In una tarda mattinata di primavera, i miei  datori di lavoro mi mandarono a sbrigare una commissione alla posta centrale, precisamente dovevo farmi affrancare allo sportello dei francobolli per una prioritaria.

Mentre stavo percorrendo la piazza a piedi, dall'esterno di un negozio di abbigliamento, Gaetano mi apparve davanti assieme ad una ragazza bionda di bellissimo aspetto ed erano mano nella mano e con due shopper da boutique per ciascuno.

«Dio, fa che almeno stavolta quel bifolco mi lasci in pace!» pregai mentalmente.

Appena entrai nel raggio visivo di Gaetano l'espressione del suo viso si fece fin da subito maliziosa, difatti conoscendolo bene, era chiaro come il sole che avrebbe cominciato a deridermi in maniera deplorevole e mi ero anche rassegnato che avrebbe potuto avere manforte della sua ragazza. Sarebbe bastata una sola risata da parte di quest' ultima per farmi sentire ancora più giù, complice anche il lato molto sensibile della mia personalità.

Ad ogni modo mi preparai ad incassare i colpi e alcune previsioni si rilevarono esatte.

«Prosciutto! Prosciuttooooo!» mi canzonò più volte con fare spaccone e col chiaro proposito di atteggiarsi dinnanzi la sua ragazza.

Provai a ignorarli e di proseguire a testa alta per la mia destinazione, cercando il più possibile di non dare a vedere il mio avvilimento.

Fu in quel preciso istante che avvenne una scena imprevista e che mi lasciò letteralmente spiazzato.

«Perché lo stai insultando? Cosa ti ha fatto quel ragazzo?» domandò la ragazza tutta scocciata, liberandosi immediatamente la mano che teneva intrecciata con quella del mio ex compagno di scuola.

«Niente, è un povero sfigato, a scuola veniva preso per il culo da tutti, dal primo fino all'ultimo!» si giustificò il grand'uomo ridendo nervosamente e nello stesso tempo si stupì della reazione di colei che non gli aveva fornito un potenziale assist.

«Senti, ma chi ti credi di essere? Un Dio in terra? Vergognati!» osservò la biondina sempre più incazzata.

Restai a osservarli.

Gaetano tra le tante cose, era uno che non amava essere contraddetto e mostrò nei confronti della ragazza un’autorità che peggiorò soltanto le cose.

«Oh, ma che cazzo te ne frega di quel coglione? Non ti permetto di parlarmi così, cretina!» le urlò.

La ragazza gli scagliò addosso le due shopper da boutique e cominciarono a litigare. animatamente come due forsennati con tanto di strattoni e gesticolazioni di ogni genere.

Decisi di andarmene e li lasciai con i loro litigi, dentro di me godevo come un matto, non per cattiveria ma per una sorta di giustizia.

Per una volta fu lui a cascare male ed era una chiara dimostrazione che il cosiddetto “boomerang” che ritorna in faccia esiste davvero.

Andai alla posta, e una volta sbrigata la prioritaria tornai al negozio visibilmente soddisfatto.

Qualche giorno dopo, mentre stavo andando a fare la spesa in un supermercato vicino casa mia, sentii dietro le mie spalle una brusca frenata, un freno a mano e uno sportello sbattere violentemente.

Mi girai.

Era Gaetano, infuriato come una iena.

A passo svelto cercai inutilmente di divincolarmi e mi raggiunse stringendomi forte un braccio.

«Prosciutto di merda, per colpa tua la mia ragazza mi ha lasciato!» esordì con un tono iracondo.

«Come per colpa mia? Che cavolo stai dicendo?» gli domandai «ero per i cazzi miei, hai cominciato tu a provocare!» soggiunsi con la coscienza a posto.

Gaetano mi diede un vigoroso spintone e andai a sbattere in una serranda di un pubblico esercizio chiuso per ferie, restando aderente ad essa.

«Sei passato nel posto sbagliato e nel momento sbagliato, tutta colpa tua!» insistette con gli occhi stralunati e visibilmente arrossati.

Con una mano mi premette la cassa toracica mentre l'altra la chiuse in un pugno sospeso in aria come se fosse pronto per colpirmi.

«Io ti ammazzo! Hai capito? Io ti ammazzoooooo!» continuò con un tono sempre più brutale e minaccioso.

Avevo due scelte:

Ingaggiare una lotta cercando di colpirlo per primo con un sonoro pugno in faccia oppure risolverla a parole e convincerlo a lasciarmi in pace.

Scelsi la seconda opzione e allo stesso tempo preparai la mano destra nell'eventualità di difendermi.

«Gaetano, non ti ho fatto mai nulla, ormai la scuola è finita, se mi tocchi con un dito vado al commissariato, stavolta non te la faccio passare liscia!» gli dissi per cercare di intimorirlo.

«A me gli sbirri mi possono fare solo una sega!» gracchiò e con gli occhi sempre più rossi nonché accecati dalla rabbia.

«Gaetano, per una buona volta lasciami stare, te lo chiedo per favore, non hai idea di quanto male mi hai fatto in tutti questi anni!» e dopo queste parole in maniera delicata gli abbassai il braccio con la mano sinistra il quale mi premeva il torace.

«Ti prego... basta!» aggiunsi con un fil di voce.

Mi sembrò di scorgere i suoi occhi diventare incredibilmente lucidi oltre al fatto che erano già arrossati, tanto da abbassarli per alcuni istanti.

Probabilmente era indeciso sul da farsi e forse le mie suppliche l'avevano toccato a livello interiore.

