Primavera del 2050. Inizia a piovere.

Le gocce tintinnano sulle foglie verdi. Tintinnano anche più in basso, sul terreno, con suono più grave. Quasi fossero mani diverse a suonare strumenti diversi.

 

- Ma sempre le solite cose noiose dovete pensare voi scrittori, le solite nature morte dove non succede mai niente.

- Eccolo qua, neanche il primo paragrafo mi hai lasciato finire. Se avessi qualcosa di più interessante per la testa mi dedicherei a quello invece che stare qui a scrivere, ti pare? Del resto anche tu te ne stai lì a leggere dato che piove.

- Ma non piove mica, non piove mai qui. C'è sempre il sole.

- E perché non vai da qualche parte a fare qualcosa allora?

- Sto facendo la siesta dopo pranzo. Poi questi live-book dove si può interagire con l’autore famoso mentre compone il suo capolavoro mi piacciono troppo. Sono stati una bella invenzione dopo gli ebook.

- Si ma finora hai solo criticato e hai rovinato il racconto.

- Capirai che racconto.

- Comunque lo avevo appena iniziato, stavo introducendo il clima. Fuori piove e mi è venuto questo. Tu come lo continueresti, sentiamo?

- Dopo la pioggia?

- Chi ha detto che deve smettere di piovere?

- Io farei smettere. Qui s'è sempre il sole, non sono abituato alla pioggia.

- Va bene, facciamo smettere allora. Come continua poi? Dimmi.

- Devo continuare io?

- Si certo, tu, ti sei collegato apposta no? Dicevi che volevi interagire con un autore famoso mentre scrive.

- Si ma mica ho detto che il racconto lo devo fare io.

- Eh, bravi voi giovani, sempre pronti a criticare. Facile criticare no? Quando poi c’è da pensare diventa più difficile.

- Quanto la fai lunga. Sembri la formica che fa la ramanzina alla cicala.

- Parli della favola della cicala e della formica? Quella che insegna che uno lavora e l’altro ne approfitta senza fare niente?

- Me la raccontava mio nonno.

- Non è servito a molto, a quanto pare.

- La prendi troppo sul serio, dovresti rilassarti un po’.

- Ero rilassato prima che arrivassi tu. Mi stavo godendo la pioggerellina primaverile, invece adesso ho perso l’ispirazione.

- Se vuoi continuo io finché ti torna.

- Ok. Continua tu allora. Sentiamo.

- Dunque, vediamo, quando il tintinnio sulle foglie verdi … faceva così no?

- Si, il tintinnio.

- Dicevo, quando il tintinnio sulle foglie verdi e più in basso con suono più grave sul terreno finisce, perché finisce, non dura tanto, finisce sempre prima o poi.

- Vai avanti, dai.

- Stavo dicendo, se non mi interrompi, quando il tintinnio sulle foglie verdi e più grave sul terreno finisce, allora si sente una voce esclamare: "Però la prossima volta il formicaio ce lo facciamo un po’ più lontano dai cespugli e dal sentiero dove passano gli umani!".

- Ma che bravo, buona questa! Adesso si mi hai dato un’ispirazione. 
- Dai che qualcosa di buono lo scriviamo insieme. La formica è noiosa, la cicala inconcludente, ma vedrai che insieme qualcosa di buono lo facciamo.
- Finora è venuta una schifezza. Una specie di barzelletta poetica, ma mi hai dato un'idea.
- Vedi che ti ho aiutato?
- Puoi limitarti a leggere adesso, il tuo contributo lo hai già dato direi. Fai il lettore come si usava una volta e goditi l'atmosfera.

 

Piove. Le gocce tintinnano sulle foglie verdi. Tintinnano anche più in basso, sul terreno, con suono più grave. Quasi fossero mani diverse a suonare strumenti diversi.

Un sentiero corre lungo il limite del bosco separando il prato erboso, dove ama suonare la cicala, dal formicaio che si trova tra i cespugli sul lato opposto, dove questa aveva appena raggiunto la formica con cui di tanto in tanto si diletta a bisticciare e a confrontare opinioni diverse sul vivere.

Stavano appunto dialogando amabilmente quando la formica all’improvviso si ritira nel formicaio, così, senza dir niente.

