“Ehi, ancora non hai caricato le valigie?” disse Miriana entrando nella grande cucina che occupava tutto il piano terra della villetta di Villa Ciambra.

“No, parto domani, spero. L’auto non parte, la devo fare controllare, spero si risolva in giornata” rispose Giacomo  alla domanda di Miriana.

“Questo mi dispiace, spero che il guasto non sia grave. Certo sarebbe stato bello se fossi rimasto fino a capodanno!”

Era scuro in volto, Giacomo, una certa tristezza pareva trasparire dalla sua espressione, era il più grande, il primo di tre figli, Miriana era la più piccola. Leo, l’altro fratello era mancato assieme alla madre in un brutto incidente con l’auto, alcuni anni prima. Miriana era rimasta col padre nella vecchia casa di famiglia, un po’ fuori Palermo. Era in età da marito, Miriana, bella, accogliente, virtuosa e laureata pure… però non aveva ancora trovato l’anima gemella. Il padre si rammaricava di ciò, avrebbe voluto… sistemarla!

Giacomo invece aveva avuto una vita un po’ burrascosa, era andato via, al nord, appena maggiorenne, sognava di diventare famoso suonando con la sua chitarra, e… sì,  aveva avuto un certo successo nei locali di Milano e dintorni, ma poi i suoi amici avevano seguito altre strade e lui si era sentito spaesato. Solo Luise, cantante folk di origine francese, l’aveva risollevato da un'incalzante depressione. Pure una figlia gli aveva dato, Valentina, coi capelli corvini e ricci come quelli del padre.

“Perché non ti fermi fino a Capodanno” continuò Miriana, “papà sarebbe contento, è così anziano ormai!”.

Giacomo avrebbe davvero voluto trascorrere il capodanno con i suoi, non voleva però deludere la sua Valentina che lo aspettava. 

Eh, Valentina, appena dodicenne aveva perduto la mamma, un brutto male. Valentina viveva adesso con la nonna materna, frequentava il liceo scientifico a Milano, aveva superato, in parte, il dispiacere, si era tuffata nello studio.

Dopo pochi minuti Giacomo si avviò verso la vicina officina, poco dopo Miriana lo vide tornare col ragazzo del carro attrezzi e in breve l’auto fu sollevata sul ponte meccanico per cercare dove fosse il danno.

Un tuffo al cuore ebbe Miriana, quel ragazzo era il figlio di Pietro, il proprietario dell’officina. Che bel ragazzo, tutto suo padre, sì…, per il quale il cuore di Miriana aveva battuto fortemente. 

Di lui Miriana era stata innamorata da ragazza, aveva conosciuto l’amore nella forma più dolce, più tenera. Il destino però non aveva voluto, o forse… Il suo amore, Pietro, era stato circuito da Mari, una ragazza sveglia, intraprendente, che era riuscita a rimanere incinta. Pietro non poté evitare il matrimonio riparatore.

Miriana aveva poi studiato,  aveva fatto praticantato come avvocato, lavorava adesso in uno studio notarile. Il suo cuore era caduto però in un letargo infinito!

“Meno male” disse Giacomo rientrando, “la macchina è a posto, parto tra poco”. 

L’anziano padre sentì una fitta, trattenne un lamento, si sentì rattristare. Mancavano tre giorni al capodanno, gli sarebbe piaciuto che Giacomo fosse rimasto.

“Fai buon viaggio”, disse al figlio stringendolo forte al petto, “porta questa a Valentina” disse porgendo una busta bianca. 

I saluti della partenza erano sempre strazianti, seppur velati dai sorrisi.

Era stato un bel Natale in Sicilia, a Palermo,  il tempo era stato particolarmente splendido, giornate tiepide e assolate avevano fatto pensare ad una eterna primavera. La campagna era già rigogliosa, pur essendo in inverno, molte gemme, sugli alberi si erano schiuse a teneri germogli. Il clima, il mare, la storia, l’arte,  il cibo, erano sempre un richiamo ammaliatore per tutti i siciliani che vivevano lontano dalla propria terra.

Giacomo raggiunse in breve il porto e si imbarcò, poi avrebbe raggiunto rapidamente Milano e la sua Valentina.

“Papà, dai, vieni che la minestra si raffredda” disse Miriana mentre finiva di apparecchiare, guardò il vecchio padre, notò la sua andatura china, la cena poi proseguì normalmente.

Nei giorni seguenti il cielo si ingrigì, e poi ancor di più. La vigilia di Capodanno una fitta pioggia cadde fin dalle prime luci dell’alba. 

“Papà, come ti senti con i dolori?”,

“eh figlia mia, quando c’è umidità i dolori si fanno sentire di più, mi prepari lo scaldino?”

“subito, papà” rispose Miriana che quel giorno,  nel suo cuore,  sentiva un leggero tremolio. 

“Ma Giacomo si è sentito oggi?” disse l’anziano padre, 

“non ancora” rispose Miriana, “vedrai che tra poco chiama!”.

Si riposò, dopo pranzo, come ogni giorno, si addormentò, sognò…

nonno, nonno, dove sei, sono arrivata…”.

Si svegliò di soprassalto, continuò a sentire “NONNO, NONNO”, si sentì cingere al collo, “papà, papà, sono tornato con Valentina!”

Fu un Capodanno bello, bellissimo!

