Chi non conosce il famoso Snake?

Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, tanto da diventare un gettonatissimo passatempo al pari del mitico Tetris o del leggendario Pac-Man.

Per i non avvezzi è doveroso spiegare per l'esattezza la modalità di gioco di Snake. In pratica si personifica un serpente che striscia su uno o più schemi subdolamente progettati e con eventuali ostacoli da schivare.

Il rettile, in continuo movimento, non è possibile fermarlo se non mettendo in “pausa.” Durante il percorso è necessario divorare ad esempio dei topini oppure delle mele, al fine di far diventare Snake sempre più lungo e al contempo evitare non solo di andare a farlo sbattere nella cornice del livello o da qualche altra parte, ma anche di non fargli mordere la sua stessa coda o il corpo.

L'obiettivo è semplicemente quello di sopravvivere il più a lungo possibile per innalzare lo “score” (punteggio), mentre in certe versioni bisogna addirittura superare livelli via via sempre più difficili, pertanto la partita non si limita esclusivamente a un singolo quadro.

A tal proposito esiste una versione  in cui ad un certo punto è possibile usufruire di oggetti che possiamo definire speciali. Tra di essi è disponibile il "chomp", che consente al giocatore per un breve lasso di tempo di rendere il rettile invisibile nonché invincibile senza incorrere al Game Over ma con lo scotto di causare un aumento di velocità una volta ritornato "normale."

Essendo un gioco di tipo Arcade l'abilità del giocatore fa la differenza ed è per questo che risulta uno dei giochini più difficili mai concepiti. 

Con Snake II ho dei bei ricordi, infatti col Nokia ci smanettavo un sacco, specie alle superiori, tanto da generare un aneddoto divertente, precisamente quasi al temine del quarto anno.

Una mattina con il professore Aquilino di Elettronica, mentre stava spiegando uno dei suoi machiavellici teoremi, dopo il centesimo sbadiglio tirai fuori dalla tasca il cellulare e, una volta disattivati i suoni, mi misi a giocare a Snake. Essendo seduto proprio in fondo, precisamente da solo nell'ultimo banco, ero straconvinto che non sarei stato sgamato dall’insegnate, peraltro assai severo e rompicoglioni.

Imboscai il cellulare tra le gambe e abbassai la testa lasciandomi "guidare" dal serpente.

Giocai in maniera frenetica, quasi convulsamente, mi venne naturale tirare la lingua fuori come se stessi facendo qualche atto impuro e non mi accorsi che il professore mi stava fissando.

«Ma che cavolo sta facendo quello lì?», osservò Aquilino con tono quasi impercettibile.

Francamente non ci badai, ero estremamente concentrato col giochino in questione e superficialmente realizzai che quelle parole non risultavano rivolte al sottoscritto.

«Mi vorresti spiegare cosa stai combinando?», Mi chiese piazzandosi a debita distanza con tono “inviperito.” (dato il contesto la parola calza a pennello!). 

«Professore qua... mi si è allungato il coso!», risposi con un sorrisetto nervoso e alzando a malapena lo sguardo. Noncurante ritornai a Snake in quanto ero alle battute finali di un livello. 
«Il coso?»

«Sì, il serpente, vah!»

«COME IL SERPENTEEEE???», gridò il docente, «Zozzone, non ce la fai a tenere a bada gli ormoni?»

Abbandonai immediatamente la partita, non potevo fare diversamente.

«Stavo spiegando Teorema di Thevenin mica il Teorema della Sgnacchera!», soggiunse.

«Prof, intendevo dire il serpente di qui che cerca le tope!», gli dissi sbiascicando parole un po’confuse e alzai il cellulare per farglielo vedere.

La classe scoppiò in una fragorosa risata per via dell'equivoco mentre io, rosso in viso, mi limitai a fare spallucce con un leggero imbarazzo. E fu così che il cellulare mi venne sequestro fino alla fine delle lezioni per non parlare della cattiva nota sul registro. 

Ci restai male, molto male. Oh, stavo quasi per battere il record!

0
0
3

Di neve e di sole

18 November 2019

... e mentre sopra uno spoglio ramo si posa un corvo nel crepuscolo d'autunno la prima neve rabbrividisce i prati e piega piano foglie e fili d'erba e nel silenzio che penetra le rocce il sole sorge dietro la montagna a rischiarare la sfrenata corsa di cavalli bianchi sulla rena ... mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
17
78

Il bidone di plastica

Il negozio di casalinghi

18 November 2019

Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro") Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle “leggi” [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Marco per il tuo supporto e per la tua costanza nel leggermi, come hai [...]

