“Abbiamo disturbato i morti! Siamo diventati impuri…ed anche questo luogo è impuro…ora gli Dei dell’oltretomba ci perseguiteranno…” Cominciò a piagnucolare l’altro ragazzino. Cae lo guardò “Dobbiamo correre a chiamare il maru e raccontargli tutto! Chiamerà gli altri sacerdoti e purificheranno questo posto… e anche noi!” Portarono con loro la spada e tornarono indietro di corsa. Urlavano e correvano verso la casa del ministro di culto facendo un gran trambusto tanto da trascinarsi dietro una piccola folla di curiosi.

Batterono il pugno alla porta svariate volte fino a che, molto lentamente, un servo imbacuccato nel suo mantello di lana pesante, tirò fuori appena la testa per vedere chi fosse; evidentemente proveniva da un luogo ben più caldo rispetto a ciò che prometteva  quella rigida giornata invernale.

“Andate via scocciatori!” Tagliò corto vedendo innanzi a sé quei due ragazzini.

“No, aspetta, dobbiamo parlare con il tuo signore”

“Il maru non ha tempo da perdere con i mocciosi come voi!” E richiuse loro la porta in faccia.

Fu così che i due ricominciarono a bussare, a chiamare e ad urlare.

In realtà il ministro non è che fosse propriamente occupato in qualche faccenda di particolare importanza: se ne stava beatamente accomodato sulla sua sedia più grande, come se fosse su un trono, con il sedere e la schiena appoggiati su vari strati di cuscini morbidi, una bella e corposa coperta di lana sulle ginocchia ed i piedi al calduccio posizionati sotto il treppiedi che sorreggeva più in alto il braciere acceso; un servo gli stava arricciando i capelli con il ferro caldo mentre lui rimirava l’opera allo specchio.

Quell’inatteso trambusto però lo infastidì e mandò a chiamare Spurie, il servo che poco prima aveva aperto la porta di ingresso.

“Che cos’è questo baccano?”

“Due ragazzini signore… il figlio del bracciante di Hirumina e quello di Tlesnei la lavandaia” rispose timidamente Spurie.

“E che vogliono?”

“Hanno detto che volevano parlare con te, padrone…”

“Dì loro di smetterla!” disse manifestando fastidio con un gesto eloquente della mano.

“Già fatto ma non demordono… devo prendere il bastone?” chiese pregustando una sorta di compiacimento Spurie.

Intanto i due avevano cominciato a gridare ancora più forte e qualche frase sconnessa oltrepassava i muri, arrivarono alcune parole come “maledizione”, “morto”, “ maleficio”, “disgrazia” e a loro si erano uniti anche alcuni passanti, ai quali avevano raccontato a grandi linee la storia.

Il maru sbuffò “No, ci penso io… falli entrare!”

“Come?”  Spurie credette di non aver capito bene.

“Sei sordo? Ho detto di farli entrare!”

Accomiatò l’acconciatore che non aveva completato ancora l’opera, si tolse la coperta dalle ginocchia e si dette una parvenza di autorità.

Dopo pochi istanti, i bambini furono al suo cospetto, il timore reverenziale li aveva resi alquanto timidi. Cae alzando lo sguardo trattenne a stento il sorriso, perché il maru aveva metà testa riccia e metà arruffata.

Questi si schiarì la voce e tuonò “Allora che cosa è successo di tanto tremendo da dovermi disturbare durante le mie faccende mattutine?”

Parlò Laspa, poiché Cae ormai non poteva guardarlo senza ridere.

“Abbiamo trovato un morto al margine del bosco… ha con sé uno scrigno e nello scrigno ci sono le ceneri di un altro morto! E queste ceneri si sono rovesciate in terra e addosso a noi!”

“Si!” Intervenne Cae esagerando un po’ “volevo toccare il bauletto ma quando mi sono avvicinato si è scatenato un vento forte… ma così forte e impetuoso che ne ha aperto il coperchio e il contenuto si è sparso per l’aria… un prodigio… una maledizione!” Laspa gli diede una gomitata.

