Una volta qualcuno mi chiese:  «Ti piace scrivere, eh?» 

«Mi piace? io amo scrivere!» risposi con convinzione, sebbene abbia sempre avuto un rapporto particolare con la scrittura...

Allora, partiamo col presupposto che è una necessaria attività di cui mi prodigo da quando avevo sedici anni, ufficialmente mi sono messo entusiasticamente in circolo da circa tre anni confrontandomi con molti autori in diversi siti di letteratura, spesso con risultati gratificanti o incoraggianti, ad esempio con alcune premiazioni in qualità di autore del mese e con un piccolo racconto di fantascienza pubblicato su un antologia online/cartacea dal titolo "Mercurio Solido."

Solo Dio Asimov sa di come quel giorno andai orgogliosamente in sollucchero quando tramite posta e-mail la redazione di Letture da Metropolitana mi comunicò che il mio "RoboZoo" risultava idoneo per essere inserito in una raccolta tra gli autori vari. 

Nonostante ciò, non mi sento uno scrittore, semmai uno scribacchino o al massimo uno scrittore in erba, vuoi per umiltà, vuoi perché non ho ancora pubblicato nulla di veramente commerciale e vuoi perché in giro ci sono autori dannatamente bravi, competenti e irraggiungibili, sì insomma, autentici maestri di scrittura e lo dico senza scomodare i blasonati Andrea Camilleri, Susanna Tamaro, Gianrico Carofiglio, Carlo Lucarelli, Elena Ferrante e tanti altri. 

Tenendo conto del numero delle mie pubblicazioni, tra racconti, pensieri, riflessioni, stati d'animo, qualche rarissima poesia, testi sperimentali e testi inediti, sto quasi arrivando a cento, un bel traguardo non c'è che dire, dimostrando che questa mia passione mi sta facendo macinare chilometri di lettere digitali e qualche penna Bic consumata, dove in passato su alcuni fogli, l'inchiostro nero finì per mescolarsi con delle lacrime causate da delusioni sentimentali, per non parlare dell'inchiostro rosso del cuore che mi macchiò perfino l'anima. Ah, che spreco!

Il genere in cui mi cimento per la maggiore è senz'altro l'autobiografico, per esorcizzare eventi passati e trapassati, poi mi ritengo un nostalgico puro, troppo legato ai miei spensierati verdi anni, tra cui il periodo del militare (verde in tutti i sensi, per via della divisa indossata) oppure di quando in maniera trionfale lasciai la terribile prima ex fidanzata in quanto mi sentii finalmente libero di ricominciare daccapo, ritornando ad essere entusiasta come un bambino e grintoso come quei ventenni che ardono di spaccare il mondo, una condizione che, avendola già vissuta dopo le superiori, rappresentò una sorta di remake per il sottoscritto.

Ecco, a questo punto è doveroso parlare di cinema, altra mia passione, precisamente il MIO di cinema.

«Finalmente posso ritornare a dirigere IO stesso il film della mia vita!» esclamai tra me e me quel 7 luglio 2014, scrivendo questa importante frase su un’agendina, poiché, giusto per ribadire ancora, tagliai la pellicola, emh, i ponti con quella despota che per tantissimo tempo mi costrinse a dovermi ad attenere ad un copione di merda, non potendo esprimere il giusto potenziale.

Poi disgraziatamente un'altra regista prese in mano il mio film, sicuramente non meno peggiore della cineasta polacca (moglie e buoi...) precedente.

Altro clamoroso flop al botteghino, per poi infine ritornare ad essere libero come quattro anni prima. 

Riguardo la prossima relazione, il régisseur non lo farà nessuna  nossignore, solamente quello di aiuto regista e sarebbe già tanto.

Adesso sto girando una sorta di revival con tanto di significativi cambiamenti, per la prima volta in vita mia mi sto prodigando a fare tutto ciò che desidero senza paletti e censure.

Prendendo in esame i testi introspettivi, altra mia specialità, dopo le due difficili relazioni, hanno accusato dei contraccolpi, del resto l’esperienza insegna.

Succede che, se sono triste, amareggiato, deluso, sarei capace di scrivere addirittura milioni di testi, sia per sfogo a scopo terapeutico e sia per mettere a nudo la mia anima senza assolutamente cercare la compassione di nessuno, mentre se sono felice, strano ma vero, questa creatività tende un po' a mancare, dal momento che dentro di me sprizza una condizione talmente meravigliosa che mi porta a sentirmi vicino a Dio e al suo Paradiso, tanto da non avere... parole!