  • Walter Fest: Non me lo ricordavo ma sapevo della tua esperienza lavorativa nel negozio e [...]

1
3
9

Mani

non pulite ma oneste... l'ultimo baluardo dei "tempi moderni"

17 November 2019

Anche se sembrano appartenere al passato, le immagini di mani sporche di lavoro non dovremmo dimenticarle mai. Stampiamole per bene nel nostro cuore e nella nostra mente quelle mani, mani sporche di grasso, sporche di terra, di vernice, sporche di fuliggine, di ruggine, di colla. Manualità scomparsa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Giuseppe, ci tenevo molto alla tua disamina per i motivi che ti avevo anticipato, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Tempi moderni", mi è sfuggito... dalla mani. Mi scusasse [...]

1
1
9

La pallina

17 November 2019

Birichina. Colorata. Salta qua, salta là La si cerca di afferrare. Lei non ne vuole sapere. Mamma perché fa così? Piccola mia, lasciala andare. Lei senza poter saltare non avrebbe senso di esistere. Ma io la voglio per me. Ma lei è già tua. Vedi vuole giocare con te. Corrile dietro. Accompagnala [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

LA PAROLA

16 November 2019

L’urlo, il riso, il pianto e il lamento parlavano al cuore degli uomini. La parola inascoltata vagava libera nell’universo infinito e mai nessuno poté udire la sua voce. Poi un giorno un essere, storpio e ribelle, tese una rete a fitte maglie fra il nulla e tutte le cose, imprigionandola per sempre. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
9
40

Lo steccato

16 November 2019

Nell'aldilà, il Paradiso e l'Inferno sono due proprietà private separate da una chilometrica staccionata e in ambedue i lati c'è la presenza di una moltitudine di cartelli con su scritto: "Adeguate recinzioni fanno buoni e non dannati vicini." Dio e Satana, nonostante appartengono a due regni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò, non ho una grande memoria e non ho la tua stessa capacità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: lieto che sei passato a leggere e commentare questo racconto. Ti [...]

2
1
9

Il caciucco

15 November 2019

La pulsione semantico ormonale ingravescente che genera l'irrancidimento precoce della polpa della pera passacrassana negli scaffali dei discount di provincia, si approccia a un procedimento anticrittogamico risolutorio, contestualizzato alla crasi policistico insurrezionale tetragona a ogni intervento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
7

UN NOTTURNO SVOGLIATO

15 November 2019

La notte in cui vide dove terminava la città comprese anche che qualcosa poteva avere inizio. Davanti a se si rivelò, come dietro un sipario ignoto, la combustione della nicotina tra le sue dita incastrarsi perfettamente con un notturno volgare e gelido firmamento: pieno di bagliori e spasmi scoppiettanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un notturno svogliato ma dannatamente poetico e amaramente introspettivo. Mi [...]

  • U1004: Gratta gratta sotto la superficie c'è sempre un po' di eaistenzialismo.
    Avrebbe [...]

3
2
13

Tum!

14 November 2019

Tum! Il suono rimbomba ossessivamente nelle orecchie, per non parlare del dolore lancinante che mi sta letteralmente consumando il cranio. Faccio fatica a rimanere cosciente. A un certo punto avverto dei lampeggianti. Li vedo e non li vedo. Mi è impossibile trovare una definizione. A malapena [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grande Scilipoti in versione giallo drammatico enigmatico incidente stradale [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, hai visto oggi dove sono andato a "sbattere?" :-) Un [...]

2
1
11

Note

13 November 2019

Sono solo stasera Mi accompagna solo la tromba di Baker Il whisky con ghiaccio mi rilassa Magia delle note La voce della cantante è cosi profonda Si viene subito proiettati in locali come il Blue Note Il pianista attacca il brano Le spazzole del percussionista accarezzano i tamburi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
15

Facce sorridenti

Una storia vera a Colorado Winter

13 November 2019

Tutto succede meglio di notte, quando il silenzio cala, le auto non sibilano e brillano le stelle. Arthur scriveva di notte perchè gli piaceva ascoltare Nina Simone che cantava solo per lui, posava ogni tanto la penna e la ascoltava sorridendo, tanto non perdeva la concentrazione per scrivere quella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
0
9

Palingenesi

12 November 2019

La palingenesi demoplutocratica della progressione diaframmatica utilitaristica, si estrapola da un contesto musical-postsessantottino sfociante in una semplificazione anagrammatico sillogistica, assimilabile inequivocabilmente alla stesura cantautorale del "trottolino amoroso" di sanremiana memoria. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su