Primavera del 2050. Inizia a piovere.

Le gocce tintinnano sulle foglie verdi. Tintinnano anche più in basso, sul terreno, con suono più grave. Quasi fossero mani diverse a suonare strumenti diversi.

 

- Ma sempre le solite cose noiose dovete pensare voi scrittori, le solite nature morte dove non succede mai niente.

- Eccolo qua, neanche il primo paragrafo mi hai lasciato finire. Se avessi qualcosa di più interessante per la testa mi dedicherei a quello invece che stare qui a scrivere, ti pare? Del resto anche tu te ne stai lì a leggere dato che piove.

- Ma non piove mica, non piove mai qui. C'è sempre il sole.

- E perché non vai da qualche parte a fare qualcosa allora?

- Sto facendo la siesta dopo pranzo. Poi questi live-book dove si può interagire con l’autore famoso mentre compone il suo capolavoro mi piacciono troppo. Sono stati una bella invenzione dopo gli ebook.

- Si ma finora hai solo criticato e hai rovinato il racconto.

- Capirai che racconto.

- Comunque lo avevo appena iniziato, stavo introducendo il clima. Fuori piove e mi è venuto questo. Tu come lo continueresti, sentiamo?

- Dopo la pioggia?

- Chi ha detto che deve smettere di piovere?

- Io farei smettere. Qui s'è sempre il sole, non sono abituato alla pioggia.

- Va bene, facciamo smettere allora. Come continua poi? Dimmi.

- Devo continuare io?

- Si certo, tu, ti sei collegato apposta no? Dicevi che volevi interagire con un autore famoso mentre scrive.

- Si ma mica ho detto che il racconto lo devo fare io.

- Eh, bravi voi giovani, sempre pronti a criticare. Facile criticare no? Quando poi c’è da pensare diventa più difficile.

- Quanto la fai lunga. Sembri la formica che fa la ramanzina alla cicala.

- Parli della favola della cicala e della formica? Quella che insegna che uno lavora e l’altro ne approfitta senza fare niente?

- Me la raccontava mio nonno.

- Non è servito a molto, a quanto pare.

- La prendi troppo sul serio, dovresti rilassarti un po’.

- Ero rilassato prima che arrivassi tu. Mi stavo godendo la pioggerellina primaverile, invece adesso ho perso l’ispirazione.

- Se vuoi continuo io finché ti torna.

- Ok. Continua tu allora. Sentiamo.

- Dunque, vediamo, quando il tintinnio sulle foglie verdi … faceva così no?

- Si, il tintinnio.

- Dicevo, quando il tintinnio sulle foglie verdi e più in basso con suono più grave sul terreno finisce, perché finisce, non dura tanto, finisce sempre prima o poi.

- Vai avanti, dai.

- Stavo dicendo, se non mi interrompi, quando il tintinnio sulle foglie verdi e più grave sul terreno finisce, allora si sente una voce esclamare: "Però la prossima volta il formicaio ce lo facciamo un po’ più lontano dai cespugli e dal sentiero dove passano gli umani!".

- Ma che bravo, buona questa! Adesso si mi hai dato un’ispirazione. 
- Dai che qualcosa di buono lo scriviamo insieme. La formica è noiosa, la cicala inconcludente, ma vedrai che insieme qualcosa di buono lo facciamo.
- Finora è venuta una schifezza. Una specie di barzelletta poetica, ma mi hai dato un'idea.
- Vedi che ti ho aiutato?
- Puoi limitarti a leggere adesso, il tuo contributo lo hai già dato direi. Fai il lettore come si usava una volta e goditi l'atmosfera.

 

Piove. Le gocce tintinnano sulle foglie verdi. Tintinnano anche più in basso, sul terreno, con suono più grave. Quasi fossero mani diverse a suonare strumenti diversi.

Un sentiero corre lungo il limite del bosco separando il prato erboso, dove ama suonare la cicala, dal formicaio che si trova tra i cespugli sul lato opposto, dove questa aveva appena raggiunto la formica con cui di tanto in tanto si diletta a bisticciare e a confrontare opinioni diverse sul vivere.

