"Bene ragazzi, adesso prima di finire la lezione voglio avvertirvi che fra una settimana metteremo in atto il nostro primo intervento."

Il corso di non violenza quel giorno era già giunto al suo termine. Il tema del giorno era stato la guerra.

Come si combatte una guerra? La violenza genera solo altra violenza? Ma soprattutto, nel mezzo di una guerra alla fine si desidera sempre ritornare alla pace, giusto?

Risultato: la guerra era un continuo ciclo che si ripeteva sempre a causa di diversi criteri e dalla mancanza di pace.

L'equilibrio si spezzava e la violenza incombeva.

"Ci aggiorneremo nuovamente per organizzare al meglio il nostro progetto.", riferì l'insegnante Camila entusiasta prima di uscire e salutare i ragazzi.

 

10 minuti dopo

 

"Allora, com'è andato il corso oggi?"

"Tutto tranquillo. Dobbiamo preparare l'intervento per la prossima settimana, credo che dovremo capire bene il tema da scegliere."

Camila e il direttore Felipe si ritrovavano spesso ultimamente nel bar della residenza per parlare del corso, e la cosa ancora più stupefacente era che anche altri insegnanti e studenti di altre classi, grazie alle continue pubblicità scritte sul giornale scolastico da Valeria, ormai si univano.

"Tutto il resto come va?", domandò Felipe osservando Camila.

Ma prima che potesse rispondere Agustín insieme a Rocío, due degli studenti di Camila, arrivarono con una faccia preoccupata.

"Che cosa succede Agustín?"

"Non avete sentito? Una guerra! Qui scoppia davvero! Abbiamo dei rifugi tipo antimissili, vero?"

"Di cosa stai parlando?", domandò Felipe accigliato.

"Guardi qua!"

Rocío mise un giornale davanti ai visi stupiti di Camila e Felipe.

"Una guerra senza precedenti giungerà presto... sarà una terza guerra mondiale?", leggeva Camila a voce alta.

"Ragazzi calmi, non sappiamo neanche se sono notizie vere o manomesse dai media."

Rocío e Agustín non sembravano comunque rassicurati.

 

"Dobbiamo fare qualcosa prima che la notizia si sparga e il panico prenda il sopravvento."

"Non dobbiamo allarmare troppo gli studenti!", esclamò l'insegnante di geografia.

"Ma neanche nascondergli la verità!"

"Non si tratta di nascondere la verità, ma di non far generare il panico."

Ma le notizie come sempre si dilagavano a vista d'occhio e in men che non si dica tutta la scuola ne era al corrente. I ragazzi sembravano tutti essere spaventati, anche per continuare le lezioni o le loro normali vite.

 

"Dai ragazzi dobbiamo concentrarci!", cercava di esortarli Camila con l'aiuto del direttore.

"Come possiamo calmarci? E se ci cade una bomba adesso in testa?", esclamò Jaime impaurito con Candela che non lo mollava un attimo.

Tutti si dissero d'accordo con Jaime, spaventati dalla situazione.

"Niente ci succederà!", rispose Felipe.

"Ascoltatemi, c'è bisogno di reagire e continuare con le nostre vite. Non perdere l'incanto e non sentire paura. Luz fai qualche foto e organizza una mostra, Rocío unisciti con la banda e componete, Pablo continua il corso di Tai Chi. Che ognuno riprenda in mano la propria vita."

Tutti sembravano troppo increduli per reagire.

"Cioè... mi faccia capire... il mondo cade a pezzi e noi dovremmo metterci a fare foto e a cantare?", domandò Maia sentendo puzza di presa in giro.

"Sentite, non ci guadagnate nulla a farvi vincere dalla paura. Lei è come un disincanto. E non sto dicendo che dobbiamo vivere come dentro a un sogno, dentro a una bolla, ma lasciarci il diritto di vivere la nostra vita tale e quale come noi vogliamo. Se vi fate vincere dalla paura adesso è finita, la vostra vita è finita. E dovete vivere anche se questi malati tirano bombe e distruggono il mondo."

