Tutta colpa di una penna che scrive, di un click con il mouse, Rivarolo un puntino sulla nostra carta geografica, è bastato poco per un gruppo di scrittori sparpagliati di trovarsi coinvolti in questa realtà provinciale, io sinceramente avrei preferito Cuccamonga ma Dario aveva in testa Rivarolo, perchè? E' una storia lunga, comunque stà di fatto che io con un click mi sono ritrovato quì, insieme ai miei amici scrittori, amici lettori sappiate che tutto quello che accadrà lo abbiamo fatto per voi, per il vostro bene esistenziale, ecco ben detto, vado avanti....il nostro gruppo di scombinati aveva stabilito la base operativa over freak presso il pub "Pappa&Poppe" perchè si mangiava bene, ci si divertiva e poi perchè era gratis dal momento che eravamo ospitati giorno e notte totalmente a scrocco, non siate invidiosi, ce lo eravamo meritati, si era sparsa la voce che eravamo grandi investigautori, quindi grazie ai numerosi casi misteriosi risolti avevamo acquisito di buon diritto la permanenza al "Pappa&Poppe". Era Mercoledì 21, la serata era tranquilla, noi nel nostro angolo privèè del locale stavamo sgargarozzandoci, caviale e champagne? No..cusine Francaise? No...Tartufo e salmon? No...minestrone! Io e bibbi lo volevamo piccante, Alida senza sedano e carote, Scilipoti era schizzinoso nonostante aveva fatto il militare, Surya ci voleva più patate, ma il minestrone era comunque bono e bollente e alla fine accontentava tutti, poi finalmente per la gioia della parola, salsiccie e faggioli, vino rosso abbondante, la serata era frizzante infatti Scilipoti che appunto snobbava la minestra ne approfittò per andare a ballare sul cubo insieme a due ragazze mezze nude che lo misero in mezzo e lui senza paura si arrapò. Noi invece tutti al tavolo a mangiare e a cazzarare ma sul più bello arrivò una tizia di gran classe.

-Siete voi gli investigautori?

-Sììì...(tutti in coro)

-Mi dovete aiutare!

-Non potremo fare dopo cena?(Flavia)

-No, vi prego è urgente!

-Facciamo così, si sieda e mentre continuiamo a mangiare ne parliamo, gradisce dù faggioli?(Dario)

-Ecco, ho un grande problema con mio marito è da un pò di tempo che non facciamo più all'ammore, ma dico, giudicate voi, forse mi manca qualcosa per essere desiderata?

Apre la gonna mostrando la coscia e poi con le mani evidenzia le bocce.

-Beh, suo marito, signora mia, proprio nun capisce gnente! (Walter Fest)

-Appunto dovete scoprire il perchè.

-Ma noi mica siamo investigatori di problematiche infedeli e coniugali, siamo autentici investigautori(Puccia).

-Già, sono sicura che ci deve essere sotto una brutta storia.

-Vabbè quand'è così, l'aiuteremo, non ci garba molto ma l'aiuteremo (Surya)

-Come si chiama suo marito? Può mostrarci una foto? (Lorena)

-Sì eccola.

-Oddio che pauraaa! Ha la faccia da buldog (Flavia)

-Il mostro si chiama Clemente anche se non è un adone io lo amo tanto e poi quando facevamo all'ammore era così dolce e animalesco!..Scusatemi non mi sono neanche presentata, mi chiamo Liberata.

Walter Fest si porta ad orecchio di Dario.

-A Dàà ma secondo te stò nome n'dò l'hanno preso?Sur calendario?

-A Waà che ne sò, comunque cjà n'ber culo!

Gli uomini che mascalzoni, cjanno proprio un chiodo fisso!

-Va bene signora Liberata, ci dia il tempo di documentarci le daremo notizie prima possibile (Alida)

-Mi raccomando vi ricompenserò lautamente.

-Anche una bella donazione al centro anziani "Chupa Chups"?(Lorena)

-Vi firmerò un assegno in bianco.

-Una biblioteca moderna a Casamicciola? (Rob21)

-Ci puoi giurare.

-Bene signora, affare fatto si tenga in caldo la patata che le ritroveremo il mandrillo (Bibbi)

Liberata, felice se ne và e noi possiamo continuare i nostri bagordi.

