Le feste dè Natale sò tanto belle ma pè mè è n’vero stress, finalmente ho finito er turno mio serale ar centro commerciale, stà mezza piotta ar giorno pè vèstìmme da babbo Natale e poi famme fòtògrafà da tutti sò proprio sòrdi benedetti e mò eccome quà a bordo della 500 mia pè ritòrnà a casa spojamme e poi famme dù spaghetti ar volo.  Azz! La machina  è rossa, io sò vestito dè rosso e cò la benzina stò pure a rosso fisso, ar primo benzinaro me fermo. sarò pure babbo Natale ma mica posso fà miracoli n'fatti la 500 senza bumba nun carbura, ecchela là mò borbotta, zoppica, sobbarza, cazzo sè stà pè fermà sò rimasto a secco a' butto a folle, che culo mè trovo sù Viale Reggina Margherita, vedo n'cancello aperto pè istinto mè cè ficco, sò arivato a vela mè parcheggio n'dò capita mortacci nun cjo mica artèrnàtive, mejo quà che n'mezzo alla strada. Ma n'dò mè trovo? Bella stà palazzina, chi sà sè adesso mè presteno na tanichetta pè fà rifornimento. Entro e vado a chiede, dè fori sù nà targa cè stà scritto “Anica” Anica? Ma sarà la sede dè là celebre associazzione? Vabbè speramo che dentro trovo quarcheduno che mè dà na mano.

Er marcapitato sale le scale, sè guarda n'torno ma nun vede nisùno, 

-Ciao babbo Natale

-Ah! Meno male che cè stà quarcuno, chiedo scusa sò rimasto senza benzina cò la machina e m'è toccato a parcheggialla qua da voi, mica cjavreste dà m'prestamme nà tanichetta, na boccia, n'secchio pè annà dar benzinaro che dopo vè là riporto?

-Boh? Forse sì ma prima le farebbe piacere entrare?

Lui chi è? E' un tizio sulla cinquantina, cicciotello, n'testa n'cappello dà cow boy e dù baffetti da sparviero (omaggio a Gianfranco D'Angelo) er soriso è ammaliante e cò n'gesto accomodante fà entrare Babbo Natale in una sala vuota.

-Ma questa è nà sala cinematografica?

-Sì, bella vero? La prego sediamoci stà pè inizzià lo spettacolo.

Buio n'sala, scoreno i primi titoli dè testa “Roma non abbozza” scritto da Claudio Oldani pè la regia dè Paolo Battisti.

-Babbo Natà, Dàmose der tù, adesso nun mè fà domanne vedrai che tè piacèrà.

La storia che adesso stà pè esse proiettata è ambientata a Roma nel 1867, tutto sè svòrge sù nà piazzetta come tante artre, dà nà parte cè stà a fùntanella, davanti la facciata dè na casa poi n'portone, nà finestra e n'osteria fori della quale dù botti dè vino sedie e n'tavolino. A quer tempo c'era n'fermento dè cambiamento e li giovani n'zieme a lì garibbaldini vòlevano aribbellasse ar potere temporale, er popolo fatto dè gente semplice, onesta e dè gran còre scrisse paggine dè storia senza che nisuno jabbia mai fatto n'monumento o n'ricordo alla memoria, solo a gente dè lì rioni sapevano le cose come erano veramente ite e omìni, donne, vecchi e regazzini passata a buriana hanno giorno dopo giorno fatto Roma come la conoscemo adesso e mentre l'anni passavano la storia cambiava eccoce arivati ai primi der ‘900 er popolo è sempre lo stesso e pure a gente che comanna nun sempre fa della giustizia regola de vita, questo mica è giusto ma lì Romani cjanno fede e tirano avanti senza abbozzà perfino ner momento più buio e assurdo dè la storia dell’umanità quello ner ‘44 della seconda guera e così l'osteria diventa n'forno, er tranviere perde er lavoro pè nun fasse a tessera der partito, n'fjo parte n'guera perchè cor padre nun sè capisce sàrvo poi che ner finale la verità e er còre della gente che nun ha perzo la speranza decide che è arivato er momento dè falla finita cò la prepotenza. A storia  è piena dè sangue e lotta ma er sacrificio loro nun è stato vano, Roma ha retto botta e dòvemo solo dìì grazzie a questa brava gente veri eroi che dei più manco sapemo er nome.

-Allora t'è piaciuta?

-Ma quello che ho visto è stato uno spettacolo teatrale?