2
6
12

Un eroe del nostro tempo

aiutare gli altri

16 June 2019

Come più volte richiesto dall'amico Walter Fest, sempre alla ricerca di eroi, eccone uno dimenticato. Un pomeriggio di maggio caldo e assolato, siamo negli anni settanta, una bimba di quattro anni gioca sul balcone di casa con un piccolo aquilone, la mamma la sorveglia ma l'aquilone le sfugge [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Flavia che dirti?...E' sempre un piacere scambiarci opinioni, input e tante [...]

  • flavia: Walter anche meno di 27 diciamo che sono teen ager

5
4
19

EternaMetro

16 June 2019

Quando con un fischio penetrante si aprono le porte è come se da un foruncolo se ne esca materia purulenta trattenuta per giorni. Veniamo succhiati fuori come interiora da un ventre bollente e buttati in corridoi dove la luce è tendenzialmente gialla, seguendoci l’un l’altro come acciughe, allo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • U1011: Molto bello Sandro e allo stesso tempo molto triste e realistico... uno spaccato [...]

  • Sandro Amici: Grazie a voi per essere passati a leggere

5
7
21

Il ladro

15 June 2019

Con movimenti decisi, ho appena piazzato sta Matusalemme in una sedia per poi bloccarla con una cintura. La vecchia mi guarda digrignando i denti e comincia a inveire contro di me. Mi dà del ladro e più volte chiama aiuto. Non è la prima volta che mi trovo in una situazione del genere, ragion per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao Giuseppe i termini mi sembrano azzeccati per l'intento che avevi perché [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Francesca, tu sì che ne capisci. :-) Comunque mi sembra di notare [...]

1
1
12

Inedia

15 June 2019

Ed è solo giorno, e già mi nutro d'alcol. Sono sdraiato nei tuoi occhi incantevoli Non mi rannicchio mai. È di nuovo notte E sono ancora lì. Passeranno le stagioni sarà come bere un bicchier d'acqua e forse scenderanno nuove piogge. Sarà come guardarti ancora. Torni da me e tornano le rondini, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Domani è un altro giorno, si vedrà, come dice il poeta. Mi piaci

4
7
23

Colloquio

14 June 2019

Sua madre gli aveva stirato la camicia bianca. -Mettiti la giacca. -Ma è per un call center, non serve... -Tu mettila. In bagno certi giorni la chierica non si vedeva. Quella mattina brillava. Aveva preso il caffè in cucina, in piedi, mentre suo padre fissava La7. “Ora me lo chiede, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Mi permetto di dissentire Francesca. Non confonderei “scorrevole” [...]

  • Francesca: Ciao Sandro io intendevo un'altra cosa.. uno può anche scrivere [...]

2
3
10

Shopping

14 June 2019

Il sole stava calando sull'affollata piazza, regalando un'aura di serenità: la primavera era una certezza, sebbene l'aria ancora fresca. Le due donne si incamminarono nella via del centro, che a quell'ora ancora pullulava del via vai dei turisti, oltre ai tanti impiegati che da poco avevano lasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Dolce far shopping. :-) Ho trovato carino questo componimentino, lo shopping [...]

  • Palilli: Grazie Flavia e grazie Giuseppe. Mi ha ispirato una amica che si è recata [...]

6
7
32

Non ci si può fidare neanche della morte!

13 June 2019

La tiro fuori da sotto il sudario! È lei, l’ho vista tre giorni fa mentre la sistemavano lì, sembra che nessuno s’interessi di lei, mentre io l’ho sognata tutti i giorni, è stato quell’attimo che mi è rimasto fisso nella mente, mentre le sistemavano la gonna che si era alzata quando l’hanno messa [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Dario De Santis: Grazie Walteruccio, lascia stare, è inutile, come diceva Bennato "tempo [...]

  • flavia: Sei sempre il solito pavoncello tutto coda raggiante, ma ti amiamo anche per [...]

3
3
10

UNIONE COSMICA

OM

13 June 2019

Non sarai più solo Ti ascolterò non solo con l'udito ma aprendoti il mio cuore. Non servirà parlare. Dall' incontro dei nostri sguardi sinceri, nasceranno spontaneamente, invisibili energie che faranno vibrare l'atmosfera di limpida magia... E tutto sarà pace dove attorno solo giace la dolce comunicazione. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
19

Che donna sei

12 June 2019

Che donna sei Che donna sei. Diversa direi o meglio una donna che non ha paura di mostrarsi. Di essere pazza dolce casta hot. Di essere se stessa. Capace di amare senza limiti. E di fartelo capire con un sorriso con una carezza con un bacio con un semplice " ti amo ". Che donna sei. Fai parte di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
23

180

12 June 2019

Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!? Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò… Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: (non avevo lasciato una opinione)
    la versione del 2012 aggiunge qualche [...]

  • U1004: Non sapevo esistesse una Molazzana in prov di Lucca. Per quanto uno inventi [...]

4
4
23

LA TONACA DELLA MONACA - Guido

11 June 2019

LA TONACA DELLA MONACA - Guido Guido non era mai stato uno studente modello, né un ragazzino sempre tranquillo. Andava alle elementari in una scuola di suore, in pieno centro storico. L'edificio era molto antico, un pezzo da museo non molto tenuto bene dalle 'sante donne'. Per lui era un [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Un'infanzia tranquilla..

  • flavia: che tragedia dalla padella suore alla brace preti, non poteva andare peggio, [...]

5
9
21

Il tempo del ritorno

Recensione

11 June 2019

Misconosciuto film italiano datato 1993 dell’altrettanto (mi)sconosciuto Lucio Lunerti, che gira un film drammatico con lievissime venature thriller e mistery, che ha come cornice i post Anni di Piombo e misuratissime immagini di repertorio, forse ricreare ad hoc per il lungometraggio. “Il tempo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adalberto: Incuriosito dalla tua recensione ho cercato questo film "fantasma": [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Francesca: ammirazione anch'io per la mitica Giulietta. Chissà, [...]

Torna su