“Abbiamo disturbato i morti! Siamo diventati impuri…ed anche questo luogo è impuro…ora gli Dei dell’oltretomba ci perseguiteranno…” Cominciò a piagnucolare l’altro ragazzino. Cae lo guardò “Dobbiamo correre a chiamare il maru e raccontargli tutto! Chiamerà gli altri sacerdoti e purificheranno questo posto… e anche noi!” Portarono con loro la spada e tornarono indietro di corsa. Urlavano e correvano verso la casa del ministro di culto facendo un gran trambusto tanto da trascinarsi dietro una piccola folla di curiosi.

Batterono il pugno alla porta svariate volte fino a che, molto lentamente, un servo imbacuccato nel suo mantello di lana pesante, tirò fuori appena la testa per vedere chi fosse; evidentemente proveniva da un luogo ben più caldo rispetto a ciò che prometteva  quella rigida giornata invernale.

“Andate via scocciatori!” Tagliò corto vedendo innanzi a sé quei due ragazzini.

“No, aspetta, dobbiamo parlare con il tuo signore”

“Il maru non ha tempo da perdere con i mocciosi come voi!” E richiuse loro la porta in faccia.

Fu così che i due ricominciarono a bussare, a chiamare e ad urlare.

In realtà il ministro non è che fosse propriamente occupato in qualche faccenda di particolare importanza: se ne stava beatamente accomodato sulla sua sedia più grande, come se fosse su un trono, con il sedere e la schiena appoggiati su vari strati di cuscini morbidi, una bella e corposa coperta di lana sulle ginocchia ed i piedi al calduccio posizionati sotto il treppiedi che sorreggeva più in alto il braciere acceso; un servo gli stava arricciando i capelli con il ferro caldo mentre lui rimirava l’opera allo specchio.

Quell’inatteso trambusto però lo infastidì e mandò a chiamare Spurie, il servo che poco prima aveva aperto la porta di ingresso.

“Che cos’è questo baccano?”

“Due ragazzini signore… il figlio del bracciante di Hirumina e quello di Tlesnei la lavandaia” rispose timidamente Spurie.

“E che vogliono?”

“Hanno detto che volevano parlare con te, padrone…”

“Dì loro di smetterla!” disse manifestando fastidio con un gesto eloquente della mano.

“Già fatto ma non demordono… devo prendere il bastone?” chiese pregustando una sorta di compiacimento Spurie.

Intanto i due avevano cominciato a gridare ancora più forte e qualche frase sconnessa oltrepassava i muri, arrivarono alcune parole come “maledizione”, “morto”, “ maleficio”, “disgrazia” e a loro si erano uniti anche alcuni passanti, ai quali avevano raccontato a grandi linee la storia.

Il maru sbuffò “No, ci penso io… falli entrare!”

“Come?”  Spurie credette di non aver capito bene.

“Sei sordo? Ho detto di farli entrare!”

Accomiatò l’acconciatore che non aveva completato ancora l’opera, si tolse la coperta dalle ginocchia e si dette una parvenza di autorità.

Dopo pochi istanti, i bambini furono al suo cospetto, il timore reverenziale li aveva resi alquanto timidi. Cae alzando lo sguardo trattenne a stento il sorriso, perché il maru aveva metà testa riccia e metà arruffata.

Questi si schiarì la voce e tuonò “Allora che cosa è successo di tanto tremendo da dovermi disturbare durante le mie faccende mattutine?”

Parlò Laspa, poiché Cae ormai non poteva guardarlo senza ridere.

“Abbiamo trovato un morto al margine del bosco… ha con sé uno scrigno e nello scrigno ci sono le ceneri di un altro morto! E queste ceneri si sono rovesciate in terra e addosso a noi!”

“Si!” Intervenne Cae esagerando un po’ “volevo toccare il bauletto ma quando mi sono avvicinato si è scatenato un vento forte… ma così forte e impetuoso che ne ha aperto il coperchio e il contenuto si è sparso per l’aria… un prodigio… una maledizione!” Laspa gli diede una gomitata.

“ Un vento impetuoso eh?” Il maru li osservò sospettoso “Sapete che punizione gli dei riservano ai ragazzini bugiardi?”

“No… giuro su tutto il gregge di pecore che pascolo ogni giorno che è la verità! Il vento è una bugia… lo scrigno l’ha fatto cadere Cae… ma tutto il resto è vero!” affermò Laspa guardando negli occhi il maru per convincerlo che non stava mentendo.

“Bell’amico sei!” gli rispose l’altro ragazzino rabbioso.

Il ministro li osservò un attimo, si mise le mani sui fianchi e si fece severo: “Io invece non vi credo per niente, adesso manderò a chiamare i vostri rispettivi padri e ordinerò loro di punirvi qui davanti a me… così vi passerà la voglia di mentire!”

“Non stiamo mentendo! Il morto aveva con sé anche questa!” Esclamò Cae estraendo da sotto il mantello la spada.

Il maru gliela strappò di mano, la estrasse dal fodero e la rimirò in tutta la sua splendida bellezza ma un momento dopo, il suo sguardo si allarmò.

Si soffermò sul simbolo zoomorfo sull’elsa “Il tauro…” borbottò, “ l’ultima volta che ne ho vista una simile fu più di vent’anni fa… Dove l’avete trovata?”

“L’ho già detto! Ce l’aveva il morto!” Ribadì Cae.

Il maru, rimise la spada nel fodero e chiamò senza esitare i suoi servi.

“Portatemi gli indumenti per uscire, chiamate l’augure e che almeno uno dei sacerdoti del tempio di Tinia venga con me! Spurie! Distruggi questa spada, rendila inservibile, fondila se puoi, nessun altro deve vederla poiché reca un simbolo maledetto! Quando tornerò mi accerterò che tu l’abbia fatto!”

