Le feste dè Natale sò tanto belle ma pè mè è n’vero stress, finalmente ho finito er turno mio serale ar centro commerciale, stà mezza piotta ar giorno pè vèstìmme da babbo Natale e poi famme fòtògrafà da tutti sò proprio sòrdi benedetti e mò eccome quà a bordo della 500 mia pè ritòrnà a casa spojamme e poi famme dù spaghetti ar volo.  Azz! La machina  è rossa, io sò vestito dè rosso e cò la benzina stò pure a rosso fisso, ar primo benzinaro me fermo. sarò pure babbo Natale ma mica posso fà miracoli n'fatti la 500 senza bumba nun carbura, ecchela là mò borbotta, zoppica, sobbarza, cazzo sè stà pè fermà sò rimasto a secco a' butto a folle, che culo mè trovo sù Viale Reggina Margherita, vedo n'cancello aperto pè istinto mè cè ficco, sò arivato a vela mè parcheggio n'dò capita mortacci nun cjo mica artèrnàtive, mejo quà che n'mezzo alla strada. Ma n'dò mè trovo? Bella stà palazzina, chi sà sè adesso mè presteno na tanichetta pè fà rifornimento. Entro e vado a chiede, dè fori sù nà targa cè stà scritto “Anica” Anica? Ma sarà la sede dè là celebre associazzione? Vabbè speramo che dentro trovo quarcheduno che mè dà na mano.

Er marcapitato sale le scale, sè guarda n'torno ma nun vede nisùno, 

-Ciao babbo Natale

-Ah! Meno male che cè stà quarcuno, chiedo scusa sò rimasto senza benzina cò la machina e m'è toccato a parcheggialla qua da voi, mica cjavreste dà m'prestamme nà tanichetta, na boccia, n'secchio pè annà dar benzinaro che dopo vè là riporto?

-Boh? Forse sì ma prima le farebbe piacere entrare?

Lui chi è? E' un tizio sulla cinquantina, cicciotello, n'testa n'cappello dà cow boy e dù baffetti da sparviero (omaggio a Gianfranco D'Angelo) er soriso è ammaliante e cò n'gesto accomodante fà entrare Babbo Natale in una sala vuota.

-Ma questa è nà sala cinematografica?

-Sì, bella vero? La prego sediamoci stà pè inizzià lo spettacolo.

Buio n'sala, scoreno i primi titoli dè testa “Roma non abbozza” scritto da Claudio Oldani pè la regia dè Paolo Battisti.

-Babbo Natà, Dàmose der tù, adesso nun mè fà domanne vedrai che tè piacèrà.

La storia che adesso stà pè esse proiettata è ambientata a Roma nel 1867, tutto sè svòrge sù nà piazzetta come tante artre, dà nà parte cè stà a fùntanella, davanti la facciata dè na casa poi n'portone, nà finestra e n'osteria fori della quale dù botti dè vino sedie e n'tavolino. A quer tempo c'era n'fermento dè cambiamento e li giovani n'zieme a lì garibbaldini vòlevano aribbellasse ar potere temporale, er popolo fatto dè gente semplice, onesta e dè gran còre scrisse paggine dè storia senza che nisuno jabbia mai fatto n'monumento o n'ricordo alla memoria, solo a gente dè lì rioni sapevano le cose come erano veramente ite e omìni, donne, vecchi e regazzini passata a buriana hanno giorno dopo giorno fatto Roma come la conoscemo adesso e mentre l'anni passavano la storia cambiava eccoce arivati ai primi der ‘900 er popolo è sempre lo stesso e pure a gente che comanna nun sempre fa della giustizia regola de vita, questo mica è giusto ma lì Romani cjanno fede e tirano avanti senza abbozzà perfino ner momento più buio e assurdo dè la storia dell’umanità quello ner ‘44 della seconda guera e così l'osteria diventa n'forno, er tranviere perde er lavoro pè nun fasse a tessera der partito, n'fjo parte n'guera perchè cor padre nun sè capisce sàrvo poi che ner finale la verità e er còre della gente che nun ha perzo la speranza decide che è arivato er momento dè falla finita cò la prepotenza. A storia  è piena dè sangue e lotta ma er sacrificio loro nun è stato vano, Roma ha retto botta e dòvemo solo dìì grazzie a questa brava gente veri eroi che dei più manco sapemo er nome.

-Allora t'è piaciuta?

-Ma quello che ho visto è stato uno spettacolo teatrale?

-Sì, oh! Che sbadato che sò stato nun mè sò neanche presentato sò Paolo Battisti e m'ariccomanno stà n'campana se mè dici che sò parente dè Lucio mè n'cazzo.