"Se perdete l'incanto con la vita e vi lasciate sopraffare dall'arma peggiore di questi considerati i cattivi della storia siete, siamo, solo una generazione disincantata, con la vita, con il futuro. Sentiamo di non avere più speranze, perdiamo la fede, l'iniziativa e la voglia di cambiare. E di lottare, sì, lottare per cambiare. Non è vero quando vi dicono che non si può fare nulla. E difenderci cercando di trovare altri sistemi."

Gli studenti si guardarono presi dal discorso di Felipe.

"Una generazione disincantata è come una generazione di morti in vita e questo vuol dire stare al loro gioco.", riprese Camila.

"Avete bisogno di ribellarvi in un certo modo e di non sentirvi inutili, di scoprire nuovamente quali sono i fattori importanti come il diritto di vivere la vostra vita e realizzare i vostri sogni. Di questo ha bisogno la generazione di oggi. Convincersi che tutto si può fare. E possono dirti che invece nulla è possibile, che questo bisogna accettare, che niente può cambiare. Sta dunque a voi dimostrare il contrario perché fidatevi che non è come vi dicono. Oltre il disincanto c'è la vostra vita, i vostri sogni e se non ci pensate voi qualcun altro se ne approprierà. E mentre tutti questi disastri fanno credere che nulla ha senso, che ti fanno convincere di vivere in una generazione disincantata, voi qua siete invece un'altra generazione: quella incantata con la vita e con la realizzazione dei propri sogni. Ragazzi nessuno vi dice di fingere che nulla accada perché tante cose succedono nel mondo, ma dovete avere la forza di rialzarvi e di proseguire il vostro cammino con coraggio."

I ragazzi sorridevano e forse un po' dell'incanto ritornava dentro di loro.

"Adesso tutti a prepararsi per l'intervento creativo contro coloro che ci vogliono mettere i bastoni fra le ruote!", esclamò Camila raggiante come sempre e trovando il progetto adatto ai studenti.

E detto questo ognuno dei ragazzi e delle ragazze dell'intera scuola si preparavano a mettere a disposizione i loro talenti per dimostrare al mondo che loro non si sarebbero arresi e che avrebbero dato spazio alle loro importanti voci.

 

Che l'intervento creativo abbia inizio.

 

https://www.youtube.com/watch?v=G-DoV-cs3jo

Tutti i racconti

0
0
2

Giù dalla torre

25 November 2020

Subito dopo lo stacco pubblicitario. - Allora signor P., tutto bene? Dai, che sta andando benissimo. - - Sì, ma le domande... non pensavo fossero così difficili! - - Beh, il programma lo conosceva già, giusto? - - Già, però un conto è vederlo in televisione come semplice spettatore e un conto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

Viaggio in Toscana -1/2

25 November 2020

Rientrai a casa quel pomeriggio più presto del solito. Il mio lavoro di ricercatrice nel campo della bioedilizia mi permetteva di avere ampi spazi di libertà. Erano i miei studi mirati alla ricerca di materiali compatibili con l’ambiente, nell’ambito delle costruzioni. Questa materia era stata [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
4
22

Io so tutto, io non so niente

(Eu sei tudo, Eu não sei nada)

24 November 2020

Di una cosa sola era sicura: che tante cose noi sappiamo. Di tante questioni siamo a conoscenza. "Tu che cosa sai?", domandarono. "Tante cose io so.", rispose. E in quel momento si lanciò in una e mille spiegazioni. "So di psicologia, comprendo il linguaggio del corpo. So di astronomia, so di chimica, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
5
17

Frutta martorana e Ossa di Morto

24 November 2020

Durante il periodo di Ognissanti e la Festa dei Morti nelle pasticcerie e nei bar risulta onnipresente la frutta martorana, dolci tradizionali che simboleggiano, nonché ricreano, i frutti tipici siciliani: mandarini, limoni, arance, fichi d'India etc, prodotti morbidissimi realizzati con la pasta [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: quanto mi piacciono le storie familiari...alle prime righe ero già [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: avendo anche un lato romantico e quindi dolce, uno scritto sui dolci [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
4
18

Diversa da chi

23 November 2020

Diversa da chi Come te riesce a camminare Diversa da chi Come te riesce da sola a ballare Diversa da chi Non ama rispettare E all’occorrenza riesce a calpestare Diversa da chi Non sa apprezzare le mie diversità Facendomi del male Sono diversa perché Riesco ad ammirare il bello della vita Che mi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
11

Chi ha rotto il vetro della finestra?

