Così decisero di andare a convivere insieme, due amiche che si conoscevano da una vita; che avevano condiviso tutto, alla fine prendere in affitto una casa assieme sembrava la soluzione più logica.

Avevano trovato un appartamento alla periferia nord della città in cui vivevano; 700 euro al mese più le spese, non era grandissimo ma era ammobiliato, pulito e moderno. Firmarono il contratto d’affitto e dopo una settimana infilarono le chiavi nella toppa della loro nuova casa, cariche di valigie e scatoloni e con un bel sorriso soddisfatto sulla faccia.

Bene, forse fu proprio a partire da quel momento che iniziò la tragedia.

Un giorno, senza alcun preavviso, Marta andò su tutte le furie. Carola aprendo la porta della sua camera  e raggiungendola in cucina la trovò davanti al frigorifero, livida di rabbia:

-Ma…cosa è succ...- la domanda si fermò lì. 

-Ma che te sei magnata il mio hamburger di soiaaaaaa???

Carola la osservò terrorizzata:

-N-non io…è venuta mia sorella. Tu sai che è vegetariana, non sapevo cosa offrirle per cena così ho pensato...Ce ne erano due pacchi, te li avrei ricomprati appena fossi andata a fare la spesa!

-Sì certo ed io stasera cosa mi mangio eh??? Adesso devo improvvisare perché qualcuno non si è fatto gli affari suoi e si è mangiato una cosa che avevo comprato IO e che era palesemente MIO!!!

Marta era rossa, fumava, a Carola non restava che cercare di calmarla:

-Se vuoi prendi qualcosa tra ciò che ho comprato io, a me non importa, domani te li ricompr...

Venne nuovamente interrotta:

-Ma sì certo! Così adesso io faccio la parte della cattiva egoista mentre tu sei quella altruista vero? Lascia stare, guarda, ci penso io, ma da domani si cambia eh!! Da domani spesa divisa: io compro le cose per me e le metto nella parte sotto del frigorifero, le tue cose te le sistemi nei piani superiori. E' CHIARO?

Il giorno dopo Carola uscì per la spesa, comprò un po’ di tutto anche se la casa ne era già provvista e quando tornò a casa carica di buste Marta non c’era, ma le aveva lasciato casa tappezzata di post-it. Ne trovò uno sul mobiletto del bagno: “Il ripiano superiore è il tuo!” Poi ce n’era uno nello sgabuzzino, dove tenevano i prodotti per la casa: “Lo sportello di destra è il tuo!” Il frigorifero era già stato suddiviso, così aveva fatto anche con il congelatore e la credenza per i biscotti.

Fuori sul balcone lo stendipanni era stato diviso in parti uguali da un filo di spago.

Carola fece una smorfia di disappunto: “Forse stai esagerando amica mia” pensò cupamente, ma decise di stare in silenzio per il momento e nei giorni che seguirono si adattò al cambiamento dipartito.

Solo che le cose non migliorarono, anzi.

Col passare dei giorni Carola, che puliva sempre tutto, cominciò a rendersi conto che Marta invece quando spolverava lo faceva a metà: metà mobile, metà tavolo; puliva solo metà water...

Aveva sostituito lo zerbino della porta d’ingresso con uno piccolino che mise nel lato sinistro della porta. Carola si affrettò a comprarne un altro della stessa misura, per lei, da mettere nel lato destro altrimenti non avrebbe potuto neanche pulirsi le scarpe. Un post-it attaccato sulla lavatrice così recitava: “Lavatrice: lunedì, mercoledì, venerdì Marta, altri giorni Carola. Domenica riposo”.

Decise che forse era il caso di parlarne:

-Marta, ma tu ti trovi bene a vivere così? Su metà casa? Non possiamo allentare un po’ queste ridicole divisioni? Se lo racconto in giro non mi credono.

-Perché? Io mi trovo benissimo. Pensaci è il modo migliore per non litigare, le cose tue sono tue e le parti tue le pulisci tu, mi sembra perfetto.

-Sì ma io non mi siedo su mezzo water, e mi è impossibile sputare il dentifricio solo su mezzo lavandino!

-Non preoccuparti, penseremo al modo.

Si alzò e la lasciò lì a consumare la sua personalissima cena. Tentativo fallito.

