C’era una volta….
un bel mazzo di chiavi appeso a una gran bella serratura bronzata. Quest’ultima impreziosiva una imponente porta di legno massello, tutta intarsiata e con la maniglia di ottone.

Il mazzo di chiavi nel tempo, come capita a tutte le famiglie, era cresciuto e si era ampliato.

C’era la chiave della porta, il capofamiglia, e la chiave della cantina, la madre.

Poi c’era la chiave dell’auto, il figlio maggiore, e la chiave della cassetta postale, la figlia minore.

Tutti assieme formavano una gran bella e unita famiglia – da sempre essa viveva felice e da sempre non aveva mai avuto grattacapi.

Ma come accade in tutte le famiglie, un bel dì il problema bussò alla porta: la figlia minore, inserendosi nella serratura della cassetta postale, nel modo di aprire quest’ultima si piegò in due – che gran dolore che ebbe mamma chiave!

Il fratello maggiore, subito e di gran fretta, accendendo l’auto e partendo a razzo, portò la dolorante sorella presso l’ospedale più vicino. La ferramenta del paese.

Il vecchio e rugoso fabbro, vedendo la complicata situazione, con maestria e grande sagacia optò per l’intervento immediato. E chiamata d’urgenza la pinza si riuscì, con qualche dolore e qualche urlo, a raddrizzare la storia. Anzi, la chiave.

La vita scorreva normalmente, ma come tutti sappiamo felicità e ansia da sempre sono state grandi amiche, e così… altro toc toc: un nuovo problema bussò alla porta.

Papà chiave si accorse che il figlio non era più nel mazzo – perbacco si era perso! Mamma chiave scoppiò in lacrime e assieme a essa la figlia. “Che disgrazia, che sventura!”, urlarono in coro tutti quanti. “Un incidente, un rapimento, che sarà stato mai?”, continuarono papà e mamma.

La nonna, la gran porta di legno massello, equilibrata e sensata come sempre predicò calma e… tintinnio freddo. “Le urla e le lacrime non sono mai servite a nulla”, disse la saggia nonna, ”adesso aspettiamo chiedendo aiuto alla speranza”, continuò quest’ultima. E la speranza, ogni qualvolta riceveva una richiesta di aiuto, chiamava a gran voce la fede.

Ed ecco che come per magia anche quel giorno queste ultime, fede e speranza, invocate con amore e sincerità compirono il miracolo: il cugino campanello ricevendo la notizia che la chiave dell’auto era stata ritrovata non tardò a drindrinnare a più non posso e ad avvisare tutta la famiglia che il loro figliolo da lì a breve si sarebbe nuovamente riunito ad essa.

Che gran sospiro di sollievo tirarono tutti quanti, un’altra tragedia respinta fuori dall’uscio di casa con mamma chiave felice di riabbracciare il proprio figlio e nonna porta a ringraziare il cielo.

Il tempo trascorreva in fretta, anzi a dirla tutta correva a più non posso, e assieme ad esso i suoi bravi figlioli – i secondi, i minuti e le ore. Tutti assieme da sempre andavano spediti, chi più veloce chi meno veloce, e da sempre non si erano mai fermati né per riposare né per guardare indietro.

“La vita va vissuta in avanti e non indietro”, ripeteva ogni volta papà tempo.

E infatti il calendario, grande amico d’infanzia del tempo, si apprestò in fretta a far il cambio di stagione – rinnovò i suoi fogli riponendo i vecchi tutti quanti nel cestino.

L’anziana nonna, la vecchia porta di legno massello, oramai aveva perso la tutta la sua lucentezza ed era piena di crepe, nodi, screpolature e tante lacrime di resina rigavano il suo viso. Pensava sempre al marito e non vedeva l’ora di riabbracciarlo: il portone dirimpetto, andato a fuoco tanti anni prima durante un improvviso e casuale incendio.