La cicala non ne è per niente turbata, è ormai abituata ai comportamenti bruschi dell’amica. Resta invece incantata da quel dolce suono che inizia a tintinnarle tutto attorno. Ama la musica, quindi anche il suono della pioggia leggera in quel piacevole teatro del sottobosco.

Poco dopo smette e la formica riemerge in superficie.

- Dovremmo farlo più lontano il formicaio dal sentiero degli umani, ma è troppo divertente vederti rimaner lì inebetita.

In quel momento la cicala capisce.

- Ah che disgraziata! Potevi dirmelo che qualcuno era arrivato alle mie spalle!

- E non l’hai mica sentito?

- Io quando parlo mi faccio prendere dal discorso, lo sai. Credevo fossimo amiche dopo tutti i discorsi che abbiamo fatto.

- Si si, una lavora e l’altra suona, ognuno fa il suo, io mi occupo delle cose concrete e tu dell’arte, non si può fare a meno né di una cosa né dell’altra.

- Avevamo stabilito questo no? C’è bisogno di entrambe le cose.

- Certo.

- E perché mi hai fatto questo scherzo allora?

- Beh dobbiamo condividere tutto no? Nel bene e nel male. Mal comune mezzo gaudio si dice.

- Ma sei proprio una disgraziata! La prossima volta vengo dalla tua parte, così vedo se arriva qualcuno.

- Meglio. Quando si va dalla parte dell’altro ci si capisce meglio poi.

- Sempre acida e saccente sei. Ma si, magari non è neanche colpa tua. Meglio se torno a suonare nel mio prato al sole, così mi asciugo.

- Ti ascolto volentieri.

- Lo so che ti piace la mia musica.

- Eh, fai la star tu. Nessuno sforzo e tutti che si complimentano. Comunque torna a trovarmi. Domani dovrebbe passare qui sul sentiero la solita gita degli scout.

- Tutti quei bambini umani col cappello strano e le borracce?

- Si, quelli con le borracce che bevono tanto. Se vieni a trovarmi e te ne scordi, magari ci sarà occasione per farmi due risate. Potrò pur divertirmi anch’io ogni tanto.

- Si ma tu ti diverti in modo fetente.

- Quel che dai, lo ricevi.

- Io mica ti faccio del male.

- Neanch’io ne faccio a te. Tu suoni per tutti qui attorno al prato, mica solo per me, da me vieni solo a mangiare, a scrocco. Così non puoi pretendere che io mi preoccupi per te. Agli altri qui nel bosco non interessa per niente degli scout che si fermano qui da noi, ti pare? 
- Ma che discorso è … sei solo acida.

 

Si guardano. Attorno a loro il verde prato che risplende al sole e la fresca ombra del bosco. Una posizione fortunata per quel formicaio, per certi versi.

 

- Vabbè, vado ad asciugarmi.

- Ok.

- A presto.

- Si, ti aspetto domani.

- Domani? Perché, cosa succede domani?

- Bah, niente di che. Chiamano pioggia ma in questa stagione smette subito.

Tutti i racconti

0
0
2

Il desiderio di Geppetto

01 December 2022

Le Marionette odiano i Burattini e viceversa. I Peluche odiano le Paperelle di Gomma, tale sentimento è reciproco. I Manichini odiano gli Spaventapasseri, un odio vicendevole. Le Bambole odiano le Bambole Gonfiabili, un'accanita ostilità decisamente ricambiata. Io, invece, strano ma vero, non [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
2

Aforisma

30 November 2022

Si vestiva di pseudologia fantastica ogni singolo momento poiché non riusciva a farne a meno scartando la verità che non riusciva a manipolare per il suo spiccato narcisismo di essere ciò che in realtà non era! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

6
20
24

UNA COMPAGNA FEDELE

30 November 2022

Da adolescente mi chiedevo perplessa: “Ma cosa ci faccio io su questa terra? Perchè vivere?” Crescendo, in verità, non ci ho più pensato, ma il seme era stato gettato. Nel disordine misterioso e vivace di un terreno incolto, odore di terra, profumo di vento e lacrime di pioggia hanno nutrito, cullato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

13
20
66

Erika

29 November 2022

«Cazzo, non posso salvarti se non vuoi essere salvata!» urlò una voce maschile dall'altra parte della cornetta. La linea telefonica crepitò, Erika in tono apatico rispose che stava attraversando un periodo difficile. Erika chiuse gli occhi e sospirò, stringendosi la giacca intorno alle spalle. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: ti ringrazio per aver letto questo racconto di genere drammatico, [...]

