Chi non conosce il famoso Snake?

Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, tanto da diventare un gettonatissimo passatempo al pari del mitico Tetris o del leggendario Pac-Man.

Per i non avvezzi è doveroso spiegare per l'esattezza la modalità di gioco di Snake. In pratica si personifica un serpente che striscia su uno o più schemi subdolamente progettati e con eventuali ostacoli da schivare.

Il rettile, in continuo movimento, non è possibile fermarlo se non mettendo in “pausa.” Durante il percorso è necessario divorare ad esempio dei topini oppure delle mele, al fine di far diventare Snake sempre più lungo e al contempo evitare non solo di andare a farlo sbattere nella cornice del livello o da qualche altra parte, ma anche di non fargli mordere la sua stessa coda o il corpo.

L'obiettivo è semplicemente quello di sopravvivere il più a lungo possibile per innalzare lo “score” (punteggio), mentre in certe versioni bisogna addirittura superare livelli via via sempre più difficili, pertanto la partita non si limita esclusivamente a un singolo quadro.

A tal proposito esiste una versione  in cui ad un certo punto è possibile usufruire di oggetti che possiamo definire speciali. Tra di essi è disponibile il "chomp", che consente al giocatore per un breve lasso di tempo di rendere il rettile invisibile nonché invincibile senza incorrere al Game Over ma con lo scotto di causare un aumento di velocità una volta ritornato "normale."

Essendo un gioco di tipo Arcade l'abilità del giocatore fa la differenza ed è per questo che risulta uno dei giochini più difficili mai concepiti. 

Con Snake II ho dei bei ricordi, infatti col Nokia ci smanettavo un sacco, specie alle superiori, tanto da generare un aneddoto divertente, precisamente quasi al temine del quarto anno.

Una mattina con il professore Aquilino di Elettronica, mentre stava spiegando uno dei suoi machiavellici teoremi, dopo il centesimo sbadiglio tirai fuori dalla tasca il cellulare e, una volta disattivati i suoni, mi misi a giocare a Snake. Essendo seduto proprio in fondo, precisamente da solo nell'ultimo banco, ero straconvinto che non sarei stato sgamato dall’insegnate, peraltro assai severo e rompicoglioni.

Imboscai il cellulare tra le gambe e abbassai la testa lasciandomi "guidare" dal serpente.

Giocai in maniera frenetica, quasi convulsamente, mi venne naturale tirare la lingua fuori come se stessi facendo qualche atto impuro e non mi accorsi che il professore mi stava fissando.

«Ma che cavolo sta facendo quello lì?», osservò Aquilino con tono quasi impercettibile.

Francamente non ci badai, ero estremamente concentrato col giochino in questione e superficialmente realizzai che quelle parole non risultavano rivolte al sottoscritto.

«Mi vorresti spiegare cosa stai combinando?», Mi chiese piazzandosi a debita distanza con tono “inviperito.” (dato il contesto la parola calza a pennello!). 

«Professore qua... mi si è allungato il coso!», risposi con un sorrisetto nervoso e alzando a malapena lo sguardo. Noncurante ritornai a Snake in quanto ero alle battute finali di un livello. 
«Il coso?»

«Sì, il serpente, vah!»

«COME IL SERPENTEEEE???», gridò il docente, «Zozzone, non ce la fai a tenere a bada gli ormoni?»

Abbandonai immediatamente la partita, non potevo fare diversamente.

«Stavo spiegando Teorema di Thevenin mica il Teorema della Sgnacchera!», soggiunse.

«Prof, intendevo dire il serpente di qui che cerca le tope!», gli dissi sbiascicando parole un po’confuse e alzai il cellulare per farglielo vedere.

La classe scoppiò in una fragorosa risata per via dell'equivoco mentre io, rosso in viso, mi limitai a fare spallucce con un leggero imbarazzo. E fu così che il cellulare mi venne sequestro fino alla fine delle lezioni per non parlare della cattiva nota sul registro. 

Ci restai male, molto male. Oh, stavo quasi per battere il record!

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

4
5
20

Desiderio

29 September 2020

Le Marionette odiano i Burattini. E viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma. E tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri. È anche vero il contrario. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. I Droni odiano i Robot [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao AmorLibre, grazie per il commento. Strano che non hai compreso il senso [...]

  • AmorLibre: Ah okay ora è chiaro.
    Carino allora, interessante :)

3
2
15

Le buone notizie di Tatiana e Tony Mal

Venghino signori, venghino

29 September 2020

Era un pò di tempo che il lavoro di Tony Mal andava malamente al ribasso, non che ne fosse preoccupato ma iniziò a farsi qualche domanda e a chi chiedere lumi se non alla sua amica musa ispiratrice? -Tatiana come puoi io e te dobbiamo parlare. - -Tony se vuoi anche subito, mi vesto e fra dieci [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • AmorLibre: Bello! Mi è piaciuto lo spirito e la positività di questo componimento!
    Oh [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Testo frizzante e "discorsivo", si nota la genuina improvvisazione [...]

