Durante il periodo delle superiori la stagione che attendevo con trepidazione era senz'altro l’estate per potermi finalmente rilassare e dedicare ai miei hobby, principalmente giocare ai videogames, ascoltare musica, andare al mare e soprattutto a guardare la TV, anche fino a tarda notte. Insomma, per dirla nel gergo messinese: a menarmela!

Dopo vari ripensamenti ho deciso di narrare/confessare un episodio... cough, cough, cough! Cari lettori, scusate la tosse, il fatto è che mi vergogno un pochino, chissà cosa penserete al termine della lettura. Ok dai, niente seghe mentali, sono sicuro che assieme a me ci riderete sopra, pertanto vado avanti.

Mi ricordo che in quell'anno in famiglia tenevamo in salotto un grande televisore a schermo piatto con un grazioso tavolino al centro e ogni sera discutevo con mio padre su chi dovesse piazzarsi davanti all’apparecchio, tra l’altro usufruendo di una comodissima poltrona reclinabile, per visionare film e i programmi tv di proprio interesse. In caso contrario, in un'altra stanza ci sarebbe stato il computer per svagarsi, io con i giochi oppure scrivendo raccontini, mio padre invece con l'installazione e l'uso di svariati software inerenti all'informatica, una delle sue grandi passioni. Da precisare che non avevamo ancora internet, ma francamente non ne sentivamo l’esigenza.
Mia madre e le mie sorelle preferivano una modesta televisione collocata in cucina con un altrettanto confortevole divano con gli immancabili format che già cominciavano a proliferare.
In un’afosa notte di luglio, causa la solita mancanza di sonno, dopo aver preso in "ostaggio" la TV mi misi a cazzeggiare con il telecomando alla ricerca di qualcosa di interessante, tranquillamente spaparanzato nella solita poltrona con addosso dei pantaloncini corti, delle mutande e rigorosamente senza maglietta. Si erano fatte le 3:00 passate e, dopo innumerevoli zapping, finii in un canale privato che trasmetteva uno stuzzicante lungometraggio erotico, credo di produzione francese.

«Minchia!», esclamai tra me e me inumidendo le labbra.

Mi drizzai di scatto per assicurarmi che la porta del soggiorno fosse ben chiusa e con l’eccitazione alle stelle ritornai velocemente verso la mia postazione, del resto in piena età adolescenziale gli ormoni risultavano praticamente impazziti. Oh, persino adesso che ho trentacinque anni posso garantire che non si sono calmati per niente.

Estrassi dalla tasca un pacchetto di fazzoletti per sfilarne uno per metà: il cannone era pronto per essere sparato!

In men che non si dica abbassai l’indumento di sotto e cominciai a massaggiare lo sventrapapere. Dall'ultima manovella erano passati tre giorni, un po' troppi per un minatore come me, non per questo qualcuno a scuola mi chiamava Segaiolman, un soprannome che non ritenni dispregiativo perché mi dava l'aria di supereroe tanto da immaginarmi orgogliosamente con una grande S davanti al petto, tipo Superman.

Ancora oggi rammento piuttosto bene le piccanti sequenze di quel film libidinoso trasmesso in fascia notturna: In una camera d’albergo c’era una giovane francesina molto sensuale, dai capelli neri a caschetto e con una bella frangetta che si prodigava a cavalcare appassionatamente un uomo che in quel preciso istante le toccava nonché le succhiava con avidità le piccole e ben proporzionate tettine. 

--- Oh, oh, oh sì, sì, sì, oh, oh, ohhhhhhhh!!!---  quei gemiti e quei sospiri si fecero via via maggiormente arditi, l’immedesimazione fu totale, in quel momento mi sentivo come se sostituissi quel marcantonio e a scopare quella morettina ci fossi io.

L'asta del Marruggio (denominazione messinese/palermitana) aveva raggiunto il massimo, continuai a muovere sopra e sotto con maggiore vigore. I due apparivano all'apice, stavo quasi per arrivare anch'io finché udii il rumore della maniglia della porta del soggiorno.

