Una volta qualcuno mi chiese:  «Ti piace scrivere, eh?» 

«Mi piace? io amo scrivere!» risposi con convinzione, sebbene abbia sempre avuto un rapporto particolare con la scrittura...

Allora, partiamo col presupposto che è una necessaria attività di cui mi prodigo da quando avevo sedici anni, ufficialmente mi sono messo entusiasticamente in circolo da circa tre anni confrontandomi con molti autori in diversi siti di letteratura, spesso con risultati gratificanti o incoraggianti, ad esempio con alcune premiazioni in qualità di autore del mese e con un piccolo racconto di fantascienza pubblicato su un antologia online/cartacea dal titolo "Mercurio Solido."

Solo Dio Asimov sa di come quel giorno andai orgogliosamente in sollucchero quando tramite posta e-mail la redazione di Letture da Metropolitana mi comunicò che il mio "RoboZoo" risultava idoneo per essere inserito in una raccolta tra gli autori vari. 

Nonostante ciò, non mi sento uno scrittore, semmai uno scribacchino o al massimo uno scrittore in erba, vuoi per umiltà, vuoi perché non ho ancora pubblicato nulla di veramente commerciale e vuoi perché in giro ci sono autori dannatamente bravi, competenti e irraggiungibili, sì insomma, autentici maestri di scrittura e lo dico senza scomodare i blasonati Andrea Camilleri, Susanna Tamaro, Gianrico Carofiglio, Carlo Lucarelli, Elena Ferrante e tanti altri. 

Tenendo conto del numero delle mie pubblicazioni, tra racconti, pensieri, riflessioni, stati d'animo, qualche rarissima poesia, testi sperimentali e testi inediti, sto quasi arrivando a cento, un bel traguardo non c'è che dire, dimostrando che questa mia passione mi sta facendo macinare chilometri di lettere digitali e qualche penna Bic consumata, dove in passato su alcuni fogli, l'inchiostro nero finì per mescolarsi con delle lacrime causate da delusioni sentimentali, per non parlare dell'inchiostro rosso del cuore che mi macchiò perfino l'anima. Ah, che spreco!

Il genere in cui mi cimento per la maggiore è senz'altro l'autobiografico, per esorcizzare eventi passati e trapassati, poi mi ritengo un nostalgico puro, troppo legato ai miei spensierati verdi anni, tra cui il periodo del militare (verde in tutti i sensi, per via della divisa indossata) oppure di quando in maniera trionfale lasciai la terribile prima ex fidanzata in quanto mi sentii finalmente libero di ricominciare daccapo, ritornando ad essere entusiasta come un bambino e grintoso come quei ventenni che ardono di spaccare il mondo, una condizione che, avendola già vissuta dopo le superiori, rappresentò una sorta di remake per il sottoscritto.

Ecco, a questo punto è doveroso parlare di cinema, altra mia passione, precisamente il MIO di cinema.

«Finalmente posso ritornare a dirigere IO stesso il film della mia vita!» esclamai tra me e me quel 7 luglio 2014, scrivendo questa importante frase su un’agendina, poiché, giusto per ribadire ancora, tagliai la pellicola, emh, i ponti con quella despota che per tantissimo tempo mi costrinse a dovermi ad attenere ad un copione di merda, non potendo esprimere il giusto potenziale.

Poi disgraziatamente un'altra regista prese in mano il mio film, sicuramente non meno peggiore della cineasta polacca (moglie e buoi...) precedente.

Altro clamoroso flop al botteghino, per poi infine ritornare ad essere libero come quattro anni prima. 

Riguardo la prossima relazione, il régisseur non lo farà nessuna  nossignore, solamente quello di aiuto regista e sarebbe già tanto.

Adesso sto girando una sorta di revival con tanto di significativi cambiamenti, per la prima volta in vita mia mi sto prodigando a fare tutto ciò che desidero senza paletti e censure.

Prendendo in esame i testi introspettivi, altra mia specialità, dopo le due difficili relazioni, hanno accusato dei contraccolpi, del resto l’esperienza insegna.

Succede che, se sono triste, amareggiato, deluso, sarei capace di scrivere addirittura milioni di testi, sia per sfogo a scopo terapeutico e sia per mettere a nudo la mia anima senza assolutamente cercare la compassione di nessuno, mentre se sono felice, strano ma vero, questa creatività tende un po' a mancare, dal momento che dentro di me sprizza una condizione talmente meravigliosa che mi porta a sentirmi vicino a Dio e al suo Paradiso, tanto da non avere... parole!

Intendiamoci, ho composto svariati testi romance, dediche, "caramellerie" etc. però il "meglio" lo tengo per me, forse perché sono geloso di condividere il bottino con altri se non con la persona che amo, non prima che sia degna della mia fiducia e del mio cuore.

Da segnalare che sono anche fantasioso e pieno di fantasia oltre che eterno sognatore e instancabile speranzoso.

Quante volte nella mia testa la realtà tende ad emigrare lasciando spazio alla fantasia e ciò tra le tante cose mi dà la giusta ispirazione a scrivere componimenti fiction oppure a crearmi un mondo interiore ad hoc e con sottofondo tanta musica con le canzoni che prediligo di più.

Fantasia, amica mia, tu che sei di strada, fammi compagnia!

Un giorno di pioggia lo faccio diventare soleggiato, il caldo afoso un tiepido venticello e se qualcuno mi dovesse dire  «Hai poco sale in zucca!» risponderei che in compenso ho tanto zucchero, spiegando il motivo della mia indole dolce e romantica.

Ecco, tornando a parlare di cinema, con la fantasia, se occorre, divento sceneggiatore, regista e attore allo stesso tempo, difatti "giro" certi film mentali che meriterebbero premi di ogni genere tra cui i Telegatti!

Sono il Telegattone... maaaaaaoo!!! 

A voi lettori, da un lato vorrei far vedere la mia collezione di Telegatti, mi dispiace, non si può, sono tutti dentro la mia testa, vi chiedo di fidarvi delle mie parole, inoltre avendo alle spalle cantonate di ogni genere, dispongo di tantissimi Tapiri d'Oro e di conseguenza spesso mi viene naturale da pensare:

Me Tapiro!!!

Davvero una bella cosa la fantasia, sapete quante volte mi ha salvato la vita? Eh, avoja!
Tipo l'anno scorso, stavo quasi per cadere in un baratro nerissimo (ero praticamente nell’anticamera) e con la mia fantasia creai un mega tombino passando così allegramente sopra, con tanto di dito medio alzato e infine, una volta preso atto della gravosa situazione reale, mi liberai da coloro che mi stavano spingendo a cadere all’interno di quella voragine profonda e oscura.

In conclusione e riassumendo aggiungendo "ruoli” in più, ecco sono:

Aspirante Operatore Socio Assistenziale (a Ottobre dovrei conseguire la qualifica), scribacchino dall'animo poetico che non scrive quasi mai poesie, appassionato lettore, recensore cinematografico, commendatore (see magari), scusate, volevo dire commentatore, pornografo (la fantasia e l'essere fantasioso riguarda anche questo!), cabarettista (visto che mi diverto e faccio divertire gli altri con battute di ogni genere) e soprattutto... semplicemente io, semplicemente me stesso!

0
0
1

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
3

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su