  • Mariluna: wowww! Sei riuscito a creare un personaggio fragile e complesso, ma soprattutto [...]

4
7
17

Come bambini che corrono a giocare

28 November 2022

Quando coloro che ti hanno donato la vita se ne vanno, pare che desiderino portarne con loro una piccola porzione, e allora vi si aggrappano e tirano e strappano, ma tale dono è talmente imbrigliato tra nervi e vasi sanguigni e carne che la loro azione seppur vana allo scopo, tuttavia causa lacerante [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Andrea Occhi: xPatapump Grazie. I miei genitori adorano quei luoghi. Spero di essere così [...]

  • Piccola stella: Te lo auguro dal profondo del cuore. Ma sai com'é....non è [...]

11
13
71

La collezionista

27 November 2022

Era una collezionista di qualsiasi cosa, aveva iniziato fin da piccola collezionando tappi. Manco a farlo apposta, Il collezionista di ossa era il suo film preferito. Un'autentica mania ma, Beatrice, mia moglie, era fatta così. Penso che amasse di più la sua collezione di cappelli. Cappelli di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Andrea Occhi: Commovente. Tu collezionista di ricordi. I suoi.

  • Patapump: Giuseppe, il brano esattamente si chiama Torna. Autore Peppino di Capri, prima [...]

3
6
13

Momenti

27 November 2022

Quando qualcuno ti delude, vuoi o non vuoi, inizi a raffreddarti. Non ti fidi più, hai paura, ti chiudi in te stesso, perdi pezzi di te in giro, la testa ti si riempie di pensieri e non ti lascia più stare. Io, ormai, credevo di non potermi più fidare di nessuno. Spesso, la gente ti usa. Non ti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
8

Aforisma

26 November 2022

Chi ti toglie consapevolmente la gioia ha solo un obbiettivo nella tua vita, renderti infelice per godere delle tue lacrime! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: È vero Laura, bisogna ignorare, cancellare!

3
10
23

Catena alimentare

[POV]

26 November 2022

Un idillio finito male [Succinea striata] Abbiamo trascorso tutto il pomeriggio nell’umido del sottobosco, nella luce tenue, filtrata dalle foglie. Adoro sentirmi al riparo da sguardi indiscreti. Poi tu hai cominciato a stropicciarmi piano gli occhi e io non ho potuto resistere alla voglia di strusciarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Zio Rubone: Grazie ancora per i complimenti che però non credo di meritare tutti.

  • Piccola stella: Ma va là Zio Rubone, da quando in qua...? Il faut assumer, non ???

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

16
13
91

Lo steccato

25 November 2022

Nell'aldilà il Paradiso e l'Inferno rappresentano due proprietà private e separate da una chilometrica staccionata, oltretutto con la presenza di migliaia di cartelli nella parte paradisiaca con su scritto "Adeguate recinzioni fanno buoni vicini", mentre gli incalcolabili "Attenti al Cerbero!" [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
13
28

Sono solo 7 parole

Ma c'è di più

24 November 2022

Per quello spettacolo nessuno pagò il biglietto. Amici lettori mi ero prefisso di proporvi 7 storie da 7 parole e invece ho cambiato idea e mi fermo a 3 (storie)… non voglio annoiarvi ed essere ripetitivo quindi mi fermo qui. Ci rivediamo alla prossima con una storia Natalizia a sorpresa e speriamo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Ciao ragazzi eccomi qua a ringraziarvi, grazie un millione ad Adribel a Savina [...]

  • Piccola stella: Walter Fest, non so come ho fatto ma ti avevo bloccato io. Finalmente oggi [...]

5
18
35

I FIORI DEL DESERTO

24 November 2022

Abitando da quattro decadi a Parigi, mi interessava vedere come questa città mi ha aiutato a crescere, senza saperlo, in consapevolezza. A Parigi ci sono arrivata per un’opportunità di lavoro unica e per un amore finito non per mia volontà. Partito il compagno sono rimasta, attratta da un clima [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Piccola stella: Certamente Walter, sono d'accordo e proprio lì sta tutto l'inghippo, [...]

  • Walter Fest: Semplici parole che si muovono sul ritmo di una musica invisibile, c'è [...]

Torna su