-Che ne dite? Scilipoti, minchia lascia stare le femmine e vieni quà(Flavia)

-Allora amici scrittori da dove cominciamo?(Puccia)

-Io direi di fargli vedere la bernarda di Florinda e vediamo quello che succede(Surya)

-Ma no, facciamogli prendere lo sciroppo alzacappelle(Flavia)

-E se invece lo facciamo parlare con Armando?(Bibbi)

-Basta, pediniamolo con la fantasia (Alida)

-Alida ha ragione, diamoci sotto con l'immaginazione (Rob21)

Clemente a quanto pare non scopava più con Liberata perchè giorno e notte si rinchiudeva in sala hobby facendosi rapire da tutti i programmi di talk show in tv, vedeva urla e polemiche perfino di notte nel sogno, se almeno il fessacchiotto avesse alternato con qualche bel film e invece gnente solo programmi trash, era diventato un tossicodipendente catodito e poi logicamente a letto flop.

-Che grullo, che pirla, badola che non sei altro, cojone, zammarunii e catammarooo!

-Ma è logico, gli manca la felicità (Bibbi)

-Anche l'allegria (Alida)

-La spontaneità cribbio!(Puccia)

-E allora che facciamo per farlo ritornare normale? (Surya)

-Facciamo qualcosa, sììì e dopo tornerà l'amore e l'eros (Flavia)

-Io lo porterei in chiesa e fargli dare due schiaffoni da qualche frate (Dario)

-Io staccherei la spina della tv (Scilipoti)

-Ci vorrebbe qualcosa di reppelennte, di drastico (Flavia)

-Lo facciamo parlare con Pippo Baudo?(Lorena)

-Ma no, facciamogli fumare la mariagiovanna(Alida)

-Sìì, così dopo balla l'alligalli(Rob21)

-Oreste portaci per favore ancora del vino rosso(Walter Fest)

Non ve lo avevamo detto ma "Pappa&Poppe" ora era gestito da Oreste ed Adriana, ve li ricordate vero?

-Ecco la benzina per il corpo...'mazza quanto bevete!

-Oreste, potresti darci un consiglio?(Puccia)

-Aspettate che chiamo Adriana...Adrianaaaa!

-Eccomi tutto bene?

-Senti n'pò a questi amici scrittori servirebbe un consiglio.

-Non è per noi ma per un tizio che a quanto pare ha una bella gnocca sofisticata ma non scopa più, secondo voi in questi casi che si fà?(Bibbi)

-E' facile i due polli, portateli quà.

-Adriana aggiungiamo due posti a tavola.

-Oreste al posto del minestrone si potrebbe avere della polenta?(Scilipoti)

-A Scilipò, ma che in Sicilia mangiate la polenta?(Bibbi)

-E' tutta colpa delle cattive compagnie(Scilipoti)

Indicando i suoi amici autori.

E così non solo Adriana ed Oreste portarono a tavola la polenta ma anche un altro casino di robba buona.Clemente e Liberata si sedettero in mezzo agli investigautori, dagli stessi vennero eccitati a chiacchiere che gli scrittori avevano imparate dai racconti dei migliori scaricatori di porto insieme a  tutte le testimonianze riportate e scritto nei bordelli di Cuccamonga. La serata era di un allegria sfrenata, dei talk show neanche l'ombra, si divertirono all'impazzata, il caso era chiuso e la nottata venne conclusa a letto in coppia a luci rosse per tutti meno per Scilipoti che preferiì farlo in 3 insieme alle ballerine del cubo, Io scelsi Belen, non vedevo l'ora di vedere la sua farfalla tatuata in quel posto famoso, lettori non siate invidiosi, noi investigautori con la fantasia possiamo tutto, per voi se volete è sufficiente che buttiate qualche volta il telecomando, ci rivedremo per altri casi misteriosi da risolvere qui a Rivarolo, ma sappiate che noi scrittori lo famo sempre strano.

 

 

 

 

0
0
4

Di neve e di sole

18 November 2019

... e mentre sopra uno spoglio ramo si posa un corvo nel crepuscolo d'autunno la prima neve rabbrividisce i prati e piega piano foglie e fili d'erba e nel silenzio che penetra le rocce il sole sorge dietro la montagna a rischiarare la sfrenata corsa di cavalli bianchi sulla rena ... mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
18
78

Il bidone di plastica

Il negozio di casalinghi

18 November 2019

Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro") Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle “leggi” [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Non me lo ricordavo ma sapevo della tua esperienza lavorativa nel negozio e [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, ti ringrazio per la rilettura. Ho mandato a LdM molti racconti [...]

