Se permetti, vorrei qualche  minuto del tuo orologio, per raccontare la storia di un uomo che si ritrovò senza una casa decente da poter  mostrare e senza un portafogli da poter aprire, per comprare qualcosa che non fosse strettamente necessario. 

Con la barba trasandata e con i capelli da acconciare, Luigi girava da una parte all'altra della città. Chilometri di strada camminati dalla periferia, fumosa e grigia, al lungo fiume, con i suoi prati verdi e ben curati, e con i suoi lampioni liberty. 

Camminava, camminava Luigi, per non restare seduto sulla lancetta delle ore, a guardare girare quella dei minuti, in senso antiorario, su una circonferenza da cui affioravano archi di memoria di un passato in cui le giornate avevano la mattina e il pomeriggio occupati dal lavoro e la sera e i fine settimana da spendere in una vita normale, con i suoi punti interrogativi, ma anche con suoi punti fermi. 

Si muoveva, si muoveva Luigi, per mettere l'affanno ai pensieri, per zittire quelli con le unghie affilate che gli graffiavano le cicatrici per ferirle di nuovo! Quei pensieri che lo tormentavano, che avrebbe sputato nelle fauci di un cratere dalla lava incandescente, se fosse riuscito a masticarli e non solo ad averne in bocca l'amaro sapore.
Da quando aveva perso il lavoro, Luigi aveva smarrito anche se stesso. Non si guardava più allo specchio; rifuggiva le vetrine che incontrava per la strada; persino, quando incontrava qualcuno con gli occhiali, abbassava o girava la testa, per non rischiare di vedersi riflesso nelle lenti.
Non si era dato subito per vinto, Luigi. Si era sbattuto a destra e a manca, con l'intento di accettare qualsiasi lavoro, qualsiasi orario, qualsiasi mansione. All'ultimo colloquio di lavoro, gli avevano detto che le referenze erano buone, ma per l'età che aveva, non se ne faceva niente, come se fosse stata colpa sua essere nato prima e non dopo una certa data.
A poco a poco, si era dovuto rassegnare che la sua realtà era quella di dover fare i conti con quel poco che aveva, per non trovarsi a chiedere la pietà in giro.
Però, gli era deprimente subire gli sguardi di commiserazione, che gli piovevano addosso come grandine appuntita, dovunque andasse; gli era disarmante accorgersi che la sua voce, per quanto normale, arrivasse debole, fiacca, addirittura muta agli orecchi della maggior parte delle persone, perché l'abito lo faceva sembrare un mendicante e questi emette suoni che non hanno dignità di essere ascoltati.
La perdita del lavoro aveva influito anche nel rapporto sentimentale. La compagna lo aveva lasciato, non sopportando più gli scatti di nervosismo, spesso fuori luogo, a cui egli si lasciava andare. Un litigio e via di casa, a doversi cercare una sistemazione in una locanda, in un vicolo buio e  stretto di un quartiere ai margini della periferia.
Un letto, in una fila di quattro, con altrettanti comodini dalle antine che battevano sugli stipiti, anziché chiudersi del tutto, e con i cassetti che si incagliavano nello scorrere in avanti e che opponevano resistenza nel farsi tirare. Un armadio, diviso in quattro scomparti, che non sarebbe bastato ad una sola persona, se avesse avuto un po' di roba più dell'essenziale da riporre dentro. 
L'esterno della finestra senza cielo che, però, si sarebbe potuto vedere, se si fossero riusciti a lanciare gli occhi oltre i balconi che si arrampicavano per la facciata del palazzo.