-Sì, oh! Che sbadato che sò stato nun mè sò neanche presentato sò Paolo Battisti e m'ariccomanno stà n'campana se mè dici che sò parente dè Lucio mè n'cazzo.

-Ma che scherzi? Piacere mio mè, mè, mè chiamo Armando pè l'amici “Zagaja” ecco o' sapevo mò che mè sò, che, che, che mè sò emozzzzionato comincio a zagajà.

-Tranquillo bevete n'goccetto

Paolo porge ad Armando una boccetta

-Ammazza bono ma che robb'è?

-Nun rompe er cà, bevi e vedrai che mò tè passa tutto

-Ma che sei n'mago?

-No sò er regista dè Roma non abbozza e stà boccetta è nà ricetta dè nonna allora che stavamo a dìì?

-N'zomma quello che ho visto l'avete fatto ar teatro n'vè?

-Si, ner mese de Giugno der 2022 è stato portato n'scena qui a Roma ar teatro Garbatella, scritto da Claudio, la reggia è stata la mia, hanno partecipato come attori più dè venti, n'zomma n'lavorone e adesso grazie ad Augustarello hai potuto assiste a stà proiezzione.

-A Paolè ma lo sai che er testo era vera poesia? Oh! Seconno me i dialoghi cjaevano un certo nun sò che dè veramente poetico, ammappa chi l'ha scritto è stato proprio bravo! E poi lo sai che è stata proprio nà bella idea? 

-Quale?

-Quella dè narrà le vicende dè stì protagonisti dè generazzione n'generazzione, ma lo sai che assomja tanto a quello dè la famija mia?

-Certo che si, alla tua e a quella dè tanti artri romani.

-Per esempio devi da sapere che mì patre era der 1922 e poteva esse er fornaretto, mì nonno che nun ho mai conosciuto, nun m’aricordo forze era der 1898 e magara faceva proprio er tranviere e Vincenzo er bisnonno mio sò quasi sicuro che faceva er carettiere, n'maggina che quanno aritornava la sera a casa s'addormentava sur caretto cò la pippa n'bocca e er cavallo che dè nome faceva Garibàrdi pè fortuna conosceva la strada, trucche, trucche cavalluccio e er padre dè mì nonno nun perdevano a' strada dè casa. A Paolè sai che tè dico? 

-Dimme tutto

-Che te stà storia la devi da continuà, damme retta organizza n'artro spettacolo teatrale che inizzia cò la fine della guera, l'anni '50 cò la ricostruzzione e poi l'anni ‘60 cor boom economico, e dopo passi all'anni ‘70 - 80 l’anni della contestazione e della violenza, poi l'anni ‘90 der conzumismo e della finzione, poi er 2000 fino alli giorni nostri che perciò è storia recente, trova nà famja a caso, sì nun c’è tè la poi n'ventà mica me dichi che te manca la fantasia?

-Direi dè no e poi?

-E poi la morale dè là favola è che dato che è nà vita che và tutto alla rovescia er messaggio che dovete dare è dè ottimismo e dè fiducia ner core della gente e nella capoccia che tutti se dovèmo da volè bene, che la vita è bella ed è una sola, che er paradiso noi cè l'avemo già qua e che pure dopo secoli dè idiozzia verrà er momento dè pacifica normalità, n’dove tutti lavoramo, studiamo e se divertimo, che Roma della pace è capitale, che nè dici sè pò fà?

-Cè devo penzà.

-A proposito dè robba forte cò tè mè sà che prima t’ho dato la boccetta sbajata

-E perchè? 

-Mè sembri troppo gasato.

-A Paolè, abbi fede, abbi fede fidate de babbo Natale

-Sarai pure gasato ma sei pure rimasto senza benzina!

-A proposito ma cè l’hai nà tanichetta?E voi mica cjavreste cinque euri da prestamme? 

 

Amici lettori di Letture Da Metropolitana buon Natale a tutti e per tutti pace, serenità e felicità.

 

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
7
23

Aforisma

30 January 2023

Tra le stille dell'irresoluto passato i tremori dell'anima coltivano germinali di ottimismo, a illuminare quella pace che vuol rincuorare col suo abbraccio ogni vicissitudine!

