Primo quadro

Un letto sfatto, una donna elegante capelli e vestiti come in colazione da Tiffany seduta sul bordo un uomo col busto nudo nel letto.

 

Uomo: no proprio non capisco

 

Donna: bravo non è una novità eppure stavolta dovrebbe essere semplice pure per  te!

Ti lascio.

 

Uomo: stai scherzando vero?

Donna: e perché dovrei?

Sto benissimo, sessualmente appagata dopo una notte di sesso perfetto con un amante premuroso, vigoroso gentile.

Mi sento veramente bene, sono lucida, razionale quanto debbo ed intuitiva quanto mi occorre.

Uomo : stanotte, cercando di abbracciarla, è stato bellissimo..

Donna: sì è vero. Perciò è più facile lasciarti.

Donna :Ti lascio

Uomo: (gridando) perché (disperato) perché?

Io ...Io ti...

Donna: sei molto caro, ma voglio lasciarti.

Uomo: voglio, voglio, non hai più il senso della ragione.

Donna: Ti lascio senza che tu abbia colpe . . . Non ti preoccupare . . .

Uomo : e allora ancora peggio....

Davvero non capisco..

Donna: pazienza (si alza e si allontana in silenzio dalla scena)

Uomo: (raccoglie le braccia sotto le ginocchia): cose da pazzi ci metti passione, garbo, simpatia, sacrifichi il tuo all'altrui piacere e alla fine non serve a niente.

Niente serve a niente. Tutto inutile.

Nessuno mai ti dice grazie.

Ognuno per sé è seguire le sue manie a gingillarsi con i suoi fantasmi.

La coppia?

L'amore?

Sciocchezze!

Nulla di nulla. Solo l' io.

Il nostro io.

Le dico: ti voglio bene

Ma lo penso davvero?

Bene a chi?

Ad un'altra isola infelice come me?

Ad un'altra disgraziata creatura fatta da un Dio, crudele o distratto.

I suoi dolori li farà pesare sulla mia schiena, dovrò portare i pesi della mia e della sua infelicità in cambio di che?

I suoi mille silenzi difficili da interpretare. I suoi nostalgici viaggi mentali in un tempo in cui credette di essere felice e che nel confronto piccato rende aspro ogni momento di vita insieme.

Ti spacchi la schiena per darle ogni cosa ti butti con foga nel lavoro perché possa avere un guardaroba firmato, vacanze di lusso, una macchina alla moda, perché i figli, che sono e rimangono sempre suoi, abbiano ogni cosa, ed alla fine... Ti lascia, ti volta le spalle, non ti ringrazia.

Ti fa un graffio profondo nel cuore.

Tu per lei hai rinunciato agli amici, a donne da urlo, al sesso estremo di amiche disinibite, notti al bar con gli amici, ai viaggi in moto, e lei...... Lei senza un motivo vero ti molla .

Lei d'altra parte non è mai stata vera...... Sì falsa sempre stata falsa.

Con me recitava, sempre dal primo incontro.

L'intellettuale dal fascino elegante.

La borghese raffinata che parlava di arte e fotografia.

Una foto per lei non era un momento da ricordare ma (con un miao miao cercando di imitarla) una suggestione di luci digradanti che intessevano un affresco......

ma....ffculo.....

Con le mani, con le mani non potevo mangiare mai né la pizza ne' spolparmi una coscia di pollo!

Sempre perfetta la signora!

Tutta etichetta, tutta eleganza, tutta perfetta.

Di soldi non si parla: è volgare, davanti ai ragazzi almeno ti prego di non essere così scurrile : modera il linguaggio... 'nculo.....

Ho fatto tutto. Sono stato un soldatino nelle sue mani

Le ho dato il mio cuore....

Eppure dovevo capirlo. Lei non si è mai sciolta davvero .

Teneva sempre una parte stretta per sé! Riservata. Nascosta come un giardino protetto da alte mura dove custodiva i suoi segreti......

Non l'ho mai fatta soffrire

Ed adesso lei mi pugnala.

Non si è mai accorta dei miei tradimenti. Anzi ogni volta che ho iniziato una nuova relazione sono stato più affettuoso e generoso...

 

Si spengono le luci sul letto

 

Parla la voce narrante del morto:

 

Se ne andò così all'improvviso  che per iniziare ad odiarla davvero ci misi un poco di tempo.

 

L'odio si intensificò quando mi convocarono i suoi avvocati.... Fu un vero calvario fatto di recriminazioni ed accuse umilianti.

Lei che avevo tanto amato divenne la cosa che più mi irritava al mondo!

