Così decisero di andare a convivere insieme, due amiche che si conoscevano da una vita; che avevano condiviso tutto, alla fine prendere in affitto una casa assieme sembrava la soluzione più logica.

Avevano trovato un appartamento alla periferia nord della città in cui vivevano; 700 euro al mese più le spese, non era grandissimo ma era ammobiliato, pulito e moderno. Firmarono il contratto d’affitto e dopo una settimana infilarono le chiavi nella toppa della loro nuova casa, cariche di valigie e scatoloni e con un bel sorriso soddisfatto sulla faccia.

Bene, forse fu proprio a partire da quel momento che iniziò la tragedia.

Un giorno, senza alcun preavviso, Marta andò su tutte le furie. Carola aprendo la porta della sua camera  e raggiungendola in cucina la trovò davanti al frigorifero, livida di rabbia:

-Ma…cosa è succ...- la domanda si fermò lì. 

-Ma che te sei magnata il mio hamburger di soiaaaaaa???

Carola la osservò terrorizzata:

-N-non io…è venuta mia sorella. Tu sai che è vegetariana, non sapevo cosa offrirle per cena così ho pensato...Ce ne erano due pacchi, te li avrei ricomprati appena fossi andata a fare la spesa!

-Sì certo ed io stasera cosa mi mangio eh??? Adesso devo improvvisare perché qualcuno non si è fatto gli affari suoi e si è mangiato una cosa che avevo comprato IO e che era palesemente MIO!!!

Marta era rossa, fumava, a Carola non restava che cercare di calmarla:

-Se vuoi prendi qualcosa tra ciò che ho comprato io, a me non importa, domani te li ricompr...

Venne nuovamente interrotta:

-Ma sì certo! Così adesso io faccio la parte della cattiva egoista mentre tu sei quella altruista vero? Lascia stare, guarda, ci penso io, ma da domani si cambia eh!! Da domani spesa divisa: io compro le cose per me e le metto nella parte sotto del frigorifero, le tue cose te le sistemi nei piani superiori. E' CHIARO?

Il giorno dopo Carola uscì per la spesa, comprò un po’ di tutto anche se la casa ne era già provvista e quando tornò a casa carica di buste Marta non c’era, ma le aveva lasciato casa tappezzata di post-it. Ne trovò uno sul mobiletto del bagno: “Il ripiano superiore è il tuo!” Poi ce n’era uno nello sgabuzzino, dove tenevano i prodotti per la casa: “Lo sportello di destra è il tuo!” Il frigorifero era già stato suddiviso, così aveva fatto anche con il congelatore e la credenza per i biscotti.

Fuori sul balcone lo stendipanni era stato diviso in parti uguali da un filo di spago.

Carola fece una smorfia di disappunto: “Forse stai esagerando amica mia” pensò cupamente, ma decise di stare in silenzio per il momento e nei giorni che seguirono si adattò al cambiamento dipartito.

Solo che le cose non migliorarono, anzi.

Col passare dei giorni Carola, che puliva sempre tutto, cominciò a rendersi conto che Marta invece quando spolverava lo faceva a metà: metà mobile, metà tavolo; puliva solo metà water...

Aveva sostituito lo zerbino della porta d’ingresso con uno piccolino che mise nel lato sinistro della porta. Carola si affrettò a comprarne un altro della stessa misura, per lei, da mettere nel lato destro altrimenti non avrebbe potuto neanche pulirsi le scarpe. Un post-it attaccato sulla lavatrice così recitava: “Lavatrice: lunedì, mercoledì, venerdì Marta, altri giorni Carola. Domenica riposo”.

Decise che forse era il caso di parlarne:

-Marta, ma tu ti trovi bene a vivere così? Su metà casa? Non possiamo allentare un po’ queste ridicole divisioni? Se lo racconto in giro non mi credono.

-Perché? Io mi trovo benissimo. Pensaci è il modo migliore per non litigare, le cose tue sono tue e le parti tue le pulisci tu, mi sembra perfetto.

-Sì ma io non mi siedo su mezzo water, e mi è impossibile sputare il dentifricio solo su mezzo lavandino!

-Non preoccuparti, penseremo al modo.

Si alzò e la lasciò lì a consumare la sua personalissima cena. Tentativo fallito.