Intendiamoci, ho composto svariati testi romance, dediche, "caramellerie" etc. però il "meglio" lo tengo per me, forse perché sono geloso di condividere il bottino con altri se non con la persona che amo, non prima che sia degna della mia fiducia e del mio cuore.

Da segnalare che sono anche fantasioso e pieno di fantasia oltre che eterno sognatore e instancabile speranzoso.

Quante volte nella mia testa la realtà tende ad emigrare lasciando spazio alla fantasia e ciò tra le tante cose mi dà la giusta ispirazione a scrivere componimenti fiction oppure a crearmi un mondo interiore ad hoc e con sottofondo tanta musica con le canzoni che prediligo di più.

Fantasia, amica mia, tu che sei di strada, fammi compagnia!

Un giorno di pioggia lo faccio diventare soleggiato, il caldo afoso un tiepido venticello e se qualcuno mi dovesse dire  «Hai poco sale in zucca!» risponderei che in compenso ho tanto zucchero, spiegando il motivo della mia indole dolce e romantica.

Ecco, tornando a parlare di cinema, con la fantasia, se occorre, divento sceneggiatore, regista e attore allo stesso tempo, difatti "giro" certi film mentali che meriterebbero premi di ogni genere tra cui i Telegatti!

Sono il Telegattone... maaaaaaoo!!! 

A voi lettori, da un lato vorrei far vedere la mia collezione di Telegatti, mi dispiace, non si può, sono tutti dentro la mia testa, vi chiedo di fidarvi delle mie parole, inoltre avendo alle spalle cantonate di ogni genere, dispongo di tantissimi Tapiri d'Oro e di conseguenza spesso mi viene naturale da pensare:

Me Tapiro!!!

Davvero una bella cosa la fantasia, sapete quante volte mi ha salvato la vita? Eh, avoja!
Tipo l'anno scorso, stavo quasi per cadere in un baratro nerissimo (ero praticamente nell’anticamera) e con la mia fantasia creai un mega tombino passando così allegramente sopra, con tanto di dito medio alzato e infine, una volta preso atto della gravosa situazione reale, mi liberai da coloro che mi stavano spingendo a cadere all’interno di quella voragine profonda e oscura.

In conclusione e riassumendo aggiungendo "ruoli” in più, ecco sono:

Aspirante Operatore Socio Assistenziale (a Ottobre dovrei conseguire la qualifica), scribacchino dall'animo poetico che non scrive quasi mai poesie, appassionato lettore, recensore cinematografico, commendatore (see magari), scusate, volevo dire commentatore, pornografo (la fantasia e l'essere fantasioso riguarda anche questo!), cabarettista (visto che mi diverto e faccio divertire gli altri con battute di ogni genere) e soprattutto... semplicemente io, semplicemente me stesso!

0
0
2

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
12
64

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0858: Bello Giuseppe! Angosciante da morire... che racconto! Sulla pelle ho sentito [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Surya: nei bambini nutro una grande speranza, si potrebbe essere, del resto [...]

1
0
15

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
10

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
2
8

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
10

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

6
3
13

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
16

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
13
85

Il mio amico Gino Di Losa

14 January 2020

Sono al matrimonio di Gino Di Losa che si tiene in Puglia a Canosa. Davvero carina la sua sposa, anche se purtroppo è odiosa però ha una sorella deliziosa dall'espressione solare e radiosa. Ha una corporatura burrosa e un’espressione assai maliziosa, intuendo che di me è vogliosa. Con un pretesto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Alice Cannizzo: Zio, sai una cosa? Mi piace questo Gino di Losa e sei bravo a scrivere ogni [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Alice, si tratta di una filastrocca nata per caso, felice anche stavolta del [...]

2
1
8

Il mio angolo di Paradiso

13 January 2020

Salii sulla montagna con mio nonno Genitori troppo presi da se stessi per ascoltare e leggere nei miei occhi quel desiderio Il nonno era un uomo forte e saggio Essere solo in montagna con i suoi animali lo avevano abituato a quei silenzi e percepiva bene nelle persone i desideri e i sogni. Lui [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su