Tutti i racconti

0
0
2

Monoku

30 May 2024

quei fiori di carta nel cesto di castagno risaltano Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
4

La visione (parte seconda)

30 May 2024

Infine la mira infallibile del nostro cecchino, colse il segno. Devo raccontarvi alcuni aspetti salienti di mio fratello G. Quarto di sei figli tutti maschi, i primi tre morirono subito dopo la nascita, ha sempre vissuto al limite del vivibile; in tutte le sue manifestazioni è sempre stato un estremista, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
0
4

Un amore strano

30 May 2024

12 Maggio 2024 Tramite la piattaforma Instagram, conobbi una persona.. come succede tutti i giorni d'altronde, a prima vista non ero cosi invogliata a rispondergli ma come non era da me allora gli risposi. Cosa sbagliata? Non lo so... Ma comincio tutto da un semplice ciao.. Iniziò cosi la storia, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
4

Il criceto sulla ruota

30 May 2024

Il criceto sulla ruota sono io. Ho usato questa espressione in un messaggio che ho inviato stamattina alla PsycoBellezza e, caso vuole, che poi leggo su uno dei miei diari che anche qualche anno fa mi dibattevo, proprio in quel preciso giorno, come un criceto sulla ruota. Stessa espressione per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
22

la visione(parte prima).

c'è... dopo la vita.

29 May 2024

Questa che andrete a leggere è la mia vita, la mia ultima. Riassumo, come preambolo, la storia che ho realmente vissuto e che mi ha regalato la “visione” di cui vengo qui a raccontare. Nel mio lavoro, nella mia esperienza di vita comune e professionale, momenti cruciali, ovvero decessi, ne [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Benvenuto, ciao a domani per la seconda parte.

  • Patapump: interessante!
    in ogni caso benvenuto su Ldm e a rileggerci
    p.s. qui [...]

2
2
9

Vi racconto in breve La Napoli di Marianna Scagliola

Scrittrice ed umorista

29 May 2024

Marianna Scagliola nata a Napoli. Vive e lavora a Pomigliano d'Arco. A Maggio 2022 ha ricevuto il premio: "Per sempre Scugnizzo in rosa" Premio che viene conferito a personaggi i quali con il proprio lavoro hanno dato lustro al loro paese. A luglio 2022 riceve a Ischia, il Premio: "Approdi d'Autori". [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scusa se sono sintetico....bravo come sempre,

  • Patapump: non conosco la Scagliola, ma di certo la Serao
    quindi una curiosità [...]

6
9
19

POVERI NOI

triste realtà

29 May 2024

Veleno d'amore ti sputo nel piatto, un letto disfatto da sordidi amori. Son fatta di carne, che calice amaro.

Tempo di lettura: 30 secondi

3
10
27

Resistenza

29 May 2024

Nella rotonda di fronte alla stazione degli autobus un pandino rosso arresta il fluido scorrere delle auto che conducono – sono le tredici in punto – la popolazione dei fermi-in-pausa-pranzo al luogo destinato alla consumazione del pasto. Il guidatore – anzi, ora che è scesa, è chiaro a tutti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Stap, avverto che sono gg in cui sei presa!
    ma detto questo aspettiamo [...]

  • stapelia: Grazie a tutti! Ho avuto problemi col computer, non ancora risolti, ma mi metto [...]

0
0
8

LA MIA CITTÀ IDEALE

Un'utopia di armonia e benessere

28 May 2024

## La mia città ideale: un'utopia di armonia e benessere (Nostro servizio) Di Giuseppe Beppe Patellaro Sogni ad occhi aperti una città diversa, un luogo dove la vita scorre serena e l'armonia regna sovrana? Allora unisciti a me in un viaggio immaginario verso la mia città ideale, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
15

Melanconia Pioggia

28 May 2024

Nel giorno cupo la pioggia forte scroscia, tra le strade deserte e i vetri oscuri. Un'anima solitaria soffre, nel suo cuore solo ombre! Sotto il cielo grigio, triste patema! Gocce come lacrime dal cielo cadono, come pensieri affranti che nel cuore affondano, e il freddo umido nell'animo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
8
25

Lavoratori a tempo determinato

Aforisma

28 May 2024

Determinte aziende trattano i lavoratori a tempo determinato come se fossero dei limoni. Una volta spremuti, vengono gettati via, passando così dall'organico nell'organico.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Giuseppe, per la limonata con Walter ci sono anch'io 👍💪

  • Giuseppe Scilipoti: x piccola stella: ti ringrazio, di nuovo. Sappi che ti sei guadagnata... l'indeterminato.😘😉😊Nel [...]

1
3
15

Willy il coyote

Ciclo dei miei ricordi di infanzia - cartoni animati in tv

28 May 2024

Canyon deserti in stile americano. Pernacchie e spostamenti d’aria nonché polveroni impressionanti per una semplice corsa. Tunnel stradali in mezzo alle rocce. A volte questi ultimi rivelatosi addirittura, secondariamente, solo disegni nel cartone animato. Cioè come un disegno nel disegno. Il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rubrus: Un merito di quel cartone è stato rendere simpatico il predatore - che [...]

  • Patapump: Fumetti. Willy il Coyote si chiamava Kelsey Coyote nel suo debutto nei fumetti, [...]

Torna su