In quella domenica di Pasqua, c'era una folla di veicoli, parcheggiati anche sui marciapiedi, e un traffico di gente che tappezzava le strade del centro con i loro vestiti della festa e con i variopinti involucri delle uova di cioccolato.
Luigi prese subito il viale, a ridosso delle mura antiche della città.
La sua notte era trascorsa tra l'alternarsi di brutti pensieri, che lo avevano tenuto sveglio, e la stanchezza, che lo aveva fatto dormire, prima che i pensieri riprendessero il sopravvento.
Aveva una lampada accesa, quel giorno, su un unico pensiero che, per quanto cercasse di far rotolare nell' ombra, la luce lo teneva prigioniero: un ritornello che gli ripeteva quanto fosse carogna la vita a dare un po' di respiro, per toglierlo di botto, per fare più male. Prima, una vita decorosa e, dopo, la crisi economica che gliela aveva tolta. Già, era colpa della crisi, se si trovava in quelle condizioni, e allora? Non cambiavano gli effetti, sulla sua pelle. Ma, quel giorno, non era soltanto lo sfogo ad avere spago.
Quel giorno, le pale del mulino giravano controvento. La macina non pressava il grano per farne farina, ma i chicchi, che dalla tramoggia le cadevano addosso, faceva sbattere contro le pareti della cassa di raccolta, per frantumarli e basta.
Ad un certo punto, le mura lasciarono spazio al vecchio ponte che teneva insieme le due rive. Inciampando in una buca del selciato, Luigi si rese conto di avere le scarpe rotte. Se le guardò, pensando che non poteva più camminarci dentro.
Fu la goccia che, cadendo, si tirò dietro tutto il resto.
Appoggiato al parapetto del vecchio ponte, cominciò a piangere. Il fiume raccoglieva il suo pianto, mentre il sole lo fotografava ma non riusciva ad asciugarlo, perché un'altra lacrima scendeva a bagnare quella che era appena scesa.
Il traffico scorreva, veloce e fermo, seguendo il ritmo dei colori del semaforo. 
Il ponte era alto abbastanza, per buttarsi in un tuffo senza ali. Luigi ci mise un attimo a pensarlo e qualche secondo per prepararsi a farlo. Si passò una mano sugli occhi, per levare le lacrime e vederci meglio, e si piegò sulle gambe per darsi lo slancio.
«Perché piangi?», gli domandò un ragazza che si chiamava Marilù, che era nata con due occhioni blu che facevano rima con il suo nome. Due occhioni blu pieni di luce, ma che non potevano vedere, perché erano ciechi. 
Luigi la guardò, mentre ella picchiettava sul muretto con il suo bastone bianco, e le sorrise, rimettendosi dritto.
«Allora, perché piangevi?», insistette, senza pretesa di aver risposta.
«Per pulirmi gli occhi»
«Sai, anch'io lo faccio, quando sono stanchi di guardare solo se stessi e si sporcano di tristezza.» 
«Ti capisco. Io lo faccio, quando vedo nero. Oh, scusa non volevo...»
Marilù non ci diede peso: «Mi aiuteresti ad attraversare la strada, perché non ho voglia di arrivare fino alle strisce pedonali e non mi fido a farlo da qui. Ti dispiace?», disse con una dolcezza tale che sarebbe stata una grande perdita, non averla potuta ascoltare.
«Non c'è problema, lo faccio volentieri», rispose Luigi, affrettandosi a scendere dal muretto.
«Lo sai che è pericoloso quello che hai fatto e che potevi cadere di sotto?», aggiunse lei, prendendolo a braccetto.
«Hai ragione, non lo farò più», rispose Luigi, nascondendo la commozione di quel contatto pieno di calore.

Lungo il viale, i tamerici parevano dame vestite di rosa che salutavano con riverenza.
Le mura antiche erano alte, ma non tanto da nascondere il cielo, che bastava alzare la testa per vederlo.

tratto da "qualche minuto d'orologio"
di ardoval 

Tutti i racconti

16
21
74

Il Re spodestato

16 May 2021

Dopo quarant'anni, il Re venne finalmente spodestato. Seguì la stessa sorte il Re che lo sostituì. Un altro Re subentrò, e in egual modo finì per essere spodestato, precisamente dal primo Re, successivamente rispodestato dal secondo. Innumerevoli Re, continuarono a spodestare e a spodestarsi, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Attualmente molto attuale. Mi ricorda vagamente qualcuno ai piani alti, il [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Betty, grazie per il commento, il mio intento era principalmente quello [...]

3
3
9

Un grido soffocato dall'alcol

16 May 2021

Che cosa succede quando smetti di lottare per i tuoi sogni? Che cosa accade quando ti senti lontana dalle persone che ti circondano? Quando ti senti diversa e sbagliata? Che cosa succede quando smetti di credere all’amore, all’amicizia e alla felicità? Se decidi di rifiutare i valori che la società [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Non tutti si ubriacano, magari hanno trovato soluzioni diverse ma simili allo [...]

  • Sabrina Fontanini: L'introspezione è uno dei miei caratteri distintivi ad ogni modo, [...]