Stavano appunto dialogando amabilmente quando la formica all’improvviso si ritira nel formicaio, così, senza dir niente.

La cicala non ne è per niente turbata, è ormai abituata ai comportamenti bruschi dell’amica. Resta invece incantata da quel dolce suono che inizia a tintinnarle tutto attorno. Ama la musica, quindi anche il suono della pioggia leggera in quel piacevole teatro del sottobosco.

Poco dopo smette e la formica riemerge in superficie.

- Dovremmo farlo più lontano il formicaio dal sentiero degli umani, ma è troppo divertente vederti rimaner lì inebetita.

In quel momento la cicala capisce.

- Ah che disgraziata! Potevi dirmelo che qualcuno era arrivato alle mie spalle!

- E non l’hai mica sentito?

- Io quando parlo mi faccio prendere dal discorso, lo sai. Credevo fossimo amiche dopo tutti i discorsi che abbiamo fatto.

- Si si, una lavora e l’altra suona, ognuno fa il suo, io mi occupo delle cose concrete e tu dell’arte, non si può fare a meno né di una cosa né dell’altra.

- Avevamo stabilito questo no? C’è bisogno di entrambe le cose.

- Certo.

- E perché mi hai fatto questo scherzo allora?

- Beh dobbiamo condividere tutto no? Nel bene e nel male. Mal comune mezzo gaudio si dice.

- Ma sei proprio una disgraziata! La prossima volta vengo dalla tua parte, così vedo se arriva qualcuno.

- Meglio. Quando si va dalla parte dell’altro ci si capisce meglio poi.

- Sempre acida e saccente sei. Ma si, magari non è neanche colpa tua. Meglio se torno a suonare nel mio prato al sole, così mi asciugo.

- Ti ascolto volentieri.

- Lo so che ti piace la mia musica.

- Eh, fai la star tu. Nessuno sforzo e tutti che si complimentano. Comunque torna a trovarmi. Domani dovrebbe passare qui sul sentiero la solita gita degli scout.

- Tutti quei bambini umani col cappello strano e le borracce?

- Si, quelli con le borracce che bevono tanto. Se vieni a trovarmi e te ne scordi, magari ci sarà occasione per farmi due risate. Potrò pur divertirmi anch’io ogni tanto.

- Si ma tu ti diverti in modo fetente.

- Quel che dai, lo ricevi.

- Io mica ti faccio del male.

- Neanch’io ne faccio a te. Tu suoni per tutti qui attorno al prato, mica solo per me, da me vieni solo a mangiare, a scrocco. Così non puoi pretendere che io mi preoccupi per te. Agli altri qui nel bosco non interessa per niente degli scout che si fermano qui da noi, ti pare? 
- Ma che discorso è … sei solo acida.

 

Si guardano. Attorno a loro il verde prato che risplende al sole e la fresca ombra del bosco. Una posizione fortunata per quel formicaio, per certi versi.

 

- Vabbè, vado ad asciugarmi.

- Ok.

- A presto.

- Si, ti aspetto domani.

- Domani? Perché, cosa succede domani?

- Bah, niente di che. Chiamano pioggia ma in questa stagione smette subito.

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
1

Aforisma

03 October 2022

Per la stragrande maggioranza della ressa è più facile aprire un libro per sfogliarlo e leggerlo, piuttosto che guardare un cuore e comprenderne le parole dei suoi silenzi! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
14

La Guida interiore sa cosa ti serve e lo trova ovunque

03 October 2022

Ascolto la mia amica Tiziana indignata, gira voce che uno youtuber sconosciuto ha osato esprimere delle critiche sui contenuti del suo beniamino: «Come si permette questo, chi si crede di essere per parlare male di un esperto, che sa quello che dice e ha sacrificato perfino il suo lavoro per metterci [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
14