Tempo di lettura: 30 secondi

4
9
27

SIGNOR CONIGLIO

29 January 2023

Sono passati molti anni ormai, ma il suo ricordo è ancora vivo in me e mi accarezza come allora. L' appartamento dei miei ha un terrazzo molto grande, che ai miei occhi di bambina sembrava gigantesco, e nelle assolate ore del primo pomeriggio, estivo o primaverile, in cui non si poteva scendere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
35
55

Chi trova un amico trova un tesoro

e io di amici ora ne ho tre

29 January 2023

Del valore e del significato dell'amicizia se ne parla da sempre, si sono scritti milioni di libri, milioni di canzoni, cinema, teatro, televisione hanno ampiamente narrato storie di amicizia, tutti sappiamo cosa sia, che ci gratifichi oppure ci deluda l'amicizia è necessaria e vitale, Mario er [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: gli amici...sono davvero rari,ma quando li trovi sono un bel dono😀

  • Walter Fest: Roberta21 e' sempre un piacere averti qui, che aggiungere alla tua riflessione? [...]

1
0
4

Aforisma

28 January 2023

È puro quell'estratto sgorgato a fiotti dal profondo di me stesso per offrirlo a te come unguento di predilezione, cospargendolo sul tuo cuore sofferente di mal d'amore per guarirti nella mia sostanza!

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
20

IL GATTO MERAVIGLIOSO

THE WONDERFUL CAT

28 January 2023

Con l’arrivo del nuovo anno il meraviglioso gatto, viaggiò di nuovo nel tempo del suo racconto che rivelò il suo essere fantastico. Emerse così un essere secolare, un immagine amorosa e fragile come il tempo avvenire. Egli s’immedesimò in vari concetti che esplosero nella dolce armonia, nate [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
12
20

Bianche latte

27 January 2023

Si divertiva a girovagare tra quelle cataste di lamiere ammaccate, rugose di ruggine, che prima di trovare eterno riposo tra rigagnoli d’olio e acqua erano state giunoniche automobili. Alcune erano state abbandonate per vetustà, altre erano state abbraccio mortale, altre ancora erano state mezzi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: avevo scritto qualcosina di simile, mi sembra si xhiamasse " lo scasso" [...]

  • Walter Fest: Ciao a tutti, purtroppo ancora nisba mail, in teoria Andrea al momento che [...]

0
2
9

Teuta Sulaj , poeta

Un libro di esordio

27 January 2023

Il primo libro di Teuta Sulaj, poeta. Abbiamo letto e riletto le poesie della prima raccolta pubblicata e scritta da Teuta Sulaj e dobbiamo subito rilevare che queste liriche redatte con grande e semplice umanità ci hanno lasciato molto ben disposti verso le insopprimibili esigenze dello spirito [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
1
2

Aforisma

26 January 2023

Parole increspate tra di noi in ingestibili emozioni altalenanti in campana, pronte per romperla e spiccare in volo verso livori che tinteggiano una fine.

Tempo di lettura: 30 secondi

3
5
16

IL TEMPO PUÒ ASPETTARE

Eva

26 January 2023

Era l' imbrunire di una fredda e serena giornata di gennaio. Eva indugiava, seduta col cappotto nello sdraio in giardino, lo sguardo smarrito nelle striature rossastre del cielo, che dipingevano di nero gli alberi in lontananza. Respirava lentamente, assaporando la bellezza e la poesia dei profumi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • NickBen: "li dove gli universi si sfiorano"

    mi piace moltissimo.
    Complimenti.

  • Astrid: NickBen grazie 🌷

5
9
24

Solo

25 January 2023

Solo quando sentirai quel leggero vento sulla schiena, ti girerai e mi vedrai, come fosse la prima volta Solo quei piedi si bagneranno per prendermi tra le tue braccia Solo quelle labbra confonderanno il sale e la mandorla Solo noi due ed il cielo Seulement quand tu sentiras ce léger vent dans [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
8

Aforisma

24 January 2023

Leggiamo storie adorne di ogni genere di fantasia colme di sentimenti in cui ci lasciamo cullare dalle commozioni, ma poca è la voglia di leggicchiare le pagine della nostra vita.

Tempo di lettura: 30 secondi

7
20
25

Teodora e Laerte

24 January 2023

Si conobbero tra i banchi del ginnasio, Tea e Lae. Fu un colpo di fulmine, ma non amoroso; era molto più profondo e penetrante. Erano contemporaneamente il sole e la pioggia, la calma ed il vento. Studiavano insieme, bighellonavano per i viottoli di campagna insieme. Sulle panchine del parco lui [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: un genere in cui non mi sono mai cimentato, ma in maniera dotta, i richiami [...]

  • Andrea Occhi: @patapump Tu mi conosci anche altrove...sono fra amici di scrittura e lettura...ti [...]

Torna su