Dopo poche ore, il rito di purificazione del luogo era compiuto, due montoni furono sacrificati al capo supremo degli dei ed il tizio sconosciuto fu sepolto in una misera fossa insieme al suo scrigno entro il quale era stato radunato sommariamente il contenuto.

A Laspa ed a Cae fu proibito di parlare a chiunque di quella spada altrimenti le sciagure più terribili sarebbero cadute su di loro e sulle loro famiglie. Ai due, spaventati, non rimase che ubbidire e strinsero con il sangue il patto di silenzio.

Tutti i racconti

3
7
27

Aforisma

30 January 2023

Tra le stille dell'irresoluto passato i tremori dell'anima coltivano germinali di ottimismo, a illuminare quella pace che vuol rincuorare col suo abbraccio ogni vicissitudine!

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
9
27

SIGNOR CONIGLIO

29 January 2023

Sono passati molti anni ormai, ma il suo ricordo è ancora vivo in me e mi accarezza come allora. L' appartamento dei miei ha un terrazzo molto grande, che ai miei occhi di bambina sembrava gigantesco, e nelle assolate ore del primo pomeriggio, estivo o primaverile, in cui non si poteva scendere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
35
56

Chi trova un amico trova un tesoro

e io di amici ora ne ho tre

29 January 2023

Del valore e del significato dell'amicizia se ne parla da sempre, si sono scritti milioni di libri, milioni di canzoni, cinema, teatro, televisione hanno ampiamente narrato storie di amicizia, tutti sappiamo cosa sia, che ci gratifichi oppure ci deluda l'amicizia è necessaria e vitale, Mario er [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: gli amici...sono davvero rari,ma quando li trovi sono un bel dono😀

  • Walter Fest: Roberta21 e' sempre un piacere averti qui, che aggiungere alla tua riflessione? [...]

1
0
4

Aforisma

28 January 2023

È puro quell'estratto sgorgato a fiotti dal profondo di me stesso per offrirlo a te come unguento di predilezione, cospargendolo sul tuo cuore sofferente di mal d'amore per guarirti nella mia sostanza!

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
20

IL GATTO MERAVIGLIOSO

THE WONDERFUL CAT

28 January 2023

Con l’arrivo del nuovo anno il meraviglioso gatto, viaggiò di nuovo nel tempo del suo racconto che rivelò il suo essere fantastico. Emerse così un essere secolare, un immagine amorosa e fragile come il tempo avvenire. Egli s’immedesimò in vari concetti che esplosero nella dolce armonia, nate [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
12
20

Bianche latte

27 January 2023

Si divertiva a girovagare tra quelle cataste di lamiere ammaccate, rugose di ruggine, che prima di trovare eterno riposo tra rigagnoli d’olio e acqua erano state giunoniche automobili. Alcune erano state abbandonate per vetustà, altre erano state abbraccio mortale, altre ancora erano state mezzi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: avevo scritto qualcosina di simile, mi sembra si xhiamasse " lo scasso" [...]

  • Walter Fest: Ciao a tutti, purtroppo ancora nisba mail, in teoria Andrea al momento che [...]

0
2
9

Teuta Sulaj , poeta

Un libro di esordio

27 January 2023

Il primo libro di Teuta Sulaj, poeta. Abbiamo letto e riletto le poesie della prima raccolta pubblicata e scritta da Teuta Sulaj e dobbiamo subito rilevare che queste liriche redatte con grande e semplice umanità ci hanno lasciato molto ben disposti verso le insopprimibili esigenze dello spirito [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
1
2

Aforisma

26 January 2023

Parole increspate tra di noi in ingestibili emozioni altalenanti in campana, pronte per romperla e spiccare in volo verso livori che tinteggiano una fine.

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
5
16

IL TEMPO PUÒ ASPETTARE

Eva

26 January 2023

Era l' imbrunire di una fredda e serena giornata di gennaio. Eva indugiava, seduta col cappotto nello sdraio in giardino, lo sguardo smarrito nelle striature rossastre del cielo, che dipingevano di nero gli alberi in lontananza. Respirava lentamente, assaporando la bellezza e la poesia dei profumi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • NickBen: "li dove gli universi si sfiorano"

    mi piace moltissimo.
    Complimenti.

  • Astrid: NickBen grazie 🌷

5
9
24

Solo

25 January 2023

Solo quando sentirai quel leggero vento sulla schiena, ti girerai e mi vedrai, come fosse la prima volta Solo quei piedi si bagneranno per prendermi tra le tue braccia Solo quelle labbra confonderanno il sale e la mandorla Solo noi due ed il cielo Seulement quand tu sentiras ce léger vent dans [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

Aforisma

24 January 2023

Leggiamo storie adorne di ogni genere di fantasia colme di sentimenti in cui ci lasciamo cullare dalle commozioni, ma poca è la voglia di leggicchiare le pagine della nostra vita.

Tempo di lettura: 30 secondi

7
20
25

Teodora e Laerte

24 January 2023

Si conobbero tra i banchi del ginnasio, Tea e Lae. Fu un colpo di fulmine, ma non amoroso; era molto più profondo e penetrante. Erano contemporaneamente il sole e la pioggia, la calma ed il vento. Studiavano insieme, bighellonavano per i viottoli di campagna insieme. Sulle panchine del parco lui [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: un genere in cui non mi sono mai cimentato, ma in maniera dotta, i richiami [...]

  • Andrea Occhi: @patapump Tu mi conosci anche altrove...sono fra amici di scrittura e lettura...ti [...]

Torna su