Sali

02 October 2022

Sali Sali Sali vento e fammi sparire Portami con te Qui non è più il mio posto Nascondimi da le nubi nere che mi soffocano Sali Sali tristezza e fammi piangere Abbracciami E fammi dimenticare in un pianto, chi non mi vuole più con sé Potrò cosi salire su quelle gocce e scivolare verso il fiume [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
12
98

E guardo lo spazio da un oblò

02 October 2022

Da circa dieci mesi, stiamo attraversando lo spazio intergalattico alla ricerca di nuovi pianeti da esplorare a bordo dell'Entertreck NW-01, una nave stellare composta da un equipaggio di 2700 persone, tra civili e militari dello Space Army. Io, in qualità di tenente a due "stelle", mi occupo dell'armeria [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Difficilmente, da un po' di tempo, riesco a soffermarmi su Ldm ma vedendo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: grazie per questo nuovo commento, visto che "due anni luce [...]

1
1
16

l'ispirazione

28 September 2022

Le 20. La luce del tramonto, ormai, si stava affievolendo del tutto sulla città, l'aria calda e opprimente di qualche giorno prima, stava lasciando il posto a quella più fresca che preannunciava l'arrivo dell'autunno. Guardava fuori dalla finestra della sua cucina, le luci della notte stavano prendendo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Nicola: Ciao. Hai reso bene lo stato di quiete apparente iniziale, turbato da qualcosa [...]

0
0
11

senza confini

27 September 2022

seduto con i miei pensieri faccio nuvole di fumo e sono vento muto passo da un orecchio all'altro ecco i miei racconti, qui le impressioni le ambizioni e le allucinazioni di uno uomo stanco ecco! qui le sue macerie in macilente notti isteriche si aggrovigliano in un malvagio maelstrom che ingurgita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
6

Haiku

27 September 2022

Fronde bronzate - sbuffi d'aura le spoglia caterve secche © Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
10

Pallone gonfiato

26 September 2022

Prima mi gonfio, quindi si gonfiano le mie pompose parole. Continuano a gonfiare ancor più la mia figura i sempre nuovi stimatori, che si affrettano a balzare con i loro schiamazzi sulla mia imponente e indiscussa presenza. Nella prossima vita voglio essere un toro meccanico invece che il gigantesco [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
3

Aforisma

25 September 2022

Sul bordo di un tentennamento una stilla di risoluzione può indurre nell'impavido zompo verso la rinascita dal dirupato dei travagli, affinché un saggio obbiettivo sia motivo di essere ancora in volo nella vita che batte nel cuore col respiro devoto all'ottimismo! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
8

Il desiderio

25 September 2022

Il desiderio mi aveva portato lontano Lontano da te Cercavo di rimettere a posto la mia vita Ma sentivo l’irrequietezza salire Ero certo che vedendo volti e posti nuovi, avrei cercato di scavare tutto ciò che avevo ben bene coperto con menzogne e bugie Ma la sera, quando si spegnevano i riflettori [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
17

Giorno di sole

Impressioni da un quartiere

Fil
24 September 2022

Dalla tangenziale passano macchine e furgoni, tanti tir, quasi mai gli autobus. L'asfalto e lo smog, le finestre in lontananza dentro cui poter immaginare risate e pianti di bimbi, un supermercato decrepito, la farmacia deserta all'angolo del controviale. È come se il mondo fosse andato avanti [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sue: Piaciuto molto. Il vecchio, i muri di cartelloni elettorali, le spirali di [...]

  • Fil: Grazie Sue per le tue impressioni e per il tuo tempo; lo apprezzo molto. Alla [...]

1
3
23

News

23 September 2022

- E allora, com'è andata? - chiede con ansia. - Vuoi sentire prima la notizia buona o la cattiva? - Dai non tenermi sulle spine, dimmi quella cattiva. - Vuoi quella cattiva allora, va bene, prima quella cattiva. Beh, purtroppo è stato un disastro totale, è andata malissimo, peggio di così non poteva [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Nicola: Grazie per il simpatico commento Giuseppe. Più lungo del mio scritto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Il fatto che le mie disamine nella maggior parte dei casi risultano lunghe/articolate... [...]

Torna su