Allora Carola decise di rischiare il tutto e per tutto: cominciò a farle dispetti: qualche volta condiva la sua insalata col sale di Marta, oppure le rubava qualche biscotto qua, una merendina lì, una fetta di prosciutto.

Marta non sembrava accorgersene e così lei continuò. Pulì il suo pavimento col detersivo dell’amica. Ma non potevano andare avanti così per molto; Carola dentro di sé sapeva che prima o poi la bomba finale sarebbe esplosa, oppure se ne sarebbe andata.

Decise di affrettare le cose invitando sua madre a stare da loro per un paio di giorni. Marta non ebbe nulla da obiettare ma vergognandosi non disse niente alla madre della sua amica delle sue drastiche imposizioni e così Carola ebbe carta bianca sull’intera casa per ben DUE GIORNi.

Cucinava (per tutte e tre) utilizzando quello che trovava un po’ dove lo trovava, puliva sempre tutto con il primo detersivo che le capitava per le mani, si  puliva le scarpe sullo zerbino dell'altra. Marta riuscì a rimanere zitta e immobile per tutto il tempo, anzi arrivò anche ad apprezzare le prelibatezze cucinate egregiamente dalla signora ospite.

Carola se la rideva, e faceva il conto alla rovescia nell’attesa della sfuriata dell’amica.

Ma Marta la deluse, la sfuriata non ci fu, ma appena la mamma lasciò la residenza si ritrovò un post-it sulla porta della sua camera grosso come un poster: “La prossima settimana viene mia madre” .

Carola decise di non darle la soddisfazione e quel fine settimana lo passò fuori città con altri amici. Quando rientrò trovò un ciambellone cucinato dalla signora madre di Marta:   una metà aveva uno splendido aspetto ed era già stata mangiata in parte, l’altra metà era completamente bruciata, intatta, ed il post-it ovviamente recitava che quella parte era per lei.

“Questo è troppo.” pensò “Ma come diavolo ha fatto a bruciarne solo metà poi?”

Fece le valige quel giorno stesso, portandosi via mezza casa, nel vero senso della parola; chiamò falegnami, idraulici, ditte di traslochi e uomini vari, infischiandosene del costo delle operazioni fece segare il tavolo a metà portandosi via la sua parte. Mobili, sanitari, l’intera cucina venne dimezzata tra le domande stupefatte degli operai. Lei rimase zitta, diceva solo dov’era che dovevano tagliare.

Poi chiuse la porta a chiave e ci attaccò sopra un post-it: “Mavattenaf”

 

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

4
4
12

Virulenza!!!

01 June 2020

E basta con questo Coronavirus! Ne abbiamo sentito di tutti i colori: gli americani dicono che è sfuggito da un laboratorio cinese, i cinesi che l'hanno portato gli americani durante un congresso di militari. Poi si dice che abbia fatto un salto di specie dai pipistrelli all'uomo, anzi no! La colpa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Rara avis: Grazie Scili, hai indovinato, il titolo è proprio un richiamo cinematografico [...]

  • Rara avis: Grazie per l'apprezzamento Walter, in quanto alle cicche da gennaio ho [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
6

Stati Uniti on the road - 1/2

01 June 2020

Cieli di un azzurro mai immaginato. Strade dritte fino all'orizzonte, e dall'orizzonte ancora dritte fino al prossimo orizzonte. Los Angeles. Metropoli chiassosa e trafficata. Oceano misterioso che si esaurisce sulle spiagge di Venice. Così come la vecchia Historic Route 66 termina al Pier di Santa [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
26

L'ULTIMO APPUNTAMENTO

01 June 2020

Non è stato facile fissare questo incontro, per ottenerlo ho dovuto mentire sulla mia identità. Mi aspetta nella hall dell'albergo. Mentre mi avvicino perdo tutta la baldanza che mi ha fatto arrivare fino a qui. Vorrei tornare indietro, ma è troppo tardi: mi ha visto. Due occhi grandi e scuri [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

13
18
58

Armiamoci ed entriamo!

01 June 2020

Nelle ore pomeridiane la banca normalmente è tranquilla. Scendo dall'auto. Conosco ogni singola telecamera esterna e interna, ogni dipendente, ogni porta etc, infatti, ho imparato ogni minimo dettaglio di questa struttura. Prima di dirigermi all'entrata, ripercorro velocemente le svariate cazzate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò...non posso fare altro che rinnovarti il commento del 14 ottobre [...]

