“Chiedo venia per codesto mio ardire”, un pazzo, nel preciso senso di evaso da manicomio, recitava tronfio d'enfasi sul palco d'un teatro deserto. Sfoggiava un doppiopetto sgargiante da cui sbucava candido il colletto inamidato, un redingote blu notte e una buffa tuba larga oltremodo. L'elegante bastone da passeggio seguiva la pantomima di piroette improvvise, il matto gesticolava infervorato, sotto l'attenzione del gentile fascio di luce concesso dalla scena.

“Brevi frammenti svolazzanti nelle gallerie di metropolitane abbandonate, percorsi lugubri come uteri unti e consunti di mendicanti da lampione, ecco cosa siamo, noi...”. Alzava la mano fissandola con sguardo spiritato e con gesto altrettanto plateale la tirava giù di colpo, proseguendo il delirante eloquio: “...povere canaglie, maledetto chi ci considera, soltanto per la misera audacia di cimentarsi. Ma cos'è il suicidio, se non la massima forma d'espressione artistica?”

Nel teatro si coglievano a naso l'opulenza e l'assenza di qualsiasi altra forma di vita: le principesche poltrone auree dai cuscini foderati in tela rossa di tre file di spalti vuoti con i balconcini di pacchiani arabeschi dorati componevano un trionfo di raffinatezza eccezionale; d'altro canto, a parte il parlottare concitato del pazzo, il silenzio padroneggiava assoluto.

“La poesia, esiste strettamente nella sofferenza, per cui l'ambasciatrice degna e rispondente a rappresentarla fedelmente, altro non può essere che la morte. Il mistero dell'aldilà permea le meningi dei pensatori dai tempi più remoti, e lì, che, dalla morte nasce poesia. Ma il suicidio, miei carissimi, il suicidio è un colpo basso all'esistenza, un golpe alla morte stessa e al suo registro naturale. Capite, ordunque, che è arrivato il momento d'intrattenervi parlandovi del mio uccello...”

Il matto prese a delineare per filo e per segno il proprio membro, senza omettere i dettagli ereditati da secrezioni altrui che, a suo esplicare, si procurò in un porto quando imbarcò come mozzo, con una Venere dalla testa da gatto e le zampe di gallina.

La rappresentazione durò quaranta minuti abbondanti.

“Comprenderete signori, l'importanza del mio io narrante. Gli invidiosi diranno di me, che pratico masturbazione letteraria, ciò non spartisce alcunché con la verità, io non attuo autoerotismo mentre le mie parole, atte a salvare il mondo, trattano solo ed esclusivamente di me medesimo. Comunque, aggiungerei una breve parentesi sul mio uccello...”

Un lampo di lucidità passò negli occhi acquosi del pazzo e tanto poco bastò per comprendere quanta desolante solitudine avesse intorno. Seguiva a sproloquiare mentre, con naturale disinvoltura, estraeva una fiala dalla tasca del redingote. Si vuotò il contenuto addosso, sulle spalle e, lanciando alla platea la buffa tuba larga oltremodo, sui radi capelli, impregnando bene lo scalpo di quel liquido che gli gocciolava dagli abiti.

“Poiché capire è la peggior maledizione dell'umanità, che ci pone Iddio e la sua volontà contro. Non c'è posto su questa latrina di terra per l'uomo che sa tutto. L'onniscienza è una favola proibita, una pagina di vangelo strappata persino agli apocrifi; perdonerete questo mio ardire. Detto ciò, questo è kerosene, io mi do fuoco!”

Accese un fiammifero strofinandolo risoluto, l'odore di zolfo precedette il divampare della fiammata che lo avvolse ingoiandoselo. Bruciò senza un lamento, nemmeno mezzo ansimare. Quando il fascio di luce si spense sul suo corpo carbonizzato, il teatro cadde nel buio più profondo.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
0
6

Disastro aereo

09 August 2020

La sera andavamo in quei quattro cinque posti a bere birra scura e se il barista era volenteroso potevi farti preparare un gin and tonic con Hendrix e qualche goccia di angostura; sempre che non fosse finito il gin, altrimenti dovevi spostarti altrove, ma sempre sul finire della serata; poi accorgerti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
2
12

La pizza surgelata

09 August 2020

Desidero comprare una pizza Margherita al supermercato, ma tutto ciò che è rimasto nel reparto surgelati è una pizza con salame e peperoni chiamata Mexican Red Baron. Manfred von Richthofen era un asso dell'aviazione tedesca, dunque mi chiedo: perché sullo scatolo è disegnato con dei baffoni fuori [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Pizza con salame e peperoni + birra gelata + gelatino = serata con sorriso [...]

  • Patapump: Quando volo al di sopra delle trincee fortificate e i soldati gridano di gioia [...]