Allora Carola decise di rischiare il tutto e per tutto: cominciò a farle dispetti: qualche volta condiva la sua insalata col sale di Marta, oppure le rubava qualche biscotto qua, una merendina lì, una fetta di prosciutto.

Marta non sembrava accorgersene e così lei continuò. Pulì il suo pavimento col detersivo dell’amica. Ma non potevano andare avanti così per molto; Carola dentro di sé sapeva che prima o poi la bomba finale sarebbe esplosa, oppure se ne sarebbe andata.

Decise di affrettare le cose invitando sua madre a stare da loro per un paio di giorni. Marta non ebbe nulla da obiettare ma vergognandosi non disse niente alla madre della sua amica delle sue drastiche imposizioni e così Carola ebbe carta bianca sull’intera casa per ben DUE GIORNi.

Cucinava (per tutte e tre) utilizzando quello che trovava un po’ dove lo trovava, puliva sempre tutto con il primo detersivo che le capitava per le mani, si  puliva le scarpe sullo zerbino dell'altra. Marta riuscì a rimanere zitta e immobile per tutto il tempo, anzi arrivò anche ad apprezzare le prelibatezze cucinate egregiamente dalla signora ospite.

Carola se la rideva, e faceva il conto alla rovescia nell’attesa della sfuriata dell’amica.

Ma Marta la deluse, la sfuriata non ci fu, ma appena la mamma lasciò la residenza si ritrovò un post-it sulla porta della sua camera grosso come un poster: “La prossima settimana viene mia madre” .

Carola decise di non darle la soddisfazione e quel fine settimana lo passò fuori città con altri amici. Quando rientrò trovò un ciambellone cucinato dalla signora madre di Marta:   una metà aveva uno splendido aspetto ed era già stata mangiata in parte, l’altra metà era completamente bruciata, intatta, ed il post-it ovviamente recitava che quella parte era per lei.

“Questo è troppo.” pensò “Ma come diavolo ha fatto a bruciarne solo metà poi?”

Fece le valige quel giorno stesso, portandosi via mezza casa, nel vero senso della parola; chiamò falegnami, idraulici, ditte di traslochi e uomini vari, infischiandosene del costo delle operazioni fece segare il tavolo a metà portandosi via la sua parte. Mobili, sanitari, l’intera cucina venne dimezzata tra le domande stupefatte degli operai. Lei rimase zitta, diceva solo dov’era che dovevano tagliare.

Poi chiuse la porta a chiave e ci attaccò sopra un post-it: “Mavattenaf”

 

3
4
16

IL BUON GESU' E IL CATTIVO CRISTO

20 May 2019

Una riscrittura del Vangelo in chiave forse polemica, narrata come un romanzo storico. Un romanzo, appunto, dove ognuno può leggere le proprie convinzioni e/o idee. Philip Pullman (1946) immagina che Maria partorisca a Betlemme due gemelli: Gesù, sveglio e vivace sin dalla nascita, e Cristo, smunto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Scusa ma questa è la mia versione e mi è piaciuto molto il tuo [...]

  • Adalberto: Sono contento ti sia piaciuta la mia recensione e ho molto apprezzato la tua [...]

2
1
7

Al Capone

20 May 2019

Ho incontrato un dì Al Capone con il mitra e il sigarone tre scagnozzi su una Ford ...nel baule un uomo mort scorazzava per Chicago con in tasca la sua Colt e i rivali, pim pum pam li stendeva uno per volt era il boss delle cantine e delle bische clandestine e correva grandi rischi a produr [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
11
25

Due "vecchie" amiche

19 May 2019

Agli inizi degli anni novanta abitavo a Trabia, una cittadina della provincia di Palermo, in un piccolissimo quartiere fatto di case non proprio piacevoli alla vista e con un sovrastante palazzo grigio che senz'altro rendeva ulteriormente monotona la zona. Avevo sette anni e, mentre stavo rientrando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Walter ha ragione! Flavia scrivi quando vuoi anche email! Non sei sola😘😘😘

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia mi accodo al pensiero di Walter e Francesca, ricordati che ci siamo [...]

4
7
16

Punto e virgola

19 May 2019

Ogni tanto ripenso a te. Sono quattro mesi che non ho tue notizie, come se non fossi mai esistito. Ho finalmente smesso di piangere e sono fiera di me stessa per essere riuscita a tornare a ridere. Solo ora mi rendo conto che con te hai portato via tutto, e non parlo solo dei mobili che dicevi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò..ma che ti sei messo d'accordo con Francesca?(scherzo eh!)...tranquillo, [...]