“ Un vento impetuoso eh?” Il maru li osservò sospettoso “Sapete che punizione gli dei riservano ai ragazzini bugiardi?”

“No… giuro su tutto il gregge di pecore che pascolo ogni giorno che è la verità! Il vento è una bugia… lo scrigno l’ha fatto cadere Cae… ma tutto il resto è vero!” affermò Laspa guardando negli occhi il maru per convincerlo che non stava mentendo.

“Bell’amico sei!” gli rispose l’altro ragazzino rabbioso.

Il ministro li osservò un attimo, si mise le mani sui fianchi e si fece severo: “Io invece non vi credo per niente, adesso manderò a chiamare i vostri rispettivi padri e ordinerò loro di punirvi qui davanti a me… così vi passerà la voglia di mentire!”

“Non stiamo mentendo! Il morto aveva con sé anche questa!” Esclamò Cae estraendo da sotto il mantello la spada.

Il maru gliela strappò di mano, la estrasse dal fodero e la rimirò in tutta la sua splendida bellezza ma un momento dopo, il suo sguardo si allarmò.

Si soffermò sul simbolo zoomorfo sull’elsa “Il tauro…” borbottò, “ l’ultima volta che ne ho vista una simile fu più di vent’anni fa… Dove l’avete trovata?”

“L’ho già detto! Ce l’aveva il morto!” Ribadì Cae.

Il maru, rimise la spada nel fodero e chiamò senza esitare i suoi servi.

“Portatemi gli indumenti per uscire, chiamate l’augure e che almeno uno dei sacerdoti del tempio di Tinia venga con me! Spurie! Distruggi questa spada, rendila inservibile, fondila se puoi, nessun altro deve vederla poiché reca un simbolo maledetto! Quando tornerò mi accerterò che tu l’abbia fatto!”

Dopo poche ore, il rito di purificazione del luogo era compiuto, due montoni furono sacrificati al capo supremo degli dei ed il tizio sconosciuto fu sepolto in una misera fossa insieme al suo scrigno entro il quale era stato radunato sommariamente il contenuto.

A Laspa ed a Cae fu proibito di parlare a chiunque di quella spada altrimenti le sciagure più terribili sarebbero cadute su di loro e sulle loro famiglie. Ai due, spaventati, non rimase che ubbidire e strinsero con il sangue il patto di silenzio.

Tutti i racconti

2
3
9

L’uomo all’angolo della strada

31 July 2021

Era lì Ogni stramaledetto giorno di quella sua esistenza Lì In quell’angolo di via Tra la Quinta e la Sesta Avenue Mi alzavo molto presto la mattina E tirando la tendina del mio appartamento lo vedevo E non capivo Non capivo cosa lo spingesse a fare tutto ciò Provavo a volte rabbia e a volte pena [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Sono rimasto colpito, anzi estremamente colpito da questa pubblicazione. "L'uomo [...]

  • Patapump: grazie Betty per la tua lettura e lo sprono di inserirci ulteriore trama..detto [...]

1
2
8

Unicorno

Block notes

31 July 2021

Unicorno Tu sei la mia forza interiore; la mia ultima speranza. L’obiettivo categorico. Mi ispiri- sempre- verso un’esistenza migliore. Parole d’Amore per te. Speciale alchimia di sentimenti. Ancora una volta, lasciatelo sussurrare, bisbigliare dietro le orecchie. L’unicorno esiste. Colmo di ardore, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
9

VITA e OPERE di Esaù - 3/3

30 July 2021

Il 1958 per Esaù fu un anno di svolta. Compiva quarant’anni (età all’epoca considerata piuttosto insolita per uno scapolo), ma il problema era ben altro. Il nostro eroe, assolutamente refrattario a legami sentimentali e ancor più alla famiglia, era tuttavia attratto dal gentil sesso. Il che [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
13