4
4
27

Dream Machine

Incipit di un romanzo appena iniziato e che mai finirò

08 August 2020

- Pronto... ci sei? Pronto? - - Ohi ma... che fai, mi chiami alle 3 di notte? Cosa succede? - - Oh ciao scusa l’ora, non ti avrei disturbato se non fosse stato urgente... - - Oddio, che è successo? - - Ma no niente, ti ricordi quella diavoleria acquistata online? - - Embè? - - Mi è arrivata con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
1
7

The New Priest

Le nuove storie americane

08 August 2020

A seguito della prematura dipartita di Padre Vincent e al successivo scandalo che venne fuori, il Vaticano oltre che prendere le distanze, cercò come si conviene a un’istituzione di questo genere di fare ammenda. A Roma nel frattempo era stato eletto come Papa Clemente Pontini, dopo l’improvvisa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
12

Un viaggio nel bosco delle creature magiche

07 August 2020

C’era una volta una bambina di nome Rosa che possedeva una fervida immaginazione e aveva molti sogni nel cassetto, vedeva il mondo a colori ed era innocente come qualsiasi bambino di questo mondo. Rosa era una grande sognatrice e credeva che tutti fossero buoni e innocenti come lei, anche se i [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Come sempre un racconto che sente di freschezza giovanile, di menta profumata. [...]

  • AmorLibre: Grazie Ricky ❤️
    Un saluto 😊

5
4
22

Trincee

07 August 2020

Il lungo combattimento volgeva al termine assieme alla cacofonia di spari e grida. Il campo di battaglia era disseminato di corpi, molti dei quali aggrappati al filo spinato, gocciolando sudore e sangue tanto da macchiare l'erba di rosso. A un certo punto lo sparo di una pistola di un agonizzante [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: La vicenda la legò alla prima guerra..cosi a pelle. Ho visto le loro [...]

  • Littlepapes: Immediato e diretto. Mi piace. Unica cosa che un po' mi stona: quel "A [...]

2
4
18

La ballata del soldo

06 August 2020

I soldi. Dio, carta e filigrana. Non c'è trinità che tenga, acqua per dissetarsi o valori morali nelle fondamenta dell'umanità, quando si tratta di denaro. Barbie Cat aveva i capelli fatti di raggi di sole e le labbra morbide di mollica, il visotto pieno come pane appena sfornato. Bella e umana, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
14

MEMORIE

06 August 2020

Ho pezzi di cuore In memorie lontane... Ho costeggiato a volte per sentirmi sicura... Ma poi ho subito remato avanti Portandomi dietro queste memorie Per poi viverne di nuove Il cuore, la vita è questa... Battiti di emozioni e respiri Dove ogni giorno prende un senso E da queste profonde memorie [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: VANESSI ti ringrazio e mi fanno piacere le tue parole😊

  • Vicky: Giuseppe Scillipoti mi fa piacere che il tuo mi piace sia doppio
    😊

3
4
19

MONTAGNA NOTTURNA

05 August 2020

Mi sveglio di notte, l'insonnia anche in vacanza è mia compagna fedele. Una sigaretta mi tiene compagnia, mentre sono in vacanza e ogni pensiero é spazzato assai via. In uno splendido villaggio dove emergono odori di tigli e profumi di arbusti da me poco conosciuti ma con amore vissuti grazie agli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Qua Ilaria mi hai fatto rivedere la mia Val Gardena. Buon tutto. RICKY

  • Ilaria: Grazie a tutti per capire i miei stati d'animo più interni

4
7
22

L'archeologo

05 August 2020

Non riesco ancora a crederci. Che scoperta sensazionale! Provo un piacere indescrivibile. Piango, piango e più piango, più accresce la soddisfazione riguardo il ritrovamento archeologico. Ma piango anche per i miei colleghi che non ce l'hanno fatta, vittime delle diaboliche trappole collocate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
15

la notte...

04 August 2020

la notte mi cala sugli occhi le palpabre calano sul sipario del mondo per aprirsi nell'universo stellato dell'inconscio rilasso il mio corpo divento scrigno di pensieri raccolti di grano gemme di foglie pietra di fiume e corro per le galassie a parlare con le stelle di giorni lontani per svegliarmi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
19

Terra e anime

Dedicato al Giardino Lorenzo Giusti (L’orto dei Giusti) - Via Ilio Barontini 13 40138 Bologna BO

04 August 2020

"L’orto dei Giusti è ciò che le persone dovrebbero calpestare almeno una volta. Una Porziuncola, un piccolo terreno recintato, incastonato come un diamante nero di terra resa fertile dall’estro e dalle appartenenze degli uomini. Adorno di invasi colmi di terra grassa, coltivata perché potesse esprimere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su