  • Francesca: Ciao Walter credo di aver aver capito cosa intendi.. ok scrivere bene ma cercare [...]

1
2
28

La ciotola

18 May 2019

«Niente Raffa, non so capendo proprio niente. Ma poi dove cavolo è?» «Eccola là, in fondo». «Ma quale?» «Quella là che sembra Cicciolina dei poveri». «Ah, di bene in meglio. Dai, vieni con me e facciamoci spiegare cosa dobbiamo fare per questa pagliacciata». «Aspetta che fin là il tragitto è lungo, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao, il testo mi piace perché ben scritto e sono riuscita ad immaginarmi [...]

  • PillsofJoy: Ciao Francesca,
    Grazie mille per il tuo feedback! Certo che esiste un [...]

7
5
46

Noi

18 May 2019

Mi sono girata e ti ho visto. Per un attimo è stato come se tutto questo tempo, e anni, e giorni, si fossero dileguati. È stato come se ci fossimo solo noi, io e te, quelli di tanti anni fa. Era bello guardarti e scoprirti così simile ad allora, anche se leggermente invecchiato. E nello stesso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
13
24

La Vestale - 2/2

Roma antica

17 May 2019

<<E' una setta che viene da Gerusalemme, si chiamano cristiani e ascolta che scandalo, rinnegano l'imperatore e praticano riti dove si cibano e di carne e sangue umano>> <<Che orrore, sei sicura di quello che dici?>> <<Sicurissima me lo ha detto Sara, la nostra schiava [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: Sei una amica e ricambio l'abbraccio con simpatia

  • Puccia: Brava, come sempre riesci a coinvolgere il lettore ed a trasportarlo in tempi [...]

2
1
12

Anime spente

17 May 2019

Radici contorte tra pudiche labbra nel sogno riflesso di rocce roventi ammaliano anime intrise di noia tra gracili steli di rose purpuree cresciute a fatica nelle crepe spaccate di antichi manieri andati in rovina dimora sicura di ragni e di serpi di gracili uova appese agli sterpi e indicibili [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
17

La Vestale - 1/2

Roma antica

16 May 2019

La giovane sacerdotessa uscì dal tempio di Vesta dove l'avevano nominata Prima Custode del fuoco sacro, nonostante la giovane età. Aveva solo quindici primavere e non l'avrebbero mai elevata a tale rango se non fosse stata la nipote di Vespasiano. La sua famiglia era una delle più ricche di Roma [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
15

Intimi e soli

16 May 2019

Per un po' di tempo siamo stati a punzecchiarci. Allusioni, provocazioni, ammiccamenti, sorrisi, poi abbiamo prenotato un weekend in un b&b. Ho chiuso la porta con i gomiti perché le mani erano impegnate. La bocca, le mani, i pensieri, tutto quanto ballava una danza fatta di preliminari e abiti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Audace.. però senza nemmeno un attimo di tenerezza non si può!bravo

  • ducapaso: Grazie ragazzi, i vostri commenti sono sempre benvenuti!

5
9
22

Le mie 50 Sfumature

15 May 2019

Ci incontriamo una o due volte alla settimana, a seconda dei reciproci impegni, sempre nello stesso posto e sempre alla stessa ora: diciassette e trenta. Il nostro primo contatto fu telefonico, la sua voce calda e un po’ grossa mi face credere che mi sarei trovata di fronte ad un uomo maturo, con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: ......scusami volevo dire.. non ti perdere per strada pure te...

  • Francesca: Capisco che perdersi è facile, sopratutto quando siamo ingoiati da giornate [...]

7
11
19

Dalla finestra

15 May 2019

In una gelida e ventosa mattina d'inverno, un uomo scrutò fuori dalla finestra... Ad un certo punto il vento finì per placarsi e un sole potente quanto fulgido irradiò il giardino. Egli sorrise, focalizzando maggiormente l'esterno; per l'emozione gli occhi gli diventarono lucidi. Caterina, la sua [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Bello.
    Il finale ti secca la gola in un colpo, un escamotage che ho usato [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie ducapaso, amo le storie brevi con finale a sorpresa sia nel leggere [...]

Torna su