4
2
18

Sentirsi priva di forze

28 September 2020

La voglia di morire é talmente forte che, giorno dopo giorno, ti chiude tutte le porte. È cosí esasperante solo l'automatico gesto di respirare proprio per questo vorresti davvero volare. Questi sono i momenti dove la corda si spezza, mentre dentro ti immagini il beneficio di una calda carezza

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia nichilista, si denota un senso di disfacimento. Quante volte nei miei [...]

  • ducapaso: So di cosa parli.
    Il senso di fallimento e la frustrazione possono arrivare [...]

2
2
12

Formiche

28 September 2020

Ruud Paul entrò frenetico nel supermercato e con altrettanta frenesia cominciò a girare la testa da una parte all’altra alla ricerca di un inserviente che gli potesse indicare il reparto insetticidi. Lo trovò nella figura del piccolo ma sostanzioso - in termini di peso - signor Rattford, l'impiegato [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Mi piace!
    L'ambiente da piccolo supermercato di paese si respira perfettamente [...]

  • U1096: Grazie

2
1
10

Sul treno - 2/2

Le nuove storie americane

27 September 2020

Terminata la vestizione, Mark andò a recuperare il baule che era nella cabina del prete, svuotò il suo interno all’esterno del treno, poi lo portò nel bagno e al suo interno pose il corpo privo di sensi del povero padre Joseph seminudo e imbavagliato. Padre Mark e il suo baule ritornarono nella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

9
8
23

La porta rosa

27 September 2020

L’intrigante porta di un rosa antico seppur abbastanza logora attira la mia attenzione ogniqualvolta che passo da questa abitazione. E immancabilmente resto un po' a fissarla, a toccarla e annusarla, specie nelle giornate d'inverno, in quanto associo l'intimo grigiore atmosferico a chissà quale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
6
20

Havana

Partendo da un divano

26 September 2020

Stanza Bambini in strada Un cerchio ruzzola e grida rimbalzano Il caffè che borbotta L’aria del mare si intrufola nelle finestre, fra tende ingiallite Narici che inspirano La camicia bianca scivola sul corpo e il panama calza alla perfezione Le scale lise dal tempo e muri scrostati Vicoli Macchine [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Prego amico mio, spero che le mie disamine non portano disagio proprio perchè [...]

  • Walter Fest: Pata, perdona il mio commento stringato e puntuto....mi sei piaciuto per l'originalità [...]

3
1
8

Sul treno - 1/2

Le nuove storie americane

26 September 2020

Mark vide l’insegna di un bagno, si precipitò in quella direzione e mise la mano sulla maniglia per aprire. Cazzo! Era chiusa. Bussò ripetutamente alla porta, una voce dall’interno lo informava che stava per uscire. La porta si aprì appena in tempo, perché le guardie stavano per entrare nel suo [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
5
29

Humandroidi

Incipit di un romanzo che mai finirò

25 September 2020

Le due file di humandroidi si estendevano per tutto il corridoio centrale. Come ogni mattina, una buona mezz’ora veniva impiegata per l’auto riparazione e il settaggio delle macchine. Gli humandroidi erano in tutto simili all’uomo solo che non necessitavano di pausa-pranzo, non avevano ferie né [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Vicky: Purtroppo quello verso cui forse ci avvieremo, sperando che il senso umano [...]

  • V A N E S S I: Sono mondi e realtà distopiche... che tutti speriamo non avvengano, [...]

5
18
33

Il cinico, l'infame, il violento

25 September 2020

Cinque mesi, ben cinque mesi erano passati dall'ultima volta che io e Riccardo, il mio collega, fummo pagati dal titolare del negozio di moto ricambi per il quale lavoravamo. Eppure gli affari non sembravano andare male. Mario, il boss, si giustificava "addebitando" la causa ai costi di gestione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Il passato resta presente finché non ci ha dato le sue risposte.
    Non [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Nicola, se dovevo rispondere a Walter in un altro modo, ecco, avrei esposto [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
19

Insurrezione emotiva

24 September 2020

L’ombra del diavolo si allungava sulle macchie di ginepro, distribuendosi nera e fumante sull’innocenza del paesaggio. Il dolo umano aveva invocato Lucifero. Il capriccio terreno a torto di madre natura; quanta povertà d'animo, quanta bassezza in quelle calunnie che rasentano la brutalità, come [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
8
33

PAURA DI ME

23 September 2020

Ho paura che sappiano come la notte mi intrappola tra le tue ciglia e quanto le tue labbra mi pungano il piacere Non sanno che è lei che ha scelto di amarti l'altra me, all'ombra del suo fuoco nella stanza oscura del non detto Non capirebbero che è cosi che so amare davvero, in [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ..è cosi che so amare davvero....:)

  • Vivi: Grazie Carlo Alberto. Ducapaso amo gli avverbi prepotenti. Patapump è [...]

Torna su