Nel frattempo anche i vecchi proprietari di casa erano morti e la casa era in vendita. Papà chiave e mamma chiave erano avanti con gli anni ed entrambi erano, ahimè, ossidati e con le punte tutte arrotondate.

I figli, la chiave dell’auto e la chiave della cassetta postale, erano anch’essi cresciuti e si erano formati a loro volta una famiglia.

Il primo, il figlio maggiore, dopo l’acquisto dell’auto da parte di nuovi proprietari era entrato a far parte di un altro mazzo e lì aveva conosciuto una bella e colorata chiave, la chiave del ciclomotore. Si erano innamorati perdutamente e avevano dato alla luce una gran bella bambina: la chiave del lucchetto.

La sorella, altresì la chiave della cassetta postale, dopo che il capo condomino aveva sostituito tutte le buche delle lettere con delle nuove si era ritrovata in un cassetto e aveva deciso di rimanerci. Era in compagnia di tante altre chiavi e si trovava bene.

Arrivò il giorno in cui la casa fu venduta e i nuovi proprietari, una giovane e allegra coppia, diedero inizio alla ristrutturazione. Nonna porta fu la prima ad andarsene e a lasciare un gran ricordo, soprattutto una grande saggezza. Arrivò anche il tempo di papà chiave e mamma chiave. Morirono assieme, dentro una pattumiera, ma abbracciati e innamorati come sempre avevano fatto.

Sugli spalti, sempre di gran corsa ad osservare impotenti e malinconici, il tempo e i suoi bravi figlioli.

I secondi i minuti e le ore.

 

Bernardo Panzeca

Tutti i racconti

2
3
8

Una trasferta inaspettata - 1/2

Le indagini di James

12 May 2021

Il nome del vice ispettore Giovanni Calamaretti iniziò ad apparire sugli articoli di cronaca nera in alcuni quotidiani, qualcuno osò pubblicare anche una sfocata fotografia dando comunque l’idea di come fosse il volto dell’uomo che aveva fatto arrestare la banda dei maiali. Di conseguenza qualcuno [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Betty: Grazie Walter, ho già messo in lista di attesa la notte d'amore [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Una trasferta inaspettata... un racconto inaspettato. Geniale e divertentissimo, [...]

2
4
10

Coming out nel 2021

12 May 2021

IL COMING OUT DI UNA LESBICA Siccome non esiste un solo modo per farlo, io vi elenco i modi in cui NON FARLO. DON’T TRY THIS AT HOME!!! 1.Miss t-shirt dell’anno: Presentarvi in giro con una maglia con su scritto: I KISSED KATY PERRY AND SHE WROTE A SONG ABOUT IT! 2.La pubblicità è l’anima [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Sabrina Fontanini: Ciao giuseppe, credo di essere un po' una mosca bianca qua con le mie gayate [...]

  • Betty: Letto tutto, cara Sabrina, ti faccio solo un piccolo appunto: la prossima volta [...]

2
3
9

Elisir Di Una Madre

Poesia

11 May 2021

Si addormenta delicatamente il tuo cuore sul mio animo emozionato, e il tuo dolce respiro si confonde col battito del candore della mia sensibilità. Or sogna dolce angelo gentile, affinché tra le mie braccia materne culla sincera puoi trovar per il tuo succedere nell’avvenire, che il destino ti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
7
17

Involuzione

11 May 2021

Una delle difficoltà del nuovo millennio è la vita dei bambini con genitori separati, questo Alessandro lo sa. Vede sempre suo padre sorridere, nonostante tutte le difficoltà della vita, la lontananza dal figlio, o meglio il fatto di non poterlo abbracciare appena sveglio o prima di andare a dormire [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: P. S. a scanso di equivoci per "scrivere " intendo in pubblico poi [...]

  • Sabrina Fontanini: Ciao Davide, come figlia di genitori separati da adulti mi sono sentita chiamata [...]