Amor America

30 July 2021

America è il cuore che riempie le mie vene le radici della mia terra lontana America mi amor Amor America Sono un canto in carne viva sono le alture della mia cordigliera sono Poesia e versi nel vento parole di allegria parole di dolore un nome scomparso di desaparecido un grido nell'arsura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
7

VITA e OPERE di Esaù - 2/3

29 July 2021

Esaù era discretamente bravo anche nei servizi fotografici per matrimoni e prime comunioni, immortalava spose con l’aria sognante e comunicande sulla strada della santità. Il suo problema, però, era una certa incostanza, per cui talvolta impiegava mesi per consegnare un album di nozze o sviluppava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
10

Lemma D'amore

Poesia

29 July 2021

Lascio che sia il cuore a scrivere le parole dell’anima. Lascio che siano le emozioni a dare colore a quello che sento, mentre vivo ciò che affiora nella mente mentre domina il destino che creo giorno dopo giorno accanto a te che sei l’unica ragione di gioia nella vita mia. Così, nella bellezza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
8

VITA e OPERE di Esaù - 1/3

28 July 2021

Alfredo ed Esaù si conobbero nel 1948 a Livorno. Il primo si recava spesso lì come rappresentante di commercio, mentre il secondo vi era nato e vissuto. Nato in un’ottima famiglia di avvocati e notai, ma, come il suo biblico omonimo, aveva praticamente venduto la sua primogenitura in favore del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
12

Primavera

Istantanee

28 July 2021

Primavera Un concerto. Un rifiorire di rose e di mimose, lobellie e calibracoa. La natura nella nuova stagione si risveglia al canto delle gazze, dei merli, cingallegre e con gli stormi di passeri cinguettanti. Gli alberi buttano nuove gemme. Le ortensie rosa e lillà vantano foglioline e germogli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
7
17

Piscatura

27 July 2021

Li piscatura, sì! ’Iddi sunnu li riordi, ìddi sunnu la Storia ri stu ranni Mari Nostru. Talìali, talìali ‘nta ll’occhi ascùta lu cori, ascùta lu cantu. Lu sciloma, cantu ri mattanza, léggiu comu ‘na cantilena, cantu ri milli priéri! Lu cantu spiranzusu arriva rittu all’autra spunna, all’Africa. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Per Giuseppe: mi fa piacere che anche tu abbia apprezzato la parte finale.
    in [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Adribel, grazie per aver speso qualche minuto di letture nel leggere il mio [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
6

Si va in scena nella pasticceria

27 July 2021

“ Si va in scena nella pasticceria “ (maggio 1975) 1 Una coppia entra in pasticceria. Lui, un uomo basso di statura ed un po’ tracagnotto, dal viso quasi completamente nascosto da un paio di occhialoni, ha tutta l’aria di chi sta già divorando [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
3
10

Scioperi selvaggi

26 July 2021

Salve: mi chiamo Schopenhauer e sciopero perché sono contrario all'uso della sciolina per gli sci, agli show in TV con le sciacquette, ai pagamenti con gli cheques, ai giocattoli della Shuco e agli scioperi selvaggi alla Chevrolet! Sono uno sciovinista sciupafemmine ma recentemente frequento una [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Ciao Betty: soddisfatto dal tuo mi piace, mi farò una sciampo...

  • Betty: 🤣🤣 direi che ci divertiamo con poco... che non è poi così poco [...]

3
4
20

La proposta

Le indagini di James

26 July 2021

Non importava se l’aumento dello stipendio se ne andava tutti i mesi al gioielliere, non importava se doveva rinunciare ancora alla sua pizza bianca e neppure gli importava più di arrivare con le tasche vuote al giorno trenta (o trentuno); doveva decidersi: avrebbe chiesto la mano di Jenny ad ogni [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Adribel: Piacevole episodio descritto in modo semplice ma colorito. Incrocio le dita [...]

  • Betty: Il PC non si accende più 😭😭😭😭😭

Torna su