Chi non conosce il famoso Snake?

Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, tanto da diventare un gettonatissimo passatempo al pari del mitico Tetris o del leggendario Pac-Man.

Per i non avvezzi è doveroso spiegare per l'esattezza la modalità di gioco di Snake. In pratica si personifica un serpente che striscia su uno o più schemi subdolamente progettati e con eventuali ostacoli da schivare.

Il rettile, in continuo movimento, non è possibile fermarlo se non mettendo in “pausa.” Durante il percorso è necessario divorare ad esempio dei topini oppure delle mele, al fine di far diventare Snake sempre più lungo e al contempo evitare non solo di andare a farlo sbattere nella cornice del livello o da qualche altra parte, ma anche di non fargli mordere la sua stessa coda o il corpo.

L'obiettivo è semplicemente quello di sopravvivere il più a lungo possibile per innalzare lo “score” (punteggio), mentre in certe versioni bisogna addirittura superare livelli via via sempre più difficili, pertanto la partita non si limita esclusivamente a un singolo quadro.

A tal proposito esiste una versione  in cui ad un certo punto è possibile usufruire di oggetti che possiamo definire speciali. Tra di essi è disponibile il "chomp", che consente al giocatore per un breve lasso di tempo di rendere il rettile invisibile nonché invincibile senza incorrere al Game Over ma con lo scotto di causare un aumento di velocità una volta ritornato "normale."

Essendo un gioco di tipo Arcade l'abilità del giocatore fa la differenza ed è per questo che risulta uno dei giochini più difficili mai concepiti. 

Con Snake II ho dei bei ricordi, infatti col Nokia ci smanettavo un sacco, specie alle superiori, tanto da generare un aneddoto divertente, precisamente quasi al temine del quarto anno.

Una mattina con il professore Aquilino di Elettronica, mentre stava spiegando uno dei suoi machiavellici teoremi, dopo il centesimo sbadiglio tirai fuori dalla tasca il cellulare e, una volta disattivati i suoni, mi misi a giocare a Snake. Essendo seduto proprio in fondo, precisamente da solo nell'ultimo banco, ero straconvinto che non sarei stato sgamato dall’insegnate, peraltro assai severo e rompicoglioni.

Imboscai il cellulare tra le gambe e abbassai la testa lasciandomi "guidare" dal serpente.

Giocai in maniera frenetica, quasi convulsamente, mi venne naturale tirare la lingua fuori come se stessi facendo qualche atto impuro e non mi accorsi che il professore mi stava fissando.

«Ma che cavolo sta facendo quello lì?», osservò Aquilino con tono quasi impercettibile.

Francamente non ci badai, ero estremamente concentrato col giochino in questione e superficialmente realizzai che quelle parole non risultavano rivolte al sottoscritto.

«Mi vorresti spiegare cosa stai combinando?», Mi chiese piazzandosi a debita distanza con tono “inviperito.” (dato il contesto la parola calza a pennello!). 

«Professore qua... mi si è allungato il coso!», risposi con un sorrisetto nervoso e alzando a malapena lo sguardo. Noncurante ritornai a Snake in quanto ero alle battute finali di un livello. 
«Il coso?»

«Sì, il serpente, vah!»

«COME IL SERPENTEEEE???», gridò il docente, «Zozzone, non ce la fai a tenere a bada gli ormoni?»

Abbandonai immediatamente la partita, non potevo fare diversamente.

«Stavo spiegando Teorema di Thevenin mica il Teorema della Sgnacchera!», soggiunse.

«Prof, intendevo dire il serpente di qui che cerca le tope!», gli dissi sbiascicando parole un po’confuse e alzai il cellulare per farglielo vedere.

La classe scoppiò in una fragorosa risata per via dell'equivoco mentre io, rosso in viso, mi limitai a fare spallucce con un leggero imbarazzo. E fu così che il cellulare mi venne sequestro fino alla fine delle lezioni per non parlare della cattiva nota sul registro. 

Ci restai male, molto male. Oh, stavo quasi per battere il record!

0
0
1

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
2

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

10
19
68

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
15

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
18

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
14
68

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: ammazza Giuseppe..argomento tosto e sempre in essere ,,purtroppo. scena molto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, quanto hai letto è forse lo scritto più serioso [...]

1
0
19

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su