2
2
9

L'uomo che inventava le favole

11 May 2021

Dal giorno in cui scomparve, dopo molti anni, pian piano se ne era persa la memoria. Si sapeva soltanto che una mattina Lui si alzò dal letto e, come tutte le mattine, si lavò e si vesti accuratamente, poi guardò Lei e con tono di voce tranquillo disse, Ho smarrito la mia strada, vado a cercarla [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Lampuco se puoi leggi il mio commento a U1344, a parte il consiglio per il [...]

  • Adribel: Racconto delicato e malinconico, come una carezza

10
16
55

Babbo Natale e la sua provenienza

Raccontino natalizio

10 May 2021

Babbo Natale non conosceva la sua nazionalità. Una sera decise di scoprirla e chiese aiuto alla moglie e agli assistenti di Santa Claus Town. La Signora Natale ipotizzava che il marito fosse della Groenlandia, abbandonato dalla balene su una banchisa del Polo Nord, mentre Joll, lo gnomo, affermava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
1
10

colloquio...

10 May 2021

Mi ritrovo a parlare al tramonto col cuore respiro i suoi dolci raggi il vento porta i messaggi dei gabbiani lontani all’orizzonte sono i miei ricordi viandanti cerco tra i fogli sparsi della mia esistenza una parola adatta un collante di immagini sgargianti per la mia indole narrativa dalla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Bellissima sequenza di versi, liberi, freschi, proprio verso Dio.

2
2
14

Articolo 1 "L'Italia è una Repubblica democratica, il FU fondata sul lavoro"

10 May 2021

"Papà ma noi siamo tutti re? Ehi! Papà mi ascolti? Siamo tutti re? Uffa! Papà, non mi senti, papà, papà..." Paolo continuava a svegliarsi agitato, grondante di sudore, tormentato sempre dallo stesso sogno che lo riportava alla sua infanzia, sempre la stessa domanda che da un bel po' non aveva più [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Adribel: Tristemente vero, specchio dellattuale realtà. complimenti

  • Betty: piaciuto molto, brava!

3
4
14

Il padre di Annabelle

09 May 2021

Ricordi Annabelle non ne aveva belli di suo padre poiché non erano mai sulla stessa onda come si suol dire… lui apparteneva a un mondo diverso dal suo. Aveva sempre cercato di avvicinarsi a lui ma la sua testardaggine e il suo orgoglio non le davano la possibilità. Ma ad Annabelle non le importava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Un racconto che trova ma lti tisvontri mella realtà. Al sentimenyo però [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Angy, sto rispondendo a tutti i tuoi gentili commenti che mi hai rilasciato. [...]

4
6
13

Tutti al mare!

09 May 2021

Tutti al mare! Et voilà! Si può cominciare ad organizzarsi per uscir al sole! Certo è domani il via libera, ma sapete com’è, meglio prepararsi per tempo. Comincia il rito della vestizione, non ancora da indossare ma da catalogare. Costume intero ? Bikini?- boh! I chiletti si vedono, va beh ci metto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
4
33

I am a reader

09 May 2021

Non mi posso lamentare, ora. Lo so, come scrittore ho fallito. Prendere coscienza della mia mediocrità mi ha permesso di capire quanto fosse inutile insistere in quella direzione. Ci sono troppi scrittori e questo lo sanno tutti. Talmente tanti che hanno di gran lunga superato i lettori. Perché [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Sabrina Fontanini: ahahah ma che bello, io sono una lettrice ovviamente a basso riscontro economico, [...]

  • V A N E S S I: Grazie a tutti voi ❤ Sempre bello ricevere annotazioni e pareri vari....👍😘

2
3
14

Un Piatto Gustoso

Mini Racconto

08 May 2021

Una acuta fitta di frenesia le percorse la schiena, inducendola ad inarcarla verso di lui che, dietro alle sue chiare e setose spalle, era pronto ad accoglierla tra le sue braccia, con gli occhi che gli brillavano di malizioso piacere e tanta voglia di scoprirla più a fondo, ma lei non era mai [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su