1
1
7

Raggi x

16 May 2021

“Vada avanti, quando vede i primi ascensori non si fermi, vada avanti fino ai prossimi, sono tre, prende quello al centro, scende al piano terra, trova delle strisce colorate sul pavimento, segua quella gialla e arriva a radiologia”. Fabio ringrazia, si avvia ripetendo a mente le indicazioni dell’usciere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
10

Il duro lavoro ripaga sempre o qualcosa del genere boh che ne so

15 May 2021

Aveva i capelli scuri e una situazione economica non troppo brillante. Il padre gli aveva permesso un solo svago e lui, che quando aveva appena cinque anni aveva attaccato al muro un poster di Federer, aveva scelto il tennis. Frequentava il corso intermedio, quello destinato ai ragazzini nell’età [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
6
13

Cosa senti

15 May 2021

Cosa sente il tuo cuore E cosa dicono le tue mani fredde I tuoi “niente” ed i tuoi celati perché I tuoi “no” e le attese di vane risposte I tuoi occhi potrebbero dire tutto se solo volessero Ma si limitano a brillare, confondendo o incuriosendo Cammini veloce per fuggire da scomodi passati Rallenti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: hei Walt grazie, e alla prossima bevuta da una una pinta di Rum :)

  • Walter Fest: Lunedì, Pata, ci rivediamo Lunedì.....sai che ti dico?.....Anzi [...]

2
3
15

ALL'UFFICIO POSTALE

15 May 2021

È un tardo pomeriggio di primavera: si avverte quel tepore che annuncia l'estate; l'aria più luminosa spinge le persone ad uscire di casa. Attratto dalla bella atmosfera, Nicola ha deciso di dare un impegno purchessia alla sua giornata di pensionato: pagare una bolletta, nonostante abbia diversi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

3
2
13

Un Tocco Sensualmente Ambiguo

14 May 2021

Lui, elegante con quel suo atteggiamento smargiasso, indusse la giovane donna a prenderlo a schiaffi ma anche a prenderlo a suon di baci, poiché più lui la stuzzicava mentalmente, più era viscerale per lei l'impulso di quel bagliore malizioso che l'uomo emanava nel suo fascino contorto, mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
7

Giuvanne di Castelcivita

14 May 2021

-‘A distanza tra lu punto A e lu punto B s’ammesura cu la vitamina C!- Questa era una delle massime di Giovanni Santoro, un “indigeno-scemo del villaggio” di Castelcivita, un piccolissimo borgo del Cilento, in provincia di Salerno, “appeso” in collina, a ridosso dei Monti Alburni e conosciuto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Adribel: La lettura non è molto agevole, penso anche la scrittura. Complimenti

  • Patapump: dialetto del cilento non conoscevo in questa forma, distante dal mio, ma si [...]

2
4
18

Un libro fortunato

Racconto metafisico

14 May 2021

Il nastro trasportatore procede a scatti, senza grazia, senza eleganza e senza pietà. Tra un po' toccherà a me entrare in quel buco nero. Non so se sarà la fine o se sarà un nuovo inizio. Misteri del riciclaggio! Ma per non sbagliare, intanto, comincio a raccontarvi la mia storia. Sono un libro [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

11
14
60

Un Natale per sette fratelli

13 May 2021

Svegliarsi presto la mattina per andare a lavorare rappresentava la solita ed inevitabile routine, ma quel giorno era Natale. I sette fratelli saltarono dai loro letti con gioia ancor prima che il sole apparisse all'orizzonte. Persino il fratello più brontolone, appariva di buon umore. I sette [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Specchio specchio delle mie brame...
    Biancaneve ruba la battuta alla strega [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Betty, grazie per il tuo simpatico commento, non mielato ma meloso. :D [...]

3
6
14

Una trasferta inaspettata - 2/2

Le indagini di James

13 May 2021

Lesse: “Non cercatemi per un po’. Non scomodate la Sciarelli a Chi l’ha visto! Ho bisogno di staccare la spina e… devo scrivere! Betty” Tutto lì. Betty?! Chi era Betty? “Allora?” Fecero in coro tutti. “Niente. Niente di niente. Però si firma Betty non Elis Pop.” “Betty?!” Disse in coro la banda [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Betty: 🤣🤣🤣 Walter, te la confessero' tra un paio di settimane, facciamo il [...]

  • Walter Fest: Betty non te l'ho già detto ? Sei mitica!!! ! Riguardo lunedì [...]

4
11
20

Wish you were here

Per gli amanti dei Pink Floyd, come immagino un ultimo incontro tra Syd Barrett e Rick Wright

13 May 2021

Psst lo vuoi un consiglio? Psst lo vuoi un consiglio? Psst lo vuoi un consiglio? Una voce acuta e martellante continuava a ripetergli quella frase, cercò di ignorarla, ma era come quando un disco s’incanta sul giradischi, si portò le mani alla testa tra i capelli scarmigliati, con la speranza [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • ducapaso: Sabrina, ti confermo che questo racconto è buono, soprattutto per l'argomento [...]

  • Sabrina Fontanini: Ducapaso, grazie per il tuo commento è stato uno dei miei lavori più [...]

Torna su