Venni interrotto, nel vero senso della parola, proprio sul più bello e avevo pochi secondi di vantaggio per non farmi trovare in quello stato.

In maniera goffa tirai su mutande e pantaloncini, il pacchetto di fazzoletti mi cadde sul pavimento e lo coprii con un piede scalzo mentre col telecomando pigiai un tasto a caso finendo in un canale di televendite dove un tizio proponeva a gran voce dei tappeti persiani. Entrò mio padre per prendere l’accendino, le sigarette e gli occhiali da vista sopra il tavolo della stanza. 

Mi ritrovai così in una strana posizione ovverosia non più disteso ma seduto, la gamba sinistra a terra, quella destra sul poggiapiedi, il telecomando adagiato sulla patta gonfia, il braccio sinistro appoggiato sul bracciolo e quello destro che alzai per strofinarmi un occhio con il palmo della mano.

«Tappeti persiani di Tabriz, originali, donano ad ogni ambiente un'atmosfera orientale grazie ai loro splendidi colori...», reclamava il televenditore con estrema disinvoltura e con una vaga somiglianza al noto Roberto da Crema per via dei baffi.

Piano piano ritornai nella posizione originaria, cercando di mantenere un atteggiamento calmo, freddo e impassibile.

Da un lato mi scappava da ridere, dall’altro mi sentii a disagio, speravo dentro di me che mio padre non avesse capito una sega di quanto mi stavo cimentando a fare poco prima. Si incamminò in direzione del tavolo, prese gli occhiali e li pulì lentamente con un piccolo panno.

--- Ebben, che feci?--- (citazione manzoniana)

Semplicemente continuai a guardare la televendita con finta aria annoiata.

Ad un certo punto il babbo assunse un'espressione maliziosa, malgrado fosse di profilo me ne accorsi poiché lo osservai fugacemente per poi indirizzare nuovamente lo sguardo sull’apparecchio televisivo.

«Peppe, chi fà? T'accattari un tappitu?», mi disse in siciliano, con un leggero sorriso e che tradotto sarebbe "Peppe, che fai? Ti devi comprare un tappeto?"

«No, no, no, è che… non c'è un cazzo!», farfugliai.

«Sa avia caputu!» - "L’avevo capito!" esclamò annuendo con aria divertita e se ne andò accendendosi una sigaretta.

Sgamato in pieno.

 

Avevo 15 anni.             

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
1
7

Desiderio

29 September 2020

Le Marionette odiano i Burattini. E viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma. E tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri. È anche vero il contrario. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. I Droni odiano i Robot [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Ecco, questo mi piace al volo!
    L'ironia chiude la storia su se' [...]

0
0
4

Le buone notizie di Tatiana e Tony Mal

Venghino signori, venghino

29 September 2020

Era un pò di tempo che il lavoro di Tony Mal andava malamente al ribasso, non che ne fosse preoccupato ma iniziò a farsi qualche domanda e a chi chiedere lumi se non alla sua amica musa ispiratrice? -Tatiana come puoi io e te dobbiamo parlare. - -Tony se vuoi anche subito, mi vesto e fra dieci [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
15

Sentirsi priva di forze

28 September 2020

La voglia di morire é talmente forte che, giorno dopo giorno, ti chiude tutte le porte. È cosí esasperante solo l'automatico gesto di respirare proprio per questo vorresti davvero volare. Questi sono i momenti dove la corda si spezza, mentre dentro ti immagini il beneficio di una calda carezza

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia nichilista, si denota un senso di disfacimento. Quante volte nei miei [...]

  • ducapaso: So di cosa parli.
    Il senso di fallimento e la frustrazione possono arrivare [...]

1
2
11

Formiche

28 September 2020

Ruud Paul entrò frenetico nel supermercato e con altrettanta frenesia cominciò a girare la testa da una parte all’altra alla ricerca di un inserviente che gli potesse indicare il reparto insetticidi. Lo trovò nella figura del piccolo ma sostanzioso - in termini di peso - signor Rattford, l'impiegato [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Mi piace!
    L'ambiente da piccolo supermercato di paese si respira perfettamente [...]

