"Bene ragazzi, adesso prima di finire la lezione voglio avvertirvi che fra una settimana metteremo in atto il nostro primo intervento."

Il corso di non violenza quel giorno era già giunto al suo termine. Il tema del giorno era stato la guerra.

Come si combatte una guerra? La violenza genera solo altra violenza? Ma soprattutto, nel mezzo di una guerra alla fine si desidera sempre ritornare alla pace, giusto?

Risultato: la guerra era un continuo ciclo che si ripeteva sempre a causa di diversi criteri e dalla mancanza di pace.

L'equilibrio si spezzava e la violenza incombeva.

"Ci aggiorneremo nuovamente per organizzare al meglio il nostro progetto.", riferì l'insegnante Camila entusiasta prima di uscire e salutare i ragazzi.

 

10 minuti dopo

 

"Allora, com'è andato il corso oggi?"

"Tutto tranquillo. Dobbiamo preparare l'intervento per la prossima settimana, credo che dovremo capire bene il tema da scegliere."

Camila e il direttore Felipe si ritrovavano spesso ultimamente nel bar della residenza per parlare del corso, e la cosa ancora più stupefacente era che anche altri insegnanti e studenti di altre classi, grazie alle continue pubblicità scritte sul giornale scolastico da Valeria, ormai si univano.

"Tutto il resto come va?", domandò Felipe osservando Camila.

Ma prima che potesse rispondere Agustín insieme a Rocío, due degli studenti di Camila, arrivarono con una faccia preoccupata.

"Che cosa succede Agustín?"

"Non avete sentito? Una guerra! Qui scoppia davvero! Abbiamo dei rifugi tipo antimissili, vero?"

"Di cosa stai parlando?", domandò Felipe accigliato.

"Guardi qua!"

Rocío mise un giornale davanti ai visi stupiti di Camila e Felipe.

"Una guerra senza precedenti giungerà presto... sarà una terza guerra mondiale?", leggeva Camila a voce alta.

"Ragazzi calmi, non sappiamo neanche se sono notizie vere o manomesse dai media."

Rocío e Agustín non sembravano comunque rassicurati.

 

"Dobbiamo fare qualcosa prima che la notizia si sparga e il panico prenda il sopravvento."

"Non dobbiamo allarmare troppo gli studenti!", esclamò l'insegnante di geografia.

"Ma neanche nascondergli la verità!"

"Non si tratta di nascondere la verità, ma di non far generare il panico."

Ma le notizie come sempre si dilagavano a vista d'occhio e in men che non si dica tutta la scuola ne era al corrente. I ragazzi sembravano tutti essere spaventati, anche per continuare le lezioni o le loro normali vite.

 

"Dai ragazzi dobbiamo concentrarci!", cercava di esortarli Camila con l'aiuto del direttore.

"Come possiamo calmarci? E se ci cade una bomba adesso in testa?", esclamò Jaime impaurito con Candela che non lo mollava un attimo.

Tutti si dissero d'accordo con Jaime, spaventati dalla situazione.

"Niente ci succederà!", rispose Felipe.

"Ascoltatemi, c'è bisogno di reagire e continuare con le nostre vite. Non perdere l'incanto e non sentire paura. Luz fai qualche foto e organizza una mostra, Rocío unisciti con la banda e componete, Pablo continua il corso di Tai Chi. Che ognuno riprenda in mano la propria vita."

Tutti sembravano troppo increduli per reagire.

"Cioè... mi faccia capire... il mondo cade a pezzi e noi dovremmo metterci a fare foto e a cantare?", domandò Maia sentendo puzza di presa in giro.

"Sentite, non ci guadagnate nulla a farvi vincere dalla paura. Lei è come un disincanto. E non sto dicendo che dobbiamo vivere come dentro a un sogno, dentro a una bolla, ma lasciarci il diritto di vivere la nostra vita tale e quale come noi vogliamo. Se vi fate vincere dalla paura adesso è finita, la vostra vita è finita. E dovete vivere anche se questi malati tirano bombe e distruggono il mondo."

"Se perdete l'incanto con la vita e vi lasciate sopraffare dall'arma peggiore di questi considerati i cattivi della storia siete, siamo, solo una generazione disincantata, con la vita, con il futuro. Sentiamo di non avere più speranze, perdiamo la fede, l'iniziativa e la voglia di cambiare. E di lottare, sì, lottare per cambiare. Non è vero quando vi dicono che non si può fare nulla. E difenderci cercando di trovare altri sistemi."

Gli studenti si guardarono presi dal discorso di Felipe.

"Una generazione disincantata è come una generazione di morti in vita e questo vuol dire stare al loro gioco.", riprese Camila.

"Avete bisogno di ribellarvi in un certo modo e di non sentirvi inutili, di scoprire nuovamente quali sono i fattori importanti come il diritto di vivere la vostra vita e realizzare i vostri sogni. Di questo ha bisogno la generazione di oggi. Convincersi che tutto si può fare. E possono dirti che invece nulla è possibile, che questo bisogna accettare, che niente può cambiare. Sta dunque a voi dimostrare il contrario perché fidatevi che non è come vi dicono. Oltre il disincanto c'è la vostra vita, i vostri sogni e se non ci pensate voi qualcun altro se ne approprierà. E mentre tutti questi disastri fanno credere che nulla ha senso, che ti fanno convincere di vivere in una generazione disincantata, voi qua siete invece un'altra generazione: quella incantata con la vita e con la realizzazione dei propri sogni. Ragazzi nessuno vi dice di fingere che nulla accada perché tante cose succedono nel mondo, ma dovete avere la forza di rialzarvi e di proseguire il vostro cammino con coraggio."

