
36

Teletrasporto

Incipit per un romanzo che mai scriverò

23 October 2020

Non so come, ma mia figlia si ritrovò in un attimo dentro un quadro di Salvator Dalì. Avevo lasciato il mio teletrasporto puntato verso la copertina del libro «Storia del Surrealismo dei primi del XX secolo», un tomo della Taschen di 400 pagine che avevo messo ben in mostra sullo scaffale della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, con questo brevissimo racconto sai come catapultare, pardon teletrasportare [...]

  • V A N E S S I: Vero. Una casa di produzione me l'ha pure suggerita l'idea... m a h 😉😇

2
3
20

Senza

23 October 2020

Nel confine tra un tempo scaduto ed uno sconosciuto ho visto briciole di stelle ricoprire sogni abbandonati Nuvole figlie del vento conservavano nel cuore racconti sussurrati nelle notti in riva al mare Sfidavo la pioggia ai bordi del bosco mentre ti avvicinavi lentamente come nebbia [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
15

La mongolfiera - 2/2

23 October 2020

La spinta ascensionale maggiore la si aveva quando la temperatura esterna rispetto a quella contenuta nel pallone era molto differente. Piegata la cesta e adagiato il pallone, iniziavo a immettere gas col bruciatore al suo interno. E dolcemente prendeva forma. Salito sulla cesta, tramite una cordicella [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Eccomi, letta anche la seconda parte e posso trarne una disamimina completa.
    "La [...]

  • Patapump: eh si..quando si cerca di contenere lo scritto, come accade per le emozioni [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
19

In che senso?

22 October 2020

Il revanscismo parassitario antiderapante, coniugato con l'ovalizzazione logorroica del percolato monosodico di tipo carmelitano scalzo, si estrinseca prevalentemente nel cicaleccio, preserale del gorgoglio idraulico sottomarino, riversando, ahimè, la perequazione polarizzata unicamente nella coagulazione [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
25

L'anima

22 October 2020

Ho esalato l'ultimo respiro. Buio. Interminabili secondi con il continuo chiedermi se sprofonderò nell'oblio senza fine oppure se la cosiddetta vita dopo la vita è una realtà concreta. Che cosa mi sta succedendo? Avverto una vibrazione potentissima. Mi sto sopraelevando. Non ho paura semmai quell'autocontrollo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
11

La mongolfiera - 1/2

22 October 2020

Quel giorno era perfetto. Il vento soffiava dalla direzione giusta. Sarebbe stata la gara migliore della mia vita, ne ero certo. Mi allenavo da parecchio tempo e non potevo mancare quella vittoria. Quella che dovevo affrontare era una competizione che avveniva ogni due anni nello stato dell’Arizona. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Di un po', sei un fan di Jules Verne? :-)
    Ho appena letto la prima [...]

  • Patapump: amavo Verne da giovane, con le sue 20.000 leghe. yanke certo, sapevo avrebbe [...]

3
2
33

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Componimento nel quale un forte registro introspettivo risulta fortemente espresso, [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Giuseppe. Potresti registrare all'Accademia della crusca, come neologismo, [...]

Torna su