  • Patapump: Ma guarda un po'. Uno pensa sia il mariuolo ed invece è la guardia. [...]

4
4
48

Mai più senza caffè

31 May 2020

Per me la domenica non esiste. È una dimensione spazio–temporale in cui provi a fare delle cose senza successo, perché nemici subdoli e infingardi, travestiti da divano e tv, ti fagocitano, tenendoti in ostaggio fino al giorno dopo. Inutile ribellarsi, bisogna solo aspettare che sia lunedì, momento [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U1096: Per un attimo mi sono ritrovato al supermercato tra gli scaffali ad osservare [...]

  • Simona Zarcone: I vostri commenti sono una mano santa per il mio umore domenicale...grazie 🙂

2
6
25

MAESTRO della Luce

31 May 2020

Musica Maestro!!! Che abbia inizio il tuo Concerto, tra spettatori e discepoli, tra sudore e lacrime... tra Buio e Luce. Ecco, si accendono i riflettori, lievi e garbati su quel palcoscenico che troppe volte ti ha voltato le spalle. Come dice Maestro? "Ho smesso di domandarmi perchè, ogni problema [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Ho conosciuto lui molto tardi, l ho apprezzato in pieno componendo generi che [...]

  • Roberto Anzaldi: Chiedo preventivamente scusa, Celeste, ma vorrei poter esprimere un pensiero [...]

4
7
14

Girasolino e la farfallina

Una preziosa lezione di vita da parte di una farfallina

31 May 2020

Il sole era alto nel cielo, splendeva sull’enorme campo di girasoli e come ogni giorno essi si voltavano verso di lui; questo era il compito che avevano tutti i giorni e i girasoli si sentivano fieri del loro lavoro. Ogni girasole aveva una sua personalità: c’era quello più simpatico, quello più [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • AmorLibre: Ciao Giuseppe mi fa veramente felice che ti sia piaciuto il mio racconto. Io [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Non pensavo che mia disamina ti poteva colpire così tanto, tra l'altro [...]

2
5
27

A te, Luna

31 May 2020

Ti ho sognata stanotte, Pallida Luna, camminavi confusa in mezzo alle stelle. Stella brillante di che cosa non so risplendevi, Tu bella lassù... Mi son chiesto spesso la mia ombra cos'è forse un bacio di luce oppure chissà forse solo un sorriso nell'immensitá di questo momento che mai finirà. E [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
8
32

Stanze

31 May 2020

Tornai a casa da un faticoso viaggio ad Istanbul, aprii la porta di casa e, senza neanche riporre lo zaino, accesi una sigaretta e un bastoncino di incenso regalatomi da Tharihr. "Accendilo quando nel vento saprai che qualcuno ti chiama, perché quello è il momento in cui il ricordo soffia sulle [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
26

Per te

Laura

30 May 2020

Era l’anno 1999, Jovanotti esordì con la fantastica canzone “Per te” e tua madre te la canticchiava sempre, mentre tu eri ancora dentro al suo pancione. La invidiavo, ma ammirandola. La sua serenità e la sua dolcezza mi faceva desiderare ancora di più quel giorno che saresti venuta al mondo. Sapevo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Wow! Bellissimo testo Rossana! Amore incondizionato, l'unico amore dal [...]

  • Boi Rossana Lucia: Grazie Surya. Hai ragione, niente in cambio, solo gioire e consolarsi di quell'amore [...]

18
24
68

Colazione

La ricetta perfetta

30 May 2020

Non sono un cuoco provetto però ho un piatto tutto mio che mi preparo tutte le mattine, una ricetta che non si trova in nessun libro, rivista o programma TV. Nemmeno su Youtube. Oh, stiamo parlando del frutto di anni e anni di esperimenti! La pietanza in questione non è difficile da preparare, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Simona Zarcone: Beato te che riesci a mischiare, nella stessa giornata, calma, buon umore, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Roberto Anzaldi: dammene un bel piatto, va'. :D la inserisco nell'alimentazione [...]

4
5
23

Il teatro di Tirana

30 May 2020

Alle quattro e un quarto del mattino, qualcuno mise in moto una ruspa. Insultò le vie della città percorrendole di notte fino al centro dove, in tenuta antisommossa, i poliziotti si erano schierati già presso uscita secondaria del teatro dove stavano dormendo gli occupanti, niente più che mascalzoni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su