Mesi fa conobbi Serafino. Era uno degli ospiti della Casa di Riposo per Anziani per cui lavoro, e sottolineo "era" in quanto successivamente è stato trasferito in un'altra struttura.

«Prima di andare in pensione facevo l'architetto e nel tempo libero anche lo scultore.» mi disse una sera «Dopo che mia moglie se n'è andata, mi hanno portato qui.»

Fin da subito l'ospite in questione mi fece simpatia e tenerezza, del resto si notava che desiderava compagnia. 

«Quasi quasi mi trattengo un po' con lui.» pensai, oltretutto stavo quasi per finire il turno, in attesa che arrivasse il cambio, cioè l'unità notturna, mentre le due colleghe del servizio pomeridiano erano andate via anticipatamente a causa di impegni personali.

Restare in qualità di unico operatore non comportava nessun problema, in quanto gli altri anziani erano stati anzitempo sistemati nei loro rispettivi letti, inoltre, essendo abbastanza interessato alla storia dell'affabile signore dalla colta parlantina, lo invitai ad andare nel salone per sederci comodamente su due poltroncine, in modo da poter conversare tranquillamente. 

 

Mi stupii di come l'anziano ospite con immenso amore si prodigasse a parlare soprattutto della consorte, negli ultimi anni di vita purtroppo sofferente di Alzheimer e che per altre complicazioni finì pure sulla sedia a rotella. 

«Sapevo che Angela non sarebbe vissuta a lungo e decisi di farle un regalo, un progetto che portai a termine giusto in tempo.»

Confesso che la mia curiosità crebbe, tant'è che esortai Serafino ad andare avanti non immaginando minimamente che sul finire avrei addirittura quasi lacrimato.

«Un giorno, nel mezzo del giardino della casa di campagna in cui abitavamo, cominciai a costruire una scala rivolta verso il cielo e...»

«Una scala rivolta verso il cielo?» gli domandai sbalordito.

«Precisamente una scala per il Paradiso!» mi rispose prontamente.

Confesso che, lì per lì, mi venne naturale pensare che Serafino fosse un po' suonato, ma mi pentii quasi istantaneamente del pensiero appena formulato. 

«Vedi Giuseppe, ogni giorno mi cimentavo a realizzare la scalinata con impegno, mattone dopo mattone e tra l'altro con difficoltà per via dell'età. Oh, non ho mica vent'anni come te!»

«Trentaquattro!» lo corressi.

«Ah, te ne davo molti meno!» esclamò dandomi una pacca sulla spalla.

Sorrisi e ritenni saggio non interromperlo più per tutto il resto della narrazione. 

«In seguito, feci una specie di sogno» proseguì con la voce rotta dall'emozione «Mentre eravamo coricati, mia moglie si alzava improvvisamente dal lettone e prima di uscire fuori in giardino mi dava un bacio sulla fronte. Non so come spiegarlo, ma inizialmente rimasi paralizzato. Come già detto non poteva assolutamente camminare, fino a quando piangendo mi sono alzato per andare ad affacciarmi alla finestra. La scala da me terminata giorni addietro, si era allungata e illuminata di una luce bellissima. Angela mi salutava agitando una mano per poi salire piano piano i gradini e infine sparire tra le nuvole. La mattina seguente, al risveglio mi accorsi che lei c'era ancora, tuttavia non dava più segni di vita e chiamai subito mia figlia Chiara.»

Gli occhi di Serafino diventarono lucidissimi assieme ai miei. Si alzò dalla poltroncina e augurandomi la buona notte mi strinse calorosamente la mano per poi avviarsi nella sua stanza.

Alcuni istanti dopo, suonò il campanello. Era il cambio.

 

 

N.d.R. Da quasi un anno lavoro in qualità di Operatore Socio Sanitario in una Casa di Riposo per Anziani e tra le tante storie accadute nella struttura o pervenute tramite gli ospiti ho deciso di romanzare ciò che mi è stato raccontato da Serafino (nome di fantasia) una sera, precisamente sul finire del mio turno pomeridiano.

“Angela e Serafino” si avvale anche della mia fantasia, è giusto segnalarlo in quanto sono partito da una base.

Il racconto assieme a “La madre di Sara” e “Stranito” chiude in un certo senso la “Trilogia dell’Alzheimer” che francamente non era in progetto. Peraltro i tre racconti non sono collegati nè direttamente, nè indirettamente.

Buona lettura!

 

 

 

Tutti i racconti

0
0
0

ho guardato...