È solo un gioco da ragazzi

23 November 2020

Ciao a tutti eccomi di nuovo amici lettori a parlarvi di calcio per un mio dipinto ispirato a un lavoro fotografico dell'artista Neville Gabie, è la mia reinterpretazione di un luogo dove qualcuno in Irlanda del Nord ha usato un vecchio muro per fare un porta da calcio, nell'immagine non ci sono [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: a walteruccio non ne caspic ncas di calcio quindi mi fido delle formazioni [...]

  • Walter Fest: Scilipò grazie mille, quello che hai letto è la prima partita, [...]

2
3
16

Mario, Biagio e gli odori (Biagio) - 2/2

Estratto da un romanzo in costruzione - Pag 48

22 November 2020

Biagio annusa l’aria uscendo da casa. S’incammina per via San Jago e poi taglia per una stradina laterale. Gli immobili bassi che si volevano moderni appena pochi anni fa si fondono con le case in pietra della città vecchia. Poco a poco diventano un tutt’uno indistinto, confuso nella stessa meschinità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
9
24

Le cento candeline

22 November 2020

“Sei troppo lento, sbrigati con ste' candeline!", bofonchiò Carmine a Tonino, suo fratello. Alcuni minuti dopo Salvatore, il figlio di quest'ultimo, prese l'accendino e, ad una ad una, accese i cento piccoli cerosi colorati collocati sopra la grande torta di compleanno di Maria, la bisnonna. “Su, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Ti avevo già fatto i complimenti tempo fa per quella serie di six word, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Caro Walter, cento di questi commenti. Mi mancava la ciliegina sulla torta [...]

4
4
18

Entra

21 November 2020

-Bada dove poggi i piedi Qui non devi aver fretta- -Che ci faccio qui? Non conosco questo posto! Ricordo fossi seduto sulla panchina. Sì, di quelle che corrono lungo il Tower Bridge. Guardavo il fiume e battelli colmi di turisti. Forse ero anche felice. Ricordo che sorridevo ma non ne sono molto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Pata, scritto bene che acchiappa il lettore....devo chiedere aiuto a [...]

  • Patapump: ..grazie Sara, Giuseppe e Walteruccio. C'è un momento nella vita [...]

3
2
12

Mario, Biagio e gli odori (Mario) - 1/2

Estratto da un romanzo in costruzione. Pag 34

21 November 2020

Le vecchie case hanno un odore tranquillizzante. Modeste e squadrate, nessuno vi fa caso né le osserva con l’invidia di chi sogna una bella abitazione. Resistono inosservate per moltissimo tempo finché un escavatore non le demolisce per far posto a un palazzone nuovo di zecca. L’infanzia di Mario [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
11

Un' estate ardente

20 November 2020

Avevamo lasciato le valigie a mezzogiorno e ora stavamo camminando per la strada in cerca di visi sconosciuti, con le orecchie e gli occhi protesi su la gente e sulle vetrine. A Portal de l’Àngel e giù verso il quartiere Raval potevi trovare i migliori souvenir, nell’Eixample le boutique d’alta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao mysterywhiteboy, un bel racconto il tuo, tra le varie cose mi viene naturale [...]

  • mysterywhiteboy: allora se la pizza è il tuo piatto preferito ti aspetto a Napoli quando [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
4
19

C'è una casa dimenticata sulla collina

e una missione da compiere

20 November 2020

In una strada, una delle tante di Roma, c'è una casa dimenticata sulla collina, è lì da tanti anni e da quella collina vede le macchine andare su e giù, è una casa dimenticata, sicuramente abbandonata, è isolata e senza finestre. Oggi per voi amici lettori voglio andare a vedere quella casa dimenticata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: Ragazzi miei, sono le ore 22,00 e tutto va male, sono sassofonato di brutto [...]

  • Walter Fest: Scilipò è bello avere con te una sintonia cosmica involontaria [...]

Torna su