La tristezza delle feste che cercavo di colmare con viaggi ed amiche tristi quanto me.... Sesso e solitudine

Tutti i racconti

0
0
3

Cieli Per Occhi

16 July 2024

Nella cinta muraria della nostra riservatezza, gelosamente custodiamo l'essenza inconfessabile del nostro recondito essere, inaccessibile agli sguardi profani e aspettativi della ressa. Ma ciò che effondiamo nell'etere celeste, attraverso le sue incessanti metamorfosi, diviene un sublime [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
3

UN CIELO SENZA STELLE

RIFLESSIONI

16 July 2024

## Un cielo senza stelle Sotto un cielo notturno, fitto di stelle che scintillavano come diamanti sparsi su un velluto blu, Mario sedeva su una panchina di legno, assorto nei suoi pensieri. La sua pancia prominente si appoggiava contro lo schienale, quasi a volersi confondere con l'oscurità della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

La guerra in testa 04/04

16 July 2024

Le guardie del corpo alzano i fucili e prendono la mira, ma i due criceti iniziano a correre per tutto il Ced e non dovendo sottostare alle leggi di gravità, riescono a correre sulle pareti, sul soffitto, riescono perfino a saltare da una testa all'altra degli addetti. "Via via via via, scappa [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
5

Drip. Drip. Drip.

16 July 2024

Drip. Drip. Drip. Cesare, un ragazzino di Esquilino, uno dei quartieri più disagiati di Roma, se ne stava sdraiato sul letto con l’intento di dormire, ma, a causa di un fortissimo temporale, il gocciolamento continuo dal soffitto in un secchio di metallo sul pavimento gli rendeva il sonno difficoltoso. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
6

La guerra in testa 03/04

15 July 2024

"Ah bene, c'è una festa in questo cervello. Tu chi cazzo sei? Chi cazzo siete tutti voi? Che ci fate qui? Farete la stessa fine, tutti quanti. Tutti morti” L’altro criceto invece guarda la figura vestita di nero per poi dirgli: “Presentarsi sarebbe un gesto educato eh” "Appunto era quello che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • An Old Luca: Lette le prime tre parti con curiosità crescente.
    Ora vediamo come [...]

0
0
5

CENTRALE PARANOICA 3

la voce di un grande yeti

15 July 2024

CENTRALE PARANOICA 3 LA VOCE DI UN GRANDE YETI Hi, qui è la centrale paranoica. Al Trascend Village (suona meglio di manicomio vero?) dove i picchiatelli vivono, la comunicazione s’è persa. Qui abbiamo Frank che fa una richiesta al dottor Stella: vorrebbe uscire per un viaggio, o meglio [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
4
14

Granello di senape

15 July 2024

Se mi guardo indietro io mi vedo proprio come un granello di senape, un piccolo granello di senape. Qualcuno mi avrà seminato e oggi sta crescendo una pianta all’ombra della quale ci si può riposare. Sono sempre io ma ho radici più profonde e radicate, ho rami un po più spudorati, che si allungano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
7

La guerra in testa 02/04

14 July 2024

“Accesso negato, inserire password” “Inserire password?” rimane due secondi in silenzio scuote la testa e poi digita la sua password. “Accesso negato” “Ma porca troia” il criceto prova una seconda password. “Accesso negato” “Ma porca di quella troia, come accesso negato, fammi entrare in questo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
0
9

Il patrimonio

14 July 2024

Nulla é eterno. Eppure tanti si arrovellano a cumulare beni in terra, non si accontentano del loro patrimonio ma agognano quello degli altri ed intraprendono lotte e guerre civili per cercare di prendere qualche soldo in più. Eppure li vedi recitare in chiesa durante le occasioni.Si incolonnano [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
5

Non Ti Conoscevo Prima

14 July 2024

Non ti conoscevo prima, oh mio sospiro di rosa! Quei nodi dentro te che non riesci a districare son piaghe aperte al vento, lascia che siano le mie mani a schiuderti al caldo del mio cuore! Non ti conoscevo prima, oh dolce nostalgia che semini emozioni forti come tsunami, nelle tenebre della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

La guerra in testa 01/04

13 July 2024

“Io sono l’Istinto di Sopravvivenza e voglio raccontarvi una storia. In principio... “ “Era il buio e fu fatta luce... e chi sei Dio che scrive la Genesi?” L’uomo sbuffa e si volta a guardare i due che gli sono arrivati silenziosamente alle spalle “Ma voi non avete un cazzo di meglio da fare, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

20
21
165

Alle poste

13 July 2024

Ore 10:00 In un angusto ufficio postale di un piccolo comune della provincia di Messina, la coda viene bloccata da un anziano signore che ha dei problemi a ritirare la pensione a causa di una dimenticanza. La gente sbuffa, c’è chi addirittura bestemmia sottovoce, per di più il caldo estivo peggiora [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Direi una pizza vapricciosa! Buon sabato Giuseppe, spero che tu sia sncora [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x ducapaso: grazie per la lettura e per aver raccontato la tua esperienza, [...]

Torna su