-Ma che scherzi? Piacere mio mè, mè, mè chiamo Armando pè l'amici “Zagaja” ecco o' sapevo mò che mè sò, che, che, che mè sò emozzzzionato comincio a zagajà.

-Tranquillo bevete n'goccetto

Paolo porge ad Armando una boccetta

-Ammazza bono ma che robb'è?

-Nun rompe er cà, bevi e vedrai che mò tè passa tutto

-Ma che sei n'mago?

-No sò er regista dè Roma non abbozza e stà boccetta è nà ricetta dè nonna allora che stavamo a dìì?

-N'zomma quello che ho visto l'avete fatto ar teatro n'vè?

-Si, ner mese de Giugno der 2022 è stato portato n'scena qui a Roma ar teatro Garbatella, scritto da Claudio, la reggia è stata la mia, hanno partecipato come attori più dè venti, n'zomma n'lavorone e adesso grazie ad Augustarello hai potuto assiste a stà proiezzione.

-A Paolè ma lo sai che er testo era vera poesia? Oh! Seconno me i dialoghi cjaevano un certo nun sò che dè veramente poetico, ammappa chi l'ha scritto è stato proprio bravo! E poi lo sai che è stata proprio nà bella idea? 

-Quale?

-Quella dè narrà le vicende dè stì protagonisti dè generazzione n'generazzione, ma lo sai che assomja tanto a quello dè la famija mia?

-Certo che si, alla tua e a quella dè tanti artri romani.

-Per esempio devi da sapere che mì patre era der 1922 e poteva esse er fornaretto, mì nonno che nun ho mai conosciuto, nun m’aricordo forze era der 1898 e magara faceva proprio er tranviere e Vincenzo er bisnonno mio sò quasi sicuro che faceva er carettiere, n'maggina che quanno aritornava la sera a casa s'addormentava sur caretto cò la pippa n'bocca e er cavallo che dè nome faceva Garibàrdi pè fortuna conosceva la strada, trucche, trucche cavalluccio e er padre dè mì nonno nun perdevano a' strada dè casa. A Paolè sai che tè dico? 

-Dimme tutto

-Che te stà storia la devi da continuà, damme retta organizza n'artro spettacolo teatrale che inizzia cò la fine della guera, l'anni '50 cò la ricostruzzione e poi l'anni ‘60 cor boom economico, e dopo passi all'anni ‘70 - 80 l’anni della contestazione e della violenza, poi l'anni ‘90 der conzumismo e della finzione, poi er 2000 fino alli giorni nostri che perciò è storia recente, trova nà famja a caso, sì nun c’è tè la poi n'ventà mica me dichi che te manca la fantasia?

-Direi dè no e poi?

-E poi la morale dè là favola è che dato che è nà vita che và tutto alla rovescia er messaggio che dovete dare è dè ottimismo e dè fiducia ner core della gente e nella capoccia che tutti se dovèmo da volè bene, che la vita è bella ed è una sola, che er paradiso noi cè l'avemo già qua e che pure dopo secoli dè idiozzia verrà er momento dè pacifica normalità, n’dove tutti lavoramo, studiamo e se divertimo, che Roma della pace è capitale, che nè dici sè pò fà?

-Cè devo penzà.

-A proposito dè robba forte cò tè mè sà che prima t’ho dato la boccetta sbajata

-E perchè? 

-Mè sembri troppo gasato.

-A Paolè, abbi fede, abbi fede fidate de babbo Natale

-Sarai pure gasato ma sei pure rimasto senza benzina!

-A proposito ma cè l’hai nà tanichetta?E voi mica cjavreste cinque euri da prestamme? 

 

Amici lettori di Letture Da Metropolitana buon Natale a tutti e per tutti pace, serenità e felicità.

 

Tutti i racconti

0
0
6

I colori della vita

19 June 2024

I colori della vita Tantissimi secoli fa nel lontano Oriente viveva una principessa molto bella di nome Misaki. Chi la conosceva la definiva una donna affascinante sotto ogni aspetto e molto sensibile alle problematiche sociali. Non era la solita principessa insomma.. ogni difficoltà, ogni [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
2
11

Pasticcio

19 June 2024

PASTICCIO Corrieri corrono Corriere percorrono Cani sani gatti fatti Lupi pupi frane rane che raggirano la fame Non si curano rassicurano miscelando oro ora con il soffio della bora

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
9

Sotto il crollo

19 June 2024

E' da circa 35 anni che stiamo sotto un muro e creiamo un paesaggio surreale. Siamo alcune macchine… automobili, pardon!, che in quel tempo, siamo rimaste schiacciate dal crollo di un muro di un condominio confinante con un altro. Mentre stavamo posteggiate all'ombra, patapunfete, un muro abbasta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rubrus: Mi pare di capire che riporti un fatto veramente accaduto, ma non mi pare surreale [...]

