Una volta qualcuno mi chiese:  «Ti piace scrivere, eh?» 

«Mi piace? io amo scrivere!» risposi con convinzione, sebbene abbia sempre avuto un rapporto particolare con la scrittura...

Allora, partiamo col presupposto che è una necessaria attività di cui mi prodigo da quando avevo sedici anni, ufficialmente mi sono messo entusiasticamente in circolo da circa tre anni confrontandomi con molti autori in diversi siti di letteratura, spesso con risultati gratificanti o incoraggianti, ad esempio con alcune premiazioni in qualità di autore del mese e con un piccolo racconto di fantascienza pubblicato su un antologia online/cartacea dal titolo "Mercurio Solido."

Solo Dio Asimov sa di come quel giorno andai orgogliosamente in sollucchero quando tramite posta e-mail la redazione di Letture da Metropolitana mi comunicò che il mio "RoboZoo" risultava idoneo per essere inserito in una raccolta tra gli autori vari. 

Nonostante ciò, non mi sento uno scrittore, semmai uno scribacchino o al massimo uno scrittore in erba, vuoi per umiltà, vuoi perché non ho ancora pubblicato nulla di veramente commerciale e vuoi perché in giro ci sono autori dannatamente bravi, competenti e irraggiungibili, sì insomma, autentici maestri di scrittura e lo dico senza scomodare i blasonati Andrea Camilleri, Susanna Tamaro, Gianrico Carofiglio, Carlo Lucarelli, Elena Ferrante e tanti altri. 

Tenendo conto del numero delle mie pubblicazioni, tra racconti, pensieri, riflessioni, stati d'animo, qualche rarissima poesia, testi sperimentali e testi inediti, sto quasi arrivando a cento, un bel traguardo non c'è che dire, dimostrando che questa mia passione mi sta facendo macinare chilometri di lettere digitali e qualche penna Bic consumata, dove in passato su alcuni fogli, l'inchiostro nero finì per mescolarsi con delle lacrime causate da delusioni sentimentali, per non parlare dell'inchiostro rosso del cuore che mi macchiò perfino l'anima. Ah, che spreco!

Il genere in cui mi cimento per la maggiore è senz'altro l'autobiografico, per esorcizzare eventi passati e trapassati, poi mi ritengo un nostalgico puro, troppo legato ai miei spensierati verdi anni, tra cui il periodo del militare (verde in tutti i sensi, per via della divisa indossata) oppure di quando in maniera trionfale lasciai la terribile prima ex fidanzata in quanto mi sentii finalmente libero di ricominciare daccapo, ritornando ad essere entusiasta come un bambino e grintoso come quei ventenni che ardono di spaccare il mondo, una condizione che, avendola già vissuta dopo le superiori, rappresentò una sorta di remake per il sottoscritto.

Ecco, a questo punto è doveroso parlare di cinema, altra mia passione, precisamente il MIO di cinema.

«Finalmente posso ritornare a dirigere IO stesso il film della mia vita!» esclamai tra me e me quel 7 luglio 2014, scrivendo questa importante frase su un’agendina, poiché, giusto per ribadire ancora, tagliai la pellicola, emh, i ponti con quella despota che per tantissimo tempo mi costrinse a dovermi ad attenere ad un copione di merda, non potendo esprimere il giusto potenziale.

Poi disgraziatamente un'altra regista prese in mano il mio film, sicuramente non meno peggiore della cineasta polacca (moglie e buoi...) precedente.

Altro clamoroso flop al botteghino, per poi infine ritornare ad essere libero come quattro anni prima. 

Riguardo la prossima relazione, il régisseur non lo farà nessuna  nossignore, solamente quello di aiuto regista e sarebbe già tanto.

Adesso sto girando una sorta di revival con tanto di significativi cambiamenti, per la prima volta in vita mia mi sto prodigando a fare tutto ciò che desidero senza paletti e censure.

Prendendo in esame i testi introspettivi, altra mia specialità, dopo le due difficili relazioni, hanno accusato dei contraccolpi, del resto l’esperienza insegna.

Succede che, se sono triste, amareggiato, deluso, sarei capace di scrivere addirittura milioni di testi, sia per sfogo a scopo terapeutico e sia per mettere a nudo la mia anima senza assolutamente cercare la compassione di nessuno, mentre se sono felice, strano ma vero, questa creatività tende un po' a mancare, dal momento che dentro di me sprizza una condizione talmente meravigliosa che mi porta a sentirmi vicino a Dio e al suo Paradiso, tanto da non avere... parole!

Intendiamoci, ho composto svariati testi romance, dediche, "caramellerie" etc. però il "meglio" lo tengo per me, forse perché sono geloso di condividere il bottino con altri se non con la persona che amo, non prima che sia degna della mia fiducia e del mio cuore.

Da segnalare che sono anche fantasioso e pieno di fantasia oltre che eterno sognatore e instancabile speranzoso.

Quante volte nella mia testa la realtà tende ad emigrare lasciando spazio alla fantasia e ciò tra le tante cose mi dà la giusta ispirazione a scrivere componimenti fiction oppure a crearmi un mondo interiore ad hoc e con sottofondo tanta musica con le canzoni che prediligo di più.

Fantasia, amica mia, tu che sei di strada, fammi compagnia!

Un giorno di pioggia lo faccio diventare soleggiato, il caldo afoso un tiepido venticello e se qualcuno mi dovesse dire  «Hai poco sale in zucca!» risponderei che in compenso ho tanto zucchero, spiegando il motivo della mia indole dolce e romantica.

Ecco, tornando a parlare di cinema, con la fantasia, se occorre, divento sceneggiatore, regista e attore allo stesso tempo, difatti "giro" certi film mentali che meriterebbero premi di ogni genere tra cui i Telegatti!

Sono il Telegattone... maaaaaaoo!!! 

A voi lettori, da un lato vorrei far vedere la mia collezione di Telegatti, mi dispiace, non si può, sono tutti dentro la mia testa, vi chiedo di fidarvi delle mie parole, inoltre avendo alle spalle cantonate di ogni genere, dispongo di tantissimi Tapiri d'Oro e di conseguenza spesso mi viene naturale da pensare:

Me Tapiro!!!

Davvero una bella cosa la fantasia, sapete quante volte mi ha salvato la vita? Eh, avoja!
Tipo l'anno scorso, stavo quasi per cadere in un baratro nerissimo (ero praticamente nell’anticamera) e con la mia fantasia creai un mega tombino passando così allegramente sopra, con tanto di dito medio alzato e infine, una volta preso atto della gravosa situazione reale, mi liberai da coloro che mi stavano spingendo a cadere all’interno di quella voragine profonda e oscura.

In conclusione e riassumendo aggiungendo "ruoli” in più, ecco sono:

Aspirante Operatore Socio Assistenziale (a Ottobre dovrei conseguire la qualifica), scribacchino dall'animo poetico che non scrive quasi mai poesie, appassionato lettore, recensore cinematografico, commendatore (see magari), scusate, volevo dire commentatore, pornografo (la fantasia e l'essere fantasioso riguarda anche questo!), cabarettista (visto che mi diverto e faccio divertire gli altri con battute di ogni genere) e soprattutto... semplicemente io, semplicemente me stesso!

1
1
6

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su