1
3
9

Mani

non pulite ma oneste... l'ultimo baluardo dei "tempi moderni"

17 November 2019

Anche se sembrano appartenere al passato, le immagini di mani sporche di lavoro non dovremmo dimenticarle mai. Stampiamole per bene nel nostro cuore e nella nostra mente quelle mani, mani sporche di grasso, sporche di terra, di vernice, sporche di fuliggine, di ruggine, di colla. Manualità scomparsa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Giuseppe, ci tenevo molto alla tua disamina per i motivi che ti avevo anticipato, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Tempi moderni", mi è sfuggito... dalla mani. Mi scusasse [...]

1
1
9

La pallina

17 November 2019

Birichina. Colorata. Salta qua, salta là La si cerca di afferrare. Lei non ne vuole sapere. Mamma perché fa così? Piccola mia, lasciala andare. Lei senza poter saltare non avrebbe senso di esistere. Ma io la voglio per me. Ma lei è già tua. Vedi vuole giocare con te. Corrile dietro. Accompagnala [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

LA PAROLA

16 November 2019

L’urlo, il riso, il pianto e il lamento parlavano al cuore degli uomini. La parola inascoltata vagava libera nell’universo infinito e mai nessuno poté udire la sua voce. Poi un giorno un essere, storpio e ribelle, tese una rete a fitte maglie fra il nulla e tutte le cose, imprigionandola per sempre. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
9
40

Lo steccato

16 November 2019

Nell'aldilà, il Paradiso e l'Inferno sono due proprietà private separate da una chilometrica staccionata e in ambedue i lati c'è la presenza di una moltitudine di cartelli con su scritto: "Adeguate recinzioni fanno buoni e non dannati vicini." Dio e Satana, nonostante appartengono a due regni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò, non ho una grande memoria e non ho la tua stessa capacità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: lieto che sei passato a leggere e commentare questo racconto. Ti [...]

2
1
9

Il caciucco

15 November 2019

La pulsione semantico ormonale ingravescente che genera l'irrancidimento precoce della polpa della pera passacrassana negli scaffali dei discount di provincia, si approccia a un procedimento anticrittogamico risolutorio, contestualizzato alla crasi policistico insurrezionale tetragona a ogni intervento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
8

UN NOTTURNO SVOGLIATO

15 November 2019

La notte in cui vide dove terminava la città comprese anche che qualcosa poteva avere inizio. Davanti a se si rivelò, come dietro un sipario ignoto, la combustione della nicotina tra le sue dita incastrarsi perfettamente con un notturno volgare e gelido firmamento: pieno di bagliori e spasmi scoppiettanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un notturno svogliato ma dannatamente poetico e amaramente introspettivo. Mi [...]

  • U1004: Gratta gratta sotto la superficie c'è sempre un po' di eaistenzialismo.
    Avrebbe [...]

3
2
13

Tum!

14 November 2019

Tum! Il suono rimbomba ossessivamente nelle orecchie, per non parlare del dolore lancinante che mi sta letteralmente consumando il cranio. Faccio fatica a rimanere cosciente. A un certo punto avverto dei lampeggianti. Li vedo e non li vedo. Mi è impossibile trovare una definizione. A malapena [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grande Scilipoti in versione giallo drammatico enigmatico incidente stradale [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, hai visto oggi dove sono andato a "sbattere?" :-) Un [...]

2
1
11

Note

13 November 2019

Sono solo stasera Mi accompagna solo la tromba di Baker Il whisky con ghiaccio mi rilassa Magia delle note La voce della cantante è cosi profonda Si viene subito proiettati in locali come il Blue Note Il pianista attacca il brano Le spazzole del percussionista accarezzano i tamburi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
15

Facce sorridenti

Una storia vera a Colorado Winter

13 November 2019

Tutto succede meglio di notte, quando il silenzio cala, le auto non sibilano e brillano le stelle. Arthur scriveva di notte perchè gli piaceva ascoltare Nina Simone che cantava solo per lui, posava ogni tanto la penna e la ascoltava sorridendo, tanto non perdeva la concentrazione per scrivere quella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
0
9

Palingenesi

12 November 2019

La palingenesi demoplutocratica della progressione diaframmatica utilitaristica, si estrapola da un contesto musical-postsessantottino sfociante in una semplificazione anagrammatico sillogistica, assimilabile inequivocabilmente alla stesura cantautorale del "trottolino amoroso" di sanremiana memoria. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su