2
4
14

Rilievi Celesti

18 June 2024

Sotto il manto di seta del crepuscolo diurno, l'intangibile emisfero si dischiude come una rosa, un palcoscenico di lapislazzuli, dove la stella primigenia danza. Navi aeree di effluvio etereo delineano sentieri nel blu profondo, simili a scrittori celesti che intrecciano la narrazione universale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
8
29

Come l' altra volta 🐱

18 June 2024

Ogni volta è la stessa storia. Da lontano, al centro strada scorgi una sagoma per terra. Speri sia una busta fradicia, un quotidiano arrotolato, ma anche una batteria di petardi del 18esimo di qualche ricottaro. E invece si materializza un gattino. Piccolo, piccolo, piccolo. Arancione. Accasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
15

La pianta sta morendo

Racconta alla tua pianta perché dovrebbe vivere.

18 June 2024

Camelia! Anima di questa stanza, che ti succede? Non ti senti amata a sufficienza? Cosa posso fare per aiutarti? Dolce e tenera Camelia, non devi appassire; il mondo ed il mio cuore necessitano della tua presenza. Il bianco dei tuoi petali è gioia ai miei occhi, ed il tuo profumo allontana da [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
9
23

"Vai al diavolo."

17 June 2024

“Vedi di andartene al diavolo” disse,sbattendo la porta.Nel giro di pochi istanti,mi ritrovai nell’atrio di un palazzo interamente fatto di marmo. Pensavo fosse una delle mie allucinazioni,ma mi accorsi in breve tempo che era reale.Dove ero finito?Lunghe pareti di marmo,ed il lungo pavimento portavano [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

6
10
52

La fine del giorno

17 June 2024

Era la fine del giorno. L’effimera guardava il sole affogare a poco a poco nella parte opposta dello stagno. Sarebbero morti assieme, lui e il sole, ma non se ne lamentava. Aveva avuto una vita lunga e felice, una compagna bella e amorevole e molti figli attraverso i quali sarebbe sopravvissuto. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • L’esilioDiRumba: Mi associo a Walter, anche la vena poetica in aggiunta.
    Letto ora. Proprio [...]

  • Rubrus: In questi giorni sto leggendo un romanzo di David Baldacci: "Mai lontano [...]

4
5
22

Pensiero personale sulle pubblicazioni di svago

In generale, sia per le pubblicazioni su questo sito che ad esempio gli scritti usando carta e penna

17 June 2024

-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o-o- ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→ ←→←→ ←→ Gli scritti pubblicati - soprattutto se in grado di alleggerire l’attuale quotidianità altrui - dovrebbero continuare a non, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • An Old Luca: Ho la sensazione che sarà difficile che il tuo desiderio si avveri, [...]

  • Rubrus: Mah... quando chiedono perchè si scrive questo o quello, si deve fare [...]

4
6
23

Babèlle

16 June 2024

Babèlle Caos Urla e grida al cielo Gente in cerca di ritrovarsi dopo rotazioni cicliche Lingue diverse, per scopi diversi , per destinazioni diverse, sentendosi diversi Confusioni di intelletto, di comprensione, di pelle, di occhi , di umori, di melodia ,di certezze Caos Urla e grida [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
5
15

Il filo rosso dell'Amore 

16 June 2024

Il filo rosso dell'Amore Era un pomeriggio tipicamente autunnale e Aiko aveva terminato la lettura del suo romanzo preferito. Dopo una giornata lavorativa abbastanza pesante, era solito distendersi sul suo divano e dedicarsi a sé stesso lontano dal frastuono dei clacson della città e dallo squillo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
5
17

La bicicletta

16 June 2024

“Avevo una camicetta trasparente e un vestito a mantello…” Quando ho chiesto a mia madre di raccontarmi come ha conosciuto il mio babbo è partita da qui, da come era vestita, esattamente settanta anni fa. E questo mi ha fatto riflettere sul fatto che noi non abbiamo la percezione del fatto che [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • An Old Luca: Piacevolissimo.👍
    Ho vissuto "l'umanizzazione" dei genitori [...]

  • Vally: Buongiorno a tutti.
    Grazie per i Vostri commenti, sempre illuminanti!

Torna su