I ragazzi sorridevano e forse un po' dell'incanto ritornava dentro di loro.

"Adesso tutti a prepararsi per l'intervento creativo contro coloro che ci vogliono mettere i bastoni fra le ruote!", esclamò Camila raggiante come sempre e trovando il progetto adatto ai studenti.

E detto questo ognuno dei ragazzi e delle ragazze dell'intera scuola si preparavano a mettere a disposizione i loro talenti per dimostrare al mondo che loro non si sarebbero arresi e che avrebbero dato spazio alle loro importanti voci.

 

Che l'intervento creativo abbia inizio.

 

https://www.youtube.com/watch?v=G-DoV-cs3jo

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
0
20

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
5
10

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
4
14

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Direi che Giuseppe ha detto tutto quello che penso dopo aver letto questo componimento... [...]

  • U1096: Grazie

3
1
9

La cassaforte - 2/3

Seconda parte

20 October 2020

Pur comprendendo la necessità del dottore di mantenere un distacco emotivo dall’efferatezza della scena, Rolando trovò quasi irrispettoso il suo identificare le vittime con dei numeri. Fece qualche passo per dare un’occhiata ai corpi. – Stia attento a dove mette i piedi! –, l’ammonì Milani. Il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Interessante come la prima parte!
    Aspetto il finale che m'incuriosisce [...]

4
5
25

L'Aquila e i 6 Avvoltoi

20 October 2020

Non passò molto che i 6 apparentemente candidi Culbianchi si mostrarono per quello che realmente erano: 6 tetri e infingardi Avvoltoi. A tradimento fecero capitolare l'Aquila, volteggiando beffardi sopra gli austeri monti. Il più perfido del gruppo, un mefistofelico Rosarias Cannizzus, si innalzò [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Sara: ti ringrazio un milione! Tosto il periodo e... tosto non poteva che [...]

  • Patapump: e come sempre tanto di cappello..nel parlare di te e delle tue vicende (a volte [...]

3
2
17

Vivere

20 October 2020

Bisogna succhiare e mordere la vita fino all'ultimo respiro. Stringere le mani a coppa per non far disperdere le emozioni. Spalancare gli occhi per riempirli di colori. Trasformare il cuore in una spugna e ritrovarsi in un abbraccio in cui disperdere tutto l'amore che è in noi Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia molto, molto significativa, da mettere letteralmente in pratica. Già, [...]

  • AmorLibre: Poesia breve, ma bella, e come dice Giuseppe molto significativa.
    In quelle [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
7
27

Sponsoredby

Incipit di un romanzo che mai finirò

19 October 2020

“Cominciò tutto nel lontano 1974, all’epoca di Nixon, l’epoca in cui l’America sembrava poter diventare la grande nazione che poi, di fatto, divenne... Ordina il set di pentole Magic Food, con i primi sei pezzi in omaggio e la teglia in ghisa direttamente a casa tua. Chiama lo 02.5151088. L’Italia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • V A N E S S I: Gouseppe, se mi conosci bene sai che sarcasmo ed ironia sono il mio pane quotidiano, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, allora siamo in due, ma questo già lo sai visto che hai avuto [...]

3
3
17

La cassaforte - 1/3

Prima parte

19 October 2020

Il commissario Rolando parcheggiò su uno spiazzo a lato della strada sterrata. Poco più avanti c’erano le volanti della scientifica e il carro mortuario. Un cofano di plastica era stato appoggiato sull’erba secca. Rolando, dopo una rapida occhiata, pensò che i becchini avrebbero dovuto fare altri [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
4
18

Ti cercavo

19 October 2020

Tra mille rigoli dell’acqua Tra il calar del sole e il comparir della luna In pagine di giornali che sapevano d’inchiostro Lungo viali alberati in compagnia di un cane Seduta ad un caffè mentre ti riscaldavi davanti ad una tazza fumante Ti ho cercato fra molte gambe e occhi che guardavano un orologio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: E vabbè ma poi l'hai trovata? e che profumo aveva? E oltre le gambe?..hahahahah....tutto [...]

  • Patapump: Grazie a tutti..... eh già senza amor proprio non si può stare. [...]

3
9
28

Er tabbaccaro

omaggio ad un poeta sconosciuto

18 October 2020

Fra tanti negozzi che fanno n'bòn servìzzio prìncìpàrmènte cè nè stà uno che nun tè fà perde er vizzio, stò negozzio dè merce cè n'ha tanta trovi pèrfino la carta pè n'pacchettà regali vari sìcùràmènte avète càpito bene dèntro stà bòttèga trovèrète àr primo pòsto dietro er banco sali e tabbacchi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Giuseppe, adesso capisco tutto, capisco perché fai delle recensioni [...]

  • Walter Fest: Aldo Viano, grazie di cuore per l'apprezzascion, per ora altro non ho, [...]

4
2
15

Senza Titolo

18 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un racconto o comunque un resoconto in formato narrativo da incubo. Il sussegursi [...]

  • Aldo Viano: Mi è piaciuto. Il racconto ti "immerge", nel senso che vorresti [...]

4
2
14

La mascherina

18 October 2020

Nessuna mascherina, nessun ingresso, nessuna uscita, così brillava l'insegna al neon sopra l'hotel a cinque stelle. A rendere più tediosa la situazione, un drone di nome Nikita dalla robotica voce che ripeteva, o meglio rimproverava, gli ospiti con le stesse identiche parole qualora fossero esenti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Azz!Mi sei piaciuto un sacco è così che ti voglio!Non aggiungo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, grazie per il commento. L' argomento Covid-19 ha "contagiato" [...]

Torna su