  • U1096: Grazie

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
10

Sul treno - 2/2

Le nuove storie americane

27 September 2020

Terminata la vestizione, Mark andò a recuperare il baule che era nella cabina del prete, svuotò il suo interno all’esterno del treno, poi lo portò nel bagno e al suo interno pose il corpo privo di sensi del povero padre Joseph seminudo e imbavagliato. Padre Mark e il suo baule ritornarono nella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

8
7
20

La porta rosa

27 September 2020

L’intrigante porta di un rosa antico seppur abbastanza logora attira la mia attenzione ogniqualvolta che passo da questa abitazione. E immancabilmente resto un po' a fissarla, a toccarla e annusarla, specie nelle giornate d'inverno, in quanto associo l'intimo grigiore atmosferico a chissà quale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
6
20

Havana

Partendo da un divano

26 September 2020

Stanza Bambini in strada Un cerchio ruzzola e grida rimbalzano Il caffè che borbotta L’aria del mare si intrufola nelle finestre, fra tende ingiallite Narici che inspirano La camicia bianca scivola sul corpo e il panama calza alla perfezione Le scale lise dal tempo e muri scrostati Vicoli Macchine [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Prego amico mio, spero che le mie disamine non portano disagio proprio perchè [...]

  • Walter Fest: Pata, perdona il mio commento stringato e puntuto....mi sei piaciuto per l'originalità [...]

3
1
8

Sul treno - 1/2

Le nuove storie americane

26 September 2020

Mark vide l’insegna di un bagno, si precipitò in quella direzione e mise la mano sulla maniglia per aprire. Cazzo! Era chiusa. Bussò ripetutamente alla porta, una voce dall’interno lo informava che stava per uscire. La porta si aprì appena in tempo, perché le guardie stavano per entrare nel suo [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
5
29

Humandroidi

Incipit di un romanzo che mai finirò

25 September 2020

Le due file di humandroidi si estendevano per tutto il corridoio centrale. Come ogni mattina, una buona mezz’ora veniva impiegata per l’auto riparazione e il settaggio delle macchine. Gli humandroidi erano in tutto simili all’uomo solo che non necessitavano di pausa-pranzo, non avevano ferie né [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Vicky: Purtroppo quello verso cui forse ci avvieremo, sperando che il senso umano [...]

  • V A N E S S I: Sono mondi e realtà distopiche... che tutti speriamo non avvengano, [...]

5
18
32

Il cinico, l'infame, il violento

25 September 2020

Cinque mesi, ben cinque mesi erano passati dall'ultima volta che io e Riccardo, il mio collega, fummo pagati dal titolare del negozio di moto ricambi per il quale lavoravamo. Eppure gli affari non sembravano andare male. Mario, il boss, si giustificava "addebitando" la causa ai costi di gestione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Il passato resta presente finché non ci ha dato le sue risposte.
    Non [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Nicola, se dovevo rispondere a Walter in un altro modo, ecco, avrei esposto [...]

2
3
19

Insurrezione emotiva

24 September 2020

L’ombra del diavolo si allungava sulle macchie di ginepro, distribuendosi nera e fumante sull’innocenza del paesaggio. Il dolo umano aveva invocato Lucifero. Il capriccio terreno a torto di madre natura; quanta povertà d'animo, quanta bassezza in quelle calunnie che rasentano la brutalità, come [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
8
33

PAURA DI ME

23 September 2020

Ho paura che sappiano come la notte mi intrappola tra le tue ciglia e quanto le tue labbra mi pungano il piacere Non sanno che è lei che ha scelto di amarti l'altra me, all'ombra del suo fuoco nella stanza oscura del non detto Non capirebbero che è cosi che so amare davvero, in [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ..è cosi che so amare davvero....:)

  • Vivi: Grazie Carlo Alberto. Ducapaso amo gli avverbi prepotenti. Patapump è [...]

Torna su