26 January 2022

ho guardato dentro i tuoi occhi e ho visto la tristezza che ti cova dentro la vita non è mai a senso unico si può andare avanti tornare indietro avere un obbiettivo definisce ogni strada e ogni cammino è quello giusto fermarsi agli stop è d'obbligo ti viene concesso del tempo per riflettere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
0

Io a radio triple rock

intervistato per un giorno a merda d'artista

26 January 2022

Amici che mi seguite fedeli e appassionati, finalmente posso comunicarvi che sono stato invitato come ospite in una radio privata, purtroppo il produttore, il capo della banda il conte Max, non pagò la bolletta della luce perché sapete che adesso costa cara e così la trasmissione si fece al buio [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
0
3

Aforisma 4

Introspezione

25 January 2022

Si infrangono sogni sugli scogli delle realtà, dove le loro inflessibilità non lasciano altro che gocce schiumose sparse nella vita in piena opposizione.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

oggi

24 January 2022

oggi vorrei fare un viaggio e vorrei farlo insieme a te oggi vorrei percorrere tutti i sentieri della tua pelle e a ogni tappa fermarmi con un bacio sulla tua terra consacrata oggi vorrei conoscere i tuoi silenzi e raccontarti i miei oggi vorrei prepararti un bagno caldo per alleviare la [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
5

Aforisma 3

Introspezione

23 January 2022

La beltà di una dolce innocenza possiede gocce di pura essenza che sa irradiare la vita, quando sboccia tra le mani di chi sa coglierne il suo splendore.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
2
5

Ciro

Voglia di mare

22 January 2022

Ciro è un ragazzino di otto anni che vive in uno di quei quartieri con le ciminiere fumanti delle fabbriche e con i palazzi, scatoloni di mattoni rossi, dalle ringhiere dei balconi di marrone smangiato dalla ruggine, ma abbellite dai panni stesi, che sono il biglietto da visita di chi vive quelle [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: ..e qui dentro ci ho sentito il mio Sud...:)

  • Ardoval: sì, c'è il tuo e il mio Sud.
    Buona serata e grazie per [...]

0
0
3

Anima Di Rosa

Poesia

21 January 2022

Sospira nello stupore l'anima di donna che si specchia nell'adagiare il suo cuore sui pelali vellutati di rosa, e come luce di brina gaia rifulge d'immenso amore per l'effondersi nell'atmosfera assieme a lei, per quel suo effluvio di primavera romantica quando abbraccerà il tempo in cui si [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
7

Fughe

20 January 2022

Fughe da amori non corrisposti Da riunioni di lavoro prive di vita Fughe da case dove l’ultimo schiaffo ha fatto molto male dentro Da serate con amici, noiose e logoranti Fughe dal dolore Da cicliche sofferenze che la vita propina con qualcuno che incontri Fughe che abbandonano abiti troppo stretti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: mi è piaciuto molto,empatico

  • Patapump: ciao cara:) e grazie. ma adesso voglio leggere io di te, aspetto tue. Smile

0
0
3

Utopie Sgretolate

Poesia

19 January 2022

Esigue utopie come rocche di sabbia dorate sul palmo della speranza si sgretolano allo sbuffo avverso del vento importuno al loro sbocciare in quella realità che scalfisce lieve i loro sogni, poiché di ovattata fralezza son le loro fondamenta! E come stelle cadenti sboccheranno disperse [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
2

Il cammino di un'arancia

18 January 2022

Sono un tantino vecchia, dicono che io abbia origine circa 20/30 milioni di anni fa, ma non è noto il luogo visto che non c’erano le carte geografiche! All’epoca non sapevo ancora che avrei camminato tanto e avrei avuto tante mutazioni, ma sicuramente fui un boccone prelibato per quei lucertoloni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
6

Destini Incrociati

Poesia D'amore

17 January 2022

Sguardi che si incrociano e occhi che si fondono, emozioni che assalgono il cuore e voci che tremano ma non per il freddo ma per la scossa del cuore, quando urla l’amore che divampa i sensi. E poi baci che non finiscono che in un tramonto di un nuovo orizzonte, ove i sogni si disperdono nelle [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
5

Cammina con me

16 January 2022

Soffermarsi E ricordare Di quando eri piccolo E quella lentezza nell’indossare le scarpe La felicità nel tuo volto Andare con il tuo papà o con la tua mamma Le nostre passeggiate e giocare a fare gli stupidi Mettersi in gioco e diventare bambino anche solo per poche ore Cogliere fiori o sassi da [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su